modificato

Made to compete agaist the Porsche 917

1970 Ferrari 512 M | Modificato | Modified based on the Ferrari 512 S | Sports Racing Car | 5.0L Tipo 261C V12 610hp | Produced for the 1970 International Championship for Makes and to go against the Porsche 917 | Only 25 Ferrari 512 S Racers were ever produced | Of the Twenty Five 512 Ss, Fifteen were converted to M Specs

Factory Floor and the Twenty Five 512s

1970 Ferrari 512 M | Modificato | Modified based on the Ferrari 512 S | Sports Racing Car | 5.0L Tipo 261C V12 610hp | Produced for the 1970 International Championship for Makes and to go against the Porsche 917 | Only 25 Ferrari 512 Ms were ever produced

L'immagine che da stamattina sta facendo discutere praticamente tutto il mondo ha catturato anche la mia attenzione.
Ho sentito gente dire con convinzione che il vestito è Celeste e Marroncino e gente dire che è sicuramente Bianco perché con l'Oro il Celeste non si abbina. Ho sentito di tutto, ma non sapevo come giudicare la cosa.
Ho fatto varie ricerche e ho trovato l'immagine originale del vestito in vendita in un negozio online… Come vedete è nero e blu (Il sito ufficiale del negozio rende disponibile il vestito anche in altri colori ma sono molto distanti da quelli che erano i dubbi iniziali, quindi sono stati scartati già in partenza).
Ho applicato qualche filtro e ho modificato qualche parametro per simulare le strane condizioni di luce che possono aver causato un'alterazione dei colori così strana e come vedete ho ottenuto un risultato abbastanza simile con davvero pochi cambiamenti… Ho modificato un po’ la luminosità, il contrasto, la temperatura e la tinta… Ed ecco che magicamente compaiono gli stessi colori che il nostro occhio percepisce nel guardare la foto incriminata.
Ciò significa che nel luogo in cui è stata scattata la foto c'erano particolari condizioni di luce che hanno portato la fotocamera del cellulare a catturare i colori in modo così alterato.
Inoltre, per chi si stesse chiedendo come il Nero possa diventare color Oro, la risposta è semplicemente che si tratta di un tessuto semitrasparente, quindi facilmente alterabile, specialmente in foto.
E per finire, anche la ragazza che ha postato l'immagine ha affermato che il vestito è Nero e Blu, ma la gente continuava a non crederci.

Adesso condividete il messaggio con tutti quelli che hanno perso un giorno intero a discutere su questa foto, così calmiamo le acque… Pace e amore.

 — Mawkisness

Ti ricordi quella volta
quando sono partita
e già ti mancavo
prima di salire sulla nave
ci eravamo promessi
di mandarci una foto ogni sera
per vedere come
il tempo e la lontananza
avrebbero modificato
i nostri volti
ma forse lo abbiamo fatto
per una settimana
anche meno
e quando sono tornata
i miei occhi
avevano visto tanta meraviglia
di terra, di cielo e di mare
e le tue braccia
avevano retto
il peso della mia assenza.
Ma in questo modo
ti guardai meglio
e tu mi abbracciasti meglio.
E il tempo e la lontananza
seppero
d'aver perso miseramente.

Relativizziamo

Un aspetto di cui mi sono sempre preoccupata negli occasionali esami di coscienza, vista la mia indole perennemente mutevole da gemelli qual sono (raga è tutto vero), è di risultare coerente; con gli altri, con me stessa, con la vita.

Ebbene, da quando ho iniziato a scrivere la tesi mi sento di affermare che ogni dubbio si è felicemente dissipato perché ok, rispetto al papa e al Dalai Lama non lo so, ma in confronto all’indice della mia tesi rappresento sicuramente un altissimo e virtuosissimo esempio di integrità e congruenza.

