psicological

Psicología #2: Transtorno de la Ansiedad Generalizada

¿Qué es?

El trastorno de ansiedad generalizada lo padecen aquellas personas que sufren intensas reacciones de ansiedad (preocupación, alta activación fisiológica, etc.), desde hace más de seis meses, en situaciones altamente frecuentes, no recogidas en los diagnósticos de tipo fóbico, obsesivo, pánico, o sucesos de estrés postraumático. Las personas con este trastorno muestran por lo tanto niveles muy altos de ansiedad casi todo el tiempo. La ansiedad está provocada por interpretaciones erróneas, pensamientos anticipatorios, etc.

Los trastornos de ansiedad son los problemas mentales más comunes. De hecho, se considera que un tercio de la población experimenta, al menos, un trastorno de ansiedad durante su vida.

Originally posted by theoneproject-co

  1. El DSM IV establece los siguientes criterios para el diagnóstico de este trastorno:

A)  Ansiedad y preocupación excesivas sobre una amplia gama de acontecimientos o actividades, que se prolongan más de 6 meses.

B)  Al individuo le resulta difícil controlar este estado de constante preocupación.

La ansiedad y la preocupación se asocian a los siguientes síntomas:

  • Inquietud o impaciencia.
  • Fatigabilidad fácil.
  • Dificultad para concentrarse o tener la mente en blanco.
  • Irritabilidad.
  • Tensión muscular.
  • Alteraciones del sueño.
  • Temor a morir
  • Paranoia
  • Hormigueo o entumecimiento
  • Náuseas, mareos, dificultad para respirar
  • Entre otros..

D)  El centro de la ansiedad y de la preocupación no se limita a los síntomas de un trastorno del Eje 1.

E)  La ansiedad, la preocupación o los síntomas físicos provocan malestar clínicamente significativo o deterioro social, laboral o de otras áreas importantes de la actividad del individuo.

F)  Estas alteraciones no se deben a los efectos fisiológicos directos de una sustancia o a una enfermedad médica y no aparecen exclusivamente en el transcurso de un trastorno del estado de ánimo, un trastorno psicótico o un trastorno generalizado del desarrollo.

Ahora que ya sabemos qué es y, sus síntomas, podemos saber cómo prevenirla.

  • Lo bueno, es que puede ser tratada fácilmente, pero, la voluntad tiene que salir del afectado para que todo sea más llevadero. 
  • La intervención tiene que ser lo más rápidamente posible.
  • Se tienen que reducir los niveles de estrés, para eso, lo que se puede hacer es llevar una dieta más saludable, hacer ejercicio, escribir un diario y evitar sustancias poco saludables.
  • Llevar a cabo técnicas de relajación
  • Dormir de 7 a ocho horas diarias
  • Llevar una agenda y organizarse, ya que el desorden tiende a estresar.
  • Intentar tomar decisiones siguiendo un proceso lógico: formular el problema, análisis de las alternativas (pros y contras de cada una)
    y escoger la mejor (no existe la solución perfecta).
  • No analizar continuamente el problema o las alternativas (hecho que genera ansiedad).
  • No esconder los problemas: afrontarlos. La auto confianza va creciendo a medida que uno ve que es capaz de solucionar el problema.
  • No sobrevalorar el peligro que todo salga mal (a menudo hacemos un análisis catastrofista de las consecuencias y realizamos una
    interpretación negativa de una situación ambigua, etc.)
  • Evitar anticipar negativamente problemas que pueden llegar en el futuro.
  • Entender que la ansiedad y el miedo son emociones naturales; no preocuparnos más porque estemos activados o nerviosos
    (sentirse ansioso no quiere decir que uno esté enfermo o que tenga que perder el control).
  • Evitar preocuparnos por cómo perciben los otros nuestros síntomas de ansiedad (no lo hacen con la misma intensidad con la que nosotros la estamos experimentando).
  • No infravalorar aquello que conseguimos o logramos

Como se pudieron dar cuenta, hay muchas maneras en las que podemos hacer algo para evitar la ansiedad, todo depende de la voluntad que tengamos si queremos salir de ella. También como consejo les digo que vayan con la ayuda de un profesional porque la ansiedad es una cosa seria.

Originally posted by depression-sadness-madness

-Luis.

In a Dark Time
BY THEODORE ROETHKE

In a dark time, the eye begins to see,
I meet my shadow in the deepening shade;
I hear my echo in the echoing wood—
A lord of nature weeping to a tree.
I live between the heron and the wren,
Beasts of the hill and serpents of the den.

