sembro una bambina

Mi dispiace. Mi dispiace se a volte sembro una bambina, se mi faccio mille problemi per questioni inesistenti; mi dispiace se non sono così bella; mi dispiace se quando sono arrabbiata parlo con le lacrime, se quando sono felice sorrido troppo, se ho paura di perderti; mi dispiace se mi scuso troppe volte ma per favore amami anche cosi.
—  Trustmeilovu

Cerco di distrarmi, di spostare i nostri ricordi in un angolo di cuore ben nascosto. Non riesco a cancellare le nostre foto perchè non voglio dimenticarti. Voglio lasciarmi il piacere di fare un tuffo indietro quando del presente non ne posso più, di rivederti mentre cerchi di asciugarmi i capelli con la spazzola, o mentre sorridi camminando abbracciato a me per la strada in una foto scattata per sbaglio. E adesso ho cancellato il tuo numero e non ti scrivo più il buongiorno, non guardo più il tuo ultimo accesso, non parlo di te con nessuno. La gente pensa che io mi sia scordata di te. Perfino quel cretino che sto frequentando, non si accorge di niente. Anche mia madre che ha sempre capito come stavo. Trovo pace solo quando dormo, non riesco a distrarmi, mangio poco e male, piango sempre in doccia e a letto che sembro una bambina. Non posso più ascoltare musica. Non riesco a trovare nessuno interessante perchè lo paragono sempre a te. Che sei una testa di cazzo. Non ho mai conosciuto qualcuno con il carattere più puntiglioso del tuo. Poi mi scocci quando mi vesto scollata e mi dici che di me non ti importa e poi mi stringi sempre forte quando mi abbracci. E mi dedichi le canzoni, mi stringi la mano quando ho paura. E tutte queste parole non servono a niente, ma voglio scriverle lo stesso. I miei amici mi prendono in giro perché sto sempre con la testa fra le nuvole. Penso sempre a quando ti rivedrò, all'ultima volta che ti ho visto. L'ultima cosa che mi hai detto è stata “ci vediamo presto”. E allora? Ci vedremo presto? Quando ti avrò davanti che dirò, che farò? Come mi saluterai? Come mi guarderai? Io sono stanca di mentire a me stessa, di lottare per mantenere l'orgoglio, è da quando ti ho voltato le spalle che vorrei solo riabbracciarti e adesso che sono piena di rabbia non so nemmeno se ti saluterò. E allora tutto il resto passa in secondo piano, a volte sento il tuo odore e chiudo gli occhi immaginando di averti qui. La notte ti penso per sentirti più vicino e se cerco di pensare ad altro inizio ad agitarmi e non riesco a dormire. Mi manchi, ecco tutto. Da quando non ci sei c'è il vuoto.
(26 agosto)

Ecco, nonno, sei felice?
Siamo belli, vero? Io sembro un po’ una bambina piccola, tra le braccia di colui che la protegge sempre..
L'ultimo spettacolo, con lui, l'ultimo spettacolo dove lui mi ha regalato emozioni uniche..
Nonno, mi dispiace, che questa storia sia finita, mi dispiace che tu abbia visto, la parte più brutta di noi..
Ma vedi, io e lui eravamo questi, quelli che vedi nella foto, io veramente felice fra le sue braccia, e lui con quelle braccia così forti e potenti, pronto a difendermi da qualsiasi cosa.
Entrambi, felici di esser insieme, eravamo tanto..
Eravamo forti, avevamo quella complicità unica, e quell'amore un po’ matto..
Eravamo due fiammiferi che Messi insieme, creavano un fuoco gigante, eravamo un sogno..
TU ora da lì sopra, hai visto solo, gli sguardi da lontano, le mie lacrime, il mio star male, ma credimi, lui è sempre stato l'uomo che mi faceva spuntare quel sorriso, furbo, e felice da bambina birichina, come quello che vedi..
Non è mai stato, colui che mi faceva soffrire, e voglio che tu lo sappia..
So che saresti stato felice, di vederci insieme, ma è giusto che rimanga questo di noi, la bellezza e la felicità.
Voglio che sia questo, il ricordo più bello che lascerò di noi.
Lui ha una parte di me, che non andrà mai a nessun altro.