rospo

Se prendi un rospo, lo metti dentro una pentola con l'acqua e porti su il fuoco, osserverai una cosa interessante: il rospo si adatta alla temperatura dell'acqua e rimane là dentro e continua ad adattarsi all'aumento di temperatura. Quando, però, l'acqua arriva al punto di bollire, il rospo vorrebbe saltare fuori dalla pentola ma non ci riesce perché è troppo stanco a causa degli sforzi che ha fatto per adattarsi alla temperatura. Alcuni direbbero che ciò che ha ucciso il rospo è stata l'acqua bollente, in realtà ciò che ha ucciso il rospo è stata la sua incapacità di decidere quando saltare fuori.
Smettila di adattarti alle persone sbagliate, rapporti abusivi, strade senza uscita, amici parassiti e tante altre situazioni che ti “scaldano” quando ormai hai fatto tutto ciò che potevi. Se continui a provare, purtroppo corri il rischio di “morire” senza nulla ottenere.
Salta fuori finché sei in tempo.

@hexxvx asked for a post on Italian idioms, and this is it. Now, we have A LOT of them (as many languages do), and I really didn’t know which ones to select, so I just went with some pertaining to three major groups (those who mention animals, body parts [I mostly left out the vulgar ones here, but I could make a post on those too if you’d like me to] and food) and a couple of bonus ones. The Food and Miscellanea categories are under the cut because this is already long enough as it is, hahaha.
Enjoy and please ask if you have any questions!

ANIMALS

In bocca al lupo/in culo alla balena – Good luck/Break a leg (lit. “in the mouth of the wolf/in the ass of the whale”)

Honestly, I tend to use the first one more ‘cause the other is a bit gross, haha. I someone wishes you “in bocca al lupo”, you should answer “crepi [il lupo]” (“may [the wolf] die”) or also, if you are a loser like I am, “viva il lupo” (“may the wolf live”), while if someone says “in culo alla balena” the correct reply is “speriamo che non caghi” (“let’s hope it doesn’t shit”).

Il bue che dice cornuto all'asino – The pot calling the kettle black (lit. “the ox calling the donkey horned”)

When somebody accuses someone else of a fault which they themselves share. We’ll get to other meanings of “cornuto” later (spoiler: it’s cuckold) which give this idiom subtler nuances.

Una gallina dalle uova d'oro – A golden goose (lit. “hen with the golden eggs”)

Coming from Aesop’s fables, this idiom refers to something that generates great profit.

Una gatta da pelare – A tough nut to crack (lit. “a cat to skin”)

“Avere una [bella] gatta da pelare” basically means being faced with a difficult task, and I guess because poor cats rightfully won’t let you skin them so easily.

Menare il can per l'aia – To beat around the bush (lit. “to lead the dog around the yard”)

Don’t be fooled by the meaning that the verb “menare” has acquired nowadays (at least in central Italy): the poor dog is not being beaten, but rather led around in circles without a real purpose. This is an old idiom, also featured in Goldoni’s plays, dating back to the 18th century!

Prendere due piccioni con una fava – To kill two birds with one stone (lit. “to catch two pigeons with one fava bean”)

The meaning is essentially the same, though our version is less cruel and more precise (I honestly don’t know why one would want to catch pigeons in particular, though).

Un freddo cane – Damn cold (lit. “dog cold”)

When someone says that “fa un freddo cane”, they mean that the day is the coldest they’ve seen in quite a long time. The addition of “cane” is, basically, a way to insult the cold itself, and can actually be applied to other expressions as well: if a broken limb “fa un male cane”, for example, it means that it hurts real bad.

Sputare il rospo – To spit it out (lit. “to spit the toad out”)

You’ve been guarding a secret that weighs upon your chest, and a friend of yours is trying to get it out of you. After a couple of useless tries, they might lose their temper and burst into an exasperated: “Sputa il rospo!” (“spit it out!”) in order to persuade you to confess.

BODY PARTS

Avere le braccine corte – To be tightfisted (lit. “to have tiny, short arms”)

It’s not a particularly nice thing to say, but this idiom applies to those who just won’t spend their money, ever. If one is a bit stingy, we say he or she has short arms, so short that they can’t reach in their pockets!

