linea e

Amo le persone che si espongono, quelle che non hanno paura, che rischiano, quelle che stanno sempre in prima linea e non si nascondono, quelle che vanno controcorrente e dicono sempre quello che pensano.
Amo i protagonisti, quelli veri, quelli rari.
—  Labellezzadellepiccolecose - (via labellezzadellepiccolecose.)
Come dimagrire la pancia (senza esercizi):
  1. Bevi almeno due litri d’acqua al giorno: quando me l’hanno detto anche io pensavo “impossibile”, ma basta tenere una bottiglia vicino e neanche te ne accorgerai. 
  2. Non bere bibite gassate, alcoliche e zuccherate: piuttosto fatti dei detox (acqua aromatizzata alla frutta) o centrifugati di frutta, ma NO ALL’INDUSTRIALE, sono pieni di conservanti e zuccheri in eccesso. Se volete ricette di detox per bruciare zone precise, chiedetemi e vi darò ricette per ogni punto del corpo.
  3. Usate una crema idratante ogni sera e fatevi dei massaggi alla pancia, è rilassante e favorisce la riduzione del grasso, oltre che prevenire le smagliature. Bastano piccoli movimenti circolari con le mani dopo la doccia. 
  4. Bevete tisane. Io personalmente consiglio “giusta regola”, “linea” e “pancia piatta”. Io ODIO il sapore delle tisane, ma odio più la mia pancia, quindi una tazza ne vale la pena.
  5. Evitate cibi grassi e fritti, quelli lievitati come pane e pizza e LIMITATE i carboidrati, per carità di Dio! Vanno tutti sulla pancia. Inoltre, evitate legumi e patate se potete, o comunque assumeteli in quantità basse.
  6. Mangiate carne bianca, verdure e favorite ananas e pompelmo, che drenano e bruciano grassi, in più sono buonissimi!
  7. NON FATE DIETE LAMPO, ne ho fatte e giuro che ho ripreso tutti i kg, con gli interessi. 
  8. Sostituite zucchero e sale con Stevia e Novosal. Li trovate entrambi al supermercato, se volete la Stevia sottoforma di zucchero la trovate in erboristeria invece. 
  9. Se avete tempo, qualche addominale al giorno fa sempre bene. 
  10. Buona fortuna!

“e vissero tutti felici e dementi”

Ieri la felicità sembrava un sogno possibile da raggiungere affrontando mille travagli.. ricordate le favole che leggevamo da piccoli? Finivano tutte con la frase “e vissero felici e contenti” anche se “sudata” c'era sempre una speranza di felicità nel domani..

Oggi per caso mi sono ritrovato a guardare questo video.. l'espressione perfetta della malinconia in cui si rispecchia la nostra realtà..
Viviamo flebizzati ad uno smartphone..
come se l'unica nostra linfa vitale fosse la linea 3G e le nostre virtù dipendessero dai giga ancora disponibili..
una vita piatta illuminata dai pixel di un telefonino e dai “finti” sorrisi di un selfie..
che mondo triste..
@struruso

Se si potesse rappresentare geometricamente il silenzio probabilmente non servirebbe una linea retta. Troppo sicura e altera. Lo si potrebbe disegnare come una curva che abbraccia tutte le parole imbavagliate. Quelle taciute per imbarazzo o per buona educazione, per pudore o per legittima difesa. Quelle ammutolite per non raccontare il proprio disprezzo o per celare una delusione. Quelle troppo impulsive e quelle troppo caute, entrambe colpevoli di troppa ingenuità. Le si potrebbe immaginare tutte lì le parole non dette, a sfiorarsi tra loro, adagiate su una curva da cui sperano di essere cullate. In fondo non c'è silenzio che, a suo modo, non si aspetti di ricevere attenzione.
—  Annarita Arso

anonymous asked:

Ciao Lavi, oggi mi sono riconnessa a tumblr dopo una settimana di assenza (causa esami) e il primo post che mi è apparso in bacheca era un "mentre non c'eri" del tuo post sull'anniversario della legge Cirinnà e lo schifo che fece il m5s. A quando un masterpost su tutte le fuck-ups dei grillini? Ne ho bisogno quanto il pane.

