molto!

Problemi che solo le persone timide possono capire.

#1. Quando una persona che ti piace ti rivolge la parola il viso ti diventa del colore della bandiera turca, con tanto di mezzaluna

#2. Quando una persona che ti piace ti rivolge la parola se riesci ad aprire bocca emetti solo ridicoli falsetti

#3. Quando una persona che ti piace ti rivolge la parola ti rinchiudi in casa per una settimana

#4. La tua timidezza ti porta ad avere sempre un espressione seria davanti agli sconosciuti, altrimenti chiamata faccia da cazzo. Questo ti fa passare per spocchioso e antipatico

#5. Nei contesti sociali la differenza tra te e un sordomuto è piuttosto sottile

#6. Quando frequenti da molto tempo qualcuno ti comporti invece con eccessiva confidenza

#7. Quando qualcuno dice una stronzata non riesci a trovare il coraggio per correggerlo

#8. Nelle foto sei quello a cui sembra sia appena morto il gatto perché investito dal nonno a cui per lo shock è venuto un infarto

#9. Dal momento che parlare per te è difficile spesso le persone ti scambiano per un gran ascoltatore, e decidono di nominarti loro confidente personale quando in realtà non te ne frega un’emerita ceppa della loro inutile vita.

#10. Quando sei in treno e davanti a te si siede un conoscente saresti disposto a scendere alla prossima fermata anche se è settemila km da casa tua

#11. Quando qualcuno ti chiede di raccontare un aneddoto divertente lo rovini narrandolo con la stessa enfasi con cui parleresti delle vittime delle foibe

#12. Se qualcuno ti fa un complimento ti vergogni come se ti avesse accusato di essere andato a letto con sua madre. Spesso è pure vero

#13. Prima di intraprendere una conversazione te la immagini nella tua testa con i minimi particolari

#14. Quando cammini per strada e riconosci qualcuno cerchi di non incrociare il suo sguardo per evitare di parlare, passando ovviamente per stronzo

#15. Hai fantasie omicide nei confronti di tutti coloro che ti ripetono “Coraggio su, non essere timido”

#16. Quando sei a una festa speri sempre ci sia un gatto con cui passare la serata

#17. Riesci a essere te stesso solo con te stesso

La vita certe volte è una grandissima presa per il culo, e lo si capisce dal fatto che ho dimenticato senza problemi e molto rapidamente,quasi due anni con una persona, ma, non riesco a levarmi dalla testa una storia che non è mai davvero iniziata per davvero. Molti mi hanno detto che non è possibile, che è una cosa strana, perché di certo dovrebbe essere più “complicato”, cancellare dei ricordi, dei momenti, che hai passato con una persona, invece che dover cancellare un desiderio, degli sguardi, dei baci dati di sfuggita.
Forse è semplicemente da poco che mi sono convinta che è tutto inutile, che devo smetterla, e forse è ancora presto per dare conclusioni affrettate su quanto tempo ci vorrà per “farmi passare questa cotta.”
Il problema è che quello che non c’è mai stato ti logora dentro, e sembra esserci stato più di tutto.

“Non sono la stessa ogni giorno, a volte sono solare e socievole, altre volte sono molto chiusa e taciturna. Non credo di poter definire me stessa.”

Il mio amico Romeo

In questi giorni di reclusione forzata in casa sono stata sempre in compagnia di Romeo e vorrei continuare a smentire la credenza popolare che i gatti siano solo opportunisti e non siano affettuosi. Lui ci dà il buongiorno la mattina venendo ad accoccolarsi sul primo che si sveglia, ci accompagna in bagno e sta seduto a fissare mentre stiamo sul water, rimane seduto educatamente su una delle sedie della cucina durante i pasti principali, si unisce spesso (quando non preferisce dormire sul lettone) a noi sul divano mentre guardiamo la tv oppure giochiamo alla play e fa il voyeur molto educato quando facciamo le cosacce infatti quel suo lato di gatto socievole almeno potrebbe toglierselo perché è imbarazzante.

Comunque i gattini sono bellissimi e io non mi stancherò mai di ripeterlo e poi sono profumati e puliti. Io boh come fanno quelli che dicono “Arghhhh io non sopporto i gatti”, boh. W i gatti e i loro fagiolini sulle zampotte. Ciao

anonymous asked:

A parere tuo c'è differenza nel definire una "ragazza sexy" e una "ragazza bella"? Se sì quale è la differenza?

