modificato

Made to compete agaist the Porsche 917

1970 Ferrari 512 M | Modificato | Modified based on the Ferrari 512 S | Sports Racing Car | 5.0L Tipo 261C V12 610hp | Produced for the 1970 International Championship for Makes and to go against the Porsche 917 | Only 25 Ferrari 512 S Racers were ever produced | Of the Twenty Five 512 Ss, Fifteen were converted to M Specs

Non amo troppo il passato.
Nel senso che non rovisto mai di proposito nella memoria.
E ho i miei motivi. Quando va bene, farlo intristisce e basta, fa sentire vecchi o malinconici.
Quando va male, assale una grande rabbia per non aver modificato qualche corso degli eventi, che so io, dato un pugno sul muso, urlato un vaffanculo, preso un treno in corsa, sbattuta una porta e girato i tacchi.
O peggio, peggio, peggio ancora ci si può pentire di non aver baciato all'improvviso quelle labbra che non potremo mai dimenticare.

Paola Felice

L’inesistente

I luoghi, i paesaggi, sono un insieme di relazioni. I luoghi non esistono più;  ormai siamo tutti capaci di trovarci virtualmente ovunque e da nessuna parte. Il ‘’cyberspazio’’ è l’unico paesaggio che veramente viviamo.Ma allora tutto il resto cos’è ? E’ solo spazio, un impedimento, una perdita di tempo. Non ci interessa della distanza che percorriamo, ma del tempo che perdiamo a percorrerla. Pretendiamo l’istantaneità; vogliamo stare insieme a qualcuno che si trova lontano da noi, però può sentire la nostra voce col cellulare come se stessimo nella camera affianco alla sua : è naturalmente impossibile.Non esistono più i luoghi, la loro bellezza è quasi fantasia, è composta di fotografie modificate con photoshop, da cartoline plastificate. Possiamo veramente apprezzare la bellezza dei paesaggi se non esistono più i luoghi? Il genius loci  o è morto o è terribilmente solo, o ancora è diventato ‘’altro’’, si è modificato ed ora è virtuale ,perché ormai sembra più materico ciò che non esiste piuttosto che ,per esempio, il nostro vicino di casa che non ha facebook. Allora se viviamo nello spazio ci relazioniamo col nulla, quindi come possiamo esistere? Dobbiamo smaterializzare il nostro io e partecipare a quella fitta nebbia del virtuale, dell’invisibile, con lo scopo di relazionarci con un nuovo luogo senza spazi. Ma senza spazio come può esistere luogo? Non c’è spazio ma c’è relazione. Siamo diventati noi stessi relazione e quindi luogo, e quindi paesaggio. Il nostro aspetto diventa come quel mare durante il tramonto che spesso condividiamo su internet. Siamo noi il nuovo genius loci , il genio del luogo, il guardiano del suo spirito e delle sue relazioni. Ci prestiamo a curare il nostro aspetto perché siamo come le cartoline plastificate,come le immagini photoshoppate. La Dea Bellezza piange suo figlio, terribilmente brutto, perché è nato morto, e la società ride.

Diario 21/03

Mi sono svegliato tranquillamente alle 5… per prendere il suo stesso pullman e stare con la mia piccolina… Mi sveglio presto la mattina per vivere… lei si che mi fa vivere… riesce ad estrapolarmi da sto mondo crudele e mi porta in un mondo perfetto… l'unico raggio di sole in un mondo disastrato e buio come il mio… Appena si siede vicino a me sento già la realtà sfumarsi e cambiare forma… ci diamo un bacio… un buongiorno e poi mi abbraccia riposandosi ancora un pochino sulla mia spalla… Quando accade ciò, scompaiono tutti… in quel momenti esistiamo solo io e lei. Nessuno apparte noi. Spesso la bacio sulla fronte e lei mi stringe più forte. Inizio perfetto! Arriviamo alla destinazione… dobbiamo dividerci. Tutti i giorni questa è la parte più brutta. Un ultimo bacio e ci lasciamo al giorno dopo. Li è come se il mondo si vendicasse di averlo distorto e modificato. Li dal volare passo allo schiantarmi ripetutamente al suolo con una certa violenza che aumenta all'aumentare della distanza fra me e lei… ero distrutto e incredibilmente triste. Ma per fortuna sono “bravo” a tenermi tutto dentro, e continuo per la mia strada verso la scuola. Uscito da scuola tornai a casa. Mangiai, studiai, poi senti suonare al citofono. Era lei… perfetta e luminosa come sempre. Per fortuna non c'era nessuno in casa e la feci salire. Appena aprí quella porta corsi ad abbracciarla. Ero cosi felice che la presi in braccio e la baciavo ripetutamente. Sentii il cuore battere di nuovo fortissimo e cominciai di nuovo a sentirmi leggero… a volare il volume della tv cominciò a sentirsi sempre meno… ma stavolta qualcosa la sentivo… i nostri cuori… perfettamente coordinati. Uno spettacolo… ci siamo rimasti 15 minuti buoni su quell'uscio… per poi sentire che era venuta solo un po per salutarmi e che doveva andare via… mentre l'accompagnavo fuori quello che ho cacciato fuori è stato solo un “ti amo” e un “a presto cucciola”. Ma dentro ero distrutto… non avevo piu nulla… tutto distrutto… inutile dire che ho passato la serata a pensare a lei… a quanta perfezione avevano le sue labbra… i suoi occhi… ciao piccinah… ti amo.

Ho paura.
Sto in paranoia.
Hanno clonato l'account facebook di mia nonna.
Il problema è che hanno pubblicato una foto mia che ho mandato solo a lei e al mio angelo.
Ma non è nessuno di loro due.
La domanda è: “Come hanno fatto ad avere quella foto?”
Ho paura ha tra gli amici tutti i miei amici e conoscenti e se dovesse pubblicare qualcosa tipo di modificato?
Qualcosa di orribile?
Ho paura.
Ma perchè tutte a me.
Non capisco.
Fatto sta che il mio angelo ora non può rispondermi e a me sta salendo il porco Dio.
Ma tanto tra poco dovrei uscire per andare a sciare.
Spero di scordare almeno momentaneamente tutta questa storia.
Come ieri.
Anche se la vedo molto difficile.

Ti ricordi quella volta
quando sono partita
e già ti mancavo
prima di salire sulla nave
ci eravamo promessi
di mandarci una foto ogni sera
per vedere come
il tempo e la lontananza
avrebbero modificato
i nostri volti
ma forse lo abbiamo fatto
per una settimana
anche meno
e quando sono tornata
i miei occhi
avevano visto tanta meraviglia
di terra, di cielo e di mare
e le tue braccia
avevano retto
il peso della mia assenza.
Ma in questo modo
ti guardai meglio
e tu mi abbracciasti meglio.
E il tempo e la lontananza
seppero
d'aver perso miseramente.

Factory Floor and the Twenty Five 512s

1970 Ferrari 512 M | Modificato | Modified based on the Ferrari 512 S | Sports Racing Car | 5.0L Tipo 261C V12 610hp | Produced for the 1970 International Championship for Makes and to go against the Porsche 917 | Only 25 Ferrari 512 Ms were ever produced