Avere la coda di paglia – To have a guilty conscience (lit. “to have a tail made of straw”)

The expression probably dates back to the Middle Ages, when those who had been defeated or condemned were made to walk around wearing a straw-tail, that could easily get burned to add to their humiliation. Someone who has a tail made of straw worries about seemingly minor details, and acts defensively out of fear of being exposed.

Braccia rubate all'agricoltura – Someone who isn’t very bright doing a job they’re not fit for (lit. “arms stolen from farming”)

A funny one, albeit undoubtedly snobbish. It can be said of someone who’d be better off cultivating the land rather than exerting themselves in intellectual purposes.

Essere di bocca buona – To eat anything (lit. “to have a kind mouth”)

A person who is “di bocca buona” will not request an elaborated (and probably expensive) dish, and will rather be satisfied with whathever they’ll find on their plate.

Fare le corna a qualcuno – To cheat on somebody (lit. “to put horns on somebody”)

Some argue that the origin of the idiom is to be sought in the Greek myth of the Minotaur, born of the adulterous relationship between Pasiphaë, queen of Crete, and a bull. Generally speaking, “fare le corna” is a propitiatory gesture thought to keep bad luck away.

Fare orecchie da mercante – To turn a deaf ear (lit. “to do a merchant’s ears”)

Its presence in written Italian has been attested since the 14th century, and in a comedy written by Anton Francesco Grazzini in the following century, the author himself explains it thus: “[Merchants] only hear what pleases them”.

Non avere peli sulla lingua – To not sugar-coat things (lit. “to not have hair on one’s tongue”)

This expression is fit for someone who always says things the way they are, if a little harshly, without worrying too much about the way others could react.

Togliersi un peso dallo stomaco – To take something off one’s chest (lit. “to take a weight off one’s stomach”)

Basically the same as in English.

Keep reading

No, non in quel senso.

- Hai capito Danie’? Quello alla fine continua a stare con la fidanzata pure se non la ama più. E nello stesso tempo dice che non può fare a meno di me.

- E allora lascialo tu.

- E nemmeno io ci riesco, mi piace troppo.

- Allora non so cosa dirti. Mi sa che ti tocca ingoiare il rospo.

- Ma io glielo ingoio sempre, te lo giuro! Invece la sua ragazza non glielo fa mai!!!

- Ehm… no. Non mi sono spiegato bene.

Lei è schiva, silenziosa con ferite antiche.

Devi amarla con attenzione, può diventare fredda e dura come un rospo di gesso, può chiudersi in se stessa come una chiocciola offesa.

Efraim Medina Reyes, C'era una volta l'amore e ho dovuto ammazzarlo

So, since I’m using @languageoclock​‘s vocab lists for German, I’m probably going to translate and integrate more of these in the future, both in Italian and in my target languages. This one was inspired by this!