hahahaha mioddio che bel ritorno #sorry BEH OK WHY NOT PREPARIAMOCI E RIDIAMO non credo saranno in ordine perché chi se lo ricorda ma beccatevi il greatest hits

  • subito dopo le elezioni 2013, elettrice grillina fa una petizione per fare la coalizione con bersani. 160k di firme, non se la incula nessuno.
  • il 20 aprile 2013 c’è l’espulsione di mastrangeli PERCHE’ ANDAVA IN TV (RICORDIAMOCI CHE NON SI ANDAVA IN TIVVU ALL’EPOCAAAAAH). dal canto suo, mastrangeli se ne esce ad un giorno da pecora che l’espulsione era «un atto da Corea del Nord» e ha detto che vito crimi era «peggio di Kim Jong-un». (le fonti le trovate su wiki se non mi credete)
  • non molto dopo la signora adele gambora viene buttata fuori perché critica la strategia comunicativa di grillo, tanto perché è una democrazia, seguita per solidarietà da altri due.
  • direttamente da wiki, DOPO: ‘l 26 febbraio 2014 dopo una votazione favorevole via web sono stati espulsi i senatori Luis Alberto Orellana, Francesco Campanella, Fabrizio Bocchino e Lorenzo Battista, dopo che il giorno prima l'assemblea dei parlamentari del Movimento aveva dato parere favorevole all'espulsione. La votazione era stata indetta, secondo Grillo, perché “svariate segnalazioni dal territorio di ragazzi, di attivisti, che ci dicevano che i 4 senatori Battista, Bocchino, Campanella e Orellana si vedevano poco e male”. Orellana sarebbe stato sfiduciato dal meet-up di Pavia con un comunicato, mentre Bocchino e Campanella da quello di Palermo, anche se entrambi gli avvisi furono scritti da una minoranza che non consultò nessuno (il secondo fu addirittura smentito da una successiva comunicazione firmata dalla maggioranza). Inoltre, secondo una statistica di Openpolis la presenza media dei quattro espulsi è dell'88,15%. Opinione diffusa, anche tra i diretti interessati, fu che la reale causa delle espulsioni era l'aver criticato Grillo per l'atteggiamento avuto con Matteo Renzi durante le consultazioni.’ INSOMMA BUTTIAMO FUORI LAGGENTE VIA INTERNET. (scusate ma per il capitolo espulsioni avremo molta, molta roba.)
  • un altro signore di nome massimo artini viene espulso per aver contestato grillo re i risultati delle regionali. 
  • la signora serenella fuksia è anche stata espulsa, apparentemente per non aver dato parte dello stipendio indietro o cazzi, ma la signora fuksia è anche entrata nella storia per aver detto che ‘la boldrini si faceva bella col curriculum’ e che non si fidava di averla come presidente della camera perché il suo curriculum era TROPPO BELLO. ok.
  • detto ciò quando la signora di cui sopra era andata a un giorno da pecora (L’AVEVO SENTITA QUELLA TRASMISSIONE) quando le fu chiesto ‘ma se vincete le elezioni chi candidate come premier’ lei se ne uscì vediamo chi vuole farlo e votiamo tra noi e se non ci decidiamo andiamo da Napolitano con tutti i disponibili e decide lui. della serie, qualcuno non sa come cazzo funziona il sistema.
  • tra l’altro un’altra senatrice grillina intervistata dalla suddetta trasmissione il giorno dopo le votazioni, quando le hanno chiesto quanti erano i senatori, se ne uscì con ‘circa seicento’. dovete prendermi sulla memoria ma giuro che non me lo sono inventato.
  • non riesco a trovà la source ma un altro di sti geni aveva detto che non sapeva dove stava montecitorio il giorno dopo l’elezione e l’avrebbe cercato su google maps. peggio mi sento.

momento lol di pausa tra le cose serie:

  • puntata 1: il grano saraceno rovina il made in italy.
  • puntata due: lo sbarco sulla luna era falso.
  • puntata tre, citazione diretta: Scie chimiche in Europa (Marco Zullo, europarlamentare M5s - 24 settembre 2014):
    “Porterò il caso delle scie chimiche in Parlamento europeo: all’attenzione della commissione agricoltura, di cui fa parte, nonché di approfondire la questione per presentare un’eventuale interrogazione parlamentare”.
  • puntata quattro, altra citazione diretta: Monia Benini, addetta stampa grillina al Parlamento europeo, ha spiegato senza battere ciglio che “Goldman Sachs e Jp Morgan finanziano i matrimoni gay. Per chi vuole ottenere una massiccia riduzione della popolazione, ovvero governi e banche potenti, anche le leggi sull’omosessualità hanno un peso enorme”.
  • puntata cinque, citazioni del signor Paolo Bernini: “In America hanno già iniziato a mettere i microchip all’interno del corpo umano, per registrare, per mettere i soldi, e quindi è un controllo di tutta la popolazione”. + “La versione ufficiale dell’11 settembre è stata smentita da tutti i punti di vista, è palesemente falsa e ormai il mondo se n’è accorto. Detto all’americana: ‘it was an inside job’. Tradotto: fu un lavoro interno”.
  • puntata sei: Davide Bono, consigliere della Regione Piemonte per il Movimento 5 Stelle. Renzi in quelle ore è a Baghdad - 21 agosto 2014: “Ma non è un po’ una coincidenza che il video della decapitazione del giornalista americano sia uscito proprio oggi???”. (Poi aggiunge: “Potrebbe essere un falso Usa per giustificare i bombardamenti all'opinione pubblica”).
  • puntata sette: Beppe Grillo, sul blog - 3 agosto 2014:
    “Ci sono due segreti di Stato, due nuovi segreti di Fatima che al confronto Ustica e Piazza Fontana sbiadiscono. Il primo sono le conversazioni tra Mancino e il signor Napolitano avvenute nell'ambito dell'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia. Il secondo è il patto del Nazareno. Segreti con i timbri della P2 e della mafia. Napolitano-Renzie-Berlusconi: meglio Pinochet di questi sepolcri iimbiancati e bimbominkia assortiti”.

ok, torniamo alle robe di politica e poi riprendiamo l’angolo cazzate:

  • il sindaco di parma viene buttato fuori per aver ricevuto un avviso di garanzia senza avvertire il movimento eccetera e al momento non sta con nessun partito.
  • tutto ok, w l’onestah, peccato che viene assolto ma non reintegrato.
  • NEL FRATTEMPO, virginia raggi ha ben TRE capi d’accusa addosso, il suo ex braccio destro era uno che stava in giunta con alemanno ed era indagato e così via, ma lei non si tocca. però hanno fatto campagna per fare dimettere marino per due scontrini (da cui è stato scagionato oltretutto) e sta scema pur sapendo di vincere ci ha messo tre mesi a scegliersi la giunta da cui si sono dimesse persone su persone perché con questi non ci si poteva lavorare. more su virgy nel prossimo angolo cazzate.
  • sono ovviamente antivaccinisti. beccatevi TUTTE LE VOLTE CHE HANNO DETTO CAZZATE IN MERITO.
  • hanno anche fatto una proposta di legge anti-vaccini il 12/2/2014 in cui si legge testualmente: Recenti studi hanno però messo in luce collegamenti tra le vaccinazioni e alcune malattie specifiche quali la leucemia, intossicazioni, infiammazioni, immunodepressioni, mutazioni genetiche trasmissibili, malattie tumorali, autismo e allergie. Il rifiuto del personale civile o militare alla vaccinazione non può essere causa escludente dal lavoro (ad eccezione di alcune categorie professionali che nella presente proposta di legge elenchiamo) o, come nel caso dei militari, può configurarsi come reato. Nella fattispecie i militari, una volta arruolati, ricevono una notevole dose di vaccini che si somma a quella già ricevuta durante l’infanzia. Secondo i proponenti, a fronte di una norma costituzionale che chiaramente proibisce trattamenti sanitari obbligatori, suscita perplessità e sconcerto il fatto che per un militare si possa prefigurare il carcere semplicemente per aver rifiutato un trattamento sanitario che egli ritiene pericoloso per la propria salute.
  • altra perla da quella proposta di legge: ‘Il Senato della Repubblica ha istituito in diverse legislature la Commissione di inchiesta sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale italiano impiegato all’estero, nei poligoni di tiro e nei siti in cui vengono stoccati munizionamenti, in relazione all’esposizione a particolari fattori chimici, tossici e radiologici dal possibile effetto patogeno, con particolare attenzione agli effetti dell’utilizzo dei proiettili all’uranio impoverito e della dispersione nell’ambiente di nanoparticelle di minerali pesanti prodotte dall’esplosione di materiale bellico e a eventuali interazioni. Proprio nei lavori di questa Commissione si è messa in evidenza una probabile responsabilità dei vaccini (somministrazione eccessiva in un breve arco temporale, controindicazioni evidenti, insorgere di infermità non previste e altro) che potrebbe aver indebolito il sistema immunitario dei cittadini in uniforme.’ credo non ci sia bisogno di aggiungere altro.

