morsie

Se ti penso prendo a morsi le mie stesse labbra.
—  GionnyScandal

E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i morsi sulle labbra,
le mani intrecciate,
e occhi dentro occhi.
Intendo abbracci talmente stretti
da diventare una cosa sola,
corpi incastrati e anime in collisione,
carezze sui graffi,
vestiti tolti insieme alle paure,
baci sulle debolezze,
sui segni di una vita
che fino a quel momento
era stata un po’ sbiadita.
Intendo dita sui corpi,
creare costellazioni,
inalare profumi,
cuori che battono insieme,
respiri che viaggiano
allo stesso ritmo.
E poi sorrisi,
sinceri dopo un po’
che non lo erano più.
Ecco,
fate l’amore e non vergognatevi,
perché l’amore è arte,
e voi i capolavori.

San Lorenzo

Fanculo San Lorenzo
Io voglio guardare te
Voglio desiderare te
-
Siamo freddi
Ma l'alba ci regalerà la calma
Siamo incazzati
Ai litigi noi ne siamo abbonati
-
Il mare è agitato
Proprio come te
Ti stringo forte
Ti regalerò la calma
-
Facciamo il bagno?”
E finiamo per fare l'amore
Baciarti, sparire dentro le tue labbra
Amarti, promettere di non lasciarti
-
Stanchi dentro una tenda
Il telefono continua a suonare
Ma non voglio problemi
Ripetendo “se è urgente richiamerà”
-
Su di lei
Baci, abbracci e morsi
Solo amore, zero discorsi
Mentre il fuoco inizia a spegnersi
-
I gabbiani iniziano a uscire
Li guardo poi guardo te che stai a dormire
Il fuoco è spento
Quasi quasi ti abbraccio e poi mi addormento
-
Ti abbraccio e inizio a sentire cose che non sentivo
Da tanto, troppo tempo
Sembrava impossibile, ma ci stiamo riuscendo
Sembravamo diversi, ma siamo uguali e complessi
Pur di averti scenderò a compromessi .

Gerald Daja

E ormai non voglio essere la tua prima opzione, e neanche la seconda a dirla tutta. Voglio solo essere quell'opzione a cui penserai tra un paio d'anni. Quell'opzione che da un giorno all'altro hai smesso di considerare e a cui penserai giorno e notte.
Voglio essere quell'opzione che vorrai prendere, quando probabilmente sarà troppo tardi.
—  Quella storia mai scritta
Lo sai, quant'è bello dire “fare l'amore” in inglese? 
Si dice “to make love”, ed è un'espressione sconvolgente, perchè non è come in italiano, in cui “fare” può voler dire anche solo compiere un'azione, no. In inglese è “make”, che vuol dire creare, far nascere qualcosa dal nulla. Come se l'amore lo creassimo noi con i nostri baci, con le carezze e i morsi sui seni, come se noi fossimo così potenti da poter creare l'amore.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
-Sei così bella.
-Smettila, non è vero.
-Oh, Si che è vero. Ecco, guardati, sei arrossita.
-Taci.
-Il fatto è che hai degli occhi che, Dio, mi lasciano con il fiato sospeso ogni volta che li incrocio, anche solo per sbaglio. Sono grandi, di un nocciola che tende al verde, e raccontano tante cose di te.
-Ah si? E cosa, ad esempio?
-Che sei timida. Che non ti fidi. I tuoi occhi osservano bene, squadrano tutto, non gli sfugge mai niente. Sfiorano i minimi dettagli. Raccontano quanta fatica fai a credere alle persone, a quanta fatica fai a sorridere ogni volta e sembrare davvero felice.
-…
-Ma poi…le tue labbra, cristo le tue labbra. Sono così belle, né troppo piccole né troppo grandi. Sono giuste. Tu sei giusta. Non sai quante volte trattengo me stesso da strapparti un bacio.
-Ti trattieni dal baciarmi?
-Mica solo da quello. Mi trattengo di riempirti di morsi, di mangiarti il collo con le mie labbra, di stringerti la mano mentre per strada passeggiamo, di dirti ti amo…
-Mi ami?
-Oh, non sai quanto. Però ti odio.
-Ha senso questa cosa? Come puoi amarmi e odiarmi?
-Mettiamola così, io ti amo.
Amo te e il tuo modo di essere. Così impacciato e fragile, così stupido e simpatico.
Però ti odio. Odio come tu riesca a ferirmi con una semplice parola. Odio come mi fai mancare il fiato con uno sguardo.
È che tu sei… Cazzo. Tu sei una dipendenza, io dipendo da te e dal tuo sorriso. E sei… Sei il bacio che aspetto da mesi.
Sei i capelli che vorrei accarezzare.
Sei le mani piccole e pallide che vorrei stringere e riscaldare.
Sei l'amore che aspetto da una vita.
—  Raggio-di-luce-in-una-tempesta.
Mi mancherai sempre.
Mi mancherai quando farò 18 anni e mancherai solo tu a farmi gli auguri, perché non ricorderai il giorno del mio compleanno.
Mi mancherai il giorno in cui finalmente riuscirò a diplomarmi e magari anche quello della laurea.
Mi mancherai il giorno del mio matrimonio e quando nasceranno i miei figli.
Mi mancherai quando tornerò dai viaggi che cambiano la vita e non potrò raccontarti nulla.
Mi mancherai quando riuscirò a realizzare i miei sogni, e penserò a te.
Mi manchi ora e mi mancherai sempre.
—  Quella storia mai scritta
E poi fate l'amore;
niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i morsi sulle labbra,
le mani intrecciate
e occhi dentro occhi.
Intendo abbracci talmente stretti
da diventare una cosa sola,
corpi incastrati e anime in collisione,
carezze sui graffi,
vestiti tolti insieme alle paure,
baci sulle debolezze,
sui segni di una vita
che fino a quel momento
era stata un po’ sbiadita.
Intendo dita sui corpi,
creare costellazioni, 
inalare profumi,
cuori che battono insieme,
respiri che viaggiano
allo stesso ritmo.
E poi sorrisi
sinceri
dopo un po’
che non lo erano più.
Ecco
fate l'amore e non vergognatevi,
perchè l'amore è arte,
e voi siete i capolavori