mercant

«Maledetti siano i vostri occhi:
m’hanno stregata
e m’hanno diviso in due.
Una metà di me è vostra,
l’altra metà è ancor essa vostra.
Vorrei poterla dir mia.
Ma se è mia, ne consegue che è vostra.
E così è tutto vostro».
—  William Shakespeare, “II mercante di Venezia”
Perché lì, solo lì, ti ritorna mille volte un bacio ricevuto, dove la notte te lo conserva e te lo restituisce moltiplicato. Ma puoi anche non riuscire a dimenticare un bacio non dato, rifiutato, perché lei continua imperterrita a ricordartelo. Hai amato? Dormirai d'amore. Sei solo? Tutto l'universo lo sarà.
—  Roberto Vecchioni, Il mercante di luce
Non so davvero perché sono tanto triste. E questa tristezza mi stanca, e voi stessi dite d’esserne stanchi. Ma ho ancora da sapere dove l’ho presa, dove me la son trovata, come me la sono guadagnata, di che diavolo è fatta, da dov’è spuntata. Ed essa mi stordisce così che stento a riconoscere me stesso.
—  William Shakespeare, Il mercante di Venezia

anonymous asked:

Nasıl birisin

Mutfak filan bir numarayım. Evlilik programları peşimden koşuyor. Parfümüm Hermes. alkolüm yok kumarım yok. Kahveye gitmem takım tutmam. Hayatım da hiç tespih sallamadim,düşün takım bile tutmadim. Bilmediğim yemek yok. cengiz kurtoglu da dinlerim natalie mercant da, ucaga binmem otobüsten inmem. Bazen sırf laf olsun diye siir yazarım. Hepsinden önemlisi kızartmalık patatesten anlarim.

@hexxvx asked for a post on Italian idioms, and this is it. Now, we have A LOT of them (as many languages do), and I really didn’t know which ones to select, so I just went with some pertaining to three major groups (those who mention animals, body parts [I mostly left out the vulgar ones here, but I could make a post on those too if you’d like me to] and food) and a couple of bonus ones. The Food and Miscellanea categories are under the cut because this is already long enough as it is, hahaha.
Enjoy and please ask if you have any questions!

ANIMALS

In bocca al lupo/in culo alla balena – Good luck/Break a leg (lit. “in the mouth of the wolf/in the ass of the whale”)

Honestly, I tend to use the first one more ‘cause the other is a bit gross, haha. I someone wishes you “in bocca al lupo”, you should answer “crepi [il lupo]” (“may [the wolf] die”) or also, if you are a loser like I am, “viva il lupo” (“may the wolf live”), while if someone says “in culo alla balena” the correct reply is “speriamo che non caghi” (“let’s hope it doesn’t shit”).

Il bue che dice cornuto all'asino – The pot calling the kettle black (lit. “the ox calling the donkey horned”)

When somebody accuses someone else of a fault which they themselves share. We’ll get to other meanings of “cornuto” later (spoiler: it’s cuckold) which give this idiom subtler nuances.

Una gallina dalle uova d'oro – A golden goose (lit. “hen with the golden eggs”)

Coming from Aesop’s fables, this idiom refers to something that generates great profit.

Una gatta da pelare – A tough nut to crack (lit. “a cat to skin”)

“Avere una [bella] gatta da pelare” basically means being faced with a difficult task, and I guess because poor cats rightfully won’t let you skin them so easily.

Menare il can per l'aia – To beat around the bush (lit. “to lead the dog around the yard”)

Don’t be fooled by the meaning that the verb “menare” has acquired nowadays (at least in central Italy): the poor dog is not being beaten, but rather led around in circles without a real purpose. This is an old idiom, also featured in Goldoni’s plays, dating back to the 18th century!

Prendere due piccioni con una fava – To kill two birds with one stone (lit. “to catch two pigeons with one fava bean”)

The meaning is essentially the same, though our version is less cruel and more precise (I honestly don’t know why one would want to catch pigeons in particular, though).

