rotels

Thanksgiving with White families vs. Black families

White People Thanksgiving Dinner

Turkey
Stuffing
Gravy
Cranberry Sauce (w/ the cranberries in it)
Sweet Potatoes
Mashed Potatoes
Green Bean Casserole
Rolls
Congealed Salad
Pumpkin Pie

Total Amount Of Attendants: 4-10 people (Not including dogs and cats that sit at the table)

Black People Thanksgiving Dinner

Smoked Turkey
Fried Turkey
Fried Chicken
Catfish
Roast Beef
Chitterlings
Ham
Honey Baked Ham
Country Ham
Ribs
Dressing (w/ Turkey baked in it)
Giblet Gray (w/ eggs and some mo in it)
Jellied Cranberry Sauce
Turnip Greens
Collard Greens
Mustard Greens
Mixed Greens
Boiled Okra
Fried Okra
Cabbage
Green Beans
Baked Mac n Cheese
Black Eyed Peas
Broccoli Rice Casserole
Sweet Potato Casserole
Candied Yams
Carrot Soufflé
Potato Salad
Tuna Salad
Tossed Salad
Pasta Salad
Spaghetti
Lasagna
Shrimp
Crab Legs
Fettuccine Alfredo
Gumbo
Deviled Eggs
Rotel Cheese Dip
Corn Bread
Hot Water Cornbread
Rolls
Butter Rolls
Sweet Potato Pie
All Of The Sold Out Patty Labelle Pies
Pecan Pie
Egg Pie
Chess Pie
Chocolate Pie
Peach Cobbler
Punch Bowl Cake
Banana Pudding
Lemon Cake
Pound Cake
Red Velvet Cake
Cheesecake
German Chocolate Cake
Caramel Cake
Yellow Cake w/ Chocolate Frosting
Carrot Cake
Sock-It-To-Me Cake
King’s Hawaiian Savory Butter Rolls
Fry Bread
Enchiladas
Cous Cous
Strudel
Pho
Popcorn shrimp
Shrimp kabob
Fried shrimp
Pineapple shrimp
Shrimp and grits
Shrimp and gravy
Birthday Cake
Bean Pies
Little Debbie’s
Pot Pies
Dirty Rice
Ravioli
Pig Feet
Hog Maws
Cotto Salami
Jalapeño Poppers
Cottage Cheese
Old Halloween candy
Egg Foo Yung
Snipe
Trout
Vienna Sausage
Potted meats
Saltine crackers
Sardines
Ramen noodles
Taco salad
Salisbury steak
Hot pockets
Pickles
Frito Pies
Watermelon
Hot Dog Casserole
Pork Rinds
Broccoli & Cheese Casserole
Spaghetti
Spaghetti-Os
Black Licorice
Hamburger Helper
Chocolate Covered Raisins
Hot Cheetos
Spinach & Artichoke Dip
Guacamole
Fondant
Ranch Style Beans
Lil Smokies
Kool-Aid
Cases of Knockoff Soda
Seagram’s Gin
Crown Royal
Bud Ice

Total Amount Of Attendants: Anybody who likes Seasoning Salt and a 18 minute prayer over the food

IN OCCASION DEL RITIRO A VITA PRIVATA DEL PRINCIPE FILIPPO, ECCO A VOI LE MIGLIORI FRASI DI FILIPPO DUCA DI EDIMBURGO, MAESTRO DI ELEGANZA:

Al presidente della Nigeria in abiti tradizionali nel 2003: “Ma che ti sei messo, il pigiama?”

All'ambasciatore Russo nel 1967: “Mi piacerebbe molto venire in Russia, ma voi bastardi avete ucciso metà della mia famiglia”

All'ambasciatore delle isole Cayman nel 1994: “Siete tutti pirati, voialtri”

All'ambasciatore aborigeno William Brin nel 2002: “E la lancia dove l'hai lasciata?”