What’s madness but nobility of soul
At odds with circumstance? The day’s on fire!
I know the purity of pure despair,
My shadow pinned against a sweating wall.
That place among the rocks—is it a cave,
Or winding path? The edge is what I have.

A steady storm of correspondences!
A night flowing with birds, a ragged moon,
And in broad day the midnight come again!
A man goes far to find out what he is—
Death of the self in a long, tearless night,
All natural shapes blazing unnatural light.

Dark, dark my light, and darker my desire.
My soul, like some heat-maddened summer fly,
Keeps buzzing at the sill. Which I is I?
A fallen man, I climb out of my fear.
The mind enters itself, and God the mind,
And one is One, free in the tearing wind.

__________________________________________


“En un oscuro tiempo”,
de Theodore Roethke

En un oscuro tiempo, el ojo empieza a ver,
Me reúno con mi sombra en la cada vez más profunda sombra;
Oigo mi eco en el eco del bosque–
Un Señor de la naturaleza llorando junto a un árbol.
Vivo entre la garza y el reyezuelo,
Bestias de la colina y serpientes de la madriguera.

¿Qué es la locura sino la nobleza del alma
En contradicción con las circunstancias? ¡El día está en llamas!
Conozco la pureza de la desesperación pura,
Mi sombra colgada en un transpirado muro.
Ese lugar entre las rocas –¿es una cueva,
O un sinuoso camino? El borde es lo que tengo.

¡Una constante tormenta de correspondencias!
¡Una noche fluyendo con pájaros, una rasgada luna,
Y en el extenso día retorna la medianoche!
Un hombre llega lejos para enterarse de lo que él es-
Muerte de sí mismo en una larga noche sin lágrimas,
Todas las formas naturales resplandeciendo una luz artificial.

Oscura, oscura mi luz, y más oscuro mi deseo.
Mi alma, como alguna mosca de verano enloquecida por el calor,
Se mantiene zumbando en el umbral. ¿Cuál yo es yo?
Un hombre caído, escalo por sobre mi miedo.
La mente entra en sí misma, y Dios la mente,
Y uno es Uno, libre en el viento que se desgarra.

de The far field, 1964

Come i social network, le fake news e gli amici deformano la nostra memoria: un saggio non mio e neanche troppo corto.

Partiamo dalla frase, “Una bugia ripetuta tante volte diventa la verità”. Questa frase è stata attribuita ad Einstein per un 66% di volte, Joseph Goebbels per un 23%, Fabio Volo per un 4,6% e il restante diviso tra Gandhi, Dalai Lama e svariati utenti Twitter e Facebook. Probabilmente nessuno di loro ha mai pronunciato una frase del genere ma non è questo l'argomento del giorno. Parliamo di memoria.

La memoria è fallace, sì sa e, cosa più interessante, può essere deformata da diversi fattori come i social network, le fake news e le amicizie. Il punto critico, però, è che le fake news, insieme ai social network, oggi sono in grado di plasmare sia la memoria del singolo che la memoria collettiva.

La sfida, allora, si gioca su due fronti: contrastare i siti di fake news (qualsiasi cosa voglia dire) ma anche capire come la gente interaggisce con tali siti.

Torniamo ora alla bugia ripetuta tante volte ecc; per far ricordare un’informazione (vera o falsa che sia, non importa) bisogna ribadirla più e più volte. È quello che fa ogni speaker durante un seminario, Joseph Goebbels ad ogni comizio, Einstein ad ogni lezione e via dicendo. Ma a questa legge segue un corollario molto più interessante ma meno scontato: le altre informazioni relative a quella notizia tendono ad essere dimenticate più facilmente di quelle non correlate ad essa. Questo fenomeno si chiama Retrivial-induced forgetting (RIF).

Per esempio, quando usate un’altra lingua per un certo periodo di tempo e poi vi rendete conto di aver scordato come si diceva una certa cosa nella vostra madre lingua. È un effetto pratico del Retrivial-induced forgetting. La nuova lingua non vi farà scordare chi era l’allenatore dell’Italia campione del Mondo nell’82, ma magari non saprete più come si dice in italiano “fenicottero” (che ora invece chiamate tranquillamente Fiammingo convinti che si dica proprio così!). Il motivo del perché esista un tale meccanismo (il RIF) non è chiaro. Qualcuno pensa che sia un meccanismo di difesa soprattutto in seguito a traumi. Ovviamente sostituiamo il ricordo del trauma con delle ricostruzioni “migliori” di eventi molto simili a quello accaduto ma non del tutto fedeli alla realtà, aiutandoci a superare quel momento.

