pensieri parole opere omissioni

; April 21st, 2770 Ab Urbe Condita

  It begins with two brothers, an origin tale of glorious roots and mythical foundation; one that rarely features harmony in the place of discord, trust in the place of fear, pure springs in the place of pools of blood, fraternal love in the place of hatred. Greed, not Pride, is the true root of all evil, for the latter follows the former, but the former holds fast to the heart of all sentient creatures. Humans, most of all: but not all those who appear human are as such; divinity is but another word to loosely describe those who live above the empirical laws of mankind - they aimlessly float above it, inhabiting the mysterious planes of the metaphysical. 

 Who are those gods, monsters whose hearts are tainted by emotions, virtues and vices, just as profoundly as their empirical counterparts? Who live amongst, above, below, beyond them, equally searching for a purpose in their eternal existence? 
 History, the greatest teacher of all, tells of how tragedy befalls those who fall under the spell of the tempest of emotions. The more power one holds, the more dire the consequences of their actions, driven by most selfish instincts - desires. The thread of equilibrium is thin, too easily snapped. The scales may tip, ever so slightly, sending rippling cracks across the mirrored surface of the fraternal bond. Then, the point of no return: Fratricide, the perversion of the sacred link between blood brothers.

 Cain and Abel, Hodr and Baldr, Seth and Osiris, Eteocles and Polynices, Arjuna and Karna, Romulus and Remus.

 One was to prevail over the other, and write the tragedy-ridden course of history in blood. Some nod their heads solemnly, calling history the complex tapestry of destiny, and its players mere pawns weaved into it.

  Others learn from those they deem mistakes, and choose to fight for harmony, to coexist and cooperate, to overcome the differences, to never repeat them again. An eternal warfare declared on their darkest instincts, the struggle of a lifetime, a path infested with pitfalls.

  Love, ever battling with resentment, admiration with envy, tenderness with anger, equality with inadequacy, partnership with competition.

Castor and Pollux, 

       Romano and Veneziano.

  “Why wish a happy birthday to someone who has been long dead?
Your distant, fading memory and the smell of blood and steel is all I hold dear, and all I have left of you.

Ave atque valē, ave.”

Nichilismo

Allorchè mi capitò di girarmi a guardare tutto quel che avevo vissuto e pensato fino al momento dell'atto in sè. Vuoto. A girarmi vidi niente più che anni di vuoto. Vuoi per un motivo o per un altro, ma in quel preciso istante in cui mi girai non fui capace di assegnare un qualche valore, seppure il più futile, alla molteplicità di eventi, fatti, azioni, litigi, ingiustizie avvenute fino a quel momento. Fu come prendere coscienza che fino a quel momento, fino al momento in cui voltai il capo sul cammino compiuto, io non avevo vissuto nulla, non avevo fatto nulla e non ero stato nessuno. E’ una situazione singolare, special modo se sai che in realtà fino a quel particolare momento gli eventi si sono susseguiti numerosi, con tanto di conseguenze. Tutte quelle cose però ora, e con ora parlo del momento dell'atto, sono vuote. Ecco. Questo è ciò che io intendo per Nichilismo.

Ascesa e caduta di Ronnie il Rosso

È il 1993, ho 13 anni, frequento la scuola media e i miei indiscutibili eroi sono Albertino, Fargetta e Molella, animatori dei miei pomeriggi dalle 14 alle 15 con il loro Deejay Time dal lunedì al Venerdì e il Sabato dalle 14 alle 16 con l’imperdibile Deejay Parade. Mi piace la musica tunz tunz e vivo appieno l’esplosione della dance italiana nel mondo, io vivo Freed from desire, io vivo Bon tiki tiki tiki bon tiki bon, e vivo the rythm of the night anche se vado a dormire rigorosamente ogni sera entro le 10.