l'alligatore - alligator
l'alpaca (m.) - alpaca
l'anatra (f.) - duck
l'anguilla (f.) - eel
l'antilope (f.) - antelope
l'aquila (f.) - eagle
l'aragosta (f.) - lobster
l'asino (m.) - donkey/ass
il babbuino - baboon
la balena - whale
il bisonte - buffalo, bison
il bradipo - sloth
il bue - ox
il bufalo - buffalo
il cammello - camel
il cane - dog
il canguro - kangaroo
la capra - goat
il cavallo - horse
il cavalluccio marino - seahorse
il coccodrillo - crocodile
il coniglio - rabbit
il cervo - deer
il criceto - hamster
il delfino - dolphin
l'echidna (f.) - echidna
l'elefante (m.) - elephant
l'emù (m.) - emu
il facocero - warthog
il falco - hawk, falcon
la foca - seal
la gallina - hen
il gallo - rooster
il gatto - cat
la gazzella - gazelle
il geco - gecko
il gerbillo - gerbil
il ghepardo - cheetah
il giaguaro - jaguar
la giraffa - giraffe
lo gnu - gnu, wildebeest
il gorilla - gorilla
il granchio - crab
il gufo - owl
la iena - hyena
l'iguana (f.) - iguana
l'ippopotamo (m.) - hippopotamus
il koala - koala
il lama - llama
il lemure - lemur
il leone - lion
il leopardo - leopard
la lepre - hare
la lince - the lynx
la lontra - otter
la lucertola - lizard
il lupo - wolf
il maiale - pig
la mangusta - mongoose
la marmotta - groundhog
la medusa - jellyfish
la mucca - cow
il mulo - mule
l'oca (f.) - goose
l'okapi (m.) - okapi
l'opossum (m.) - opossum
l'ornitorinco (m.) - platypus
l'orso (m.) - bear
l'orso polare (m.) - polar bear
il panda - panda
la pantera - panther
il papero - duck
il pappagallo - parrot
il pavone - peacock
la pecora - sheep
il pesce - fish
il pesce rosso - goldfish
il picchio - woodpecker
il piccione - pigeon
il pipistrello - bat
il polpo - octopus
il porcellino d'India - guinea pig
il porcospino - porcupine
il procione - raccoon
la puzzola - skunk
la rana - frog
il ratto - rat
la razza - ray
la renna - reindeer
il riccio - hedgehog
il riccio di mare - sea urchin
il rinoceronte - rhinocerous
il rospo -toad
lo sciacallo - jackal
la scimmia - monkey
lo scimpanzé - chimpanzee
lo scoiattolo - squirrel
il serpente - snake
lo squalo - shark
lo struzzo - ostrich
il suricato - meerkat
la talpa - mole
la tartaruga - turtle
il tasso - badger
la tigre - tiger
il topo - mouse
il toro - bull
il tucano - toucan
l'uccello (m.) - bird
la volpe - fox
il vombato - wombat
lo yak - yak
la zebra - zebra

Se prendi un rospo, lo metti dentro una pentola con l'acqua e lo porti sul fuoco, osserverai una cosa interessante: il rospo si adatta alla temperatura dell'acqua e rimane la dentro e continua ad adattarsi all'aumento di temperatura, però quando l'acqua arriva al punto di bollire il rospo vorrebbe saltare fuori dalla pentola ma non riuscirebbe perché è troppo stanco a causa degli sforzi che ha fatto per adattarsi alla temperatura. Alcuni direbbero che ciò che ha ucciso il rospo è stata l'acqua bollente … ciò che ha ucciso il rospo invece è stata la sua incapacità di decidere quando saltare fuori.

Perciò smettila di adattarti alle persone sbagliate, rapporti abusivi, amici parassiti e tante altre situazioni che ti “scaldano”. Se continui ad adattarti purtroppo corri il rischio di “morire” dentro. Salta fuori finché sei in tempo.

-Paolo Paonessa

Bob Peak (1927-1992), ‘Excalibur’, dir. by John Boorman, 1981

“The myth of King Arthur brought once again to the screen. Uthur Pendragon is given the mystical sword Excalibur by the wizard Merlin. At his death Uthur buries the sword into a stone, and the next man that can pull it out will be King of England. Years later Arthur, Uthur’s bastard son draws Excalibur and becomes king. Guided by Merlin, Arthur marries Guenivere and gathers the Knights of the Round Table. Arthur’s evil half-sister Morgana sires a son with him, who may prove his downfall.”

Source

This is one of those films that has lingered in my mind over the years, me having seen it for the first time around the age of 12 or 13 and one which I found both weird and beautiful at the time. It’s also a movie I’ve come to appreciate more now that I have more reading under my belt. The amount of material director John Boorman (and his long-time collaborator Rospo Pallenberg) had to work with was rather immense (primarily ‘Le Morte d'Arthur) and their condensation of so many different episodes and characters from Arthurian legend is pretty well done IMO (the only major piece missing is ’Tristan and Iseult’, and that itself is most likely a separate Cornish legend grafted onto the Arthur cycle). I think this is all the more amazing given that such an epic canvas had to be painted with a pretty modest budget. I would recommend giving 'Excalibur’ a watch if you’ve never seen it. It stands as a definitive fantasy film and demonstrates what can be done with some innovative camera work, well done costume designs, creative sets, and well applied imagination. Sure, some people find it a bit slow and somewhat heavy handed but the film works for me, especially the luminous, dream-like quality approach Boorman takes throughout. 