Non divaghiamo però o vi scordate pure queste poche righe e devo ricominciare. Torniamo alla memoria e a come viene plasmata.

In un esperimento su come plasmare la memoria, del 2011, veniva mostrato un film a 30 persone divise in gruppi da 5. A distanza di 3 giorni, i 30 venivano interrogati singolarmente su alcune scene del film, giusto per capire cosa e quanto ricordassero. La maggior parte di loro ricordava bene la scena vista appena tre giorni prima. Dopo una settimana, quelle stesse persone venivano riconvocate e prima di chiedere di ricordare quella stessa scena, veniva mostrata loro una slide con le presunte risposte degli altri, ovviamente e volutamente false. La scena del film era un poliziotto che arresta un uomo. Le risposte false (fake) parlavano invece di un bambino arrestato da un poliziotto. A quel punto, fino al 70% degli intervistati arrivava a cambiare la sua stessa versione. La prima volta l’avevano ricordata bene, ma dopo tre giorni e leggendo le risposte false degli altri, ritrattavano la loro stessa versione. Dopo altri 3 giorni - e qua viene il bello - quelle stesse persone venivano riconvocate e gli veniva detto che le presunte risposte degli altri erano state date a casaccio. Cioè, potevano essere vere come false, come a dire, non fate riferimento su quelle risposte, ma sulla vostra memoria. Il risultato, anch’esso interessante, era che fino al 60% degli intervistati confermava la sua nuova versione: il bambino era stato arrestato dal poliziotto. Anche se sbagliata, anche se qualcuno gli aveva fatto notare in precedenza che poteva essere errata, per loro, ormai, quella era stata la scena reale vista al cinema.

La memoria è fallace ma, l’esperimento, mostrava un’altra cosa pericolosa: se vi confondono subito la memoria, poi sarà difficile correggere quell’informazione errata. E qua torniamo all’effetto del RIF: non sostituite la nuova informazione a discapito di un’altra a casaccio, ma di un’altra relativa alla nuova. Non smettete di ricordare il poliziotto che arresta qualcuno, ma sostituite il bambino all’uomo. Taaac, fregati. Era il bambino o l'uomo? Dovete scrollate in alto per rincontrollare e non sono manco 30 secondi dopo averla letta.

Ora, il passo successivo avvenne nel 2015, quando gli psicologi Alin Coman e William Hirst mostrarono come una persona tendeva più facilmente a dimenticare o plasmare i propri ricordi/esperienze a favore di nuovi ricordi quando parlava con qualcuno che faceva parte del suo stesso gruppo, piuttosto che con uno sconosciuto, un outsider. La “convergenza della memoria”, avveniva più facilmente stando all’interno di uno stesso gruppo sociale che non tra differenti gruppi sociali. Sarà più facile che un no-vax convinca un altro no-vax a non prendersi manco la Tachipirina perché il nipote è diventato Down alla terza supposta di fila, piuttosto che Burioni che no vabbé, lasciamo perdere.

Infine, l’esperimento fatto per capire il peso che hanno i social network sulla nostra memoria collettiva.

Nel 2016, alla Princeton University, hanno preso 140 partecipanti e poi hanno creato gruppi di 10 persone. L’esperimento consisteva di 4 fasi:

1. Ad ogni gruppo da 10 davano informazioni su 4 volontari di un’ipotetica forza di pace.

2. Ogni partecipante veniva poi interrogato, singolarmente, sulle informazioni memorizzate al punto 1. Ovviamente gli veniva dato il nome del volontario e lui rispondeva su cosa ricordava di quel volontario.

3. A quel punto, i singoli partecipanti dovevano ricordare le informazioni scambiandosele con gli altri del loro gruppo ma in modalità one-on-one, tramite chat online e con un massimo di altre 3 persone.

4. A questo punto, ogni singolo partecipante veniva di nuovo interrogato, singolarmente, sulle informazioni memorizzate al punto 1.

Ora, le interazioni all’interno dei gruppi da 10 venivano effettuate in due modi: la prima (clustered), creando due sotto gruppi di 5 persone, dove solo 1 per sottogruppo aveva uno scambio con l’altro (parte alta della foto - Clustered). La seconda, invece, si faceva in modo che un po’ tutti potevano interagire tra di loro (parte bassa della foto - Unclustered).