Un freddo cane – Damn cold (lit. “dog cold”)

When someone says that “fa un freddo cane”, they mean that the day is the coldest they’ve seen in quite a long time. The addition of “cane” is, basically, a way to insult the cold itself, and can actually be applied to other expressions as well: if a broken limb “fa un male cane”, for example, it means that it hurts real bad.

Sputare il rospo – To spit it out (lit. “to spit the toad out”)

You’ve been guarding a secret that weighs upon your chest, and a friend of yours is trying to get it out of you. After a couple of useless tries, they might lose their temper and burst into an exasperated: “Sputa il rospo!” (“spit it out!”) in order to persuade you to confess.

BODY PARTS

Avere le braccine corte – To be tightfisted (lit. “to have tiny, short arms”)

It’s not a particularly nice thing to say, but this idiom applies to those who just won’t spend their money, ever. If one is a bit stingy, we say he or she has short arms, so short that they can’t reach in their pockets!

Avere la coda di paglia – To have a guilty conscience (lit. “to have a tail made of straw”)

The expression probably dates back to the Middle Ages, when those who had been defeated or condemned were made to walk around wearing a straw-tail, that could easily get burned to add to their humiliation. Someone who has a tail made of straw worries about seemingly minor details, and acts defensively out of fear of being exposed.

Braccia rubate all'agricoltura – Someone who isn’t very bright doing a job they’re not fit for (lit. “arms stolen from farming”)

A funny one, albeit undoubtedly snobbish. It can be said of someone who’d be better off cultivating the land rather than exerting themselves in intellectual purposes.

Essere di bocca buona – To eat anything (lit. “to have a kind mouth”)

A person who is “di bocca buona” will not request an elaborated (and probably expensive) dish, and will rather be satisfied with whathever they’ll find on their plate.

Fare le corna a qualcuno – To cheat on somebody (lit. “to put horns on somebody”)

Some argue that the origin of the idiom is to be sought in the Greek myth of the Minotaur, born of the adulterous relationship between Pasiphaë, queen of Crete, and a bull. Generally speaking, “fare le corna” is a propitiatory gesture thought to keep bad luck away.

Fare orecchie da mercante – To turn a deaf ear (lit. “to do a merchant’s ears”)

Its presence in written Italian has been attested since the 14th century, and in a comedy written by Anton Francesco Grazzini in the following century, the author himself explains it thus: “[Merchants] only hear what pleases them”.

Non avere peli sulla lingua – To not sugar-coat things (lit. “to not have hair on one’s tongue”)

This expression is fit for someone who always says things the way they are, if a little harshly, without worrying too much about the way others could react.

Togliersi un peso dallo stomaco – To take something off one’s chest (lit. “to take a weight off one’s stomach”)

Basically the same as in English.

Keep reading

7

Well, this is going to be a reeeeally long post… so, be prepared.
I’ve always loved Christmas: I love buying presents for my friends, love the shiny lights down the streets, the atmosphere, the ritual of decorating the Christmas tree and making the nativity scene (I used to  do that with my sister when we were living at my parent’s house), the fact that I can stay with all my family (and my doggy of course) and just enjoy the time together and have long conversation with my cousins or my grandma.

I’ve had a beautiful childhood and I decided to put some of my memories in this drawing.
It’s a little present for all of you, for your tireless support, for your kind words in chat or asks. I’m grateful for this full year, even if it has been a bit difficult and, sometimes, I was really scared.
I want to thank all the tumblr community and wish you all the happiness in the world.

If you are interested there’s an “explanation” of the drawing under the “read more” line, useful for those who aren’t Italian and want to know more about some of our Christmas food and traditions.