Here’s the original trailer which uses the German composer Carl Orff’s ‘O Fortuna’ from his twenty-five-movement cantata ’Carmina Burana’ long before that became a bit of a cliché. 

Lei è schiva, silenziosa con ferite antiche.

Devi amarla con attenzione,

può diventare fredda e dura come un rospo di gesso,

può chiudersi in se stessa come una chiocciola offesa.”

E.M. Reyes

Oh, non sono indistruttibile.
Sto andando in pezzi proprio ora.
Forse non tutti possono realizzare il proprio sogno, forse non tutti possono baciare il rospo, forse saremo io e un cagnolino e i piccoli delfini di pezza sul pavimento e una porticina per il cane.

Oh non sono indistruttibile.
Sto andando in pezzi proprio ora.
Ho bisogno di essere indistruttibile, in qualche modo.
E adesso o mai più.

—  Una mamma per amica

Non sono il principe azzurro,
ma azzurro è il colore della vita che vorrei vivere e far vivere a te.
Non sono nemmeno un principe,
ma vorrei che tu fossi la mia principessa.
Non arrivo su un cavallo bianco,
ma a cavallo della realtà.
Non sono nemmeno capace di andare a cavallo,
ma vorrei galoppare insieme a te, tra le bellezze della vita.
Non ho una reggia,
ma mi piacerebbe farti vivere da regina.
Non so nemmeno come sia fatta una reggia,
ma ci sto lavorando.
Non sono un rospo,
ma se mi baci potrebbe piacerti e, anzi, ti garantisco che dopo non mi trasformerò.
Non ho una scarpetta da farti provare,
ma il mio carattere non spigoloso potrebbe calzarti a pennello.
Non ti troverai a mezzanotte con una zucca vuota,
ma avrai sempre, vicino a te, una testa pensante.
Non ti offro una mela avvelenata,
ma momenti felici da assaporare insieme.
Non sto nemmeno a chiederti di dare un morso alla mela verde,
di verdi ci sono solo i miei occhi.
Non ti terrei sotto una teca di cristallo a dormire,
ma sarei fiero di averti vicina a me, sveglia.
Non ti cerco la più bella del reame,
mi basta crederlo.
Non ti chiedo di guardarti nello specchio come la regina cattiva,
ma di guardare insieme a me, nella stessa direzione.
Non mi interessa se hai delle sorellastre perfide,
un giorno ti invidieranno.
Non mi interessa nemmeno della tua matrigna cattiva,
mi basta sapere che non hai preso da lei.
Non sono nemmeno geloso dei sette nani,
il più è che non ti fai influenzare da Brontolo.
Non ho i poteri magici della vecchia strega,
ma potrai sempre chiedermi di sparire, se non sono come ti ho detto.

