ovunque io sia

Viaggeremo tanto io e te, voglio baciarti in tutti i posti più belli del mondo. Così saprai che non ti ho amata solo sempre, ma ti ho amata ovunque.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
Ovunque tu sia abbi sempre la consapevolezza che io sarò lì al tuo fianco.
—  ibattitidelcuore
Voglio non dovermi sentire inappropriato, inadeguato, fuori posto, voglio sentirmi a casa ovunque io sia. […]
Voglio prepararti la colazione senza dire una parola, tu che la mattina hai un rapporto con il mondo un po’ complicato, tra il caffè amaro e il pane tostato con il burro e la marmellata di fichi.
Voglio che provi a capirmi, anche se è difficile, a volte impossibile, voglio che tu mi dica che a volte non sai davvero il motivo per il quale stai con me, così saprò che è perché vuoi starci veramente.
Si ama davvero solo quando non si sa esattamente il perché.
Voglio le litigate, il confrontarsi a muso duro, voglio poter migliorare quei lati di me che mi rendono così complicato, voglio che tu possa dire “E’ la cosa più bella che mi sia capitata nella vita”.
Voglio portarti al Gianicolo in modo che Roma possa guardare te, e non il contrario.
Voglio un prato coperto di brina, io e te che ci scambiamo le canzoni.
Voglio stare sul divano con te a mangiare biscotti senza dover per forza poi spogliarsi, ci sono così tanti modi di fare l'amore.
Voglio che tu mi dica quanto sia insopportabile quando divento irascibile, quando sono intransigente, quando voglio far valere le mie ragioni nel modo sbagliato, non voglio che scappi, voglio che tu rimanga per rendermi ciò che meriti, senza cambiarmi.
Voglio le due di notte e il gelato alla vaniglia con gli smarties, voglio la tua espressione da bambina felice quando ti compro le caramelle gommose, tranne quelle alla coca cola, quelle fanno schifo.
Voglio osservare lo stesso paesaggio durante tutte le stagioni, insieme a te, per vedere come tutto cambia e si trasforma mentre tu sei sempre qui.
Voglio le incomprensioni e i chiarimenti sotto casa.
Voglio l'orgoglio, quello che fa male, e poi il desiderio di sentirsi, al diavolo tutto.
Voglio che ogni tanto mi scappi tra le mani, per provare come sarebbe la vita senza di te, e capire che non è che sia poi un granchè.
Voglio i miei amici a casa nostra, a cena, in terrazzo, tra un buon bicchiere di vino portato da uno di loro che non riesce proprio a presentarsi a mani vuote e una bottiglia della birra più comune.
Voglio che mentre ti aiuto a sparecchiare, uno di loro si avvicini e mi sussurri che non potrebbe essere più felice di così per me, e che sei una donna meravigliosa.
Voglio vederli scherzare con te; loro, la mia famiglia, che diventa anche la tua.
Voglio i momenti difficili, voglio poter dire che il nostro amore ce lo siamo costruito, che non lo abbiamo trovato già tutto imballato come i mobili dell'Ikea, abbiamo dovuto smussare qualche spigolo di troppo, aggiungere qualche vite, un paio di mensole per sorreggere il tutto.
Voglio il mare, la spiaggia, […] voglio prenderti di peso e buttarti in acqua, e io con te.
Voglio prevedere già la tua ordinazione quando andiamo al pub tutti insieme, voglio che ti senti libera di alzare il gomito e reggerti la fronte qualora il tutto degenerasse, tra una risata e un conato, e la consapevolezza di essere liberi.
Voglio i regali azzeccati, senza ricorrenze, voglio il dormire separati durante le notti estive e umide, e l'allontanarsi quando la mia coscia tocca per sbaglio la tua, che fa troppo caldo, cazzo, non si respira.
Voglio le canzoni Disney urlate a squarciagola mentre siamo fermi in mezzo al traffico, voglio i racconti della nostra giornata lavorativa, i consigli, gli sfoghi e una sigaretta insieme prima di andare a dormire.
Voglio farmi la doccia mentre tu ti lavi i denti, puntarti a tradimento il getto del phon contro il viso mentre mi asciugo i capelli, voglio i tuoi insulti coperti di dentifricio.
Voglio che tu non dipenda da me, e non io voglio dipendere da te, ma voglio che abbiamo bisogno l'uno dell'altro.
Non voglio essere il tuo mondo, voglio che il mio e il tuo si scontrino in diversi punti, ma non in tutti, voglio che rimaniamo noi stessi senza fare classifiche di priorità. Mi sono innamorato di te per com'eri prima che arrivassi io, e non voglio che questo cambi, non voglio soffocare i tuoi spazi.
Voglio odore di casa nostra.
Il tuo profumo addosso.
Voglio vedere cosa si prova a vedere il mondo affianco a te.
—  Tommaso Fusari. 

Ho lasciato andare la mia unica occasione di essere finalmente amata da qualcuno per inseguire quel sogno impossibile che ancora porta il tuo nome.

Quella consapevolezza che ovunque io vada il tuo ricordo non mi abbandonerà mai.
—  ibattitidelcuore
Vorrei non essere me.
Vorrei sentirmi all'altezza.
Vorrei parlare, ridere, scherzare, ballare e cantare senza sentirmi guardata, giudicata.
Vorrei non pensare più di non essere all'altezza della situazione.
Vorrei non essere me.
Vorrei - per una cazzo di volta - non sentirmi SEMPRE e COSTANTEMENTE in meno a chiunque abbia intorno, ovunque e con chiunque io sia.
Il vero amore è cercarsi in luoghi sconosciuti, per ragioni incomprensibili, perché si è sicuri di ritrovarsi sempre.
—  ibattitidelcuore