Ai disoccupati durante la recessione del 1981: “Di che vi lamentate, ora avete tanto tempo libero”

Al bambino sulla sedia a rotelle nel 2002: “Mi fai fare un giro?”

All'istituto femminile scozzese nel 1961: “Cucinate malissimo”

Ad una donna africana in Kenya nel 1984: “Salve, lei cos'è, una donna?”

Al club di giovani del Bangladesh nel 2002 : “Ok ragazzi, tirate fuori la droga”

All'ambasciatore irlandese, che portava un cesto regalo: “E dove diavolo è il whiskey?”

Sulla figlia Anna, atleta equestre nelle Olimpiadi del 1976: “Se una cosa non scureggia o non mangia il fieno, a lei non piace”

Sulla cucina cinese: “Se ha quattro zampe e non è un tavolo, se vola e non è un aeroplano, se nuota e non è un sottomarino, potete essere sicuri che i Cinesi lo mangeranno.”

Sull'arte etiopica, nel 1965: “Sembra fatto da mia figlia alle elementari”

Al cantante Tom Jones nel 1969: “Canti come se stessi facendo i gargarismi coi ciottoli”

Al cantante Elton John nel 2001: “Ah, è tua quella macchina orrenda che vedo spesso al Castello di Windsor”

All'attrice Cate Blanchett nel 2008: “Lavori nel cinema? Bene, mi aggiusti il lettore dvd?”

All'inaugurazione di un monumento, non molti mesi fa: “Sono lieto di inaugurare questo coso, qualunque cosa sia”

Sui Koala: “Mostri che portano malattie orribili”

PRINCIPE FILIPPO, MAESTRO DI COLOR CHE SANNO, SEDER TRA FILOSOFICA FAMIGLIA

Vegan Taco Soup

this recipe makes TONS of leftovers. it freezes well and you can just cut the recipe in half for a smaller amount!!
before i was vegan i used to make taco soup for my family all the time, and you could easily add some ground meat by sautéing about half a large package of ground meat of your choice, onions, bell peppers, some garlic, and some salt and pepper together before adding the canned veggies. you can also cook this in the crockpot, just cook the meat beforehand and dump everything into the pot and let it cook for a few hours or overnight.

Ingredients-
-2 cans of black beans
-2 cans of red kidney beans
-1 or 2 cans of corn
-1 can of rotel (diced tomatoes with green chilies)
-lots and lots of garlic, about three or four tablespoons of the jarred stuff and a few teaspoons of garlic powder. it adds a different flavor
-2 frozen or fresh chopped onions
-1 chopped bell pepper (optional)
-salt and pepper to taste, start with a tablespoon of each
-about half a tablespoon of cumin
-a few tablespoons of chili powder. this is what gives the soup the color and flavor it needs to be good taco soup so don’t be afraid of putting too much.
-(optional) a tablespoon or so of cajun seasoning. it makes a huge difference, i put this stuff in everything. if you use it you should probably put it before the salt since sometimes it can be a bit salty
-a few splashes of hot sauce
-tortilla chips (optional)
-shredded cheese and sour cream (optional)
-packet of ranch dressing mix, it adds a wonderful flavor. (optional)

Instructions-
1. sauté the meat and not canned veggies if you’re using meat in a large pot with a little olive oil, if not then this step is completely optional.
2. add all the canned ingredients and as much water as you’d like, i usually put five or six cans of water.
3. add all the rest of the ingredients and taste it to make sure it tastes right. if you think it needs something try putting garlic, salt, chili powder or onion powder.
4. bring the soup to a boil and cook on medium low heat for 40-60 minutes. serve with sour cream, cheese, or tortilla chips.

***note*** if you aren’t putting meat in your soup you might have to put less salt. i’ve noticed that the meat absorbs a lot of the salt and spice, so be cautious with it. you can always add more to your serving.

