nebbia

flickr

Italian hills da maurizio blasetti

BASILICATA

Perché piangi?
Perché ti butti per terra?
Perché ti manca il fiato?
Perché, perché, perché?
Perché vivo con un nemico dentro, con la nebbia, con la notte, con lo smarrimento. Perché vedo il dolore e non posso farci niente. Perché vedo l'incompiutezza, il vuoto, il fallimento e non ne capisco il senso. Perché sono sola, nessuno mi ascolta, nessuno mi prende per mano. Perché da qualche parte in me intuisco un'armonia e una luce immense e, da questa luce e da questa armonia, mi sto allontanando come una nave che prende il largo; ciò che all'inizio era il senso di ogni respiro, con il tempo diventa il lampeggiare di un faro lontano. Piango perché ho paura del vuoto del buio e della solitudine che mi attendono.
—  Susanna Tamaro
Del mio passato restano soltanto voci lontane custodite da conchiglie abbandonate sulla riva del mare d'inverno, ricordi velati coperti di polvere e nebbia, di quella persona che ero una volta rimane solo l'inquietante presenza di un fantasma.
—  Lucrezia Beha
flickr

Bark at the sun by Matteo Cargasacchi