Keep reading

Non so davvero perché sono tanto triste. E questa tristezza mi stanca, e voi stessi dite d'esserne stanchi. Ma ho ancora da sapere dove l'ho presa, dove me la son trovata, come me la son guadagnata, di che diavolo è fatta, da dove è spuntata. Ed essa mi stordisce così che stento a riconoscere me stesso.
—  William Shakespeare, Il mercante di Venezia
La mia piccola, pazza adorata mi stava dando il pranzo, e dalla finestra aperta io contemplavo le mobili architetture che Dio crea con i vapori, con le meravigliose costruzioni dell'impalpabile. E in quella contemplazione mi dicevo: « - Tutte queste fantasmagorie sono belle quasi quanto gli occhi della mia bella amata, del mio piccolo folle mostro dagli occhi verdi».
E all'improvviso ricevetti un violento pugno sulla schiena, e udii una voce incantevolmente roca, una voce isterica e come affiochita dall'acquavite, la voce della mia cara, piccola amata che diceva: «Sbrigati a mangiare la tua zuppa, maledetto mercante di nuvole che non sei altro!».
—  Charles Baudelaire, Lo Spleen di Parigi
La zuppa e le nuvole
Italian Vocabulary: Idioms

These fixed expression may sound a little funny but they’re used by Italians in their everyday lives so they’re worth knowing. Feel free to ask if you want to know more idioms or if you have a better translation 