Conversazioni interessanti
  • <p> <b><p></b> <b><p></b> <b><p></b> <b><p></b> <b><p></b> <b><p></b> <b><p></b> <b><p></b> <b>Io:</b> "Alle bambine non bisognerebbe far credere alle favole, poi diventano adulte sognatrici."<p/><b>Lui:</b> "Ma le favole esistono, bisogna crederci.<p/><b></b> Ci sono i mostri e non sono invincibili. Ci sono le streghe cattive e quelle lo sembrano solo. Ci sono i principi, tanti di cui bisogna diffidare.<p/><b></b> Se volessi fare una sfida a suon di bacchetta magica, io ci sono!"<p/><b>Io:</b> "Sono cresciuta con le favole. Attento. Potresti perdere la sfida. Conosco molti poteri magici."<p/><b>Lui:</b> "Sì, lo so, perderei quasi di sicuro. Ma vuoi mettere la soddisfazione della lotta?"<p/><b>Io:</b> "Io sono una strega cattiva. Io con chi ho il piacere di combattere?"<p/><b>Lui:</b> "Un rospo impertinente"<p/><b>Io:</b> " Ho già vinto! "<p/><b>Lui:</b> "Presuntuosa!"<p/><b>Io:</b> "Certo che sí..."<p/><b>Lui:</b> "Hai proprio ragione, strega. Ma dimmi cosa sa fare la tua bacchetta magica?"<p/><b>Io:</b> " Trasforma rospi in principi azzurri. Poi li manda dalle sprovvedute principesse a rompere i coglioni svegliandole dal sonno."<p/><b>Lui:</b> "E pensare che un'altra strega mi aveva detto che sono i ranocchi a diventare principi. I rospi diventano sempre qualcos' altro..."<p/><b>Io:</b> " I ranocchi vengono trasformati dalle principesse. I rospi dalle streghe."<p/><b>Lui:</b> " Le streghe trasformano i cavalieri in rospi. Non viceversa. Ecco perché venivo tanto spavaldo. So che le streghe hanno un debole per i rospi"<p/><b>Io:</b> "I rospi finiscono a bollire in pentola per le pozioni magiche. Mossa poca furba da parte mia e poco scaltra. Avrei dovuto lasciar scegliere prima a te, la figura fiabesca. Così facendo ti ho lasciato punti per la vittoria della battaglia"<p/><b>Lui:</b> "Bisogna fare attenzione ai rospi. Sembrano tonti e a loro piace apparire così."<p/><b></b> Sai strega, ora sono io a privarmi di un vantaggio e lo faccio volontariamente.<p/><b></b> Ho amicizie fra le streghe e mi hanno spiegato che noi rospi siamo in realtà la controparte naturale di voi streghe.<p/><b></b> Fra le donne ci sono le principesse, le fate e le streghe.<p/><b></b> Fra gli uomini i principi, i maghi e i rospi.<p/><b></b> Principesse e principi lasciamo che muoiano di diabete zuccherino reciproco. Non curiamocene.<p/><b></b> Fate e maghi sono ammaliatori superficiali. Magari appaiono bellissimi, ma in questa apparenza sta tutta la loro virtù.<p/><b></b> Streghe e rospi sono diversi. Al di là di come appaiono, la loro bellezza sta altrove. In un posto accessibile solo con la loro accondiscendenza."<p/><b>Io:</b> " Interessante visione...quindi streghe e rospi si conpensano a vicenda.<p/><b>Lui:</b> " Sì. Favolosamente compatibili.<p/><b></b> E così torniamo dove siamo partiti.<p/><b></b> L'educazione favolosa è necessaria a far sì che una bimba possa un giorno diventar strega.<p/><b></b> Altro che principi e cenerentole."<p/></p><p/></p><p/></p><p/></p><p/></p><p/></p><p/></p><p/><b>Io:</b> "....."<p/></p><p/></p>
Mentre, una notte, se n'annava a spasso,
la vecchia Tartaruga fece er passo
più lungo de la gamba e cascò giù
co’ la casa vortata sottinsù.
Un Rospo je strillò: - Scema che sei!
Queste so’ scappatelle
che costano la pelle… -
Lo so: - rispose lei -
ma, prima de morì, vedo le stelle.
—  Trilussa
Sid e Nancy.

