salone del mobile

2

rice counting exercise - marina abramovic || pietro menditto
Participants will sit down at a table and count two different types of grain for six hours non-stop. The aim of performing this exercise is to develop endurance, concentration, perception, self-control and willpower. It will allow the public to stretch their physical and mental limits. Marina Abramovic Institute MAI, Milano Salone del Mobile 2014

La famosa settimana del Salone del Mobile #2
  • Se siete a Milano e non andate a vedere la meravigliosa installazione Citizen in Triennale, allora davvero, vi tolgo il saluto a suon di schiaffi
  • Sempre in Triennale c’è una goccia di caffè sospesa in aria! Molto Sandra Bullock
  • Mi dispiace, ma devo dirlo: le hostess dell’esposizione brasiliana in Via Dante sono un po’ delle sfaccendate. Il resto però è godibile. Ringrazio tantissimo la nazione Brasile per la meravigliosa rivista omaggio Casa e Jardim (leggere il portoghese è piacevolissimo)
  • La cosa bella di questo fuorisalone è che ogni tre per due c’è un divano praticabile
  • Gli stati d’animo di Boccioni mi hanno conquistato. Mi sono quasi commosso, ma non proprio fino alle lacrime per via delle ciacole moleste delle vecchie “Ma guarda, si riconoscono le forme! Hai visto, Nella?”
  • Sarò anche un po’ ancien régime, però io voglio e pretendo il “buongiorno” e il “buonasera”. “Ciao” lo dico alle mie bestie della cumpa quando andiamo a fare shopping da Tezenis 

Brevemente: Il Salone del Mobile si è finalmente concluso (le mie energie sono poche e timide). Ieri abbiamo rischiato la vita quando un signore con un cactus in testa ha travolto Moroso, ma abbiamo recuperato la voglia di vivere la vita cenando in un ristorando giappo-coreano uberfierce. Fin quando c'è l'all you can eat è tutto uberfierce. Comunque la zona di Via Tortona è un po’ come un quartiere malfamato, solo che al posto dei criminali ci sono i trentenni col giacchettino che dicono Guarda, ti dirò, Berlino dal 2003 non vale più niente.