Io ti amo, sai.
Ti amo come non pensavo avrei potuto amare mai più in tutta la vita. E un po’ più forte.
Ti amo come se non sapessi nient'altro, non volessi nient'altro e non capissi nient'altro.
E mi getterei nel fuoco per saperti felice.
E mi strapperei la carne per saperti libera.
Ti amo.
Con una tale verità che ripeterlo non lo fa rimpicciolire o svanire.
Ti amo come i bambini amano le nuvole e i vecchi amano le panchine al fresco.
Ti amo come amo camminare su un palco vuoto alle quattro del pomeriggio guardando il teatro acceso e pensando di esser vivo.
Ti amo come il momento prima di salire e quello prima di perdersi.
Ti amo come quando piangevo se mi toglievano il gesso, e le rotelle alla prima bici, come amo sentire il vento addosso che spazza i pensieri e sapere che so far muovere i nervi delle persone.
Ti amo come quando le dita cercano delle corde mentre sono in coda per un pass per i battelli.
Come amo Venezia sotto le sei ore, come amo Catania dopo le sette del mattino, come amo quella devastante risarola che mi prende se non dormo da tre giorni.
Ti amo come amo i miei migliori amici.
Ti amo ingenuamente, senza prospettiva e senza via d'uscita.
Ti amo esattamente come mi ami tu quando ti faccio scordare che esiste il pavimento.
Come quando è già il domani di un terremoto.
Ti amo e non c'è un motivo abbastanza preciso.
E un po’ sei una grande e un po’ non lo sei affatto.
Ma come mi fai stare.
E come ti faccio stare.
Ti amo, non so se l'ho già detto.
—  Lo stato sociale - da una mail mai spedita, anni fa
Lazy(ish) Chili

Lazy(ish) Chili

For all of us who love stuff that tastes like it took a long time to cook but don’t want to wait 4 hours for their food!

I really like making this when I’m super tired but I still feel like having a homey little meal. Everything non-vegetarian or vegan is easily omitted or replaced.

This recipe uses a mirepoix; Celery, Carrots, and Onions– the holy trinity of French cooking and also your best, cheapest and most flavorful and versatile combo of vegetables on the planet. These guys are in all of the classic American recipes and they usually cost less than $5 to get them all, I love them so much! You can even sometimes buy all three chopped up together, but you usually get less and it’s more expensive– it’s worth it to chop all of them together yourself and store them in airtight plastic bags or containers in the fridge, which helps you stretch them and conserves fridge space.

You’ll need:

- 1 can of ranch-style beans with jalapeños OR 1 can of whole beans (add jalapeños, and ¼ tsp of brown sugar and it will mimic the taste of these ranch beans hella easy)
- 1 can of tomatoes with green chiles (I like Rotel the best, but literally any kind works) OR 1 can of diced tomatoes and 1 can of green chiles/jalapeños
- 1 lb lean ground beef/turkey OR 1 pkg medium firm tofu (you can use a little bit of Worcestershire sauce or brown sugar/tomato paste to mimic the beefy flavor)
- ½ cup each of diced/chopped celery, carrots and onions
- Olive or Vegetable oil
- Garlic powder, pepper and salt to taste.

Tools:

- A large skillet
- Spatula or flat wooden spoon, something to break up your meat or tofu with.


Heat your skillet on medium heat, add 1 tbsp of oil and when it starts to get slick/shiny, add your veggies and a little pinch of salt. Sauté until onions start to look translucent, and then add your beef or tofu. Season your meat or tofu to your taste and break it up to your preference.

Open your beans and your tomatoes; when the beef is browned, add the tomatoes, stirring to combine. Let the mixture reach a boil, then add your beans, stirring again. Let it reach a boil once more, then lower your heat and let it simmer uncovered for 15-20 minutes or until your carrots are tender the way you like them. Hooray! Chili!

