munro

flickr

Good Morning from Scotland 

Winter Landscape by Sven 

Via Flickr:
this is what winter should look like. Instead we have been having double digit temperatures most days and no snow. This picture was taken from Ben Starav.

Il commento che fece ora, nella sua testa, fu «Perché dici che ti dispiace dirmelo? Hai mai notato che quando qualcuno dice che gli dispiace dire qualcosa, in realtà non vede l’ora di dirla? Non credi che dovendo essere sinceri, questo potrebbe rivelarsi un buon punto di partenza?»
—  Alice Munro, Il ponte galleggiante da Nemico, amico, amante…
flickr

Good Morning from Scotland 

The Cobbler Winter Sunrise by Graham Williamson
Via Flickr:
Shot taken while on a winters walk up The Cobbler in the Arrochar Alps. Check out my you tube channel for a short video of the trip and some drone footage!

– Però… ti sei fatta più in carne, – disse. – Una volta eri pelle e ossa.
Era vero, ma non mi piaceva sentirmelo dire. Come tutte le altre ragazze del pensionato, mangiavo porcherie – abbondanti cene precotte e biscotti ripieni di marmellata. Il mio fidanzato, ostinatamente e possessivamente favorevole a tutto ciò che mi riguardava, sosteneva di amare le donne formose e aggiungeva che gli ricordavo Jane Russell. Non mi dava fastidio, detto da lui, ma di solito mi offendevo quando la gente faceva commenti sul mio aspetto fisico. Specie se si trattava di qualcuno tipo Alfrida, che non aveva più nessuna importanza nella mia vita. Ero convinta che persone del genere non avessero il diritto di guardarmi, o di farsi un’opinione sul mio conto, né tanto meno di esprimerla.
—  Alice Munro, Mobili di famiglia da Nemico, amico, amante…
youtube

All of Munro’s parts from his episode of Ransom this week. Because Munro is only in the background in a lot of these scenes it made it difficult to determine which ones he was actually in so I just put in all the crowd scenes or scenes related to his character and family.

flickr

Dumbarton & Ben Lomond by Jon Douglas

Nel sentimento per Mike il demone localizzato si trasformava in un’eccitazione diffusa o in una tenerezza sotto pelle, un piacere degli occhi e delle orecchie e una gioia cristallina in presenza dell’altro. Mi svegliavo ogni mattina con la fame di vederlo, di udire il furgone del perforatore di pozzi che avanzava sferragliando lungo il viottolo. Adoravo di nascosto la curva della sua nuca e la forma della sua testa, la linea seria delle sopracciglia, le lunghe dita nude dei piedi, i suoi gomiti sporchi, la voce forte e sicura, il suo odore. Accettavo senza riserve, e devotamente, ruoli che tra noi non occorreva spiegare né assegnare: io l’avrei soccorso e ammirato, lui mi avrebbe impartito ordini, sempre pronto a elargirmi protezione.
—  Alice Munro, Ortiche da Nemico, amico, amante…
Certe volte pareva volesse solo far scena, forse per prendere in giro mio padre. Per mandarlo in bestia, come diceva lui, per esasperarlo. Ma non per fargli dispetto, e nemmeno per il piacere di metterlo a disagio. Anzi. Non è escluso che lo tormentasse come fanno le ragazzine con i compagni di scuola, quando litigare è fonte di garantito piacere da entrambe le parti e gli insulti nascondono dei complimenti.
—  Alice Munro, Mobili di famiglia da Nemico, amico, amante…