nord-europa

Preposizioni PT. 1 - Preposizioni semplici ed articolate (PROPRIE)

Prepositions are a fixed part of the speech, that connect words and sentences. Their name comes from the old Latin “praeponere” = to put in front of (generally in front of nouns and pronouns). Prepositions aren’t easy because there’s not always a fixed rule for their use. There are general ones, and I’ll try to write them down: you might need to check also complements, verbs, adverbs and articles (I remind you about this masterpost, especially the posts about the complementi = direct/indirect objects/complements).

PREPOSIZIONI SEMPLICI ( O PROPRIE)

These are: DI - A - DA - IN - CON - SU - PER - TRA - FRA

In Italian, we use a “funny” sentence to remember them: DiADa InConTra SuPerFra, it’s like two people with strange names meeting, it could be translated as: “Diada meets Superfra”. Aside from this curiosity, let’s try to analize each preposition and see how to generally use them. Ofc there might be some fixed uses and expressions that might work differently from what you’ll find here, but don’t worry too much about those: you’ll learn them with time.

DI (of, at) - It is mostly used for:
Possession/Ownership: Il libro di Marco = Marco’s book
Subjects: La lezione di matematica = Math’s lesson
Quality/Manner: Sono di fretta! = I’m in a hurry
Origin: Sono di Milano = I’m from Milan
Specification: L’amico di mio fratello = my brother’s friend
Time: Di notte si sentono molti rumori = you hear many noises at night

A (to, at, in, by) - It is mostly used for:
Moto a luogo - going somewhere: Vado a Milano = I go to Milan
Stato in luogo - to be in a place: Sono a casa = I’m home; Sono a casa di Luca = I’m at Luca’s place.
complemento di termine: Ho dato il regalo a Lucia = I gave the present to Lucia; Scrivo a Luca = I’m writing to Luca
Distance: La stazione si trova a 5 km da qui = The train station is 5 km from here.
Time: A marzo vado a Milano = In/next March I’ll go to Milan.

DA (at, by, from, to) -  It is mostly used for:
Time (starting from): Il negozio chiude da luglio a settembre = The shop is closed from july to september.; Lavoro qui da 5 anni = I’ve been working here since 5 years.
Moto a luogo - going somewhere = Sono da Luigi. = I’m at Luigi’s place.
Moto da luogo - leaving somewhere / origin = Vengo da Milano = I’m coming from Milan.
Complemento di agente/causa - with passive verbs mostly = Il libro è scritto da Giovanni = The book is written by Giovanni.
Aim: Pizza da asporto = Pizza takeaway

IN (in, into, by)  -  It is mostly used for:
Stato in luogo: Sono in macchina = I’m in the car; Sono in farmacia = I’m in the pharmacy. 
Moto a luogo: Vado in Germania = I’m going in/to Germany.
Manner: Mi sento in colpa = I’m feeling guilty
Mean (of transport): Vado in Francia in macchina = I’m going in France by car.
Time: In estate fa caldo = In summer the weather is hot.

CON (with) -  It is mostly used for:
Company: Esco con Luca = I go out with Luca
Manner: Lavoro con allegria = I work with joy.
Mean: Mangio la pasta con la forchetta = I eat pasta with the fork.

SU (on, upon, above, about)  -  It is mostly used for:
Stato in luogo: Il cielo su Roma è nuvoloso = The sky above Rome is cloudy; Ho letto una notizia su Twitter = I read a news on Twitter.
Moto a luogo: Vado su = I’m going upstairs (probably a little specific/regional); Salgo su un altro treno = I go up on another train
Subject/Agomento: Ho scritto la tesi su Einstein. = I wrote my dissertation about Einstein.

PER (for, through, to, because/of )  -  It is mostly used for:
Moto per luogo - to go through a place: Passerò per via Roma = I’ll go through via Roma.
Duration: Il negozio chiude per un mese= The shop will be closed for a month.
Cause: Mangio per noia = I’m eating because I’m bored
Aim: Lo faccio per aiutarti = I do this to help you.

TRA / FRA (among, between)  -  Are mostly used for:
Stato in luogo: Mi trovo fra via Roma e via Milano = I’m between via Roma and via Milano.
Choice: Devi scegliere tra me e lui = You have to choose between me and him.
Relationship: Tra voi due c’è qualcosa! = There’s something between you two!
Time: Tra un anno mi trasferisco = I’m moving in one year/next year.


PREPOSIZIONI ARTICOLATE

These ones are built as: preposizione semplice + articolo determinativo.

