sei bellissima

Le donne

Continuo a sostenere la mia tesi: le donne sono il male.
La prova vivente dell'ipocrisia, della falsità, della cattiveria, dell'invidia, della gelosia, il tutto mascherato da “tesoro, amore, vita, sei bellissima, tvtttttttb” mentre ti augurano la morte spettegolando su tutto quello che la loro fantasia malata può generare.
C'è di buono che, raramente, la vita ti regala qualche amica davvero leale. Allora, in questi rarissimi casi, si assiste alla potenza delle donne unite.

10

Non ho parole. Nessuno le avrebbe se fosse adesso al mio posto. Sorrido e basta e non so che altro dire se non ‘Ti amo.’ Perchè è quello che provo, che sento, questo sentimento si è impossessato di me e non va via. Io lo amo. Lo amo tanto, non troppo, non sarebbe mai troppo, ma lo amo in un modo in cui non credevo fosse possibile amare.
È il mio Angelo.

[Screen miei. Togliete la fonte e fate una bruttissima fine.]

Sai cosa? Che tutto passa, nulla rimane uguale. Pantha rei, come diceva Eraclito. Ho la paradossale sensazione che i giorni passino più velocemente delle ore. Tutto passa. Passa il Natale, passano le persone, passano i secondi di quella canzone che ti fa piangere o sorridere. E mentre tutto passa, tu sei lì, ferma, ma trascinata dalla corrente viziosa di gente inutile. Tu vuoi solo essere salvata, e lo sarai, te lo giuro. Perché mentre tutti cambiano, tu rimani pura e uguale.

Io voglio una relazione di ieri.
Quella dove non c’era quest’ossessiva gelosia, mi piacerebbe poter dire al mio ragazzo ‘quant’è bello Colton Haynes’ senza aver timore di una litigata furente. Mi piacerebbe stare al mare e vedere una ragazza in bikini, dire ‘bella eh?’ e sentirmi rispondere ‘si una bella ragazza’, perchè se ti dice ‘chi? non l’ho neanche guardata’ ti sta mentendo.
Quella relazione dove non bisogna andare ogni sabato sera a mangiare la pizza ma basta semplicemente fare una passeggiata, l’importante che ci siamo noi mano nella mano.
Quella relazione in cui non esistiamo solo ‘io e lui’, ma esistiamo ‘io, lui e tutti i nostri amici’ perchè se lo levi dalla testa che mi dimentico di chi c’è al mio fianco.
Quella relazione in cui se metto un vestitino, una gonna o anche una spalla da fuori lui non deve dirmi ‘vatti a cambiare’ ma deve dire ‘sei bellissima, tutti ti guardano, sono fortunato’.
Quella relazione in cui se una cosa non gli dona, o non dona a me, bisogna dirlo.
Quella relazione in cui se si è in comitiva io non starò con le labbra incollate alle sue perchè mi da fastidio. Quando saremo da soli gli dimostrerò tutto il mio amore. Ma oggi non è più così, oggi sei ‘strano’ se non concepisci con il tuo partner su una panchina in mezzo al parco.
Quella relazione che ad ogni mesiversario, tralasciamo su questo, si fa il regalo. Ma che senso ha? Soldi spesi inutilmente, soldi che possono essere messi da parte per andare al circo insieme.
Quella relazione in cui se dico ‘ti offro un gelato’ te lo devo offrire io e basta. Perchè deve offrire sempre lui?
Quella relazione che se mi girano le palle, o girano a lui, e uno dei due non vuole uscire si sta a casa a guardare un film comico.
Quella relazione dove lui mi insegna tante cose, come cambiare la ruota di una macchina. Io farò lo stesso.
Quella relazione che se gli dico ‘il mese prossimo c’è la comunione di mia cugina’ lui non sbufferà, ma sarà contento. La famiglia conta più di qualsiasi altra cosa.
Quella relazione in cui se dico ‘stasera esco con le mie amiche, cose da femmine’ lui mi dirà ‘divertiti amore’ e non ‘bene, stasera esco con i miei amici e ti avverto non so come torno’.
Quella relazione in cui se uno dei due ha bevuto più del necessario l’altro riderà ma allo stesso momento porterà lui la macchina, con occhio vigile sulla strada e sull’altro.
Quella relazione in cui non c’è ogni giorno il ‘buongiorno’ e la ‘buonanotte’, ma c’è un emoticon alle 3 del pomeriggio.
Quella relazione in cui se gli dico ‘vattene’, se ne deve andare e anche di corsa, non sono quel tipo che dice ‘vattene’ per vederlo rimanere lì.
Quella relazione in cui non deve tremare se deve fare il gioco della verità, perchè io mi fido di te.
Quella relazione in cui in pieno inverno mangiamo un gelato sulla spiaggia.
Quella relazione in cui posso permettermi di sussurrargl qualcosa nell’orecchio di malizioso mentre stiamo facendo qualcosa di serio, perchè poi basterà guardarlo negli occhi per ritrovarci a fare l’amore.
Quella relazione che.. lo so che chiedo troppo.
Ti amo. Ti amo perché sei diversa. Tu non sei come quelle stupide ragazze superficiali che pensano solo al loro aspetto fisico, tu leggi libri, loro i libri li usano per non far dondolare le sedie. Ti amo perché sei come quelle ragazze dei film, intellettuale, bella e simpatica. Ti amo così tanto che la notte in cui ci baciammo, non dormii, quella notte invece di andar a letto, mi stesi su di una sdraio all'aperto, sotto il cielo stellato per pensar a te. Quella notte paragonai ogni stella a te, e tu eri sempre la più luminosa e splendente tra tutte. Ti amo perché sei acida e fredda, ma quando ti abbraccio, cambi totalmente. Ti amo perché sei quella ragazza che si crede brutta e grassa, mentre invece per me sei la perfezione. Ti amo perché quando sorridi, mi togli il respiro. Ti amo perché il mio cuore non ti ha minimamente dimenticata. Ti amo perché quando ascolto la musica, mi vieni sempre in mente tu. Ti amo perché sei la ragazza che ho sempre cercato, ed ora che ti ho trovata, non voglio perderti.