sei..

Anche se tutto cambiasse penserei a te, a te continuamente. Perché se non sei qui, credimi, non so di niente.
—  Nesli

Acho que em algum momento fins de semana foram mais poéticos e menos mórbidos. Em algum momento eu gostei de domingo a tarde. Agora domingo é dia de querer pular da janela, ou beber água sanitária.
Não por nada
Mas por tudo

Ti sei mai sentita sola?
Come se non avessi qualcuno con cui parlare, o con qualcuno accanto?
Io sì, e poi ho visto te.
Ho incontrato te.
Tu che mi hai accettata per quel che sono,
Tu che mi accetterai sempre per quel che sono.
I sorrisi, gli abbracci, i messaggi delle due di notte. Resterà tutto questo in noi.
Diciamoci la verità;
Noi non siamo le migliori,
Litighiamo spesso, non ci parliamo per giorni o addirittura settimane.
Arriverà il giorno in cui noi finiremo.
Forse non ci saluteremo più per strada, o forse saremo lontane.
Io da te, tu da me.
Ma sappi che ti vorrò sempre bene.
Si dice che sia questione di tempo sopportare la distanza, ma come può esserlo? Come può esserlo per qualcuno che ti ha preso, e ti ha amato nonostante tutti i difetti?
Oh piccola, parlerò di te come se fossi la cosa più bella, perché credimi, lo sei.
Parlerò a tutti di te.
Parlerò della nostra storia, del nostro strano incontro. E ne parlerò come se potesse rinascere qualcosa che forse è già nato da tempo, e che continuerà ad esserci.
Con il tempo abbiamo imparato a riconoscere le cose belle, dalle cose brutte. E non so tu, ma io ho saputo capire che tu sei una cosa bella, e che non ti ci si può far male.
Ecco amore, ora siamo distanti. Solo per poco però.
Non ci dividerà nessuno, neanche la distanza.
Amore, ricordati che sei la mia forza, non cadere mai in basso.
E smettila di pensare che tu sia sempre troppo poco. Forse sei troppo, invece. Forse sai offrire ciò che tutti dicono di volere ma poi ne hanno paura. Sei la persona che sa prendersi davvero cura di un'altra persona, anziché essere chi ti sbatte in faccia il solito ‘tu meriti di meglio’, quando il meglio poi a te non è disposto a offrirlo.
—  Massimo Bisotti