Solo due anni dopo Albertino, Fargetta e Molella vengono spazzati via da un’ondata rock’n’roll inarrestabile scatenata da quello che per qualche anno sarebbe stato il mio mentore, il mio indiscusso consigliere musicale e, non fatico ad ammetterlo, uno dei miei migliori amici: Red Ronnie. Capirete che la mia adolescenza è stata particolarmente difficile, se una delle migliori amicizie che avevo era Red Ronnie, al secolo Gabriele Ansaloni, nato a Pieve di Cento il 15 Dicembre 1951, Sagittario.

È il 1995 e guardo tutti i giorni Red Ronnie su Videomusic rinviando l’ora di fare i compiti a casa e scopro mondi magici, scopro internet perché Red è il primo ad avere una chat in diretta con gli ascoltatori quando ancora da me non è possibile neanche pensare di collegarsi a internet a causa della vetustà delle centraline telefoniche della zona molto depressa del Paese in cui vivo.

Una volta ricordo che mentre inquadravano il monitor in trasmissione e scorrevano i messaggi sulla chat uno spiritosone scrisse, tutto in maiuscolo e ben visibile, un bestemmione. Fu una deflagrazione. Io nel 1995 frequentavo in maniera militante l’Azione Cattolica e sapevo che la bestemmia era punibile come peccato in pensieri, parole, opere e omissioni, ma non sapevo ancora se fosse consentita per via telematica. Mi sarebbe servito rapidamente un aggiornamento con il mio parroco di fiducia ma intanto, nel dubbio e in attesa della nuova release del catechismo della chiesa cattolica 2.0 che includesse anche i peccati a mezzo internet, continuavo a vedere Red Ronnie.

Da lui passano tutti, prima di MTV e prima di Youtube per noi adolescenti dei ruggenti Novanta c’era solo Red Ronnie a illuminarci, a farci scoprire mondi nuovi, Red Ronnie era la nostra Woodstock personale, il nostro piccolo mondo di ribellione, il nostro grande sogno americano in diretta dagli studi di Casalecchio di Reno.

Poi, all’improvviso, il rincoglionimento.

Nel 1991 Red aveva deciso che la carne faceva male ed era diventato vegetariano. Lo accetto, è una scelta coerente, va bene, non vuoi mangiare gli animali Red? Non c’è problema, rimango con te in ogni caso, magari eviterò di invitarti alla grigliata di Pasquetta ma in ogni caso siamo ancora amici Red, vai tranquillo, mangia pure le tue zucchine e continua a farmi scoprire il rock’n’roll.

Nel 1995, Red aveva deciso che anche tutti i derivati dagli animali facevano male, ed era diventato vegano. E vabbè, non c’è problema Red, se tu dovessi capitare in visita a casa mia nasconderei anche le mozzarelle e il formaggio a pasta filata Galbanino di cui sono goloso ma non credo ti capiterà mai di passare in Calabria, fammi solo scoprire il rock’n’roll Red Ronnie, parlami di Hendrix, parlami di quella volta in cui commentasti gli scontri di piazza a Bologna, parlami dei punk londinesi del 77 mentre mangi il tuo cazzo di seitan Red, chissenefrega se consideri peccaminosa anche la frittata, siamo amici ugualmente, vai tranquillo.

Nel 1996 Red Ronnie decide che anche lo zucchero fa male, solo che in questo caso non esiste un aggettivo che descriva chi rinuncia allo zucchero e quindi lo chiameremo convenzionalmente: Amareriano.

“Lo zucchero fa male!” Sentenzia Red Ronnie. “Vi vengono gli sfoghi sulla pelle, è come una droga, basta con lo zucchero, basta caramelle, basta dolciumi, ragazzo, butta quel cucchiaino, oggi metti lo zucchero nel caffè domani sei schiavo dell’Eridania, fidati di me che sono Red Ronnie al secolo Gabriele Ansaloni, 15 Dicembre 1951, Sagittario!”