Nancy amava Sid ma le piaceva leggere filosofia e ascoltare Wagner. Sid amava Nancy e non gli piaceva nient’altro. Se cantava con il gruppo era per amore di Nancy. Sid odiava la filosofia e la musica di Wagner e odiava qualunque cosa piacesse a Nancy. Per fortuna a Nancy il gruppo non piaceva, così non era costretto ad odiarlo. Quando Nancy era felice per qualcosa, Sid cercava di rovinare quella felicità, di uccidere quel qualcosa. Nancy era felice con Sid e Sid si faceva del male, non voleva affatto che lei fosse felice, non si fidava della gente felice e lui voleva fidarsi di Nancy. Sid batteva la testa contro il muro fino a farsela sanguinare e Nancy piangeva e questo faceva contento Sid. Nancy curava le ferite di Sid con profonda tristezza e lui la copriva di baci, succhiava il proprio sangue mescolato alle lacrime di Nancy. A Sid le cose stavano bene così ma Nancy non ce la faceva più e a volte scappava da qualche parte a drogarsi da sola. La gente parlava male di Nancy. Sid era l’idolo e lo volevano isolato, esposto, lo volevano distrutto, volevano essere loro a distruggerlo. La stampa frugava nella loro vita privata, li chiamava mostri senz’anima, fantocci mangiasoldi. I concerti si susseguivano l’uno all’altro, il pubblico voleva azione. Sid si agitava furioso e la gente gridava ma Sid non era furioso, faceva solo finta. Sid era angosciato, voleva stare con Nancy, l’aveva persa di vista e se la immaginava intenta a fare un servizietto a qualche lebbroso in un retrobottega e Sid avvelenava le sue canzoni, aveva il cuore scorticato. Ai suoi piedi, in platea, si agitava quella sostanza viscosa, delirante. Da qualche altra parte, protetti da uno stuolo di gorilla, i padroni del mondo contavano i biglietti di banca e magari uno di loro si stava sbattendo Nancy, uno brutto come la fame, basso e grasso come un rospo preistorico. Nancy era triste e questo la trascinava in basso. Probabilmente in quel momento stava gemendo sotto centocinquanta chili di lardo qualunque, senza controllo di qualità né data di scadenza, lardo senz’anima. Sid non voleva più cantare, aveva gli occhi iniettati di sangue e schiumava dagli angoli della bocca. La folla cantava in coro le sue bestemmie, lo adorava come un dio ma quel dio, accecato dalla gelosia, stava sudando sangue. Quel dio voleva la testa di Nancy e dei suoi amanti su un piatto d’argento. Sid e Nancy passavano insieme la maggior parte del tempo. Sid picchiava Nancy perché non sapeva cucinare. Nancy insultava Sid perché lo beccava a sbattersi le ragazzine. A volte affittavano una stanza squallida e se ne stavano rinchiusi per giorni senza darsi un bacio. Il portiere del motel si chiedeva che roba buttavano giù gli Smith per resistere così a lungo. Sid impazziva dalla voglia di abbracciare Nancy ma se lo impediva, sapeva che lei stava soffrendo, vedeva quella smorfia di dolore formarsi sul suo volto, quello era per Sid un piacere più grande del desiderio, erano gocce d’acido sui nervi, il sapore della morte. Nancy non osava sfondare il muro invisibile, rimaneva immobile senza staccare gli occhi da Sid, lottando contro il sonno. Sapeva che Sid era pazzo e non poteva dargli un’occasione, dietro a quegli occhi sereni si svolgeva un festino di demoni e lei non voleva essere la torta. Quando raggiungeva il limite della resistenza Sid strisciava come un marine in manovra di combattimento e le si gettava addosso con tutta la sua urgenza. Nancy si difendeva e lui scoppiava a ridere come un selvaggio.
Sid bucava Nancy, le faceva il bagno e le puliva il culo. Usavano lo stesso ago, lo stesso spazzolino da denti, lo stesso profumo. Sid detestava sentirsi vulnerabile e Nancy gli faceva quell’effetto. Nancy non pensava mai al suo amore per Sid, non opponeva resistenza, si lasciava annegare in quel brusco sentimento, si sentiva a suo agio in quella sostanza. Sid pensava di uccidere Nancy, immaginava mille modi diversi, per lui non c’era via d’uscita. Nancy trattava Sid come un bambino spaventato. Bob, il batterista, prendeva in giro Sid quando lo trovava in grembo a Nancy. Bob era innamorato di Nancy, lo sapevano tutti. Nancy sapeva che Sid prima o poi l’avrebbe ammazzato ma preferiva pensare ad altro. A Nancy non piaceva pensare all’amore, per lei l’amore come idea era un incubo, un presente folle e impenetrabile. Nancy disprezzava quelli che facevano dell’amore un assioma, odiava le canzoni che parlavano di amori e delusioni, preferiva bruciarsi i neuroni sui dilemmi di Spinoza e Kant. Sid pensava solo a Nancy, quando era fatto aveva allucinazioni su di lei. L’idea di perdere Nancy gli mandava in pappa il cervello, immaginarsi senza di lei gli apriva una voragine più grande di lui. Sid componeva canzoni di amore e morte e per Nancy ma lei non ci badava. Nancy stava leggendo in un angolo mentre Sid e Bob facevano a botte. Nancy non aveva mai fatto l’amore con Bob come Sid sospettava ma non ci avrebbe neppure giurato. Bob era un buon batterista e voleva molto bene a Sid, quindi lo lasciava vincere.
Nancy poteva passare le giornate a leggere. Sid girava per la casa facendo a pezzi quel che trovava sulla sua strada. Non riusciva a capire che cosa i trovasse Nancy in quei libri, lui voleva comprarle un cavallo ma a Nancy non interessavano i cavalli. Sid si chiedeva che razza di donna fosse Nancy ma non sapeva rispondere.
“Perché cazzo leggi sta roba, micetta?”
“Mi piace.”
Sid prese il libro e lesse due righe. 
“Capisci cosa c’è scritto?”
“No.”
“E allora?”
“Mi piace.”
Ogni tanto Sid gettava i libri di Nancy nel fuoco, allora lei perdeva l’appetito, si faceva a tutte le ore, non rispondeva alle sue domande. Sid la vedeva spegnersi a poco a poco come un lento tramonto autunnale. Nancy non si stupiva vedendolo arrivare con una scatola avvolta in carta da regalo rosa contenente edizioni di lusso dei libri bruciati e nuovi titoli e autori che lei non conosceva. Le riviste femminili scrivevano di Nancy: per alcuni era un’idiota, altri la consideravano geniale. Sid sospettava che Nancy potesse capire quei libri e si prendesse gioco di lui quando li leggeva. Sid non era bravo a rispondere ai giornalisti, Nancy invece li faceva su come voleva. Un giornalista chiese a Sid se era vero che sua madre aveva avuto problemi con l’alcol. Sid tirò fuori un coltello e cercò di pugnalarlo. Nancy intervenne e condusse l’intervista in modo tale che alla fine il giornalista scrisse un articolo sull’infanzia serena di Sid. Sid non aveva mai avuto la minima chance. Sid mirava ubriaco all’occhio di un corvo in volo e ci prendeva. Desiderava amare una donna e trovò Nancy, la ragazza migliore che c’era sulla terra. Non avrebbe mai potuto essere più fortunato e sai come si comporta Madama Fortuna coi tipi sensibili. Il povero Sid aveva il cuore di tigre ma l’anima del poeta.

