non trovato

anonymous asked:

Perché non riesco a smettere di piangere? Sono acida, stronza, incasinata.... faccio schifo, non riesco a tenermi vicino nessuno...

Ti capisco avvolte quando piango voglio soffocarmi sotto le coperte.
Comunque non pensare che sei sbagliata tu, forse non hai ancora trovato le persone giuste.

Ho appena saputo che hai trovato la persona che cercavi, vorrei averlo saputo prima che non ero io; perché dopo tutto questo tempo, ancora mi chiedo perché non riesco ad andare avanti con la tua stessa facilità.
—  Charlie Puth
Sei arrivato.
Mi hai stravolto la vita.
E poi, mano nella mano,
mi hai aiutata a costruire
qualcosa di migliore.

Ti amo anche quando ti alzi con il piede sbagliato e non ti va bene niente per tutta la mattina, ti amo perché sei intelligente, perché mi dai sempre un motivo per non piangere, ti amo perché non ho mai trovato nessuno così compatibile con me, e so che per te è la stessa cosa, ti amo perché con te non esiste il sesso senza amore, un tuo abbraccio che non mi faccia tremare le gambe, non esiste un tuo bacio che non abbia sapore. Ti amo perché il tuo amore mi salva. Ti amo perché sei l'unica persona nell'intero universo che anche se lontana da me rimane la più vicina.. Ti amo perché io ho te, tu hai me e insieme abbiamo tutto.

17 anni e non aver mai festeggiato San Valentino con qualcuno. 17 anni e aver ricevuto rose solo dai propri genitori. 17 anni e non aver mai trovato un ragazzo sotto casa con uno striscione. 17 anni e non aver mai ricevuto una scatola di cioccolatini a forma di cuore accompagnato da un “sei bellissima”. 17 anni e non essersi mai sentita amata, al massimo solo usata. 17 anni e non essere mai stata importante per qualcuno. 17 anni e non credere già più nell’amore.
Voglio essere una persona migliore, per te, per me, ma più che altro per noi, perché per me la cosa più importante è diventata il ‘noi.’
Forse posso sembrare ridicola che ogni volta rovino sempre tutto e poi cerco in qualsiasi modo di aggiustare tutto, ma se cerco in tutti i modi di aggiustare tutto è perché a te ci tengo e il pensiero di te lontano da me mi fa stare male.
Non voglio che tutto finisca per uno stupido capriccio, per un mio CAPRICCIO.
Non so perché, ma in certe circostanze divento così immatura e perdo il senso di tutto.
Non sono mai stata così gelosa di una persona, ma posso darti una spiegazione a tutto ciò.
Non ho mai trovato una persona come te, una persona che la pensi come me, che ama fare ciò che amo fare io,  una persona che se fa una cosa, la fa con il cuore.
Non ho mai trovato una persona che sappia amare così tanto, così forte, così incondizionatamente.
Non ho mai trovato tutto ciò prima di conoscere te.
Mi hai dimostrato tanto volte di tenerci a me e sono sicura che tu a me ci tieni sul serio, perché sennò certe cose non le avresti fatte ad esempio anche se è un esempio sciocco, l'esempio della felpa.. la tua felpa preferita con il tuo profumo.
Ma sai certe volte, la gelosia oscura tutto ciò e non voglio che questa gelosia diventi un'ossessione.
Io ti chiedo un'altra possibilità, e ti dimostrerò una volta per tutte che non voglio più dare ascolto a ciò che mi circonda, ma più che altro voglio dare ascolto a te, alla persona che amo, alla persona che mi ascolta sempre e che mi sostiene, alla persona che rende ogni istante della giornata uno indimenticabile e unico.
Non voglio perderti credimi, anche se è da poco tempo che stiamo insieme, ma te l'ho già spiegato come la penso su ciò.
Non si più spiegare ciò e non tutti lo capisco, ma non importa da quanto tempo conosci una persona, ma dalle sensazioni che ti ha fatto provare.
Probabilmente ti sarai stufato dei miei sbalzi d'umore e sai non voglio dare la colpa alla situazione che per ora mi circonda, ma do la colpa a me.. Sì, la colpa é stata mia e della mia stupida gelosia la maggior parte delle volte.
Non tutti riconoscono i propri sbagli, ma quando una persona lo fa è perché dimostra maturità.
Io voglio passare giorni interi a guardarti e a rendermi conto del fatto che mi innamoro sempre di più.
Hai saputo prendermi così in fretta cazzo..
Tutta la mia gelosia è dovuta anche al passato, sono sempre stata tradita da chi diceva di amarmi e ora sto cercando di proteggere l'ultimo pezzo intatto del cuore che mi è rimasto..
Adesso penserai “cazzo di frasi fatte” oppure semplicemente ti sarai stancato ogni volta di leggere i miei poemi, ma non lo so perché, non riesco a dimostrare tutto ciò che sento, non riesco a farti sentire la mia debolezza e a parole non ce la faccio a spiegarlo, perché mi blocco, è un blocco emotivo e tutto ciò riesco a sbloccarlo solo scrivendo.
Ti chiedo per l'ennesima volta scusa..
Ma se sono così è perché ci tengo troppo e ho paura di perderti da un momento all'altro, che potrai trovare qualcuna meglio di me, ho paura che di me ti potrai dimenticare.
E sai una cosa, voglio che questa sia l'ultima discussione avuta per colpa mia e per colpa delle mie scenate da BAMBINA.
Non voglio litigare con te gioia mia, mi fa troppo male.
Molte delle cose che ho detto sono state più che altro dettate dal nervosismo e ti assicuro che non le penso veramente.
E sai come si fa a riconoscere se è vero amore?
Quando va tutto male, ma male male, e non si sopporta più l'altro, e lo vorremmo picchiare, lo vorremmo far sparire, lo vorremmo cambiare, lo vorremmo mandare via, via, più lontano possibile, però non lo facciamo.
Quando per una volta, ce ne freghiamo di aver ragione e pensiamo alla nostra storia.
Ci rimbocchiamo le maniche e cerchiamo di sistemare le cose.
Questo è amore: finire nello schifo insieme e uscirne insieme.
Nessuno è immune alle crisi, alla scarsa sopportazione, alla noia, ai dubbi, ai problemi.
Nessuno.
Solo alcuni riescono ad uscirne insieme e voglio che noi facciamo parte di quella piccola percentuale di persone che sono riusciti a superare tutto insieme, perché solo insieme a te riesco a dare il meglio di me stessa.
—  The-lonely-06
È la vita. A volte credi che due occhi ti guardino, invece non ti vedono neanche. A volte credi d'aver trovato qualcuno che cercavi e invece non hai trovato nessuno. Succede. E se non succede è un miracolo. Ma i miracoli non durano mai.
—  Oriana Fallaci
Io non sono nessuno nel grande ordine delle cose, sono una persona qualunque che però ha trovato un motivo, una ragione, un punto di riferimento in lui.
—  ibattitidelcuore

