politticos

3

Gerardo Dottori, Polittico della Rivoluzione fascista[Foto: Marco Linguardo©]

Il Manifesto del Futurismo apparve in anteprima sul Giornale dell’Emilia di Bologna, in data 5 febbraio 1909.

Con il titolo Manifesto iniziale del Futurismo fu pubblicato in francese sulla prima pagina del quotidiano Le Figaro di Parigi il 20 febbraio 1909. Avendo così diffusione mondiale.


Le Manifeste du Futurisme a été publié dans Le Figaro, le 20 février 1909, à Paris.

4

Antonio (Murano 1420 ca.-Venezia 1484) e Bartolomeo Vivarini (Murano, 1430 circa – dopo il 1491)
Polittico della Certosa
1450, Bologna, Pinacoteca Nazionale
tempera su tavola, 393 x 263 cm
-
Giovanni Bellini (Venezia 1433-1516)
Pala di San Zaccaria
1505, Venezia, S. Zaccaria
olio su tavola trasportata su tela, 402 x 273 cm
-
Giorgione
(Giorgio Barbarella, Castelfranco Veneto 1478 ca – Venezia 1510)
Pala di Castelfranco
1502-04 ca, Duomo di Castelfranco Veneto
tempera su tavola, 200 x 152 cm
-
Palma il Vecchio (Jacopo Negretti, Bergamo 1480 – Venezia 1528)
Sacra Conversazione
1525 ca, Napoli, Museo di Capodimonte
olio su tavola, 131 x 194 cm
-

Oggi quattro quadri ar prezzo de uno, ma nun te preoccupà che ‘a faccio breve. Stamo in zona Venezia, città lagunare portuale e traffichina, tra metà Quattrocento e metà Cinquecento, e vedemio come cambieno ‘e pale d’artare.
‘A più antica è un polittico vecchio stile, che già l’amo visti questi qua fatti a scomparti tipo carte da gioco, caa madonna ar centro e li santi de qua e de là belli ordinati ognuno drento ar riquadro suo come che fosse no schedario fondo oro e merletto tardogotico.
Ai primi der secolo dopo, vedemio che ‘a cornice s’allarga e ‘o spazio diventa uno solo, e li santi piano piano s’avvcineno. ‘A Madonna sale un gradino più in alto perché vabbè che amo aperto ‘e frontiere però statevene ar posto vostro e nun ve scordate chi sò io; e i santi se metteno in posa tipo foto de classe, metà de qua metà de là, sciorti ma non troppo, rispettosamente in piedi anche se un po’ se ponno move, e comunque sempre in ordine e simmetria. Bellini tii piazza drento no spazio prospettico bello rinascimentale tipo chiesa; er Giorgione osa un po’ de più, tii mette sì in posa ma come a na specie de terazzino aperto su ‘o sfonno, che se vede er paesaggio. E’ come si sentissimo che sti santi vonno uscì, se sò stufati de sta in piedi a lato Madonna a regge stendardi, calici o corone, e vonno esse libberi.
E finarmente ce riescheno. ‘A pala d’artare se trasforma in Sacra Conversazione, tipo qui Parma er Vecchio (che nun è nato Vecchio ma se chiama così pe distinguelo da Parma er Giovane) che finarmente a sti santi je dà er pomeriggio libbero, ‘i porta in campagna, ‘i fa mette a sede,  come che stessero a fà un Sacro Picchenicche. E ‘a Madonna je fa a Giovanni Battista: “Bada, chi ha preparato i panini e tutto? Chi devo ringrazià, chi paga?”, e lui je indica i donatori, che manco a dì, mo se metteno a sede pure loro e se fanno sto pranzo ar sacco co Maria, santi vari e Bambin Gesù, a tu per tu, ar fresco e in sciortezza.