  • Fare i conti senza l’oste (lit. to do the math without the innkeeper) = to act without considering the consequences
  • È inutile piangere sul latte versato = it’s no use crying over spilled milk
  • Adagiarsi sugli allori (lit. to lie down on laurels) = to slack off
  • Avere un chiodo fisso (lit. to have a fixed nail) = to have a bee in one’s bonnet
  • Fare orecchie da mercante (lit. to do the merchant’s ears) = to play deaf
  • Cercare il pelo nell’uovo (lit. to look for a hair in the egg) = to be extremely nit-picky
  • Promettere mari e monti (lit. to promise seas and mountains) = to promise the moon
  • Per un pelo (lit. for a hair) = a close shave
  • Chi la dura la vince (lit. he who endures, wins) =  The harder you try, the luckier you get.
  • Spezzare una lancia a favore di qualcuno (lit. to break a lance in favor of someone) = to advocate for s.o. 
Nun te fida’ de chi ‘n giorno te vo bene e l'altro t'è distante.
C'ha er core ballerino e a bocca da mercante.
—  [A Roma se dice così.
Il bullo della scuola.
Un bullo vero, mica di quei damerini figli di papà che ogni volta ti rubano il pranzo e poi scopri che, a casa, non fanno altro che indossare camicie e papillon e dire “Scusami, papà”, “Scusami, mamma”, con lo sguardo basso di chi ha sempre vissuto nell'ombra.
No, ecco, Jacques è proprio un bullo di alta qualità e non esagero nel dire che la sua frase preferita sia: “Fa’ attenzione con quei piedi, altrimenti te li stacco a morsi”.
Mai incespicare di fianco a lui, mai. Spesso mi chiedo se abbia veramente azzannato qualche gamba, una volta ogni tanto.
Lo incontro di lunedì nel giardino della scuola, -quanto odio i lunedì, io l'ho sempre detto-;
potrei scappare via a gambe levate e, invece, rimango a guardarlo di schiena, fermo, poi lo vedo chinarsi, ma che fa?, mi sembra di scorgere un braccio che si distende, una mano che si allunga.
Ha atterrato qualcuno, ne sono sicuro. E se ricominciasse a prenderlo a pugni? Io che farei? Mia madre mi ha cresciuto come un pacifista, non riesco neanche ad ammazzare le zanzare che mi si appollaiano sul lobo, ronzando forti come fossero assatanate.
Sto cinque minuti buoni immobile, quasi senza respirare e c'è perfino un momento in cui penso che le punte dei miei piedi abbiano scavato una fossa in cui impiantarsi.
Poi succede.
Mi è permesso di assistere ad un evento, ad un miracolo: la sua mano si era allungata semplicemente per stringere quella di un altro ragazzo, probabilmente caduto inciampando.
Un re che si inchina per sostenere uno schiavo, riuscite a capirlo?
Lo tira su come se pesasse un chilo, li sento parlare, colgo un “Grazie” tremolante e, alla fine, osservo Jacques rimasto solo, che si sfrega via la terra dalle mani e, a me sembra, un gran peso dal cuore.
Si gira, alza lo sguardo e mi vede. Maledizione, sono ancora qui? Mi sono dimenticato di andarmene.
Non se lo aspettava di certo, di avere spettatori: di solito tutti lo osservano mentre interpreta il leone, non l'agnello. Socchiude gli occhi per vedermi meglio, o, magari, solo per prendere la mira. Sbatte nuovamente le mani sui fianchi, per cancellare ogni prova, poi mi si avvicina con il passo di chi non ha mai paura. E’ ad un centimetro da me -“ora mi ammazza”-, il suo odore pungente mi pervade le vene, sostituendo il sangue con il terrore e, ad un tratto, senza il minimo avviso, mi dice: “Non lo dire a nessuno”.
Non mi ammazza, ma mi lascia secco. Fa differenza?
Riprende le distanze, lo guardo negli occhi per qualche secondo, lui aggrotta le sopracciglia e io, da vero cretino, non faccio altro che rispondere: “Credi di poterti sempre nascondere nelle buie grotte delle tue sopracciglia?”. Poi ci penso e capisco che la mia frase non abbia alcun senso: stavolta mi ammazza sicuro, o, ben che vada, si mette a ridere. Invece, nessuna delle due. Rilassa lo sguardo, curva un po’ la testa curioso, mi fissa fino ad inghiottirmi, poi china il capo.
Affondato.
“Non mi piace essere debole.”
“Jacq…”
“Non mi sembra di averti dato il permesso di parlare”. Beh, non posso pretendere più di quanto ho già ottenuto.
“Ho detto: non mi piace essere debole. Non mi piace faticare per alleviare le fatiche altrui. Non mi piace mostrarmi disponibile.”. Alza gli occhi, li punta nei miei, non più come un re, ma come un povero mercante che deve trovar pietà per vender le sue stoffe. “Ma questo è ciò che sono e non riesco sempre a nasconderlo. Quel ragazzo sarebbe potuto essere il mio fratellino, tant'era piccolo. Ero solo, l'ho tirato su. Se fosse successo in piena ricreazione, con la solita massa d'idioti a circondarmi, probabilmente gli avrei rifilato un calcio nelle costole. Gliene avrei spaccate un paio, forse. I miei compari mi avrebbero dato una pacca sulla spalla, il nostro segno di riconoscenza, ma riconoscenza per cosa, esattamente?
Avrei guardato quel ragazzo sanguinare, lo avrei guardato con occhi pieni di scuse.
Come se lo sguardo potesse medicare le ferite.
Poi, al pomeriggio, lo avrei raggiunto all'ospedale e mi sarei offerto di pagargli tutte le cure. In cambio, gli avrei semplicemente domandato di non confessarlo a nessuno. Questo sono io, Paul”
Come fa a sapere il mio nome?
“e, molte volte, se non sempre, non riesco a spiegarmene il perché. E’ più facile apparire come non sono, piuttosto che essere come sono. E’ più semplice offendere qualcuno piuttosto che dirgli ’‘Ti voglio bene” ed è molto meno faticoso spaccargli la mano, piuttosto che tendergliene una. Le persone mi portano rispetto, mi guardano come fossi irraggiungibile, eterno ed immutabile: un Dio greco.
Mi vedo potente, con una forza invincibile nelle mie braccia. Eppure, quando entro in casa e guardo gli occhi delusi di mia madre dopo l'ennesimo richiamo, non faccio altro che sentire l'invincibilità della debolezza del mio cuore. Però non mi importa; quello a cui tu hai assistito oggi è ciò che pochi sapranno, perché è quel che non voglio far vedere. La persona che appaio è quella che mi seguirà per il resto della mia vita e che mi renderà facile l'esistenza. Ho diciannove anni e sorridere alle persone non mi farà costruire un futuro, lo capisci?“
Sto zitto.
’'Ogni volta che prendo tre ad un compito di matematica, la mia professoressa non fa altro che ripetermi che il mio sia un problema di basi: mi mancano le nozioni e i calcoli elementari. Vorrei dirle che è vero, che ho un grosso problema elementare: mi hanno insegnato a coniugare la voce del verbo essere, ma non come farla parlare.”
Fa per aggiungere qualcos'altro, poi ci ripensa. Non aspetta neanche che io risponda, che lo guardi: gira i tacchi e se ne va. Non sto più zitto, questa volta, faccio un respiro profondo e gli urlo senza pensarci: “Tu hai una bellissima foglia verde, non avere timore di farlo sapere a tutti.”. Un'altra delle mie frasi un po’ cretine.
Jacques si ferma, si guarda le mani, poi in tasca: non c'è alcuna foglia verde. Non chiede spiegazioni, svolta all'angolo pensando, forse, che io sia pazzo. In realtà non lo sono: la mia analogia sarebbe stata semplice, se si fosse fermato a pensare qualche minuto, qualche ora, qualche giorno.
L'estate è finita da un pezzo, gli alberi si spogliano, i prati si coprono. La settimana scorsa ho passeggiato nel parco centrale della città e ho notato che non vi fosse neanche una foglia verde. E’ comprensibile, in questa stagione, ma ne sono rimasto ugualmente sorpreso. Da quando Jacques si è allontanato, non ho fatto altro che chiedermi perché mai un ragazzo, in possesso di una meravigliosa foglia verde in pieno autunno, non faccia altro che mostrare il proprio campo sintetico.
Tiene nascosta la foglia, la cela agli occhi degli altri, ha forse paura di rovinarla?
La rinchiude in un cassetto, magari, pensando di poterla tirare fuori ogni tanto, quando nessuno lo sa e ritrovarla sempre come l'aveva lasciata.
Vorrei correre da Jacques, stringerlo per un braccio, beccarmi un pugno sul naso, fissarlo e dirgli: “Qualcuno te l'ha mai detto che una foglia non curata…appassisce?”
—  – (Il testo che ho presentato riguardo il tema “L'essere e l'apparire nei giovani d'oggi”. Non ho vinto, ma scriverlo è già stata una vittoria per me.) Linearetta.
15 Datos curiosos