Il risultato era che, nonostante i singoli partecipanti del gruppo ricordassero piuttosto bene ogni notizia riguardante i 4 ipotetici volontari, i gruppi clustered (quelli cioé con 2 sottogruppi da 5) tendevano invece a convergere su dei fatti alternativi (alternative facts) riguardanti i 4 volontari. Sì, insomma, i sottogruppi si convincevano, o se vogliamo, si creavano una memoria collettiva che includeva anche alcuni fatti non veri riguardi i 4 volontari.

Secondo il ricercatore Coman, il weak links tra i due subgruppi è il responsabile della formazione della memoria collettiva nel sottogruppo. Ovviamente, anche il tempo è un fattore critico. Un’informazione introdotta, attraverso il weak links, immediatamente prima dell’inizio del processo di scambio d’opinioni, all’interno del sottogruppo, avrà più probabilità di successo. Una volta che il sottogruppo è d’accordo su un fatto, difficilmente cambierà idea su quel punto. La memoria collettiva diventa alquanto resistente ai cambiamenti esterni e questo perché condividere un ricordo aiuta a fortificare il gruppo e a prenderci cura ognuno dell’altro. Ovviamente, l’esperienza diciamo “epica” aiuta un tale meccanismo: una guerra, una migrazione ecc., creano un ricordo di gruppo più forte.

Per questo che mettersi a commentare una discussione su Facebook (o qualsiasi altro social network), con il tentativo di far cambiare idea a qualcuno, o peggio ancora, di instaurare un dialogo in contrapposizione ad un gruppo è inutile e vi rende i nuovi Don Chisciotte contro i mulini a vento. Con la differenza, però, che i mulini non vi insultavano la mamma.

 Today was a great day.

 I was in my psicology class on the college, and the teacher sent us to a LGBT+ people event. They made a “lets go out of our closets” , where the people on the campus could walk into the stage and be free to reveal who they really are.

 I tought I was alone, that I would never find a non binary person in my city. I tought nobody would ever understand. Today I found three persons like me.

 For the first time, I walked into a stage and told in front of a crowd who I was. And they applauded. A boy hugged me. The non binary persons asked me to join their whatsapp group. 

And then I came home, and my one of my best friends Chris asked me what pronouns should she use. I am so happy, cause more than ever, I feel that I exist, that im valid, people know who I am. And they like it.

 Today was a great day, and maybe someday now I can tell my family about it. 

13 reasons why

C’è qualcosa di estremamente colpevole in ognuno di noi.
Allo stesso tempo, c’è qualcosa di estremamente innocente in ognuno di noi.

In Italia sei conosciuto come TREDICI ma hai invaso il tempo libero di molti in tutto il mondo, stando agli apprezzamenti ed ai likes sui social e community. Ho letto solo critiche positive fin’ora ed i commenti più frequenti vertono tra il « è tosta… un dramma!… ma non riesco a smettere » oppure « è una psico-droga! E’ una depressione continua, ma guardalo! ».

Cara Hannah Baker, 
la tua storia sta saltellando ovunque e chiunque ne parla. Hai spaccato lo schermo -e non intendo il gergo televisivo- intendo proprio dire che hai frantumato la parete invisibile che divide la realtà dalla finzione ovattata che di solito si vede in TV. Non c’entra se l’ambientazione è americana, se i teenagers guidano l’auto, se organizzano feste grandiose, perché i problemi sono identici anche in Italia. Qui ci hanno fatto credere di portare avanti una campagna contro il femminicidio per circa un mese, ma apro un sondaggio: chi ne è rimasto veramente colpito? Chi si è soffermato a rifletterci veramente e a parlarne? Spero che nelle scuole, almeno qualcuno, abbia tentato.