Non amo troppo il passato.
Nel senso che non rovisto mai di proposito nella memoria.
E ho i miei motivi. Quando va bene, farlo intristisce e basta, fa sentire vecchi o malinconici.
Quando va male, assale una grande rabbia per non aver modificato qualche corso degli eventi, che so io, dato un pugno sul muso, urlato un vaffanculo, preso un treno in corsa, sbattuta una porta e girato i tacchi.
O peggio, peggio, peggio ancora ci si può pentire di non aver baciato all'improvviso quelle labbra che non potremo mai dimenticare.

Paola Felice

L'amore è open source

Ecco una delle regole per farmi incazzare, dirmi “tu non capisci niente dell'amore”. Mio padre diceva che i sentimenti “sono come la pelle dei coglioni, ognuno ha la sua versione personale, e la tira e adatta alle sue convinzioni”. Io da bravo informatico dico che l'amore è open source: ne esiste una versione community, condivisa, aggiornata, mantenuta, quella che ci spacciano libri e film. Ma ognuno si fa la sua versione, come più si adatta al suo mondo al suo sentimento, al suo rapporto. Per questo è impossibile sapere qualcosa “dell'amore” abbiamo una vaga idea di com'era quando lo abbiamo trovato, e forse assomigliava agli altri, ma tutto quello che sappiamo, dopo anni, è come lo abbiamo modificato, per farcelo piacere, per poterlo mantenere vivo e farlo funzionare.

le ossessioni non passano mai del tutto, e che noi eravamo un’ossessione in piena regola. So che ogni tanto, mentre lo guardi, ti torno in mente. So che ogni tanto, mentre ci dormi abbracciata, mi sogni ancora. Lui a volte ti avrà chiesto di noi, come mai?, che è successo?, non l’amavi?, era solo sesso?, e tu gli avrai risposto con l’aria di chi se ne frega un cazzutissimo “No, non l’amavo, figurati, per me l’amore sei tu”. E lui ci avrà creduto, perché non sa, non può nemmeno immaginare che amore ero io. Non sa che eravamo tanto, ma così tanto, che insieme ci facevamo del male. Ecco perché, ecco perché ora sei con lui e non con me. Stai tranquilla, comunque. Non ti passerà mai. E’ la condanna di chi trova l’amore e se lo lascia scappare.
—  Susanna Casciani  

Modificato dal mio punto di vista maschile però.
ilpost.it
La triste fine di "No Man's Sky" - Il Post
Uno dei videogiochi più attesi e discussi degli ultimi mesi non piace quasi a nessuno, ma la sua storia ha già cambiato un pezzo del settore

Aldilà di come proseguirà l’avventura di “No Man’s Sky”, la sua storia sembra avere già influito sull’industria dei giochi. Dopo il flop del gioco diversi sviluppatori hanno modificato il loro marketing, rendendolo più concreto e preciso e arrivando in alcuni casi a rimandare le scadenze allo scopo di presentare ai loro clienti prodotti completi, con una quantità maggiore delle funzioni promesse in fase di sviluppo. In altre parole, il caso “No Man’s Sky” sembra aver contribuito a rendere più sincero il rapporto tra giocatori e sviluppatori. La società che organizza i Game Awards, i cosiddetti “Oscar dei videogiochi”, ha annunciato che utilizzerà criteri più severi nella valutazione del materiale prodotto dagli sviluppatori dei giochi. Nella prossima edizione, per esempio, trailer e dimostrazioni saranno realizzati utilizzando spezzoni del videogioco, più che segmenti pre-renderizzati, cioè creati a tavolino dagli sviluppatori per offrire il massimo della resa. Secondo Geoff Keighley, organizzatore dei Game Awards: «C’è una buona morale in questa storia ed è in parte quello che sto cercando di fare quest’anno: fare sì che gli sviluppatori siano più trasparenti a proposito dei loro videogiochi».

Si noti una cosa

Hanno modificato 47 articoli della Costituzione,

e si sono dimenticati di modificare quello su cui tutti i partiti e movimenti si dichiarano d’accordo a cambiare, cioè quelli sul pareggio di bilancio (art. 81)