1. El Código Hammurabi condenaba a muerte a los cantineros que rebajen la cerveza con agua.


2. Para las Olimpiadas del 1932, Brasil no pudo pagar el viaje de sus atletas hasta Los Angeles. Así que decidieron enviarlos en un barco mercante de café.


3. Los vegetales que son cultivados en Alaska son gigantes, debido a que reciben 20 horas de luz solar por día.


4. Según estadísticas el 51% de las personas creen que están en una relación seria, cuando su pareja les comparte la cuenta de Netflix.


5. El usuario promedio de iPhone desbloquea su teléfono 80 veces al día.

Keep reading

Che secondo me dovrebbero chiamarsi Erbivori.

Premetto che secondo me questa cosa qui mi attirerà odi su odi a destra e sinistra, quindi tanto vale che me la sbologni subito così almeno si risolve il problema alla radice.

Dunque, c'è stato che giorni fa ho ospitato una mia amica a casa per il weekend, che vivendo da solo ho la casa che è un porto di mare, e quindi ospitare gente viene dannatamente facile, che siamo io e la palla di pelo, quindi c'è sempre spazio se la gente sa stare tranquilla e non pretende alte forme di dialogo mattutino col sottoscritto. Lei non le ha pretese, e quindi è stata l'ospite perfetto. Tralaltro sa fare i pancakes, questo depone fortemente a suo favore.