Notice that “collo, colla, cogli, colle” are all pretty obsolete nowadays (and it’s not an error to use con il and con i, as these forms too are becoming more popular). We generally use two separated words as with “per” and “tra/fra”, that are simply put before the article: per il, per lo, per la, fra la, tra le… (same as: con lo, con la…).
Lets see a bit better (check the articles’ post, as the rules are the same for the corresponding article the preposition is made of). Ofc, each of these preposizioni articolate are used in the same cases you’d use of the preposizione semplice they’re made with (for example, randomly: del -> di, alle -> a, nello -> in…), so remember to check them too.

DEL (DI + IL), AL (A + IL), DAL (DA + IL), NEL (IN + IL), COL (CON + IL), SUL (SU + IL): are used in the same situations as you’d use the corresponding preposizione semplice, especially with singular masculine nouns starting with a consonant:
il pelo del gatto = cat’s hair/fur; vado al mare = I go to the sea; viene dal Nord Europa = he comes from Northern Europe; nel Mar Mediterraneo = in the Mediterranean sea; ho piantato un chiodo col (con il) martello = I hammered in a nail (literally: I planted a nail with the hammer); il gatto è sul tavolo = the cat is on the table.

DELLO (DI + LO), ALLO (A + LO), DALLO (DA + LO), NELLO (IN + LO), SULLO (SU + LO): are used in the same situations as you’d use the corresponding preposizione semplice, especially with singular masculine nouns starting with z, x, s+consonant, ps, pn, g and i (rarely, when considered semiconsonant):
la casa dello zio = uncle’s home; vado allo zoo = I go to the zoo; vado dallo zio = I go to my uncle’s; nello stretto di Messina = in the Messina’s strait; sullo sfondo = in the background

DELLA (DI + LA), ALLA (A + LA), DALLA (DA + LA), NELLA (IN + LA), SULLA (SU + LA): are used in the same situations as you’d use the corresponding preposizione semplice, especially with singular feminine nouns starting with a consonant:
la borsa della mamma = mum’s bag; chiedi alla mamma = ask mum; sono stato dalla mamma = I went to visit my mum; nella valigia = in the luggage; sulla strada = on the road

DEI (Di + I), AI (A + I) DAI (DA + I), NEI (IN + I), COI (CON + I), SUI (SU + I): are used in the same situations as you’d use the corresponding preposizione semplice, especially with plural masculine nouns starting with consonants:
il libro dei bambini = the kids’ book; ho dato da mangiare ai cani = I gave food to the dogs; andiamo dai nonni = let’s/we go to the grandparents’; ci incontriamo nei giardini pubblici = let’s meet in the public gardens; sono uscita coi (con i) miei fratelli = I went out with my brothers; i pedoni camminano sui marciapiedi = pedesrtians walk on the sidewalks

DEGLI (DI + GLI), AGLI (A + GLI),  DAGLI (DA + GLI), NEGLI (IN + GLI), SUGLI (SU + GLI): are used in the same situations as you’d use the corresponding preposizione semplice, especially with plural masculine nouns starting with z, x, s+consonant, ps, pn, g and i (rarely, when considered semiconsonant):
la casa degli zii = uncles’ home; dillo anche agli altri = tell this to the others too; andiamo dagli zii = let’s/we go to the uncles’; guardarsi negli occhi = to look into each others eyes; sugli spalti = on the bleachers

DELLE (DI + LE), ALLE (A + LE),  DALLE (DA + LE), NELLE (IN + LE), SULLE (SU + LE): are used in the same situations as you’d use the corresponding preposizione semplice, especially with plural feminine nouns starting with a consonant:
il colore delle mucche = cows’ color; esco alle 5 = I go out at 5 PM; togli la polvere dalle mensole = clean out the dust from the shelves; come nelle favole = as in fairytales; ho scritto un racconto sulle farfalle = I wrote a story about butterflies

DELL’ (DI + L’), ALL’ (A + L’), DALL’ (DA + L’), NELL’ (IN + L’), SULL’ (SU + L’): are used in the same situations as you’d use respectively del/della, al/alla, dal/dalla, nel/nella, sul/sulla, but with singular masculine or feminine nouns starting with a vowel:
gli abitanti dell’Asia
= Asia’s inhabitants; chiedi all’infermiera = ask the nurse; viene dall’America = she comes from U.S.A.; lavoro nell’industria cinematografica = I work in the movie industry; mi sto riposando sull’amaca = I am resting on the hammock.


