mis memories

cara mamma,
sono io.
La tua maldestra, casinista figlia.
E questi sono solo due degli aggettivi che potrebbero descrivermi.
Da sempre cerco di essere la figlia perfetta e soprattutto degna di te.
Vorrei essere quella ragazza che torna da scuola con un 10 a scienze e 8 in matematica.
Vorrei essere quella ragazza che non ti risponde mai male quando è nervosa.
Vorrei essere quella ragazza che si sfoga con te, che vede in te una miglior amica.
Vorrei essere anche quella ragazza che con te è sempre sincera, sempre buona, che ti dice ogni volta la verita su dove va e con chi si vede.
Vorrei poter dirti tutto senza aver paura di essere giudicata da te che infondo sei mia madre e chi mi vuole piu bene di te?
Vorrei, ma non sono io quella ragazza e mi dispiace deluderti ma non lo sarò mamma.
Non so affrontare i miei problemi con qualcuno, tanto meno con te  perchè non vorrei mai che le tue aspettative su di me si abbassassero.  
Non vorrei deludere la tua idea di figlia che credi che io sia.
Mamma non mi conosci, magari potrai anche prevedere tutto cio che farò ma non sai il perche e quello che c'è dietro.
Credi di saperlo ma parliamoci chiaro…non so nemmeno io chi sono.
Potrei essere lesbica, drogata, psicopatica.
Non ti diro che il mio ragazzo si fa piu canne di Bob Marley probabilmente.
Non ti diro che ho provato una canna e una sigaretta.
Non ti diro che mi sono ubriacata e non ti diro di quel 3 in matematica.
Perche?
Perchè non voglio deluderti mamma.
Voglio che tu sappia che io sono “perfetta”.
Voglio illudere anche me stessa di essere cosi.
Cosi dolce,adorabile,brava e affidabile come mi credi.
Magari un giorno sara cosi mamma.

Ti voglio bene come nessun altro.

—  astory

Inventerai che non hai tempo
Inventerai che tutto è spento
Inventerai che ora ti ami un po’ di più
Inventerai che ora sei forte
E chiuderai tutte le porte
Ridendo troverai una scusa
Una in più..

Ed ero contentissimo
in ritardo sotto casa ed io che ti aspettavo
Stringimi la mano e poi partiamo…
In fondo eri contentissima
quando guardando Amsterdam non ti importava
della pioggia che cadeva…
solo una candela era bellissima
e il ricordo del ricordo che ci suggeriva
che comunque tardi o prima ti dirò
che ero contentissimo
ma non te l'ho mai detto che chiedevo
Dio ancora
Ancora
Ancora

—  Tiziano Ferro
4

Memori no Mori - Ten no Mi