Oddio, sta domanda gira da tempo, comunque, una ragazza è sexy per il fisico ma sopratutto per l’atteggiamento provocante, una ragazza è bella invece se ha quel qualcosa che ha parole non si può spiegare, fascino, direi armonia, eleganza, non ha bisogno di esagerare, non ha bisogno di provocare, boh, una ragazza bella è quella che ti ammalia e ti lascia senza parole e pensieri, e comunque è una cosa molto personale.

anonymous asked:

A parere tuo c'è differenza nel definire una "ragazza sexy" e una "ragazza bella"? Se sì quale è la differenza?

Essere belli è facile, basta essere stati fortunati alla nascita, uno bello non deve fare molto per piacere ad altri. Mentre essere sexy lo si deve saper fare. Una ragazza sexy, è quella magari non bellissima, ma che ti fa tanto sangue, in parole povere ti attrae molto nel suo modo di fare. Quindi viva le ragazze sexy.

anonymous asked:

Ad un mio compagno per scherzare lo abbiamo spogliato e gli abbiamo messo 3 dita nel retto lui dice di essersi tanto divertiti. pensi sia gaio?

Penso che voi avete dei problemi mentali molto gravi.

anonymous asked:

Ho sempre adorato il nome del tuo blog: nera come ossidiana. Sai mercoledì con la mia classe sono andata in laboratorio e ho visto per la prima volta la roccia ossidiana, è nera, lucida, ha un forma affascinante, eppure nessuno la nota, nessuno la conosce. Tutti sanno cos'è un quarzo, tutti sanno cos'è un diamante, un rubino, ma nessuno sa cos'è l'ossidiana.

ti ringrazio per aver sprecato dei minuti del tuo tempo per scrivermi, l’ho apprezzato molto
grazie davvero, soprattutto per ciò che hai detto sull’ossidiana

Stasera sono andata al cinema e indossavo la mia camicia celeste, quando ho su quella mi sento sempre molto carina. Inoltre i miei capelli profumano e profumavano mentre guardavo il film. Quando succede così mi sento molto bene e infatti oggi mi addormento che sono bellissima, anche in questo punto sperduto dell’Asia e piena di nostalgia di casa.

E immagino che tutti voi desideriate, fra le altre cose, fare soldi e trovare il vero amore. Ve lo dico io come fare soldi: lavorate molto sodo. Ve lo dico io come trovare l’amore: vestitevi bene e sorridete sempre. Imparate le parole di tutte le canzoni appena uscite. 
Che altri consigli posso darvi? Mangiate tanta crusca in modo che la vostra dieta abbia il necessario apporto di fibre. L’unico consiglio che mio padre mi abbia mai dato è stato questo: «Non ti ficcare niente nelle orecchie». Dentro le orecchie ci sono le ossa più piccole di tutto il corpo umano, lo sapete?, e anche il senso dell’equilibrio. Se vi maltrattate le orecchie, rischiate non solo di diventare sordi, ma anche di cadere per terra in continuazione. Quindi lasciatele in pace. Stanno benissimo così come sono.
—  Quando siete felici, fateci caso, Kurt Vonnegut 

anonymous asked:

Caro dottore, Premetto che sono abituata a bere alcolici di ogni tipo ogni fine settimana,soprattutto cose con una gradazione molto alta. Mai avuto problemi,di recente però mi viene da rigettare anche con mezzo bicchiere di vino. Come mai?

È GESÙ CHE CI TIENE A TE E TI AVVERTE DI NON ESAGERARE CON LA DOSE CANONICA DEL SUO SANGUE

Anche se io e Marito (ancora) non abbiamo nessuna intenzione di figliare abbiamo già deciso il nome di un ipotetico pargolo: se è femmina Emma perché è un nome molto bello secondo me ed è internazionale quindi se vuole andare a vivere a Londra come fanno adesso i giovani può farlo senza che storpino il suo nome tipo quando una che si chiama Francesca a Londra la chiamano Frensisca. Invece maschio Leonardo perché è l’unico nome da Tartaruga Ninja che posso tollerare. 

Mi state sul cazzo voi che ogni cosa che vedete: “è molto tamblrr”, ma PERCHE’? eccheccazzo.

Su tumblr ORA c’è qualunque cosa, qualunque cosa che si possa trovare in qualunque sito web però nessuno si gira a dire “oh, quello è molto ebay”, “è molto instagram”, ” è molto facebook”, “è molto weheartit” o “è molto youporn” PER IL SEMPLICE FATTO CHE NON HA IL MINIMO SENSO.

