lussu

Inventario delle cose certe

La luna si è rotta.

si è rotta in cinque pezzi che galleggiano nel cielo

squallidamente

come cinque cocci di scodella.

Era una luna piena e luminosa

che aveva un’aria abbastanza felice.


Lì per lì ho creduto che i cosmonauti e i satelliti

artificiali l’avessero offesa in qualche modo.

Ma poi ho capito ch’era tutta colpa mia.

la guardavo fissamente con pensieri tristissimi e scomodi

e tutt’a un tratto – trac – si è rotta in cinque pezzi

quasi senza rumore.


Certo sono i miei pensieri che l’hanno urtata

in un momento in cui si sentiva particolarmente fragile.

Questi pensieri delle donne liberate sono una cosa complicata


e la luna ch’è tonda e semplice ci si trova male.

Preferiva le donne d’un tempo dalle pallide spalle

dai capelli lunghissimi

dedicate a tessere la tela dell’amore devotamente

e quando passeggiavano la notte coi loro amanti

lustrava loro gli occhi e i capelli

per farli sembrare più belli e aiutarle un poco.


Adesso ci sono le donne che camminano svelte e diritte

che prendono il tram e l’autobus per andare al lavoro.

Certo avrebbero bisogno della luna anche loro

di un riflesso più dolce nei capelli e negli occhi.

Ma la luna si è rotta

e nel cielo vagano i cocci.


Joyce Lussu

Tutto il fascismo sembrava in agonia. Se cinquecento antifascisti avessero assalito i ministeri, tutta la città li avrebbe sostenuti, e Mussolini avrebbe perduto il potere con la stessa rapidità con cui l'aveva conquistato.
La situazione delle altre città non era dissimile da quella della capitale. La stampa, anche la più modesta, parlava un linguaggio giacobino. In molte province, le sedi de fasci rimasero chiuse, i giornali invenduti, la Milizia dispersa.
Ma l'insurrezione era un problema estraneo alla psicologia ed alla mentalità dell'antifascismo dirigente. L'opposizione era lontana da ogni concezione di impresa illegale. L'«Aventino» era costituzionale e fondava la sua forza essenzialmente nell'appello alle norme parlamentari e ai diritti sanciti dalla Costituzione. I vecchi parlamentari ricordavano tutti i precedenti di dimissioni presentati dai ministri compromessi per minimi addebiti, in Italia, in Francia, in Inghilterra. Lo statuto veniva ampiamente commentato, nella lettera e nello spirito. L'«Aventino» era convinto che il «Duce» aveva il dovere di dimettersi e che, anche contro la sua volontà, si sarebbe dimesso o per la pressione dell'opinione pubblica o per l'intervento del capo dello Stato.
Senonché il governo di Mussolini non era un governo parlamentare, e il re era già troppo compromesso perché si potesse pensare a distruggere la sua stessa opera. L'opposizione inoltre era inerme, e il fascismo, bene o male, era armato.
—  Emilio Lussu, Marcia su Roma e dintorni, Einaudi, 2002, p.160 [prima ed.ne italiana 1945, prima ed.ne assoluta: Parigi 1933]

anonymous asked:

(if your stile doing this) male sea dweller, 6'3 in hight, 13 sweeps of age has a lion walruse lussus. he has puffy short hair that goes around his face hes very calm and hard to piss him off sins he normaly the one pissing others off when hes not being a genita troll. he has semy long canines that resemble tusks and wares a puffy jacket. they come from the arctic circle of alturna and never take off there jacket even in the oddest weathe. loves mocking a troll to get under there skin if he can.

[sorry this is so late i realised i forgot to reply to these omg] 

tbh i could see faldur maybe being pitch for them,,he seems to end up pitch for anyone who gets under his skin and def has a weakness for big ass seadwellers

Vorrei sapere quando ti ho perso
in quale data in che momento
forse quel martedì ch’ero triste
o un mese prima d’averti visto
forse quella domenica pomeriggio
ch’ero allegra e parlavo troppo di me
forse in una data remota
inesplicabile e ignota
come il tre marzo del millenovecentotré

Vorrei sapere dove ti ho perso
in che punto preciso della città
forse davanti ad un semaforo
forse in un bar o in una stanza
forse dentro ad un sorriso
forse lungo una lacrima
che colava giù per una guancia
forse tra le aureole gialle dei lampadari
sospese nella nebbia dei viali.

Vorrei sapere perché ti ho perso
il motivo la necessità dell’errore
forse perché non c’è tempo
o perché c’è stato l’inverno
e adesso viene la primavera
ma con tanto poco sole
tra i muri d’acciaio e cemento
che tremano per il rumore
delle macchine, delle fabbriche, degli ascensori.
Ma non voglio sapere che ti ho perso
che ti ho perso e dove e quando e perché

—  Joyce Lussu
Difendersi bevendo

- Io sono un ufficiale sbagliato. Sinceramente, ho io la faccia di un ufficiale di carriera? Ho fatto due anni d'Università in lettere. Sempre il primo del corso. Quella era la mia carriera. Ma mio padre aveva un chiodo nella testa. Che dico, un chiodo? una sciabola. Mi ha obbligato ad entrare alla Scuola Militare. Mio padre era colonnello, mio nonno generale, mio bisnonno generale, mio trisnonno… insomma io ho in corpo otto generazioni di ufficiali, in linea retta. Mi hanno rovinato.
Il tenente colonnello parlava lentamente, e beveva lentamente. Beveva a sorsi, come si centellina una tazza di caffè.
- Io mi difendo bevendo. Altrimenti, sarei già al manicomio. Contro le scelleratezze del mondo, un uomo onesto si difende bevendo. È da oltre un anno che io faccio la guerra, un po’ su tutti i fronti, e finora non ho visto in faccia un solo austriaco. Eppure ci uccidiamo a vicenda, tutti i giorni. Uccidersi senza conoscersi, senza neppure vedersi! È orribile! È per questo che ci ubriachiamo tutti, da una parte e dall'altra.

E. Lussu, Un anno sull'Altipiano [1938], Torino, Einaudi, 2000

Warm Blankets For Cold Nights (closed rp)

=> the blizzard had hit out of no were and you had barley had time to get back to your cart where your lussus sat contently in it ball state on the ground as if it wasn’t snowing at all. you has shut the door to the cart and glance out the window at the fast blowing snow.

“)> well were not moving fro a while…<(”

=> you let out a cold breath on the glass window of the cart and whip it away just in time to spot a collapsing troll in the distance. you gasp and get your coat back on fast and sprint outside and quickly pick up the she troll bridal style and run fast slipping as you do back to the cart and inside quickly were you bring the snow socked troll to your make shift bed and start piling them with warm blanket. gog knows how long they were out there for.

“)> are you alright?<(”