There are also the so called “PREPOSIZIONI IMPROPRIE”. These don’t have the version with the article, and might be used with a simple preposition (proper preposition) too.
Here you have a few: davanti (in front of), dietro (behind), dopo (after), fuori (outside), lontano (far), lungo (long), mediante (through), prima (before), sopra (above), sotto (under). Ofc you can find these ones used as adverbs, verbs or adjectives.
But I’ll try to write better about these in another post.

10

Strada Statale “Strada degli Scrittori” - SS640

Vi sono dei luoghi che pur non identificabili come arte manifesta, come arte evidente, sono segretamente, intensamente nutrici di arte. È questo il caso della strada SS 640 ribattezzato “La strada degli scrittori” in quanto, per caso (ma in Sicilia il caso ha sempre una ragione per esistere) o per motivazioni sconosciute, si sono formati e cresciuti alcuni degli scrittori Italiani più famosi. Eppure, chi si trovasse a percorrerla, a parte il caldo non vedrebbe altro che terre e campi bruciati dal sole e dallo zolfo. Forse è proprio questo il suo segreto: essere terra estrema dove la povertà e i paesaggi nudi ed ascetici, l’esistenza della sola arte essenziale della parola, obbligano gli artisti ad esprimersi nella scrittura cercando in essa il senso di quei luoghi e di quelle vite che quei luoghi subiscono e malgrado tutto, amano. Venendo da Catania o Palermo, si incontra Caltanissetta dove Rosso di San Secondo nacque e studiò e che lasciò maledicendo lo zolfo e la società che l’abitava, cercando pace nel Nord Europa da dove tornò per la grande guerra comprendendo che anche il suo sangue era di zolfo e che la sua terra maledetta prima, era invece terra di pace, madre indimenticabile. Scendendo verso il mare troviamo Regalbuto dove Leonardo Sciascia creò il suo immaginario, la sua lucida e illuministica intelligenza in cui cercava di chiarire alcuni dei periodi più contraddittori della nostra terra. Si arriva quindi a Favara dove il mite Antonio Russello nacque e periodicamente tornò, in quel pendolarismo tutto siciliano in cui gli abbandoni sono seguiti da continui ritorni, da nuove temporanee rinascite. Agrigento ci appare e ci ricorda il grande Pirandello, la folle logica dei suoi personaggi, le maschere sociali dietro a cui ci si doveva nascondere per vivere. “Bruciatemi. E il mio corpo appena arso, sia lasciato disperdere; perché niente, neppure la cenere, vorrei avanzasse di me. Ma se questo non si può fare sia l’urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra nella campagna di Girgenti, dove nacqui » così scriveva il poeta per la sua morte e così venne fatto ed ora sotto un Pino, in una grezza pietra, c’è la sua tomba. In prossimità del mare eccoci nelle terre del Principe Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, signore di Palma di Montechiaro in cui ambientò parte del suo magnifico libro. Scendiamo ancora verso Porto Empedocle dove incontriamo l’immaginario del commissario Montalbano e la città di Camilleri, il suo creatore. Appoggiato ad un lampione, il commissario ci aspetta quasi a chiederci conto se in questo discendere dal cuore della Sicilia al mare, anche noi abbiamo percepito quell’arte della parola che qui è sempre stata più forte che mai.

 Nelle foto, inizio della “Strada degli Scrittori, Caltanissetta,  Racalmuto,Favara, Agrigento tomba di Pirandello, Palma di Montechiaro, Porto Empedocle.

