mi piaci tanto

Ti guardo e scusami ma non riesco a smettere.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
Mi piace perchè fa lo scemo, perchè senza nemmeno impegnarsi mi fa sorridere e non mi fa pensare a nient'altro. E forse non è perfetto, ma tanto nessuno lo è. E a me piace così, con i suoi difetti e le sue cose strane.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)

Io ti amo e non voglio sprecare il mio tempo con te così. Io con te voglio ridere, scherzare, chiacchierare, voglio parlare con te, litigare con te, voglio urlarti che ti amo, io voglio te, ma non come quei “ti voglio” a convenienza che mi dici tu.
Io non merito te, e tu non meriti me. Siamo così diversi eppure così uguali.
Io con te sono davvero felice, non proprio felice, ma felice quanto basta per farmi dimenticare di tutto il resto.
Io con te farei di tutto. Io ti direi tutto.
Con te ci parlerei giorno e notte. Ti racconterei di tutti i miei segreti, e mi farei aiutare da te, perché so che anche tu hai un cuore.
Tu mi piaci tanto, mi fai impazzire.
Partendo dal fatto che hai una collezione di lattine, che ho amato fin dal primo istante in cui me l’hai detto. Io amo il fatto che tu sei diverso dagli atri, anche se continui a comportarti come tutti gli altri, io so che tu sei diverso, tu vorresti fare colpo su tante ragazze comportandoti in un modo diverso da quello che sei, ma a me piaci anche se non mi menti, a me piaci perché sei tu, perché sei tu in un modo diverso da tanti altri.
Tu sei uno su un milione.
Che se sei freddo con tutti è perché c’è un motivo. Forse io sono l’unica che ti capisce realmente e che ama tutto questo.
Io ti amo già da quando tu non eri nessuno, da quando nessuno ti conosceva.
Amo la tua voce, i tuoi occhi, amo le tue labbra. Mi piace il tuo collo, mi piace la tua schiena e mi piacciono le tue braccia. Mi piace quel piccolo neo che hai vicino all’occhio sinistro. Mi piace il tuo sguardo, mi piace il tuo sorriso. Mi piaci.
Mi piace come cammini, come porti i jeans, mi piacciono le tue felpe, mi piace la musica che ascolti, mi piacciono i tuoi capelli, e i tuoi modi di fare.
Mi piaci come mi guardi, mi piace come pronunci il mio nome.
Io mi sono innamorata dei tuoi più piccoli dettagli.
Vorrei abbracciarti di più, perché amo come mi stringi.
Vorrei sentirti più vicino, vorrei che mi verresti a cercare e dirmi che senza di me tu non puoi stare.
Io vorrei esserti più vicina e vorrei conoscerti come nessuno mai ti ha conosciuto.
Vorrei scendere con te il sabato sera, e vorrei tenerti la mano.
Vorrei dirti che ti amo, e guardare in cielo.
Vorrei che tu fossi al mio compleanno, e che nel momento di spegnere le candeline il mio desiderio si avverasse: averti accanto.
Io vorrei fare l’amore con te.
E non posso negare che tutto ciò che abbiamo passato insieme non mi sia piaciuto, perché io ho amato ogni momento quando stavo insieme a te.
Amo il fatto che tu sia tutto un mistero, che sei chiuso, e non dici quasi niente a nessuno. che non ti fai conoscere e che non ti apri facilmente per non affezionarti troppo.
Ma io forse ti conosco un po’ di più di tutti gli altri, anche se tu non mi conosci abbastanza.
Io amo te, il tuo essere così misteriosamente attraente.
E odio un’unica cosa: che c’è ne sono così tante più belle di me, e che tu non potrai mai essere mio.
Ma non me ne faccio un problema, perché mi basta solo pensarti per sorridere.
E’ tutto molto stupido, ma è ciò che provo per te.
Mi dispiace che anche tu non provi tutto questo per me, perché avrei potuto darti tutto, avrei potuto farti passare momenti indimenticabili.
Non volevo dirti che ti amo, non voglio dirti ti amo, perché so che tu non provi neanche la metà della metà di ciò che provo io.
Io lo so che tu non mi ami, e ce ne vuole di coraggio per ammetterlo.”

Oggi c'eri tu. Con quel sorriso di sempre, con gli occhi che non avevano fine.
Poi c'ero io e credimi, m'ero persa solo a guardarti.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)

“Mi piace perché fa lo scemo, perchè senza nemmeno impegnarsi mi fa sorridere e non mi fa pensare a nient'altro.
E forse non è perfetto ma tanto nessuno lo è. E a me piace così, con i suoi difetti e le sue cose strane.”

(sesolosapessiciòcheprovo)

Ti ho scritto un messaggio, poi non l'ho inviato.

Resterà qui fino a quando sarò abbastanza forte.

“Ciao, lo so che dormi già da un'ora, ci ho provato, ad addormentarmi intendo, ma le parole mi vorticavano in mente quindi ti scrivo.

Lo so che ora ti senti con lei.

Che è bella.

Che si, forse è meglio di me.

Non m'importa, o forse si, si m'importa.

Cazzo sto scrivendo cose senza  filo logico, ma non lo rileggo altrimenti cancello tutto.

E’ cambiato qualcosa, non so più chi sono, so solo che comunque ho bisogno di te.

O forse no, se ne avessi davvero bisogno non ti scriverei perché così distruggerò tutto.

Perché dopo non saremo più gli stessi, forse diventeremo estranei.

Devo rischiare no?

Tu me lo dici sempre ’‘come fai a dire che andrà male se non provi?” allora io provo.

Non mi sono mai sentita così.

Mi 'innamoro’ sempre di persone che non conosco, di ragazzi che incontro sulle scale della scuola in una mattina qualunque, non so nemmeno che suono abbia la loro voce.

Come Lorenzo, era una fissa.

Ma non mi sentivo così.

Ho paura di innamorarmi e stare male.

Ho paura.

Non voglio rovinare tutto, ma te lo scrivo comunque perché tanto questo messaggio non lo invio.

Tu mi piaci.

Già.

Tu.

Strano eh? Nemmeno io ci credevo.

Ma sono gelosa quando mi parli di lei.

Fanculo, resta con me.

Resta, okay?

Perché so che ora te ne andrai, so che non sono il tuo tipo, so che non sono bella, che non sono niente ma ho abbattuto i muri.

E ora sto per piangere,  ma piango perché sono felice.

Mi dicevi “non hai niente da perdere” ma adesso qualcosa da perdere ce l'ho.

E non voglio perderlo.

Non voglio perderti.

Sono tutte meglio di me, quindi se non dovessi piacerti ti capirei, nemmeno io mi piaccio.

E poi credo che tu non meriti una come lei, e nemmeno una come me, tu meriti qualcuno sorridente, qualcuno che ti renda felice, qualcuno che non crolli ogni volta che si guarda allo specchio; e credo di non essere io quel qualcuno.

Mi hai aiutata a guardare oltre, oltre alle apparenze, mi trascini fuori da questo schifo senza neanche accorgertene.

Mi hai cambiata, si perché le persone cambiano le persone, il cambiamento è passivo; non si fa, si subisce.

Senti scegli me.

Sarò migliore, mi odierò di meno.

Saremo felici te lo prometto.

Però resta.

Resta.“

 

Stai attenta alle tue labbra, con me non sono al sicuro.
Non hai idea di quanto tu mi piaccia, prima o poi un bacio te lo rubo.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)