6

«Tu che di me ami anche i mutamenti. Sorridi nel mio morire e rinascere in mille forme: sei sostanza, sei respiro dei miei mari lunari.

L’inquietudine derivante dal tedio. Ecco cosa uccide il desiderio. Spegnendolo.

Non temiamo il destino. Non ci tireremo indietro.
Prima di essere schiuma saremo indomabili onde.»

– Cesare Pavese, Dialoghi con Leucò.

(Edward Manet, dettagli di mare).