This tastes awesome with tortillas but if you’re willing to make the extra effort it’s also great with some cornbread– the Jiffy brand mixes are usually pretty cheap, you’ll find them on the fringes of the baking aisle usually for less than a dollar and they only require an egg and I think a cup of milk? Both of which are easy to substitute with whatever you please.

io ti amo, sai. ti amo come non pensavo avrei potuto amare mai più in tutta la vita. e un po’ più forte. ti amo come se non sapessi nient'altro, non volessi nient'altro e non capissi nient'altro. e mi getterei nel fuoco per saperti felice. e mi strapperei la carne per saperti libera. ti amo. con una tale verità che ripeterlo non lo fa rimpicciolire o svanire. ti amo come i bambini amano le nuvole e i vecchi amano le panchine al fresco. ti amo come amo camminare su un palco vuoto alle quattro del pomeriggio guardando il teatro acceso e pensando di esser vivo. ti amo come il momento prima di salire e quello prima di perdersi. ti amo come quando piangevo se mi toglievano il gesso, e le rotelle alla prima bici, come amo sentire il vento addosso che spazza i pensieri e sapere che so far muovere i nervi delle persone. ti amo come quando le dita cercano delle corde mentre sono in coda per un pass per i battelli. come amo venezia sotto le sei ore, come amo catania dopo le sette del mattino, come amo quella devastante risarola che mi prende se non dormo da tre giorni. ti amo come amo i miei migliori amici. ti amo ingenuamente, senza prospettiva e senza via d'uscita. ti amo esattamente come mi ami tu quando ti faccio scordare che esiste il pavimento. come quando è già il domani di un terremoto.
ti amo e non c'è un motivo abbastanza preciso. e un po’ sei una grande e un po’ non lo sei affatto. ma come mi fai stare. e come ti faccio stare. ti amo, non so se l'ho già detto.

da una mail mai spedita, anni fa

(Lo Stato sociale)

Sausage Queso Dip

Author: Natasha of NatashasKitchen.com

1 lb ground pork sausage (make sure it says “sausage”)
8 oz cream cheese, (no need to soften)
2 cans (10 oz each) of Rotel brand diced tomatoes & green chilies
15 oz can of corn, drained
8 oz medium cheddar cheese, shredded

Garnish for Queso Dip:

1 roma tomato, diced
1 Tbsp chives or geen onion, finely chopped
Instructions

In a large dry pot or deep skillet over med/high heat, brown sausage (10-12 min), breaking it apart with your spatula (the sausage releases enough oil to grease the pan). When browned, remove excess grease by pushing a paper towel around the pan with spatula until fully saturated then discard.

Cut cream cheese into pieces and stir it into browned pork until melted and incorporated.

Add 2 cans un-drained Rotel tomatoes, 15 oz can drained corn, and 8 oz shredded cheddar (reserve some cheddar to garnish the top if desired). Cook over med heat, stirring occasionally just until bubbly and cheese is melted. Remove from heat, garnish with fresh tomatoes, reserved cheddar and chopped chives. Serve with tortilla chips.

io ti amo, sai. ti amo come non pensavo avrei potuto amare mai più in tutta la vita. e un po’ più forte. ti amo come se non sapessi nient'altro, non volessi nient'altro e non capissi nient'altro. e mi getterei nel fuoco per saperti felice. e mi strapperei la carne per saperti libera. ti amo. con una tale verità che ripeterlo non lo fa rimpicciolire o svanire. ti amo come i bambini amano le nuvole e i vecchi amano le panchine al fresco. ti amo come amo camminare su un palco vuoto alle quattro del pomeriggio guardando il teatro acceso e pensando di esser vivo. ti amo come il momento prima di salire e quello prima di perdersi. ti amo come quando piangevo se mi toglievano il gesso, e le rotelle alla prima bici, come amo sentire il vento addosso che spazza i pensieri e sapere che so far muovere i nervi delle persone. ti amo come quando le dita cercano delle corde mentre sono in coda per un pass per i battelli. come amo venezia sotto le sei ore, come amo catania dopo le sette del mattino, come amo quella devastante risarola che mi prende se non dormo da tre giorni. ti amo come amo i miei migliori amici. ti amo ingenuamente, senza prospettiva e senza via d'uscita. ti amo esattamente come mi ami tu quando ti faccio scordare che esiste il pavimento. come quando è già il domani di un terremoto.
ti amo e non c'è un motivo abbastanza preciso. e un po’ sei una grande e un po’ non lo sei affatto. ma come mi fai stare. e come ti faccio stare. ti amo, non so se l'ho già detto.
—  Lo Stato Sociale, Facebook.
manidimmè

