nuvol

“Accelera, accelera, accelera, accelera tantissimo, così tanto da far paura e, alla fine, come se fosse la cosa più naturale del mondo, si alza.
Senti che le ruote si staccano dal terreno, senti che stai volando.
Guardi sotto di te: casette, macchinine minuscole e campi colorati si snodano sotto i tuoi occhi.
Ed ecco il primo strato di nuvole: improvvisamente non vedi più niente.
In un battito di ciglia, però, ti ritrovi sopra di esse.
Ed ecco lo spettacolo che stavi aspettando: un immenso, candido mare di nuvole che si estende sotto di te, un mare di panna montata in cui vorresti buttarti.”
- @alwaysfallingirl (https://www.bombagiu.it/viaggiare-e-vivere/)

Creo que esto os va a hacer mucha ilusión. Siempre habéis dicho que #nuvol os recuerda mucho a #pulserasrojas, así que voy a estar el próximo Lunes en @etiquetats con los protagonistas de la serie cantando una versión acústica de la canción

Made with Instagram
Quando soffri, il cuore non lo senti più, come non senti nient'altro. Il vento leggero che ti scompiglia i capelli, le nuvole dalle forme bizzarre, il sole timido, i fiori fragili, le bolle di sapone, la delicatezza di un bacio soffiato, la torta della nonna non hanno nessun valore. Tutto sembra causarti un'insopportabile tristezza. Vorresti essere invisibile e lasciarti accarezzare soltanto dal silenzio, dal temporale e dalla solitudine; perché impari ad amare ciò che ti assomiglia, che credi possa capirti. Ogni risata non tua ti brucia sulle labbra, ogni carezza riporta a galla un ricordo e ogni secondo sembra non avere mai una fine. Pensi tante cose e tutte ti spaventano. Demolisci ogni contatto con la felicità. Non sogni più la notte. Ti vesti con la prima cosa che ti capita sottomano. Non curi la tua pelle e i tuoi capelli. Cerchi di mostrare al mondo le tue debolezze, e ci riesci. Però, ecco, volevo dirti di non accanirti contro il dolore perché ti farà apprezzare il buono, la gentilezza e la fragilità che sfugge quasi sempre agli occhi. Non avere paura. Adesso fa male - lo so bene -, ma nella sofferenza non spegnere mai il cuore. Non ripudiare la felicità degli altri. Non odiare chiunque solo perché non sei pronta ad amare. A cuore spento precludi alla vita di meravigliarti. E tu, credimi, hai bisogno che la luce ti scorra dentro per riuscire a sopportare il buio che ti annerisce ogni giorno di più.
—  Viviana V.
4

“Tra le nuvole e i sassi passano i sogni di tutti, passa il sole ogni giorno senza mai tardare. Dove sarò domani?
Dove sarò?
Tra le nuvole e il mare c'è una stazione di posta, uno straccio di stella messa lì a consolare sul sentiero infinito del maestrale.
Day by day hold me shine on me, shine on me. Day by day save me, shine on me.
Ma domani, domani, domani, lo so, lo so che si passa il confine e di nuovo la vita sembra fatta per te, e comincia domani.
Domani è già qui.
Estraggo un foglio nella risma nascosto, scrivo e non riesco forse perché il sisma mha scosso. Ogni vita che salvi, ogni pietra che poggi, fa pensare a domani ma puoi farlo solo oggi.
E la vita, la vita si fa grande così e comincia domani.
Tra le nuvole e il mare si può fare e rifare, con un pò di fortuna si può dimenticare.
Dove sarò domani?
Dove sarò?
Dove sarò domani, che ne sarà dei miei sogni infranti, dei miei piani?
Dove sarò domani, tendimi le mani, tendimi le mani.
Tra le nuvole e il mare si può andare e andare, sulla scia delle navi di là del temporale, qualche volta si vede una luce di prua e qualcuno grida: Domani!
Come l'aquila che vola libera tra il cielo e i sassi siamo sempre diversi e siamo sempre gli stessi, hai fatto il massimo e il massimo non è bastato e non sapevi piangere e adesso che hai imparato non bastano le lacrime ad impastare il calcestruzzo eccoci qua, cittadini dAbruzzo, e aumentano d'intensità le lampadine, una frazione di secondo prima della fine.
È la tua mamma, la tua patria da ricostruire, comu le scole, le case e specialmente lu core e puru nu postu cu facimu l'amore.
Non siamo così soli a fare castelli in aria, non siamo così soli sulla stessa barca, non siamo così soli a fare castelli in aria, non siamo così soli a stare bene in Italia, sulla stessa barca
a immaginare un nuovo giorno in Italia.
Tra le nuvole e il mare si può andare, andare
sulla scia delle navi di là dal temporale qualche volta si vede una luce di prua e qualcuno grida: domani!
Non siamo così soli.
Domani è già qui.
Ma domani domani, domani lo so, lo so, che si passa il confine e di nuovo la vita sembra fatta per te e comincia domani.
Tra le nuvole e il mare, si può fare e rifare con un pò di fortuna si può dimenticare e di nuovo la vita sembra fatta per te e comincia domani.
Domani è già qui, domani è già qui”.


Il mio pensiero va alle famiglie delle vittime.

Avuí la #posada de #sol feia creurer q #segaria es cremava - today’s #sunset looks like segaria was on #fire | #sky #cel #cielo #natura #nuvol #nubes #cloud #landscape #instagramers #igaddict #instagram #instamood #instagood #instadaily #photooftheday #picoftheday #tweegram #webstagram #igersmarinaalta #mediterraneanlife #colors #red #rojo #roig #mountain #muntanya (tomada con Instagram en Granja Escuela Baladre)

Made with Instagram

Distratta, stupida e testarda,
come sempre provo a farlo
e ho deciso di fermarlo,
per poterti avere ancora.
Non dire una parola.

Sempre più stupida e testarda,
come sempre torno a farlo
e di nuovo per fermarlo
e poterti dire ancora
tra nuvole e lenzuola.

E stringimi allora,
tra nuvole e lenzuola,
abbracciami ancora
tra nuvole e lenzuola.

Non dire una parola,
non dire una parola…

Negramaro

@silenzioeparole