modello

puntuale come un orologio svizzero, alle 22:46 di un sabato di aprile in cui ho fatto il cambio di stagione, mi ha assalito lo schifo per il mio corpo, e la consapevolezza che l'unica cosa che mi starebbe bene non sono tutte queste magliettine e vestitini, ma un sacco di iuta gigante e sformato di quelli in cui vendono le patate