Le due segretarie che lavorano in questo posto mi hanno in pugno, ormai.
Hanno visto cose che non avrebbero dovuto vedere, custodiscono un segreto che potrebbe portarmi alla tomba.
PREMESSA.
La società per cui sto lavorando attualmente è fatta di pulciari, hanno il braccino corto per qualsiasi cosa, addirittura hanno fatto storie sull’acqua che consumiamo. Bisogna muoversi in punta di piedi persino per gli ordini di cancelleria.
FINE PREMESSA.
Stamattina arrivo in ufficio prima di tutti.
Decido che la stampante lì proprio davanti alla finestra non mi piace, non so, messa così ha qualcosa che mi disturba. Mi avvicino a questo mostro gigante (è davvero grossa, una di quelle che fa le fotocopie, le scansioni, ti gratta la testa, ha diciannovemila cassetti, insomma ci siamo capiti, potrebbe essere una dei SOPRANO), allungo le mie manine candide per spostarla di lato dando per scontato che sia poggiata su un mobile con le rotelle e…SPOILER ALERT: il mobile non ha le fottute rotelle.
BAAAAM. Botto tremendo. La stampante giace a terra in 3 pezzi diversi.
Attirate dal BAAAAM di cui sopra le due segretarie di cui ancora ignoro i nomi dopo due settimane che sto qua, piombano nel mio ufficio e mi trovano bianca in faccia, con le mani ancora mezze alzate davanti al cadavere della stampante a terra.

‘Che hai fatto? Che è successo?’
‘Ehm…’
‘Ma quella è la stampante?’
‘Ehm..io non..sss…n….beh si, mi sembra proprio lei a vederla da qui.’

Attimi di silenzio.
Ci avviciniamo e in tre riusciamo a ricomporre sta cosa e a risollevarla.
Proviamo ad accenderla. Niente.
Panico. Porcodddinci. (Porcoddinci non lo dicevo almenoalmeno dalle medie). E mo’ che facciamo? Ah magari attacchiamo la spina, ahah, ok si accende.
Proviamo a stampare. Ok stampa.
E’ fatta.
E’ tutto finito.
‘VI PREGO NON DITELO A NESSUNO.’
Hanno giurato che non lo avrebbero fatto, ma adesso ogni volta che mi incrociano nei corridoio mi fanno battutine tipo ‘che abbiamo scassato oggi?’

Mi hanno in pugno, vi dicevo.
Ah, di questa storia mi è rimasto un simpatico souvenir che per precauzione conserverò per tutta la vita nel reggiseno.