There are places that, although not identifiable as manifest art, as obvious art, are secretly, intensely nourishing of art. This is the case of highway SS 640, which has been renamed as the “writers’ highway” since, by chance (but in Sicily the case always has reason to exist) or for unknown reasons, some of the most famous Italian writers have come up and raised on the towns close to this highway. Whoever is to go along the highway, apart from the heat, you would see only the fields and fields burned by the sun and the sulfur. Perhaps this is its secret: being extreme land where poverty and bare and ascetic landscapes, the existence of the only essential art of the word, requires the artists to express themselves in writing, seeking in it the sense of those countryside and those lives that those places suffer and love. Coming from Catania or Palermo, you’ll meet Caltanissetta where Rosso di San Secondo was born and studied and left cursing the sulfur and the society that lived there, seeking peace in northern Europe from where he returned for the great war, also realizing that his blood was made by sulfur and that his earth cursed before, was instead land of peace, unforgettable mother. Descending to the sea we find Regalbuto where Leonardo Sciascia created his imaginary world, his lucid and illuminist intelligence in which he tried to clarify some of the most contradictory periods of our land. Then we come to Favara where the mild Antonio Russello was born and periodically returned, in that all Sicilian commuting where abandonments are followed by continuous returns, by new temporary rebirths. Agrigento appears and reminds us of the great Pirandello, the crazy logic of his characters, the social masks behind which we had to hide to live. “Burn me. And my body just burned, let it be dispersed; Because nothing, not even ashes, I would like to advance to me. But if this can not be done, the urn of cineraria brought to Sicily and walled in some rough stone in the countryside of Girgenti, where it was born “ so the poet wrote for his death, and so it was done and now under a Pine in a rough stone , there is his tomb. Near the sea we are here in the land of Prince Tomasi of Lampedusa, the Gattopardo, Lord of Palma di Montechiaro where he set part of his magnificent book. We go down to Porto Empedocle where we meet the land of Commissioner Montalbano and the city of Camilleri, its creator. Leaning on a lamp, the Commissioner almost expects us to wonder if in this descend from the heart of Sicily to the sea, we have also perceived the art of the word that here has always been stronger than ever

Sono incazzata a bestia. Questo contest non è meritocrazia, è un fottuto insieme di cricche di merda tra i nord Europa e gli amichetti vari, siete delle merde anomale. San Marino tu devi buttarti giù a picchetto dalla finestra e cadere di testa, Svizzera sei uno stato infame. Sono INCAZZATA NERA GABBANI SI MERITAVA ALMENO IL PODIO DELLA GIURIA SIETE SOLO DEGLI INFAMI IO STO CAZZO DI CONTEST NON LO SEGUO PIÙ

anonymous asked:

Io ed il mio migliore amico abbiamo messo i soldi da parte per tutti gli anni del liceo. E poi a fine estate siamo partiti per 15 giorni. Abbiamo visitato tutto il nord Europa in macchina come nei piani. E' stato meraviglioso, davvero. lo auguro a tutti

QUESTO MESSAGGIO È MERAVIGLIA PURA!!!
Amica viaggiatrice @10steps loro hanno capito tutto, life goals !!!!

Sappiate che vi copierò, voi siete dei miti e vi stimo in modi inimmaginabili!!

scrivetemi che ore sono e a che cosa state pensando

youtube.com
Casta Diva (Maria Callas)
A beautiful performance of Casta Diva

Il 23 settembre del 1835 moriva a Puteaux Vincenzo Bellini, il compositore siciliano che più di ogni altro aveva dominato le scene melodiche europee del dopo Rossini. Nato a Catania nel palazzo dei principi Gravina. Figlio e nipote di musicisti, Vincenzo mostro fin da piccolo un grande talento per la musica ma soprattutto per la composizione, per cui andò a studiare presso il conservatorio di Napoli, all’epoca il migliore di Europa per la musica Operistica e che circa un secolo prima era stata rinnovata e codificata presso lo stesso conservatorio da un altro suo grande conterraneo, Alessandro Scarlatti. Bellini fu in grado di unire il classicismo della scuola napoletana con le passioni e le pulsioni del romanticismo lasciando, contrariamente ai compositori del nord Europa spazio e preminenza al canto definendo quella che gli studiosi attuali definiscono come una concezione mediterranea della musica. Wagner ne fu affascinato e ambiento, in onore di Bellini la sua prima opera in Sicilia. L’amore dei catanesi per Bellini è immenso, a parte la Villa Bellini e l’aeroporto Bellini, hanno dedicato il piatto nazionale siciliano al grande compositore: la pasta alla Norma.


On 23 September 1835 Puteaux died Vincenzo Bellini, the Sicilian composer who more than any other had dominated the European melodic scenes after Rossini. Born in Catania in the palace of the Gravina princes. Son and nephew of musicians, when Vincenzo was a kid showed talent for music but above all for composing, so he studied at the Conservatory of Naples, then at that time was the best of Europe for opera music that, about, a century before it had been renewed and codified in the same conservatory by another great landowner, Alessandro Scarlatti. Bellini was able to unite the classicism of the Neapolitan school with the passions and impulses of romance leaving, contrary to the composers of northern Europe, space and preeminence to singing, defining what current scholars define as a Mediterranean conception of music. Wagner was fascinated and envied, in honor of Bellini his first opera work in Sicily. The love of Catania’s Bellini is immense, apart from Villa Bellini and Bellini Airport, they have dedicated Sicilian national dish to the great composer: pasta alla Norma.