ok, continuiamo con l’angolo cazzate parte due:

  • puntata otto: Claudio Cominardi, onorevole M5s, in un intervento alla Camera - 31 maggio 2014: “Il mandante della bomba di Piazza della Loggia è lo Stato italiano. Una strage di Stato. C'era di tutto. I servizi segreti deviati, la politica, la Cia, e come dice Imposimato, anche il gruppo Bilderberg. Dietro alla strategia della tensione e alle stragi c'è anche il gruppo Bilderberg!”.
  • puntata nove:  Tiziana Ciprini, deputata del Movimento 5 Stelle, sulla nuova norma che apre all'introduzione del cognome materno - 16 luglio 2014: “Nel caos più totale, nell'inconsapevolezza e nell'ignoranza di quasi tutta l'aula circa il testo che si stava votando (…) è andato in scena il tentativo di annacquare la cultura patriarcale, per sostituirla con un nuovo paradigma non meglio specificato. (…) La strategia comunitaria (…) mescola, confonde e porta avanti questioni legittime e questioni più discutibili, quali il promuovere il cambiamento dei ruoli maschili e femminili. (…) Si intravede un tentativo per indebolire il legame (già precario) del nascituro con la linea maschile e paterna. (…) Il cognome del padre spesso tramandava ai figli il mestiere dei padri, il saper fare, come preziosa eredità di appartenenza a un ruolo sociale. Ho il fondato sospetto che l’Ue stia sfruttando da anni la propaganda di genere non già per elevare la condizione della donna, ma per abbassare quella dell’uomo comune, per demolire la cultura patriarcale, oramai diventata scomoda e pericolosa per il sistema che si vuole implementare, funzionale al NWO (Nuovo Ordine Mondiale, ndr) ovviamente. Si vuole colpire il patrimonio androtecnico (…) facendo sì che intere generazioni di uomini crescano senza più riferimenti dell’universo maschile. E venne l’epoca dei bamboccioni e il modello dell’indifferenziato. Questo perché il vertice della piramide del potere è stretto e c’è posto solo per una ristretta élite maschile, quindi meglio depotenziare tutti gli altri, rendendoli subalterni”.
  • puntata dieci, Beppe Grillo dopo le europee, sul blog pubblica i post di “Informare x Resistere”, “La Rete non perdona” ed “E-iglesias”. Ovviamente, di prove, nemmeno l'ombra - 2 giugno 2014:
    (…) Con l’ausilio dei moderni mass media, oggi il “divide et impera” viene realizzato in modo assai efficace e mirato, in numerose modalità, sia dirette che indirette. Tra quelle indirette vi è un metodo di cui poco si parla, ma che riflettendoci potrebbe essere tra le principali cause di divisione tra cittadini. Si tratta del broglio elettorale. (…) Con la chiusura degli spogli e la percentuale fantomatica del 41% al PD il sospetto di brogli è ragionevole. In una giornata come quella di ieri dove l’affluenza alle urne è stata circa del 60% e tenendo conto che gli elettori 5 Stelle per loro peculiarità vanno a votare, la perdita di 3 milioni di elettori è statisticamente molto improbabile. (…) Lo stesso entourage del PD ha ammesso l’inaspettato ed iperbolico risultato ottenuto, che mai si sarebbero immaginati. (…) La sinistra europea secondo gli ultimi risultati è stata quasi azzerata in queste elezioni. In controcorrente rispetto al quadro politico europeo ci sarebbe invece l’Italia, mosca bianca che secondo quanto risulta al voto darebbe un 41% al PD guidato da uno yes-man ai piedi della Merkel e dell’Europa. Francamente si deve compiere uno stupro alla logica per credere a questo. (…)
  • in merito alle europee, per capire quanti brogli c’erano stati hanno APERTO UN CAZZO DI SONDAGGIO ONLINE DI NOME RICONTIAMOCI DOVE SE AVEVI VOTATO IL M5S DOVEVI METTERE IL TUO NOME in barba al voto segreto eccetera.
  • I FRIGORIFERI ABBANDONATI PER STRADA A ROMA ERANO UN GOMBLODDO secondo la raggi, peccato che era perché non era stato rinnovato il contratto ama con la ditta che ritirava i rifiuti pesanti cosa che doveva fà il comune. ma ok.
  • puntata undici: Marco Valli, laureato in Economia Aziendale ed appena eletto al Parlamento Europeo tra le fila del Movimento 5 Stelle - 4 agosto 2011: “Come cancellare il debito pubblico e non pagare più tasse. Semplice… Ci hanno prestato carta senza alcuna riserva… Fondiamo una banca dello stato e cambiamo tutti gli EURO degli Italiani in LIRE nuove di proprietà dello stato Italiano… Gli euro che raccoglieremo saremo ben felici di restituirli alla banca d'Italia alla centrale europea e a quei figli di… del fondo monetario… sanando il nostro debito pubblico (…)”.