Dio,
Sì, lo so che le lettere si cominciano con “caro” o “cara”, ma non sono una persona aperta. Questo lo sapevi già, non è vero? Io non ti conosco ma tu conosci me, giusto? È così che mi hanno sempre detto. Tu sai tutto.
Tuttavia, io credo che qualcosa che non sai ci sia. E ti scrivo proprio per informarti di questo. Per esempio: non tutti stanno bene come credi.
Mi è capitato di dover camminare nei corridoi di un ospedale. Non era successo niente di grave, un mio amico si era fratturato un braccio giocando a calcio e lo stavo andando a trovare. Ero in ascensore e con me c’erano altre tre persone. Un ragazzo poco più vecchio di me, un bambino che forse frequentava la terza elementare e una donna. Mi sono subito chiesta cosa ci facessero lì.
Tu mi capisci, ho la testa che va quando vuole lei, e in quel momento stavo pensando a quanto fosse figo stare in quel posto, mi sembrava di essere dentro a Scrubs. Poi la porta si è aperta e sono usciti tutti e tre. Ecco, Dio, ero proprio curiosa di sapere il motivo per il quale erano lì. Così li ho seguiti fingendo di non dover aspettare di salire per altri due piani per arrivare a quello giusto. Si sono seduti su delle sedie attaccate al muro del corridoio e io ho fatto lo stesso. Ero vicina al bambino, agitatissimo. Ma non agitato come un bambino normale.
Non urlava, non invocava la mamma e non faceva alcun tipo di capriccio. Si limitava ad agitare le gambette tra pavimento e sedia e a passare lo sguardo dal fratello accanto a lui a una delle tante porte che interrompevano il muro.
Ad un certo punto si è girato verso di me e ha sorriso. Non ha detto niente ed ha sorriso. Dio, cosa avresti pensato di fronte ad un comportamento così poco da bambino? Io mi misi in testa che fosse lì per dei controlli, che avesse dei problemi. Poi la porta si aprì e lui scattò in piedi. Lo guardai correre tra le braccia mingherline di un uomo che non sembrava tale, tanto era magro e smunto, con la testa pelata e un sorriso felice e stanco sulle labbra. Lo guardai mentre veniva raggiunto dai familiari e mentre veniva coinvolto in un enorme abbraccio a quattro.
Durò molto, quell’abbraccio, fino a quando l’uomo non fece una smorfia e sussurrò qualcosa. Si staccarono immediatamente, e si agitarono tutti, ma l’uomo disse che ora era tutto a posto.
C'erano tanti tubicini di plastica che uscivano da sotto le maniche del pigiama e che andavano a finire dentro a sacchetti contenenti qualche strano liquido trasparente.
Sorrise, sussurrò un “andiamo” e cominciò a camminare molto lentamente per il corridoio, trascinando quella specie di attaccapanni con le rotelle, seguito da moglie e figli.
Dio, quando capii quasi mi misi a piangere. Andai dal mio amico ancora con gli occhi lucidi, e quando mi chiese se avevo pianto gli risposi di no, che era il freddo.
Mi guardò male perché quel giorno, Dio, avevi deciso che la temperatura sarebbe salita ai trenta gradi.

Ecco, potrei parlarti per anni di tutte le cose che non vedi. Per carità, magari ti stai concentrando nel far nascere qualche bambino che renderà migliore il mondo, o a tenere in vita qualche adulto. Mi sta bene, altroché. Ma a volte potresti guardare nelle case? Negli ospedali? Sotto alle coperte di persone in lacrime non versate per semplici problemi di cuore?
Dio, forse stai dormendo a quest’ora, forse sto parlando a vuoto. Forse questa lettera non verrà mai spedita perché il destinatario è introvabile, impegnato, o magari neanche esiste. Ma magari mi stai guardando, e stai dando uno sguardo anche nelle case, negli ospedali, sotto alle coperte dei disperati. Magari stai dando loro una carezza. Magari se ne accorgono, sorridono, si addormentano. Magari quell’uomo, un giorno, avrà di nuovo i suoi capelli sulla testa, un bel sorrisone sulla faccia e suo figlio sulle ginocchia. Magari, sì, magari.

—  Nebbiaovunque

Come abbiamo fatto a sopravvivere noi bambini degli anni 50 - 60 - 70 - 80?

1.- Da bambini andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né airbag.

2.- Viaggiare nella parte posteriore di un furgone aperto era una passeggiata speciale e ancora ne serbiamo il ricordo.

3.- Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi, con vernici a base di piombo.

4.- Non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle confezioni dei medicinali, nei bagni, alle porte.

5.- Quando andavamo in bicicletta non portavamo il casco.

6.- Bevevamo l’acqua dal tubo del giardino invece che dalla bottiglia dell’acqua minerale.