Qui trovi milioni di stili diversi, persone e generi di post diversi, “tumblr” non è un aggettivo associabile a oggetti o persone.

Ancora peggio quelli che prendono frasi, immagini e quello che cazzo gli pare ripostando e scrivendo come fonte “tumblr”. Come se io scrivessi “Uè uè, i ragazzini si misero a piangere. Un’eternità densa, come falene, incombeva sull’assurdo salottino scuro con la triste carta alle pareti, la lampada rosa, le facce eccitate. […]” (ignorando la serietà della frase presa a caso dal libro più vicino) e tranquillamente come fonte mettessi “libro”, sarebbe ridicolo.
Uno, non sarebbe rispettoso nei confronti del caro vecchio Kerouac che non riceverebbe il giusto merito per la sua frase; due, lascerei inutili dubbi e curiosità; tre, sarebbe proprio essere stronzi.

Volevo raccontarvi la mia giornata

Mi sveglio alle otto coi capelli che odorano di vomito e il treno per Venezia parte alle otto e cinque quindi vabbé é perso. Le parolacce, poi prendiamo il treno delle nove e io vado a lavarmi i capelli nel cesso del frecciabianca. Non dormo, parlo. Vediamo la mostra di hiroshige e io tremo forte per la nausea ma sono anche molto allegra e parliamo rumorosamente sopra ogni stampa, tutte ci divertono. Trovo molte stranezze. Non posso leggere le scritte perché ho perso gli occhiali. Mi avvicino pericolosamente ad ogni cosa per poterle decifrare. Il mondo di un miope é veramente diverso dal mondo di un full hd user. Non é peggiore, é proprio diverso. Il sole scalda le calzine fini, passa attraverso i buchino, bello. Ci perdiamo per delle ore. Venezia é molto allegra e bella, io rido fortissimo. I postumi e la stanchezza mi rendono sensibile e divertibile. Sono tutti pazzi. Arriviamo alla stazione che mancano più di due ore alla partenza del treno, io leggo due pagine in inglese a voce alta, disegno, pongo le mie solite domande inutili davanti ad un cappuccio, eccetera. Penso un pochino. Ho comprato dei pennarelli magici che fanno la mia gioia, per davvero. Euforia per almeno 30 minuti. Sono in treno non leggo quello che scrivo e ho ancora il pancino sottosopra. L’acqua é la cosa più bella che ci sia sulla Terra

anonymous asked:

Mi manca il ragazzo che amo, non ci parliamo più e lui è fidanzato. Voglio scrivergli ma ho paura che mi risponda male o non mi risponda per niente. Te saresti contento di sapere che manchi a qualcuno e di parlarci? Come la prenderesti? (Io e lui eravamo molto amici ma poi ci siamo allontanati e abbiamo litigato. A novembre ci siamo rivisti e abbiamo chiarito ma non ci siamo più parlati o salutati)

Io credo che a chiunque faccia piacere sapere che manchi a qualcuno, ma se non è lui a cercarti, se è lui a rimpiazzarti per primo, non scrivergli. Non fare niente, puoi solo guardare la sua vita senza farne parte. 

Le ingannevoli parole

Partendo dal presupposto che le parole possono essere ingannevoli ci vuole molto più coraggio a prenderle come una verità che non come falsità

#beatochicrede

anonymous asked:

Scusa me la potresti dire una bella frase sulla solitudine?

Sai,per molto tempo l’ho usata anche io questa terminologia : frase bella. Ma cos’é una bella frase? Partendo dal presupposto che la bellezza è soggettiva e la frase è un insieme di parole legate con senso logico ad un verbo, quali sono le tue parole preferite? Quali le lettere che ti vibrano dentro? Cosa vorresti dire a chi ti ha lasciata sola a scegliere termini per discorsi che non hai il coraggio di fare? E soprattutto, perché vuoi lasciare a me il compito di decidere cosa provi,cosa senti, quanto ferita sei?
Combatti per te stessa, sei sola ma sei a sufficienza, libera.

Sono arrivata alla conclusione che chi ti ama resta. Chi se ne va, è solamente perchè non ti amava abbastanza, se non affatto. Tieni stretto chi resta e non seguire chi se ne va. Lungo la strada potresti rincorrere la persona sbagliata e perdere te stesso, che è molto peggio.
—  eravamopersempre