Fu allora che cominciai a non crederti più, Red Ronnie. Cioè, hai comprato la chitarra di Jimi Hendrix, uno che si è sparato più droghe lui che tutti gli adolescenti di Scampia messi assieme, e me la vieni a menare con lo zucchero semolato? Hai intervistato Mick Jagger, quello che cantava le lodi dell’eroina chiamandola Brown Sugar, e rompi a me il cazzo per la canna da zucchero?

C’è qualcosa che non quadra Red, la nostra relazione si sta incrinando pericolosamente amico mio, il nostro rapporto sta prendendo una inarrestabile china discendente, caro il mio Red Ronnie al secolo Gabriele Ansaloni, 15 Dicembre 1951, Sagittario.

Con Red ci perdiamo di vista definitivamente nel 2000. Non frequento più il Roxy Bar, mi sono trasferito in un posto in cui c’è internet che mi racconta cosa succede nel mondo e ci sono molti altri intellettuali, tra l’altro carnivori, che mi raccontano cosa succede nel mondo della musica mondiale. Ho smesso anche di mettere lo zucchero nel caffè, è vero, ma Red Ronnie non c’entra con tutto questo, anche se ogni tanto quando bevo il mio caffè amaro penso ancora a lui. Di lui perdo le tracce, non lo seguo più, chissà che farà Red, il mio ormai ex amico Red Ronnie, chissà cosa avrà smesso di assumere adesso, dopo aver smesso con la carne, i derivati animali e lo zucchero. Magari adesso non mangia neanche più i carboidrati, oppure le Goleador alla liquirizia, oppure le unghie, chi lo sa?

Poi, un giorno, sento di nuovo parlare di te, Red Ronnie, al secolo Gabriele Ansaloni, 15 Dicembre 1951, Sagittario. Nel 2008 diventi consulente di Letizia Brichetto Arnaboldi, 26 Novembre 1949, Sagittario pure lei, meglio conosciuta come Letizia Moratti, sindaco di Milano.

In quel momento mi si chiarisce tutto, ogni cosa è illuminata. Ogni dubbio viene spazzato via e la verità si rivela di fronte a me in tutto il suo splendore.

Dopo la carne, i derivati animali e gli zuccheri, Red Ronnie ha smesso definitivamente con il buon senso. Dopo essere diventato Vegetariano, quindi Vegano e infine Amareriano, Red Ronnie, al secolo Gabriele Ansaloni, 15 Dicembre 1951, Sagittario, è diventato, innegabilmente, un coglione.

Avviso ai miei followers

Mi sono decisamente rotta di sentir chiamare l'Italia Mafialand e i popoli slavi Yugo Scheisse.

Se fra qualche giorno sentirete al tg di una ragazza italiana che ha picchiato selvaggiamente degli svizzeri, vi autorizzo a dire ai giornalisti “la seguivo su Tumblr, era una brava ragazza.. salutava sempre.

idee brillanti...

Facendo quattro conti, ora che ho solo un lavoro part-time, mi sono detta “beh, potrei riprendere a dar lezioni private”. 

Le ultime esperienze furono devastanti, provavo simpatia e solidarietà nei confronti di quei professori che sclerano e smollano ceffoni agli alunni. Eppure ero convinta, chissà perchè, che stavolta le cose sarebbero andate meglio.

Mi vergogno a dirlo, ma oggi, dopo aver tentato di tutto, ho dovuto utilizzare il cartone animato Ercules per far capire l'apeiron di Anassimandro alla capra lobotomizzata che avevo davanti. 

Sono già pentita di aver deciso di sottopormi di nuovo a queste tempeste di tristezza.
E questo è solo l'inizio.

Il punto di vista di Ludovica
  • Ludo: chi sono quelli nella foto grigia?
  • io: questo è mio padre e questi sono i suoi tre fratelli, quando erano ragazzini
  • Ludo: sono bellissimi
  • io: grazie!
  • Ludo: prima i maschi erano tutti belli
  • io: ma gli uomini belli ci sono anche adesso, no?
  • Ludo: no, ora sono tutti cretini, e fanno un po' puzza. Se quando cresco puzzano ancora, mi sposo con una femmina.