relazioni a distanza

Voglio te e il tuo respiro che mi sfiora la pelle, voglio addormentarmi tra le tue braccia e voglio sentirmi fare le carezze quando faccio finta di dormire.
Voglio sentire il sapore dei tuoi baci, quelli che fan venire la voglia di far l'amore.

Un cuore che cerca sente bene che qualcosa gli manca; ma un cuore che ha perduto sa di cosa è stato privato.

Goethe

Quei dannati occhi, stracolmi di arte.
—  A.
Scusa, sto scrivendo un sacco di stronzate e sono quasi le cinque del mattino. Ecco, credevo che tu avessi bisogno di qualcuno che ti scrivesse un sacco di stronzate alle cinque del mattino.
Credeco di poterti offrire un mondo popolato da persone divertenti. E un altro, più piccolo ma più grande, abitato solo da noi due. La felicità.
La felicità è fare l'amore ad ore strane oppure normali, purché con te. La felicità è crescere insieme, litigare a chi ha la testa più dura e poi, pieni di bernoccoli, salire un altro gradino del nostro amore. La felicità è un appuntamento al bar a cui io arrivo in ritardo. Un problema che ti assilla e lo risolviamo insieme. Un braccialetto che io ti regalo, una camicia che tu mi lavi. Scusami ancora per questa vagonata di pensieri idioti. Ti volevo soltanto dire che non mi manca una donna. Mi manchi tu. Che sei anche una donna, e che donna. Ma sei qualcosa di più: l'altra metà di me.
—  Massimo Gramellini - Fai Bei Sogni
Non vedo mai l'ora del week-end per dormire con te.
Facciamo gli scemi in bagno lavandoci i denti o sciacquandoci la faccia insaponandoci tutti.
Poi andiamo in camera; mi tolgo il pantalone, ti cade un occhio, tolgo il reggiseno e ti cade anche l'altro, ci mettiamo il pigiama sapendo che basteranno pochi secondi per sfilarcelo a vicenda.
Sotto le coperte, per prime le labbra a sfiorarsi, prima lentamente e man mano sempre più intensamente, poi le mani, le tue sulle mie cosce, le mie sul tuo petto.
La tua lingua scende sul mio collo, poi sempre più giù, le tue mani mi stringono i seni e mi tolgono la maglia, mi baci, mi guardi, poi mi ribaci.
Salgo su di te, ti bacio il naso, le labbra, il collo, ti sfilo la maglia e ti bacio il petto e il ventre, poi vado sempre più giù.
Stiamo ore a viziarci, uno sopra l'altra.
Poi ci rannicchiamo, tu da dietro mi stringi e mi dai leggeri bacini, mi volto per baciarti la fronte e dirti quanto sono felice, mi guardi e mi ripeti quanto sono bella.
Passiamo tutta la notte abbracciati, vicini, col corpo e col cuore. E chissenefrega delle cose brutte, no?
In quell'istante, pieno di noi, io esisto per te e tu esisti per me.
E alla faccia della buonanotte.
Mi piacerebbe che non siano sogni ma certezze, voglio sedermi in riva al mare con le tue carezze.
—  Noyz Narcos.
Abbiamo visto il cielo piangerci addosso. Perciò balliamo ora che il Sole è nostro.
—  Baby K ft. Giusy Ferreri - Roma-Bangkok