Hannah la tua storia è intensa, cruda e bella quanto la nostra bella società. Non intendo aprire una critica antropologica o sociale, dico soltanto che Netflix ha investito in un progetto educativo. Non è il solito intrattenimento. Il thriller psicologico di Hannah Baker è il risultato di una cooperazione tra psicologi e terapeuti abituati a lavorare con giovani in situazioni difficili, un team di producers decisi a mostrare la realtà ed a far parlare oltre che riflettere. Ogni dettaglio, ogni scelta, insegna qualcosa attraverso il linguaggio più apprezzato dal target di riferimento. Giovanissimi che parlano a giovanissimi. Compagni di scuola, di cazzate serali, attraverso l'impegno di un cast artistico e tecnico totale. Non avrei mai creduto che per quella protagonista fosse il primo ruolo, che la maggior parte di quegli attori siano sconosciuti, o che la fotografia non sia opera di un premio Oscar. Questo lavoro mostra la passione nei dettagli e se così non fosse stato non avrebbe ottenuto così tanto, né sarebbe riuscita nell'indegno compito di dimostrare quanto la famosa terza legge della dinamica sia reale: a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Ovviamente detta in sintesi. Ne origina un effetto farfalla, un caos sensibile interno ed esterno alla narrazione.

Tanto bella quanto difficile.
Si ride, si piange, io ho singhiozzato e non mi era mai successo prima.
La natura umana articolata in tredici racconti spietatamente pragmatici, difficili da digerire, eppure tutti conosciamo la terribile conclusione. Hanno un finale scontato? Non lo definirei affatto così, del resto il finale si scopre sin dalla prima mezz’ora del primo episodio eppure continui a guardarlo ed alla fine, quando senza filtri né riserve scopri come sono andate le cose, ti svuoti. Solo allora le emozioni prendono il sopravvento e per quanto si possa reagire diversamente, tutti siamo invasi da un carico emotivo non indifferente. 

Le tredici ragioni vanno ascoltate per essere comprese, non c’è niente che io possa dire per convincere qualcuno a viverle. Sono difficili. Spiazzante è la bellezza di questa serie la cui verità sconvolge. Limpida e in stereo. Simpatico no? Siamo un po’ tutti Hannah Baker quando voltiamo lo sguardo, chiudiamo la bocca, tappiamo le orecchie, lasciamo qualcosa o qualcuno dentro di noi morire a piccole dosi.

C’è bisogno di ricordare che oltre la quotidianità c’è un’anima che si muove e compone l’umanità?

Cari adulti,
Non riuscite a vederlo? Siete così ciechi? Non riuscite a capire quello che sta succedendo?
Piuttosto che “parlarci” dicendoci sempre le stesse cose, raccontandoci cosa è bene e cosa è male, fermatevi un secondo e guardateci negli occhi, forse anche noi abbiamo qualcosa da dire, qualche storia da raccontare.
Non riuscite ad accorgervene? Siamo così fragili e incompresi, tutto il mondo ci è contro.
“Gli adolescenti di oggi non sono più come quelli di una volta.” Questo è il vostro motto di battaglia…
Guardatevi intorno piuttosto che stare sempre a giudicare, aprite gli occhi. Vedrete una generazione distrutta dagli ideali di bellezza che non le appartengono, distrutta dal fumo e dalla droga, con i cuori spezzati, frantumati, una generazione che non vuole più essere accompagnata dai genitori, che vuole fare tutto da se. Siamo una generazione andata, spietata, siamo quelli che hanno paura di gettarsi tra le braccia di qualcuno e amare, ma che ha il coraggio di riuscire a gettarsi da un grattacielo e finire la propria vita lì. Siamo questo sostanzialmente, siamo quelli che piangono la notte, che non vogliono andare a scuola, che hanno sempre fame, che ascoltano troppa musica. Siamo quelli dei jeans strappati, quelli che vanno a braccetto con anoressia e depressione.
Lo vedete questo? Riuscite un attimo ad aprire gli occhi e rendervi conto di quanto ci avete portato in basso?
Cari adulti, noi stiamo affogando in un'epoca che ci sta male addosso, vorremmo andare via ma nessuno ce lo permette, vorremmo che voi riusciste ad aprire quei fottuti occhi e capiste che noi vogliamo solo parlare con qualcuno dei nostri problemi, ma non con psicologi o che so io, vorremmo parlare con qualcuno che ci possa capire e sfogarci in qualche modo senza essere giudicati.
Questo mondo però non che lo permette, voi non ce lo permettete.
Ormai siamo troppo oltre, adolescenti eternamente giudicati e nel peggiore dei casi odiati, ma che ci possiamo fare noi? Piccole particelle in questo universo così grande?
Abbiamo bisogno di sparire per un po’, riuscite a capirlo questo?
Non saremo mai come volete voi, ricordatevelo.
Siamo troppo diversi, le nostre idee sono troppi incongruenti…
Come potrebbero mai combaciare due cose completamente opposte?