Potevano sembrare imperfetti agli occhi di tutti, eppure insieme erano poesia.
—  ibattitidelcuore

Mi piacciono gli uomini, quelli che non urlano le proprie ragioni.
Le fanno valere, in silenzio, dignitosamente.
Mi piacciono gli uomini, che usano le mani,
per accarezzare.
Mi piacciono gli uomini che usano le braccia per proteggere
e la forza ce la mettono tutta, solo per risollevarti il cuore.
Mi piacciono gli uomini che si imbarazzano
ma scelgono sempre una rosa per farsi perdonare.
Mi piacciono gli uomini che sorprendono,
con un bacio in un mare di affanni.
Che ti tengono stretta da dietro, senza farti mai male.
Che si arrabbiano ma solo per paura che tu possa decidere di non restare.
Mi piacciono gli uomini che hanno coraggio.
D'amare.
Una donna.
Semplicemente.


Mi piacciono le donne quelle belle da fare male.
Quelle dagli occhi sorridenti
e il coraggio sulle labbra.
Mi piacciono le donne che sanno fare i conti con il proprio dolore
e lo fanno sole.
Senza disturbare.
Mi piacciono le donne che seducono con la mente
e ti spogliano con le parole.
Mi piacciono le donne che vestono dignità.
Mi piacciono le donne quelle che hanno imparato che la
bellezza risiede in posto assai diverso dalla pelle.
Quelle che si fanno pettinare dal vento e che profumano di mare.
Mi piacciono le donne.
Quelle belle, da fare male.
Mi piacciono le donne che sono Donne.
Con eleganza.
Semplicemente.
Daniela Sasso © #me #writer #poesia #poeti #poesiaitaliana #scrivere #scritti #danielasasso #buongiorno #buonanotte #instagram #insafollow #aforismi #citazioni #frasi #pensieri #donne #uomini #lettureitaliane #parole

Tutto quello che non sei

Tu non sei i tuoi anni,
né la taglia che indossi,
non sei il tuo peso
o il colore dei tuoi capelli.
Non sei il tuo nome,
o le fossette sulle tue guance,
sei tutti i libri che hai letto,
e tutte le parole che dici
sei la tua voce assonnata al mattino
e i sorrisi che provi a nascondere,
sei la dolcezza della tua risata
e ogni lacrima versata,
sei le canzoni urlate così forte,
quando sapevi di esser tutta sola,
sei anche i posti in cui sei stata
e il solo che davvero chiami casa,
sei tutto ciò in cui credi,
e le persone a cui vuoi bene,
sei le fotografie nella tua camera
e il futuro che dipingi.
Sei fatta di così tanta bellezza
ma forse tutto ciò ti sfugge
da quando hai deciso di esser
tutto quello che non sei.

-Ernest Hemingway

Guardi, improvvisa, lontano.
Fissi lo sguardo lì, su qualcosa,
non so che, e scatta subito
a carpirla la tua anima
affilata, di saetta.
Io non guardo dove guardi:
sto vedendo te che guardi.
—  Pedro Salinas, estratto poesia XXXIV da “La voce a te dovuta”