Il ma della questione, è che questa mia amica è vegetariana. Vegana per certi versi quando sta da sola, ma vegetariana per il resto. Fortunatamente è vegetariana intelligente, quindi non ha provato ad indottrinarmi al culto, permettendomi di mangiare i miei hamburgers senza fare problemi, e quindi c'è stata l'amabile convivenza alimentare pure in questo frangente altrimenti difficoltoso. Che ok, siamo dovuti andare a fare la spesa perchè di norma le verdure il mio frigorifero non si ricordava manco cosa fossero, ed io quella zona del supermercato tendo ad ignorarla bypassandola per gli scaffali della birra e delle patatine, che stanno a qualche metro più in là (non chiedetemi come faccio a non essere una botte perchè non lo so, davvero); comunque sia ho mangiato anche in parte vegetariano quei giorni, e tutto ok, tutto risolto.

La cosa per cui questa mia amica mi ucciderà, e che mi acquisterà un botto di odio, è una discussione avuta con lei in materia di alimentazione, che è uscito fuori a tavola uno di quei giorni l'argomento denominato “carbonara vegan”, che mi ha lasciato un po’ perplesso.

Cercando di riassumere - e dando per scontato che ognuno qui sappia come si fa la carbonara, altrimenti qui mancano proprio le basi della cultura occidentale, altro che d'Avenia, il Cucchiaio d'Argento diverrà una lettura obbligatoria - il concetto che mi è stato presentato è “se un Vegano vuole farsi la carbonara, va su internet e scrive Carbonara Vegan, e compare la ricetta”. A cui sono seguite le mie considerazioni riguardo utilizzo di guanciale - o pancetta che dir si voglia - uovo e simili, e mi è stato detto che non si usano, si usano “sostitutivi”. Cose tipo che danno il colore dell'uovo, e verdure al posto della pancetta.

E’ sintomatico per me che non si tratti più di carbonara, cosa che ho fatto notare, e che ha portato all'osservazione che è la carbonara sì, ma fatta per un vegetariano, quindi è come la carbonara, ma con qualcosa in meno e con qualcosa in più - il succo del discorso era questo, che ha anche una certa logica di fondo - mantenendo il nome carbonara per comodità.

Al che mi è venuto il pensiero “quindi, poniamo per assurdo che un eterosessuale si scopra omosessuale, con buona pace della famiglia che l'accetta gli amici e tutto il resto, e decida - la gente è strana - di andare su internet a cercare Donne per Omosessuali, e l'internet gli dice Sì, guarda, esistono le Donne per Omosessuali, si chiamano Uomini. Sono come le Donne normali, ma hanno qualcosa in meno e qualcosa in più.” e per quanto faccia ridere l'idea di fondo, è effettivamente la stessa cosa della Carbonara Vegan, che la puoi chiamare così quanto ti pare, ma no, non sarà mai la Carbonara, è una cosa che il vegano di turno mangia fatta con cose tutte sue, che fanno bene a lui e che piacciono a lui, e che chiama carbonara per comodità, ma che della carbonara ha solamente l'apparenza esterna.

E se alla fine uno può benissimo dire “ma che cazzata, non ho bisogno di definire donna per omosessuali l'uomo, lo chiamo uomo e so’ felice così” a volte mi viene da pensare che questo bisogno di appioppare il termine Vegan alle cose giusto per renderle speciali, o diverse, o chissà che, è un po’ un'esagerazione. Che può servire per certi frangenti, tipo che non sei certo certo che un vestito non abbia nessun collagene animale, ed allora ti butti sul vestito vegan che non ha proprio niente degli animali, che allora ha senso, ma dare nomi così a cose che di nomi così non se ne fanno niente, giusto per la comodità di cercarle su internet, a me fa un po’ sorridere.

