pure gents

Ogni tanto capitano quelle giornate, che diventano serate, che diventano nottate in cui ti vengono in mente uno dietro l'altro tutti i torti che hai subito in vita tua. Come un film goffo e orribile in cui il protagonista é una caricatura di se stesso. L'unica conclusione a cui si arriva dopo giornate del genere é “sono una cogliona, do sempre il 100% cercando di dimostrare che sono una brava amica/persona/figlia/sorella e quello che ricevo indietro é meno di zero. Allora forse devo smetterla di agitarmi così tanto per gli altri.” e poi puntualmente dalla mattina successiva come una cogliona a non dire mai di no e a spostare i miei impegni per fare spazio alle comodità altrui. Che forse, anche qui frase detta mille volte, sono io che ci tengo troppo perché sembra sempre che se le cose non si fanno come vogliono gli altri allora non si fanno e quindi penso sia normale chiedersi se effettivamente a queste persone qualcosa importa oppure se fanno queste cose solo perché tu chiedi e sta male dire sempre no. E quindi va bene, sono io che mi piego. Che poi sono sicura che questi ragionamenti si possono fare al contrario anche su di me, che mica sono santa, solo che non interessiamo mai ugualmente alle persone che ci interessano.

Amiamoci così, come solo due pazzi possono fare. Amiamoci senza riserve, odiamoci quando serve. Lasciamo pure che la gente ci prenda per folli, tanto loro non lo sanno, non sanno mica che ci basta uno sguardo, un sorriso per capire che un amore come il nostro, va protetto ad ogni costo.

Un uomo
(Finardi)

Lei non lo sapeva ma aspettava un uomo
che la scuotesse proprio come un tuono
che la calmasse come un perdono….

era tanto tempo che aspettava l'uomo
che la ipnotizzasse solo con il suono
di quella sua voce dolce e impertinente
che proprio non ci poteva fare niente

che la fa sentire intelligente….
come se fosse nuda tra la gente
ma pure e santa come un diamante

un uomo dolce e duro nell'amore
che sa come prendere e poi dare…
e poi di nuovo farsi far l'amore

per seppellirsi tutta nell'odore
che le rimane addosso delle ore
che non si vuole mai più lavare
per non rischiare di dimenticare

che le ricordi che sa amare
un uomo che sappia rassicurare
che la faccia osare di sognarsi
come non è mai riuscita ad immaginarsi

un uomo pieno di tramonti
di stelle, di racconti e di orizzonti
che ti guarda e dice cosa senti
come se leggesse nei tuoi sentimenti

un uomo senza senso
anche un po’ fragile ma così intenso
con quel suo odore di fumo denso
di tabacco e vino e anche d'incenso

impresentabile ai tuoi genitori
così coerente anche negli errori
proprio te che fino all'altro ieri
ti controllavi anche nei desideri

tu che vivevi nell'illusione
di dominare ogni tua passione
tu che disprezzavi la troppa emozione
come nemica della ragione

non sei mai stata così rilassata
così serena ed abbandonata
o così viva e così perduta
come se ti fossi appena ritrovata

con un uomo senza senso
anche un po’ fragile ma così intenso
con quel suo odore di fumo denso
di tabacco e vino e anche d'incenso

un uomo dolce e duro nell'amore
che sa come prendere e poi dare

e poi di nuovo farsi far l'amore.

anonymous asked:

imo gli americani dicono di non avere una cultura perché quello che noi vediamo come "cultura americana" per loro è lo standard, come se le cose che per noi sono caratteristiche degli US per loro fossero globali. Il pensiero mi inquieta abbastanza tbh, mi hanno dato quest'impressione ma spero di sbagliarmi XD

no ma non lo riconoscono. cioè, hanno un’industria cinematografica della madonna ma visto che nessun film esiste prima di mean girls non sanno una minchia di tutta la roba buona che hanno fatto. c’hanno una letteratura coi controcazzi cioè TWAIN, STEINBECK,VONNEGUT, LA BEAT GENERATION CHE CAZZO SONO PER LORO, NON E’ CULTURA??, c’hanno il fumetto, c’hanno una letteratura accademica coi controcazzi cioè io la tesi di laurea senza gli americani che traducevano tutto kant in inglese me la sognavo di farla in meno di due anni, PURE DI ARTE HANNO GENTE DI TUTTO RISPETTO, ma lOL AMERICAN CULTURE DOESN’T EXIST.

no, ce l’hanno eccome, è solo che rigettano l’idea di essere americani e non X-americani quindi gli italoamericani dicono che è cultura loro, gli afroamericani che è cultura loro eccetera e si autoghettizzano invece di rassegnarsi a capire che sono americani prima e tutto il resto dopo. appena lo capiscono siamo a cavallo

Watch on btsvines.tumblr.com
Amiamoci così, come solo due pazzi possono fare. Amiamoci senza riserve, odiamoci quando serve. Lasciamo pure che la gente ci prenda per folli, tanto loro non lo sanno, non sanno mica che ci basta uno sguardo, un sorriso per capire che un amore come il nostro, va protetto ad ogni costo.
—  Mariarca C.