pressenza

Di quale spread stiamo parlando?

Dario Lo Scalzo

Nel corso dell’anno che volge al termine anche i meno attratti dal mondo finanziario hanno imparato a “convivere” con lo spread e gli altalenanti andamenti finanziari che sono stati il tema prediletto di tutti i canali mediatici.

External image
Image by: Creative Commons

Pressenza Internet, 12/22/11 Si è trattato di un vero e proprio pressing mediatico a tutto campo; d’improvviso lo spread è stato sulla bocca di tutti anche di coloro che tuttora ignorano cosa sia esattamente.

Lo spread ha posto fine al berlusconismo, lo spread ci ha portato a cogitare diverse manovre finanziarie, lo spread ha sancito la fine, si spera transitoria, della sovranità popolare e dell’esercizio della democrazia, sempre che, in passato, ne fossero rimaste ancora delle orme. Insomma indiscutibilmente è stato l’anno dello spread. The winner is lo spread !

In seguito, dallo spread si sono aperti definitivamente gli occhi del cittadino sul debito pubblico, storia pluri-decennale di una convivenza sinora alquanto tollerata, endemica e anche un po’ marginalizzata nella storia della nostra nazione.

Oggi la mia attenzione è per un altro spread, quello tra i ricchi ed i poveri del nostro pianeta. E’ uno spread non legato a un indicatore telematico ma ad uno stato di fatto, la realtà.

Recenti dati pubblicati dall’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) evidenziano come il gap tra ricchi e poveri sia ai più alti livelli. Sono 1,2 miliardi le persone che vivono con meno di un dollaro al giorno e metà della popolazione mondiale (7 miliardi) tira a campare con meno di $2 al giorno. Il reddito disponibile dalle persone è uno dei criteri-indicatori che permettono di stabilire le soglie di povertà e l’incidenza del rischio povertà, ma, al di là dei soldi, pensiamo per un attimo a tutto ciò che realmente vuol dire quel tipo di dato: esclusione sociale, malnutrizione, malattie, carenza di servizi, condizioni igieniche raccapriccianti, analfabetismo, disoccupazione e la lista potrebbe essere molto lunga, in breve assenza e privazione di dignità della persona.

E’ bene ricordare che questi dati non riguardano solamente l’africano del Congo o l’indigeno del Perù, ma includono le povertà e le condizioni di marginalità del cosiddetto mondo sviluppato, si, quelle del vicino che non salutiamo giornalmente sotto casa o di quell’altro che da qualche mese va a cenare alla mensa della solidarietà.

Alla ricerca dell’equità mi ritrovai per la selva dell’iniquità.

In nome dello spread mediatizzato, per intenderci quello vincitore dell’oscar 2011, si fanno salti mortali, si preparano contromisure e riforme, manovre e contromanovre; per lottarlo, per ridurlo, per “salvare”. Ma salvare chi ?

L’abile manipolazione di pochi colpisce e reprime l’essenza del nostro esistere: il rispetto, la dignità della persona e la protezione dei diritti umani. E così dietro quello spread vengono generati iniquità, ingiustizie sociali, si marcano ancora più nettamente le disparità e le differenze, si calpesta persino la Costituzione che sancisce il diritto della personalità, la centralità della persona.

E navighiamo nella retorica, nella falsità e nel limbo di un’apparenza non più accettabile. Da un lato, nel mondo parallelo dell’Unione Europea si dichiara il 2010 “anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale” ma poi si accondiscendono le riforme anti-costituzionali, la sopraffazione della democrazia, le logiche affariste e, in soldoni, le politiche di incentivazione delle marginalità.

Dall’altro, da lustri ormai, gli organismi internazionali ed i potenti del mondo, portano avanti, in modo più o meno serio, diverse strategie a livello planetario per lottare la povertà. Pochi i risultati salienti ed invece tali decisionisti burattinai sembrano remare contro, seminano involuzione, programmano recessioni, pianificano il quieto vivere di pochi e l’infelicità della moltitudine.

Occorre svecchiare la classe politica, bisogna introdurre nuovi principi e valori permeati sul bene comune, occorre coltivare la cultura dell’attivismo, del non delegare e del partecipare in prima linea alla trasformazione. Ma in primis, oggi, è il momento del “rendere visibile”, di informare, di mettere a fattore comune per fare conoscere e generare consapevolezza sulla quale fondare la rigenerazione popolare. Nel 2012 partiamo dunque da questo nuovo spread !

youtube

(via https://www.youtube.com/watch?v=4tJwDCfd92g)

pressenza.com
Tomás Hirsch: mientras el gobierno chileno no cambie el rumbo, le seguirá explotando en la cara esta crisis - Pressenza
Hoy, en el programa radial transmitido por Radio Universidad de Chile, Tomás Hirsch se explayó en su análisis sobre el cambio de gabinete que realizara esta mañana Michelle Bachelet, luego de haber solicitado las renuncias a todos sus ministros hace varios días. Así dijo el personero humanista: “Finalmente se hizo el esperado y muy, muy …
pressenza.com
Octubre once, doce… y trece - Pressenza
El 11 de Octubre es reivindicado y celebrado simbólicamente por muchas comunidades y colectivos como el último día del Abya Yala libre – según la denominación del pueblo kuna – previo a la invasión colonial de los imperios europeos en la región que luego – en idiomas hasta entonces desconocidos allí – sería rebautizada como "America" …

El 12, en cambio, es un día de lucha por la reparación histórica de los crímenes cometidos contra las culturas originarias. Es una fecha que indica la necesidad de recordar y reparar el agravio al que los habitantes de estos lugares fueron sometidos por parte de afiebrados conquistadores, de monarquías depredadoras y de una iglesia en severa decadencia, que legitimó tal fechoría, imponiendo su culto extranjero por la fuerza y pretendiendo suplantar la espiritualidad desarrollada y presente en las etnias aborígenes. 

I motivi della morte di Giulio Regeni

I motivi della morte di Giulio Regeni

[ad_1] I motivi del perché della morte di Giulio Regeni, articolista del Manifesto, testata con la quale noi di Pressenza collaboriamo, sono da ricercarsi, tra le pieghe di quello che in Egitto, nel totale silenzio sta accadendo. Vanno ricercati tra i perché della morte di una giovane donna di 32 anni, ammazzata dalla polizia, sotto gli occhi del marito, con un colpo di fucile, uccisa con un…

View On WordPress

pressenza.com
#EstePolvoTeMata se toma Antofagasta y da ultimátum de 15 días al Gobierno de Chile - Pressenza

La convocatoria del Movimiento logró reunir a más de 10 mil manifestantes que exigen el traslado de las operaciones de Antofagasta Terminal Internacional (ATI), del grupo Luksic, fuera del puerto de la ciudad. El grupo Luksic enfrenta con seguridad la mayor crisis de su historia en Chile, provocada por el empoderamiento de una ciudadanía cansada …