Ed in fondo è un pensiero comune, che la gente ha bisogno davvero di appioppare ed appiopparsi etichette di ogni tipo, che allora così come può esistere la carbonara vegan in fondo esiste il ragazzo di tumblr, che è in realtà un povero ragazzo qualsiasi che però ha quel qualcosa in più che lo rende diverso dal ragazzo di facebook, che ovviamente deve essere uno stronzo colossale che usa le ragazze e le tratta di merda, sennò non sarebbe il ragazzo di facebook ma sarebbe il ragazzo di tumblr. E sono etichette come dicevo, cose che ci si appiccica addosso per differenziarsi, per riconoscersi più facilmente, per appartenere ad un gruppo e far parte di una categoria, visto che l'individualità è un bene troppo poco prezioso di questi tempi.

Inoltre, basta partecipare in maniera tangente a qualcosa per riceverne l'etichetta, io per esempio sono un insegnante privato e non mi leverò mai grazie a sto fatto il nome di professore, per quanto mi dia pesantemente fastidio, un poveraccio che magari adora i dischi in vinile e c'ha la barba - sempre io, il che è scomodo - sarà a vita un maledetto hipster, chi segue serie tv o gioca spesso al pc sarà un nerd, e così via, così discorrendo. 

Il problema di queste etichette è che le persone tendono a volerle mettere, e tendono a volerle mettere perchè è dai tempi di Adamo che l'uomo ha un bisogno dannato di dover dare nomi alle cose che ha attorno. Se diamo un nome a ciò che ci circonda, abbiamo una maniera per tenerlo sotto controllo. Se io decido che quella persona è una stronza, io le ho dato quel nome, e quindi ho una qualche forma di controllo su quella persona. Ma controllo di cosa? Di quello che io devo provare per quella persona, e di come devo reagire a quello che quella persona dirà e farà.

Ci viene più difficile ignorare una persona che consideriamo fantastica, mentre invece è facilissimo ignorare una persona che abbiamo definito inutile. Vale anche per noi stessi alla fine, le etichette che tendiamo ad incollarci addosso sono anche più di quelle che mettiamo sugli altri, ed è chiaro che molti blogs qui su tumblr prosperano nel cercare di attaccare etichette sulla gente, lamentandosi di quando tali etichette vengono attaccate addosso a loro, promuovendosi come avversari del cyberbullismo, salvo poi dimenticarsi per primi che qualsiasi insulto, che venga da un singolo o che venga da un gruppo, può generare le stesse ripercussioni, e facendo orecchie da mercante all'idea che più si è aggressivi ed odiosi con la gente, più la gente sarà aggressiva ed odiosa con noi.

Comunque sia, la carbonara vegan credo che non la vorrò mai provare, con buona pace di questa mia amica che è adorabile come dicevo, e che è una delle poche vegetariane che riesco a sopportare. Ma è un mio problema, sopporto difficilmente le persone troppo schierate da una parte, qualsiasi essa sia. Le vedo sempre a metà, incapaci di vedere tutto il quadro generale, preferendo aggrapparsi a quello che per loro è più comodo e rilassante.

E niente, direi che il racconto finisce qui, poi la morale fatevela voi.

Ci rincorriamo per le vie del centro
in preda al delirio e alla rabbia ed all'alcol
ignari della folla che ci guarda incuriosita
e della nostra storia che ci sfugge dalle dita.
Assistere impotenti allo scorrere del tempo
invecchiare e non accorgersi di aver vissuto accanto.
—  La Municipàl - il mercante di occhi
«Non so davvero perché sono tanto triste. E questa tristezza mi stanca, e voi stessi dite d’esserne stanchi. Ma ho ancora da sapere dove l’ho presa, dove me la son trovata, come me la sono guadagnata, di che diavolo è fatta, da dov’è spuntata. Ed essa mi stordisce così che stento a riconoscere me stesso».
—  William Shakespeare ~ Il mercante di Venezia