regazzina

2

Hilaire German Edgar Degas (Parigi, 1834 –1917)
Cavalli da corsa davanti alle tribune
1866-1868, Museo d’Orsay, Parigi
olio su tela, 46×81 cm
-
La lezione di danza
1871-74, Parigi, Musèe d’Orsay
olio su tela, 85 x 75 cm

-

Der sor Degà amo già parlato popo all’inizio de sto blogghe che si ce penso me viè quasi da piagne dall’emozione che sò passati quasi tre anni. E puro te, truzzo mio, quanto te sei evoluto! ‘O vedo sai, nell’occhi che te sbrilluccicheno de na luce nova. E oggi me avventuro a spiegatte na robba complessa che userò puro dee parole difficili ma te vojo dà fiducia. Vabbè?
Dunque, te vojo fa vede du quadri d’argomenti che a Degà je staveno popo ner core: uno sò ‘e ballerine, che sò famosissime, l’antro sò i cavalli da corsa.
Ce sta un critico americano, Herbert, che co acutezza ha fatto er paragone tra sti due temi ricorenti daa pittura de Degà.
Anfatti si guardi bene sti du quadri, pure che raffigureno robbe diverse, sò simili naa ‘nquadratura: visti un po’ dar basso, e come da dietro, come che er pittore sta da na parte zitto zitto pe nun disturbà, dice “nun ce fate a caso a me, fate come si nun ce fossi, fate, fate”, che ao stesso tempo è na cifra educato ma pure un po’ sta a scoattà, perché er punto de vista suo se capisce che nun è quello doo spettatore comune, naa platea o su i sparti, ma è quello de uno che va dietro ‘e quinte perché cià er Vip Pass.
Seconno poi, in ambo i casi noi stamo a guardà dii corpi (ballerine, cavalli) in movimento, ma no movimento libbero, che uno fa come je pare, tipo quanno balli in discoteca che te agiti senza senso in modo inconsurto specie dopo er terzo drink, o tipo cavalli a ‘o stato brado che coreno naa prateria liberi e belli chee criniere ar vento come ‘a pubblicità doo sciampo: no! Ste ballerine faticheno un botto e er maestro pare pure un vecchio rompicojoni “Arza quaa gamba! Dritta co quaa schiena! Pliè, porca paletta!”, e anfatti ‘a regazzina seduta se gratta a schiena e se vede che gna fa più che vorebbe annà a casa a vedè l’episodi de Trono de Spade, ma no! Te devi allenà e imparà i passi che er saggio è tra un mese e ancora sbajamo l’entrata sur seconno movimento, porca pupazza.. E i cavalli nun sò cavalli servaggi bensì da corsa, cor fantino in groppa co tanto de frustino, mesi e mesi de allenamento, cori dritto naa corsia tua e nun sgarà, e vedi de arivà primo sinnò gnente zuccherello, chiaro?
Quinni, pe riassume, corpi vivi, ma no sciorti sbragati su ‘e rive der fiume o che poseno tranqui sur divano noo studio d’aartista, bensì sottoposti a ‘n allenamento peggio daa Roma a Trigoria; e in movimento, ma no movimento a cazzo, bensì obbligati a fà dii movimenti precisi, specifici e organizzati: coreografia ner caso daa ballerina, corsa ar traguardo ner caso der cavallo. Qunni natura sì, ma dominata e costretta drento na determinata forma.
E l’artista? L’artista è spettatore. Ma a sua vorta, facenno er quadro, diventa autore de ‘n processo analogo, che ‘a natura che cià davanti ‘a domina cor suo sguardo e ‘a costrigne drento ‘a forma e ‘a cornice der quadro. E pe fallo, ce vò allenamento. Quinni in definitiva, danza e corsa sò un po’ come ‘a pittura: ecco perché je intrigaveno tanto.