na lira

anonymous asked:

Ma dove trovi i soldi per fare tutti questi viaggi se nemmeno lavori?

Giro da due anni con un cellulare pagato meno di 90€, durante l’anno non spendo ‘na lira se si esclude la ricarica Wind e gli anticoncezionali, praticamente non uso la macchina ma solo i mezzi pubblici, scelgo le destinazioni approfittando di qualsiasi occasione (offerte, gente che mi può dare alloggio, cibo di strada, stanze con le blatte) e con piccoli accorgimenti cerco di risparmiare, in viaggio vivo col minimo indispensabile e anche quando vorrei spendere tutto il poco che ho sul sito di Clio Make-up, mi trattengo. Lavoricchio d’inverno e metto da parte tutto tutto tutto per viaggiare. L’anno scorso ho vinto la borsa di studio, di cui mi è arrivata ad oggi solo la prima rata. Sono una persona fortunata perché con i “miei” soldi non devo contribuire al bilancio familiare, e già questo è tantissimo. In più ho parecchi amici in giro per il mondo. Insomma, è una combinazione di buona sorte e priorità.

Io c'ho provato co’ la mi’ regazza
“Senti teso’, ‘o famo 'n bambino?”
Lei se rigira co’ l'occhi da pazza
“'A smetti de fa’ sempre 'r cretino?”
Er fatto è che io dico sur serio
Anche se so’ solo un ragazzo…
“Che dici teso’, 'o chiamamo
Valerio?”
“Senti Matte’, m'hai rotto 'n po’ er
cazzo!”
Allora la pio, la bacio e l'abbraccio
Je stringo li fianchi e pure la mano
“Ma senza de te io come faccio?”
“Me sa che staffa’ troppo er
ruffiano”.
Ce provo e riprovo, nun me rassegno
Pure se semo solo pischelli…
“Sai quante cose 'n giorno je
'nsegno?”
“Je 'nsegni a balla’ e a fasse 'i
spinelli?”
“Sentime amo’, so’ 'n padre perfetto”
Sta 'n attimo ferma e poi scoppia a
ride
“Te devi 'mpara’ a pulije er
culetto…”
Incrocia le braccia poi me soride.
Occhi nell'occhi, diventa più seria
“Non vedi che stamo senza 'na lira?
Pe’ non parla’ poi della cattiveria…
Dentro a 'sto monno pieno de ira”
Ce penso 'n po’ su poi je risponno
“Se quarcheduno je vòle fa’ male…
Je pio la capoccia poi je la sfonno!
Lo sai che so’ peggio de 'n animale”
“Senti Matte’, er punto 'n è questo.
Dovrai rinuncia’ a bevute e fumate.
Poi sei disposto, risponneme onesto,
A rimane’ sveglio pe’ intere
nottate?”
“Io pe’ mi’ fio so’ pronto a fa’ tutto”
Dico co’ 'a voce più dorce che posso
“Pure se torno a casa distrutto…
Basta che 'o vedo e già so’
commosso”
Lei se raddrizza e tutta impettita
“Torni da do’ che 'n lavoro 'n ce
l'hai?”
Poi ce riflette e 'n po’ divertita…
“Guarda che è 'n fio, mica 'n
bonsai!”
“Non basta guardallo tutto
commosso
Pe’ fallo cresce sano e ar sicuro.
Fa’ 'sti discorsi mo è 'n paradosso…
Se ce riflettemo mejo in futuro?”
“Sarà pure presto pe’ fa’ 'na
creatura”
Je dico co’ 'n tono forse orgoglioso
“Un giorno vedrai che senza paura
Diventerò padre e sarò favoloso!
Prima m'aggiusto 'n po’ la capoccia
Trovo un lavoro, serio e pulito
Poi sarò pronto a esse 'na roccia
De me sarai fiera, io t'ho avvertito.”
—  Er Bestia, Poeti Der Trullo

anonymous asked:

Cioè tu non ti definisci una ragazza di tumblr e sei uno dei blog più famosi?!

Non sono uno dei blog più famosi, e no, non mi definisco una “tumblr girl”, ma che cazzo sono una ragazza normale che scrive qui. Poi voglio dì, ho dei capelli normalissimi, non so andare in bici figurati sullo skate, non fumo le Marlboro perché non c'ho na lira, non vesto sempre nero, SE FA CALDO COL CAZZO CHE ME METTO LA FELPA, A MOMENTI VADO IN GIRO IN CIABATTE, non sono una figa esagerata, non parlo di autolesionismo, non sbatto in faccia a tutti il fatto che sono bipolare, non ho un fisico perfetto, se mettessi una mia gif perderei tutti i follower ahahaha
Voglio dire, tutto ma non etichettatemi anche per stare qua sopra

William Hogarth (Londra, 1697 – 1764)

Il contratto (Dal ciclo Matrimonio alla moda)

1744, Londra, National Gallery

olio su tela, cm. 68,5 x 89

-

Dice che quanno te sposi è er giorno più bello daa vita tua. Sebbene arcuni dubbitino de st’affermazione (pare che lì pe lì te senti tutto fico e contento ma poi te passa appena che ripensi a quant’è costato che te ce potevi comprà na Ferari, e quanno che torni a casa ‘a cosa più indimenticabbile che ciai è er mar de testa e de piedi), insomma nonostante ciò nisuno ce rinuncia a avecce er matrimonio coi controcazzi, che aa fine è er momento tuo che sei protagonista e te fanno trucco e parucco che ‘n pari manco te e pure er firmino tipo attori e l’arbum de foto e ‘e torte e i fiori e l’addobbi cor uedding planner che te propone i vari stili urban o sciabbiscic o truzzoscic.

All’epoca de Hogarth annava un botto er matrimonio combinato, ma no combinato ner senso chii colori coordinati e ‘a torta uguale ar vestito daa sposa, bensì de interesse, cioè che più che l’amore tra li sposi contava er guadagno. Da bravo inglese cor sens of iumor Hogarth te fa vede ‘a firma der contratto tra ‘e famije dii sposi, che quella de lei sò ricchi ma nun sò nobbili, e quella de lui sò nobbili ma nun cianno na lira anzi na sterlina. E allora via, io te do na cosa a te, tu me dai na cosa a me, ecchii là, er padre de lei che ha inforcato l’occhiali pe legge bene tutte ‘e clausole, er padre de lui che ha srolotato l’arbero genealogico de tutti l’antenati che come vedi je spunteno daa panza, e cià già davanti er gruzzoletto daa dote; e ner mentre, ndo stanno li sposi? Eccheli là seduti, che nun se cagheno de pezza, anzi lei sta già a parlà co ‘n antro, e lui se sta a pijà un caffè cor mignolino arzato e li piedini appizzati che onestamente pare che tutto je interessa tranne sta pischella che sta pe diventà su moje.

Ma chissene: quer che conta nun è l’amore o si se va d’accordo, bensì risurtà. Dopo ste nozze in pompa magna, che faranno schiattà de invidia tutti quanti, lei finarmente potrà cambià le info sur profilo Feisbuc e scrivece “Marchesa”, e lui, co tutti li sordi de lei, se farà ristrutturà tutto er palazzo da un intirior disainer famoso, e in più ce potrà comprà quaranta trenini elettrici, venti scarpe de Prada, e tutta ‘a cipria che je pare, pe tutta ‘a vita.