torniamo alle cose serie.

  • immagino che tutti sapremo la storia della legge cirinnà, ma se volete il riassunto: grillo & co dicono che la votano così com’è, poi grillo dice che serve la libertà di coscienza (lol che paraculo), improvvisamente i m5s non la votano più per supposta scorrettezza di procedura quando la scorrettezza in questione s’è sempre usata e sinceramente è ridicolo che su una cosa del genere vogliano approvare la cosa emendamento per emendamento quando sanno benissimo che se passano per le mani della lega sta legge diventa unammerda. al che renzi può allearsi con alfano e farla passa coi voti loro o passa emendamento per emendamento. alfano accetta solo levando la stepchild adoption. ovviamente renzi preferisce leva quella che rischiare di INVALIDARE TUTTE LE ALTRE GIA’ APPROVATE CASO PER CASO quindi passa senza la stepchild. il signor senatore airola riesce anche ad accusare il pd urlando vaffanculo in aula, dimostrando di avere una faccia tosta non da poco, protestando che sta legge che era passata faceva schifo. ma va. prenditela coi colleghi tuoi.
  • ovviamente spero ci ricordiamo tutti che alle politiche del 2013 (quelle del primo sondaggio) il m5s gridò all’inciucio quando si fece il governo letta, peccato che bersani provò a trattare con loro per fare una coalizione breve per le riforme base che durasse mezzo anno e loro gli dissero picche in streaming con tanto di umiliazione extra. così poi vanno all’opposizione e possono lamentarsi dell’inciucio.
  • ah, e oggi non hanno votato la legge elettorale che dicevano di voler votare, il che ci lascia alla legge dove governi col 40% dei voti, che nessuno in italia avrà mai probabilmente manco con le coalizioni. ma daje proprio.
  • il giorno del voto europeo l'onorevole 5 Stelle Vega Colonnese pubblica su Facebook questo messaggio. Poi lo farà sparire… - 25 maggio 2014):
    “Attenzione. Secondo dei sondaggi in mano al Viminale il Movimento 5 Stelle sarebbe parecchio avanti. L'ordine impartito ai presidenti di seggio è quello di ANNULLARE più schede possibile”. OKAY BRO.

angolo cazzate tre che poi c’è quello sindaci e ce divertiamo:

  • puntata dodici: Paolo Bernini, deputato M5s, in un intervento alla Camera - 14 novembre 2013: “La giustificazione di Bush per invadere l'Afghanistan fu la guerra al terrorismo, con lo scopo di distruggere Al Qaeda e catturare ed uccidere Osama Bin Laden. Ma Al Qaeda continua a mietere vittime, e Bin Laden… beh… dovrebbe… essere morto due anni fa” (sorride e gesticola con le mani, come a dire, “figuriamoci se è morto”, ndr). (PS: l’articolo da cui sto c/p sta cosa ve lo linko alla fine)
  • puntata tredici: Sara Paglini, senatrice M5s, su Facebook – 14 novembre 2013): “Non giustifichiamo tutto, altrimenti mi verrebbe da pensare che un giorno si potrebbe anche dire che le stragi naziste, i morti in Siberia, i regimi violenti come quello di Pino Chet… furono voluti da vittime di un sistema politico deviato e di un’infanzia sfortunata e infelice”.
  • puntata 13.1: luigi di maio pensa che pinochet fosse il dittatore del venezuela.
  • sempre carlo sibilia, puntata 14, 22 maggio 2013 alla camera: "Ebbene, signor Letta, mi spiega oggi qual è il nesso tra banche e stati? Se la Banca centrale europea è di fatto di proprietà delle banche centrali nazionali – e diremmo benissimo!, se le banche centrali nazionali fossero di proprietà dei cittadini, dello stato. (…) E se la moneta è dei cittadini, degli stati, allora perché ce la prestano? Caro Letta, ha mai sentito parlare di Signoraggio Bancario? Ne avete mai parlato alle riunioni del Club Bilderberg?“.
  • puntata 15, le matite elettorali: Matteo Dall'Osso, su facebook - 24 febbraio 2013: "PRIMA DEL VOTO BAGNATEVI LA MANO CON LA SALIVA, UMETTATE LA MATITA E POI VOTATE. Solo così il vostro voto sarà indelebile”. “HO AVUTO CONFERMA: la matita copiativa in dotazione alle urne elettorali è COPLETAMENTE cancellabile (provato su carta semplice) a meno che non sia umettata, si sbiadisce leggermente, ma rimane. Ora mi chiedo: sulla carta elettorale si comporterà allo stesso modo??? M5S e… Vinciamo noooi!”.
  • ovviamente per la puntata 15.1, ricordiamoci di piero pelù e della matita cancellabile.
  • puntata 16, roberta lombardi e il fascismo: sul proprio blog - 21 gennaio 2014: “Il fascismo, prima che degenerasse, aveva una dimensione nazionale di comunità attinta a piene mani dal socialismo, un altissimo senso dello stato e la tutela della famiglia”.
  • a questo punto è il momento di ricordare che A BEPPE GRILLO NON FA SCHIFO CASA POUND.
  • puntata 17:  Bartolomeo Pepe, pochi mesi prima di entrare in Parlamento con il Movimento 5 Stelle, su facebook - 28 settembre 2012: “Ecco giovincello rampante Renzi, che vinse 48 milioni di lire alla Ruota della Fortuna alla sola età di 19 anni, ma ditemi quante probabilità ci sono che uno superi le selezioni per partecipare e diventi campione per diverse settimane, ad una trasmissione di una rete televisiva di un suo prossimo avversario politico? Sveglia Gente vi stanno pigliando per il culo!!! Almeno siatene consapevoli…” evabbe. mike bongiorno si rivolta nella tomba.

ari-cose serie. SINDACI E VARIE!

a questo punto voi penserete, MA DI BATTISTA NDOSTA TE LO SEI SCORDATO?

ovvio che no. e infatti gli lascio la chiusura (scusate probabilmente mi so scordata qualcosa e probabilmente di maio si meritava molto più spazio ma sto post è già troppo lungo posso farne una parte 2 in futuro). 

primo: di battista non sa che i vaccini sono gratuiti. e riesce a farse corregge dalla lorenzin che voglio dì, fosse na cima pure lei.

secondo: di battista c’ha brutti rapporti coi congiuntivi.

se poi volete altri momenti trash, il signor sibilia riesce a fa na figura dimmerda quando l’avversario è SALVINI:

e per completare, greatest hits completo insieme al tizio che non sapeva ndostava il senato al minuto 3, ma pure il resto merita:

PREGO. auguri.