7.- Trascorrevamo ore ed ore costruendoci carretti a rotelle ed i fortunati che avevano strade in discesa si lanciavano e, a metà corsa, ricordavano di non avere freni. Dopo vari scontri contro i cespugli, imparammo a risolvere il problema. Sì, noi ci scontravamo con cespugli non con auto!

8.- Uscivamo a giocare con l’unico obbligo di rientrare prima del tramonto. Non avevamo cellulari, cosicché nessuno poteva rintracciarci.
Impensabile .

9.- La scuola durava fino alla mezza , poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con il papà.)

10.- Ci tagliavamo, ci rompevamo un osso perdevamo un dente, e nessuno faceva una denuncia per questi incidenti. La colpa non era di nessuno, se non di noi stessi.

11.- Mangiavamo biscotti, pane olio e sale, pane e burro, bevevamo bibite zuccherate e non avevamo mai problemi di sovrappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare.

12.- Condividevamo una bibita in quattro, bevendo dalla stessa bottiglia e nessuno moriva per questo.

13.- Non avevamo Playstation, Nintendo 64, X box, Videogiochi ,
televisione via cavo con 99 canali, videoregistratori, dolby
surround, cellulari personali, computer,chatroom su Internet.Avevamo invece tanti amici.

14.- Uscivamo, montavamo in bicicletta o camminavamo fino a casa dell’amico, suonavamo il campanello o semplicemente entravamo senza bussare e lui era lì e uscivamo a giocare.

15.- Si! Lì fuori! Nel mondo crudele! Senza un guardiano! Come abbiamo fatto?
Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis, si formavano
delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti per giocare e gli scartati dopo non andavano dallo psicologo per il trauma.

16.- Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né d’iperattività;semplicemente prendeva qualche scapaccione e ripeteva l’anno.

17.- Avevamo libertà, fallimenti, successi, responsabilità, e imparavamo a gestirli.
La grande domanda allora è questa:
Come abbiamo fatto a sopravvivere? E a crescere e diventare grandi?

—  L'ho trovato su Facebook e mi è sembrato molto carino :)

Eccola qua, puntuale come settembre, come la festa dell’unità è arrivata la pioggia, me lo ricordo ancora mio nonno che diceva, oh, al piòv, è iniziata la festa dell’umidità. Non ci vado più da anni, non ci riesco, mi vengono su un gran dispiacere e malinconia se ci provo, eppure ci penso lo stesso, ogni anno. Quanto ci credevo? Tantissimo, la aspettavo, andavo a lavorare la sera e mi piaceva fare la cameriera, servire il sorbetto a fine cena, erano solo sorrisi, tutti contenti, anche chi ci lavorava, anzi, secondo me di più, perchè ci sentivamo importanti, parte di Qualcosa, anche solo a portare un vassoio stracolmo di tagliatelle al ragù o di fritto misto. Io andavo con Dario, me lo ricordo bene Dario, stava su una sedia a rotelle, faceva il cassiere e organizzava i turni, quando non ne avevo voglia, perchè magari avevo più voglia di andare in giro in bicicletta con gli amici, pensavo a lui e mi vergognavo perchè c’era sempre. A fine serata col suo bel sorriso e con le sue manone grandi e forti stringeva la mia e mi ringraziava, a me veniva il magone e mi dicevo, hai fatto bene a esserci, bastava questo. Poi Dario un giorno, anni dopo, si è ammazzato, si è chiuso nella sua macchina su una collina, ha collegato un tubo allo scarico e l’ha respirato tutto fino a non poterne più. Non ci credevo, lui, che trascinava tutti si era arreso, stava invecchiando e si è spaventato, aveva paura di essere un peso per gli altri, di non essere più autosufficiente e ha detto basta. Io ho iniziato a andare sempre meno, poi non sono andata più, non solo per Dario, ma avevo smesso di crederci, non era più il partito, non c’era più Dario e anche mio nonno con la sua frase non c’era più, è rimasto solo settembre con la sua umidità.