What’s the difference between Catalan Countries and Catalonia?

This is a question we get often.As you can see in the following map, the Catalan Countries (in Catalan called Països Catalans) are all the areas where the Catalan language is spoken (with its different dialects) and the Catalan traditions and culture are celebrated.

Catalonia is only a part of the Catalan Countries. The other areas are Northern Catalonia (politically in France), Andorra, the Eastern Aragon or Franja de Ponent (politically in Spain), the Eastern part of the Valencian country, the small region of El Carxe (Murcia), the Balearic Islands and the city of L’Alguer (in Italian, Alghero. Politically in Italy). Each region has its own traditions, celebrations, food, etc, but we all share a general Catalan (not Catalonian!) culture and the Catalan language.

anonymous asked:

Fai il gioco dei nomi?

Uso questa domanda per raccontare una cosa che mi è successa.

Un giorno, un ragazzo mi contatta su Kik dopo aver visto un mio disegno. Mi fa i complimenti ed iniziamo a parlare.
Scopro che è di origini del nord europa, infatti ha i capelli biondi, occhi azzurri e pelle chiara.
Subito entriamo in sintonia e mi piace moltissimo parlare con lui, peccato sia di Milano.
È appassionato d’arte e mi manda alcune foto che ha fatto…e wow!
Mi mostra anche il diario che usa per andare in giro e disegnare, e giuro che non ho mai visto cosa più bella.

Insomma, fino ad ora non avevo mai incontrato uno così.
Ed iniziavo ad essere interessata a lui, anche perché mi sembrava ricambiare.
È uno di quelli che ti parlano delle costellazioni e non di ubriacature, uno con cui parlare di bei libri e non di feste.
E per la prima volta in 16 anni ho pensato ‘non me ne frega della distanza, voglio conoscerlo’.
Ma soprattutto è stato capace di farmi scordare, quando parlavamo, del ragazzo di cui ero innamorata.

Così continuammo a parlare.
Anche se non era il mio ideale di bellezza con quei tratti troppo dolci e da bambino, lo trovavo bello. Ha una voce dolcissima, profonda, una di quelle che staresti ad ascoltare anche se parla dei panini del fast food.
E sapeva (e sà) capirmi meglio di chiunque altro, forse perché alcune cose le ha passate anche lui.

Avevamo parlato spesso d’amore ma non delle nostre situazioni private.
Così un giorno prendo coraggio e gli chiedo “nella situazione amorosa, come stai messo?”.
Io tipo mi vedevo già sposata con lui, all’altare.
Con bambini biondi ed intelligenti che preferiscono un libro al Nintendo DS.
Già mi vedevo dai suoi parenti.
Finché mi rispose.

“Eh, insomma….ormai anche i ragazzi gay sono stronzi”


MADONNA ALLUVIONATA.

Il film di Checco Zalone

Ieri sono andato al cinema a vedere il film Quo vado del noto comico Checco Zalone.

Avevamo alcune ore a disposizione, eravamo in centro e stanchi di starcene in giro (ho 58 anni) e a un certo punto mi è venuta un’ideona: Andiamo a vedere questo famoso film così posso farmi una mia idea e soprattutto voglio vedere la gente che ride perché gli italiani hanno bisogno di ridere.

Il cinema era pieno colmo e io non ce la facevo ad aspettare i trailer (peraltro orrendi): dovevo vedere il film di Checco Zalone!

Non so neanche come procedere, perché devo dire tante cose.

Il film è inguardabile. Non faccio la ragazzina di buona famiglia che ha fatto il liceo classico. È davvero orrendo. C’è lui che interpreta un personaggio chiamato CHECCO ZALONE, perché giustamente gli italiani già pagano le tasse e non possono permettersi di faticare pure per imparare un nome. Checco Zalone vuole il posto fisso e lo difende coi denti. Il film è questo. Tutti hanno detto ah e oh perché c’è la riflessione sul posto fisso e quindi è attuale.

Ora, non vorrei guastare la festa. Ma la riflessione sul posto fisso negli enti pubblici si poteva fare 20 anni fa. Ora la gente piange per qualsiasi tipo di lavoro. Ma no, il comico Checco Zalone è attuale e fa ridere perché gli italiani hanno bisogno di ridere.

