pomigliano

Ichino

Ieri ha fatto molto discutere sui vari social network l'articolo di Ichino. Questo. La mia impressione è semplice. L'impressione è che Ichino stia parlando a tutte le persone non interessate direttamente per “convincerle” che tutto sommato Marchionne non è per niente cattivo “con loro” e non è la soluzione peggiore, sempre “per loro”. Insomma Ichino parla a noi, lo scopo pare sia quello di farci dire a tutti, “ecco, vedi, quelli di Pomigliano non devono tanto rompere i coglioni. Vedi, lo spiega bene… Ichino”. Ichino ci riesce sempre in questa operazione di mettere una parte d'italiani contro un'altra parte d'italiani che a torto o a ragione stanno cercando di far valere i loro diritti. Ichino tocca le corde giuste. Comunque la sua operazione è sibillina. Perchè mi vuoi convincere su Pomigliano? Perchè parli a me? Per questa ragione credo che la risposta giusta sia davvero semplice. Bisogna lasciare a quelli di Pomigliano e a tutti quelli che protestano il diritto di pensare di essere nel giusto senza un Ichino che ci viene a suggerire cosa dobbiamo pensare noi di loro. Siamo adulti, non siamo bambini, caro Ichino. Se proprio ci tieni, vai e parla con loro, direttamente, non attraverso editoriali scritti alla moglie per farli arrivare alla suocera. E’ infantile.