«Non mi sono mai innamorata, Anna. Mai.
Non ho mai trovato qualcuno che mi abbia convinto a cambiare le mie abitudini, a diventare una persona meno egoista e disposta a scendere a compromessi. Non ho nessuno nel cuore e non sai che nostalgia ho, certe sere, di un sentimento che non ho nemmeno provato, di una persona che ancora non conosco e che forse non incontrerò mai. Vorrei poterti aiutare.
Vorrei avere da parte le parole giuste per farti capire che ogni sofferenza, per quanto possa essere radicata nel nostro corpo e nella nostra mente, prima o poi ci lascia liberi. Più liberi.
Però io non ce le ho queste parole qui, Anna, e nemmeno le altre: quelle sbagliate.
Non ho parole, solo paure.
Domani, comunque, ti prego di dimenticare tutto.»

Pensare a qualcuno e commuovermi così non mi era mai successo, io che non piango mai, io ‘romanticismo zero’, è solo che semplicemente non avevo trovato la mia persona.
Ed ora l'ho trovata.

Sono sempre stata una persona piuttosto sensibile, forse paranoica e ipercritica verso gli altri ma soprattutto verso me stessa.
Qualcuno mi ha definito un oggetto di cristallo, fragile e pungente, ma lui stesso poi quel cristallo lo ha gettato a terra con tutta la veemenza di cui era capace.
Che senso ha fingere di preoccuparsi della sensibilità altrui se poi si è pronti ad utilizzarla come arma per affermare se stesso?
Me lo sono sempre chiesto e non ho mai trovato risposta.
Questa volta però la domanda mi riguardava in prima persona. La sensibilità era la mia, l'arma la sua. Eppure due mesi prima di quella sensibilità lui se ne era innamorato e sembrava fosse pronto ad usare i guanti e delicatezza per non urtarla. Basta poco per allontanare le persone. Le persone sono strane, l'ho sempre pensato. Sembrano volerti dedicare il mondo e l'attimo dopo le ritrovi a rovistare tra gli scaffali dei fatti propri, incuranti.
Travolta da questi pensieri e dal dolore il mio sguardo si era fermato su un punto esatto. Sdraiata sul letto riuscivo a vedere attraverso la finestra un lampione. Era lì che il mio sguardo era fisso. Un unico, alto lampione che illuminava la città, insieme ad altri lampioni, tutti uguali a lui. Stessa altezza, stessa luce. Ma lui era diverso. Lui in un certo qual modo era anche mio. Era stato spettatore e protagonista di diversi baci, illuminando coppie o semplici amanti, ho pensato. Ed ora era ghiacciato, immobile. La luce era soffusa e sotto non vi era nessuna storia particolare da illuminare.
Fuori le temperature erano piuttosto basse, quasi glaciali. Faceva molto freddo ed il ghiaccio stava diventando l'involucro della città.
Sembrava quasi che le temperature si adattassero a quelle del mio cuore. Anche lui stava ghiacciando, immobilizzato, glaciale come non era mai stato prima. Aveva smesso di credere a tutto quel tepore che lo aveva cullato nell'ultimo anno. Il tepore era evaporato via, lasciandolo raffreddarsi sempre di più. Gli sbalzi drastici di temperatura non sono mai consigliabili a dei cuori fragili, ma questo allora non lo sapevo. Sapevo solo che faceva male e che dal cuore ghiacciato, seppur lesionato, non usciva sangue. Era come una ferita che faceva male da morire ma non sembrava dolorosa agli occhi. Allora non eri credibile.
Fu l'inverno più freddo di sempre, quello del mio cuore.