(C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo, E.M. Reyes)

20/08/2015.

Era lì sul divano, era al mio fianco, dopo tanti mesi che i nostri corpi son stati lontani. Era lì, ma sembrava non esserci davvero. Guardava ipnotizzato la tv, dimenticandosi completamente di me.
Ammetto che non potevo sopportare quella mancanza di attenzioni. Non in quel momento.
Io ero lì, poteva fare di me ciò che desiderava e invece nulla.

Chissà, magari pensava a qualcosa d'importante, che forse lo tormentava e non poco.

Non lo so. Ma in quel momento, non riuscì ad ingoiare quel rospo e iniziai a innervosirmi.
Iniziai allora, a colpirlo, seppur non forte, con i piedi; sulla pancia, dietro la schiena, ovunque lo avessi a tiro.
Volevo che si svegliasse da quel presunto sonno e ricordasse che io c'ero, e davo fastidio.

Stranamente il mio giochino infantile funzionò.

Ad un tratto, senza che me ne rendessi conto, lui era su di me, che mi bloccava i piedi con le sue gambe e che mi stringeva forte le mani.
Ero immobile sotto di lui, completamente inerme.
Inizia allora a mordermi in viso, inizia a respirarmi sul collo e sapeva benissimo, quanto io odiassi quelle cose.

Continuava, continuava e rideva. Rideva e piano piano, mi calmavo.

«Anche io posso romperti le palle, cosa credi.» Disse ridendo.
«A me piace quando lo fai, anzi, quando non accade mi rendi triste.»
«Allora hai firmato la tua condanna signorina, perché non ho intenzione di smettere.»

E dopo, vi lascio solo immaginare cosa successe.
Io, me lo ricordo molto bene.

mutescreamandrea  asked:

"Siete dei pervertiti'" "Eh, vedessi a casa" . . . Basta. Con il mio fangirlamento che corre, aspetto solo l'entrata in scena di He Tian! Anche se sono curiosa sulla frase sospesa di Zhan Zheng Xi :c

Jian Yi che?? Jian Yi cosa?? Sputa il rospo o taci per sempre!