monte-rosa

10

Ispirato da un reblog del buon 3nding, posto un po’ delle mie montagne.

Sia chiaro, io sono ragazzo di campagna e abito in provincia di Pavia, però il posto che più amo al mondo è il Monte Rosa. La mia famiglia ha da sempre una casuccia un po’ di pietra ed un po’ di legno in Valsesia (VC).

La Valsesia è da sempre una vallata non molto turistica. Non è famosa per avere quel granché di piste da sci o alberghi. Una vallata a “V” abbastanza chiusa con una strada statale striminzita a 2 corsie che la percorre fino a monte del Sesia, alle cascate dell'Acqua Bianca. Proprio questa chiusura… questa carenza di vita… mi fanno adorare questo posto. Non è come la Val d'Aosta, ricca di “distrazioni” e ben servita da servizi e con tanti bei negozi e locali per lo svago.

La Valsesia è un posto dove si va se si ama la montagna nella sua purezza. Se non hai un impianto satellitare non vedi altro che Rai1, 2 e 3. E i paesini hanno di solito 1 o 2 negozietti che hanno di tutto. Quando riesco a trovare il tempo per andarci rinasco. Trekking all'alpe Meggiana sopra casa, o alla sorgente del Sesia dopo il rifugio Pastore… Il massimo è quando con la funivia si sale a 3000 metri dove non c'è altro che roccia e ghiaccio e si aprono tutte le vie per i rifugi altissimi (tra cui pure la Capanna Margherita il rifugio più alto d'europa a 4554 metri).

La cosa che più amo è farmi un bel panino enorme con Toma valsesiana e salame locale, chiudere tutto nello zaino e salire in quota. Stendermi sull'erba e mangiarmi il panino guardandomi il panorama. Ultimamente, con mio fratello e la nostra guida alpina, Sergio, adoro anche arrampicare (mai oltre un 4° o 5° livello… sono troppo grosso) però andare in falesia e arrampicare è fantastico.

L'alta Valsesia non è per tutti, ma se vi piace leggere un buon libro, respirare aria fresca, camminare, arrampicare, fare sport acquatici (rafting, canoa ecc.) mangiare spezzatino e polenta concia e soprattutto stare lontani dal caos delle città… è il posto che fa per voi.

10

At an altitude of 2,883 metres and nestled among the glaciers and imposing peaks of the Valais Alps, in Zermatt Switzerland, the new Monte Rosa mountain refuge rises from the icy landscape like a giant sparkling shard of rock crystal. An intriguing blend of avant-garde architecture, state-of-the-art technology and sustainability, the Monte Rosa refuge is eco-friendly as it is 90% self-sufficient. PV panels on the outside of the hut collect solar energy, which is used to heat and and power the hut. Batteries store any surplus energy the PV panels collect, and if necessary, a rapeseed oil-powered generator is available for backup. Water comes from the melting snow and nearby glacier. A special filtration system cleans waste water that is then reused to flush the toilets.