lupo's

- Non me lo dai un bacio?
- Te ne do quanti ne vuoi di baci.

Milano - Novembre o forse Ottobre. Sicuramente 2013. Avevo appena colorato il lupo. Il giorno prima. Non ho mai più sentito il sapore di quelle labbra. Ho dormito da un’amica quella sera.
Che forse amica non è più. Chi lo sa come funzionano queste cose.

- Sei proprio un paguro. Ti manca solo il guscetto.
- … Sei tu il mio guscetto.
- Questa suona come una cosa molto carina.
- Oddio. Fingi che non l’abbia detta.

Torino, casa mia - Dicembre 2013. Divano aperto, vestiti ovunque tranne che addosso. Un’amica faceva il tifo per noi. Lei diceva che ci “shippava”. Ora non è più un’amica, chi lo sa come funzionano, queste cose.

- Credo di essermi presa una cotta per te. Non avercela con me.
- Perché dovrei avercela con te?

Londra, divano - Leggo, sospiro. È gennaio, è il 2014. Tu vuoi liberarti di lui, che è un figlio di puttana. Io voglio restarne fuori. Risolvi i tuoi problemi, ti dico, poi torna. O forse non te lo dico. Forse non te l’ho nemmeno fatto capire. Chi lo sa come funzionano queste cose.

- Mi avevano chiesto di uscire i miei amici. Sto dando buca.
- Esci con i tuoi amici, possiamo vederci un altro giorno.
- No. Non voglio pensi io non abbia tempo per te.

Torino, casa sua - La Mole è chiarissima dal terrazzo, in questo Luglio. Un Luglio caldo, quello di questo 2014. Siamo fuori, io in boxer, tu con la mia maglietta addosso, che ti fa da vestito. Stiamo fumando una sigaretta. Lei aveva già parlato di me ad amici e parenti. Io ero stupido, stupido, stupido. Ho scelto qualcun’altro. Povero sciocco.

- E quindi chi c’è, in questa lista?
- Andrea, Andrea, Andrea.
- Hai poca fantasia con i nomi.

Torino - È febbraio, già il 2015. Sta per iniziare qualcosa di così intenso da poter prender fuoco. Forse non era il momento. Poi un’incompatibilità improvvisa, improvvisata. Niente miccia, né scintilla, né fuoco. Chi lo sa come funzionano queste cose.

It is a tender, natural and intimate portrait which shows, for the first time, something of the personality of young Prince George.

Released on his first Mothering Sunday, this official portrait – in a relaxed style perfectly reflecting the Duke and Duchess’s very modern approach to Royalty – depicts the eight-month-old as a curious, affectionate toddler, gazing into the eyes of the family’s beloved Lupo ♡