Quando proposi la teoria della relatività, pochissimi mi capirono, e anche quello che rivelerò a te ora, perché tu lo trasmetta all’umanità, si scontrerà con l’incomprensione e i pregiudizi del mondo. Comunque ti chiedo che tu lo custodisca per tutto il tempo necessario, anni, decenni, fino a quando la società sarà progredita abbastanza per accettare quel che ti spiego qui di seguito. Vi è una forza estremamente potente per la quale la Scienza finora non ha trovato una spiegazione  formale. È una forza che comprende e gestisce tutte le altre, ed è anche dietro qualsiasi fenomeno che opera nell’universo e che non è stato ancora individuato da noi. Questa forza universale è l’Amore. Quando gli scienziati erano alla ricerca di una teoria unificata dell’universo, dimenticarono la più invisibile e potente delle forze.

L’amore è Luce, visto che illumina chi lo dà e chi lo riceve. L’amore è Gravità, perché fa in modo che alcune persone si sentano attratte da altre. L’amore è Potenza, perché moltiplica il meglio che è in noi, e permette che l’umanità non si estingua nel suo cieco egoismo. L’amore svela e rivela. Per amore si vive e si muore. Questa forza spiega il tutto e dà un senso maiuscolo alla vita. Questa è la variabile che abbiamo ignorato per troppo tempo, forse perché l’amore ci fa paura, visto che è l’unica energia dell’universo che l’uomo non ha imparato a manovrare a suo piacimento. Per dare visibilità all’amore, ho fatto una semplice sostituzione nella mia più celebre equazione.

Se invece  di E = mc2 accettiamo che l’energia per guarire il mondo può essere ottenuta attraverso l’amore moltiplicato per la velocità della luce al quadrato, giungeremo alla conclusione che l’amore è la forza più potente che esista, perché non   ha limiti. Dopo il fallimento dell’umanità nell’uso e il controllo delle altre forze dell’universo, che si sono rivolte contro di noi, è arrivato il momento di nutrirci di un altro tipo di energia. Se vogliamo che la nostra specie sopravviva, se vogliamo trovare un significato alla vita, se vogliamo salvare il mondo e ogni essere senziente che lo abita, l’amore è l’unica e l’ultima risposta. Forse non siamo ancora pronti per fabbricare una bomba d’amore, un artefatto abbastanza potente da  distruggere tutto l’odio, l’egoismo e l’avidità che affliggono il pianeta.

Tuttavia, ogni individuo porta in sé un piccolo ma potente generatore d’amore la cui energia aspetta solo di essere rilasciata. Quando impareremo a dare e ricevere questa energia universale, Lieserl cara, vedremo come l’amore vince tutto,
trascende tutto e può tutto, perché l’amore è la quintessenza della vita. Sono profondamente dispiaciuto di non averti potuto esprimere ciò che contiene il mio cuore, che per tutta la mia vita ha battuto silenziosamente per te. Forse è troppo tardi per chiedere scusa, ma siccome il tempo è relativo, ho bisogno di dirti che ti amo e che grazie a te sono arrivato all’ultima risposta.

Tuo padre Albert Einstein

—  Albert Einstein
Non mi sono mai innamorata. Non ho mai trovato qualcuno che mi abbia convinto a cambiare le mie abitudini, A diventare una persona meno egoista e disposta a scendere a compromessi. Non ho nessuno nel cuore e non sai che nostalgia ho, certe sere, di un sentimento che non ho nemmeno provato, di una persona che ancora non conosco e che forse non mi incontrerò mai.
—  Susanna Casciani
Non ho mai trovato le parole giuste per descrivere ciò che eravamo, ma penso che il termine “immensi” si avvicina molto.
Si. Noi due insieme eravamo semplicemente immensi.
—  ibattidelcuore