Checco Zalone viene perseguitato per tutto il film da una villain, che è quella inflessibile di Tutti pazzi per amore, e secondo me è l’unico motivo per cui gli italiani sono andati al cinema. Checco Zalone poi va nel nord Europa e c’è tutto il siparietto dell’italiano che va al nord e non capisce la civiltà, ma poi la capisce. Ed è bellissimo perché uno ride, ma riflette pure. Ancora una volta, peccato che non siamo nel 1991. No, giuro, peccato. A chi piace invecchiare? 

Il film ha solo due momenti divertenti:

  • Checco Zalone va al Polo nord e dice alla mamma parlando al telefono: Sì, ma’, è pure più freddo di Roccaraso (ma nessuno ha riso perché i milanesi non conoscono la nota località sciistica di Roccaraso)
  • Checco Zalone decide che vuole tornare in Italia dopo aver visto Albano e Romina a Sanremo. In questa cosa ci possiamo identificare tutti, perché Albano e Romina sono i nostri genitori biologici

L’evoluzione della trama non ha nessuna importanza: è tutto un siparietto televisivo. Tutto il film, dall’inizio alla fine. Dice che Checco Zalone non è così, che è un nome d’arte e il cozzalone e tutte cose. Dice che la commedia all’italiana per fortuna è rinata e lo dicono i famosi critici cinematografici. Ma nel film non c’è nessuna amarezza, solo delle sfortune raccontate con superficialità. Il film osa anche un tenerissimo cinismo che ha la consistenza di quei dolcetti coperti di cioccolato fondente con dentro l’albume montato (mamma mia che voglia ora). 

Tutta la gente nel cinema rideva. Addirittura avevo un tizio vicino che indicava le facce di Checco Zalone alla sua fidanzata esclamando “guarda che faccia fa”. Era contento. Mi ha fatto tenerezza.

E quindi? Dobbiamo dare ragione alla gente? La gente che ha bisogno di ridere perché l’Italia è così? Perché Checco Zalone è L’ITALIANO MEDIO? L’espressione “italiano medio” è veramente detestabile. La odio come si odia un tortino di alici, come si odia la gente che si spalma sul palo della metropolitana e che grida. L’italiano medio secondo me non esiste. È una figura mitologica, come il monaciello, come quei link che condividete su facebook e che si chiamano SATIRA PUNGENTE 2 punto 0. Esiste però chi critica l’italiano medio e si porta avanti coi suoi “vi meritate”: Esiste chi, come in questo film, lo descrive, mettendosi al di sopra delle parti e facendo pure la parte del bellillo che ci porta a riflettere. Chi lo guarda, pure, si crede al di sopra delle parti. L’abitudine resa ancora più irritante dai social media: credersi delle grete garbo coi vari “ma hai visto a quello”.

E allora la gente va casa contenta perché loro non sono Checco Zalone. E sono pure contenti perché si sono fatti due ore di risate e in quest’Italia che non sai chi votare perché 

TANTO

RUBANO

TUTTI

e farsi due risate ogni tanto fa piacere. Non te le vuoi fare due risate? E che stai sempre serioso? E fattele due risate, ‘mmocc a mammeta. 

Ci rompono tanto le palle con la perfezione dei paesi del nord Europa, poi vengono qui e fanno i pirla! Se vai in Olanda e ti cade uno scontrino, chiamano la scientifica. Solo perché vengono da Rotterdam, non devono rompere tutto. Rompono le cose qui perché lì non hanno una mazza di monumento decente.
—  Luciana Littizzetto
Piccole Fiabe ovvero XX

Le piccole märchen, le fiabe, venivano raccontante, stanza per stanza, a tutti i bambini presenti nella casa. La giovane narratrice, una ragazza magra ed alta , rialzata dai piccoli tacchi dei suoi stivaletti di pelle nera, possedeva delle incredibili capacità comunicative, ed il suo aspetto, l'antitesi di quello della balia la portarono, con non molta difficoltà, a farsi amare da tutti in quella casa.
Conosceva bene le fiabe del nord Europa, del vicino Oriente e di quello lontano, le fiabe italiane e diverse leggende russe; le interpretava come un'attrice teatrale, i suo racconti appassionavano, nessuno esitava di prender sonno dopo ogni sua storia, anche una più piccola. Aveva la capacità dei fare innamorare le persone delle storie, ci riusciva parecchio bene. A tutti piaceva immedesimarsi in uno dei protagonisti o, perché no, qualcuno amava anche la figura dell'antagonista e la notte, sotto le coperte, pensavano tutti alla storia, la proseguivano, la vivevano.