Oh!

Ma da quando è che si può vedere chi è in linea e chi no?
A me non piace questa cosa.
Non voglio sapere.
È da impiccioni.

Come si fa a togliere?
Lamarck is back?

L’evoluzione. Quel processo che ci ha portato dalle pin-up alle milf, dalle scimmie a Fabio Fazio, dal Game Boy alla PS4.

Tutto il concetto di evoluzione darwiniana si basa sull’eredità del carattere e la selezione naturale. Il gene muta, casualmente e poi l’ambiente lo seleziona. La giraffa si sveglia un giorno col collo lungo, può mangare più foglie e sopravvive. Quindi, se la selezione è positiva, il gene persiste nelle generazioni successive. Se la selezione è negativa, vi estinguete per sempre. O quasi. Ricordo, a scanso di equivoci, che sotto le 5.000 unità (non sono sicuro del dato ma grosso modo) si è considerati estinti. I Panda Giganti? Estinti. Le tartarughe giganti? Estinte. I comunisti italiani? Morti e sepolti.

Il “o quasi” ci dice però che ogni tanto qualche specie, data appunto per estinta, si rinfoltisce e torna a vecchi splendori ma insomma, è piuttosto raro, quindi evitate di votare i comunisti italiani.

Ogni anno si calcolano almeno 30.000 specie che puff, ciao per sempre. La selezione, ricordiamo anche questo, non guarda in faccia a nessuno e non è mirata a. Sopravvivono le specie più adatte non le migliori, non me lo fate ripetere ancora.

Ora, oltre ai geni e i loro tanti modi di regolarsi, ci sono pure i meccanismi epigenetici, da non confondere con l’eugenetica. I meccanismi epigenetici sono quei meccanismi che vanno a modificare provvisoriamente il DNA attivando e/o silenziando dei geni e che dipendono da fattori ambientali esterni.

Modificare il DNA provvisoriamente, cosa vuol dire? Fate conto che state suonando la chitarra (il DNA) e qualcuno arriva e mette un dito su una corda. Il dito sulla corda è una modifica epigenetica. È provvisoria, ma basta a cambiare il corso della canzone, anche se per un breve tragitto.

I fattori scatenanti le modifiche epigenetiche possono esere diversi e di varia natura: dal ciclo circadiano alle infezioni, dalla temperatura allo stress, dal cazzottone di Bud Spencer alle punizioni ad effetto di Roberto Carlos. Non vi cambiano solo la giornata, ma vanno ben oltre.

Il punto, ora ci arrivo, è che le modifiche epigenetiche possono essere/diventare ereditabili. Non è il gene che si modifica ma il vostro fenotipo sì. Le modifiche epigenetiche, per dire, vi potrebbero far venire l’insonnia a voi ma non al vostro fratello gemello ed è per questo che lo odiate. Papà e Mamma non ne soffrivano, lui no, voi sì, i vostri figli probabilmente sì, i figli dei vostri figli non più. Esatto, voi sarete gli unici stronzi con l’insonnia a leggere questo post mentre tutte le altre generazioni, prima e dopo di voi, dormono.

Caino e Abele devono essere stati i primi due casi eziologici di fratelli cloni, quindi presuppongo con lo stesso corredo genetico, ma con comportamenti diversi dovuti appunto a diversi meccanismi epigenetici.

Ora, la scienza ha fatto un altro passo avanti ed ha scoperto che i meccanismi epigenetici possono creare anche mutazioni permanenti nella linea germinale e diventare a tutti gli effetti ereditabili forever and ever. In alcune linee germinali maschili, il cambiamento epigeneticamente indotto, si perpetua fino alla generazione 30 e questo perché piccoli RNA modificati dall’esterno finiscono nello sperma, integrandosi in un certo senso con il genoma e passano di generazione in generazione.

In pratica, una specie di acquisizione del carattere di lamarckiana memoria. La giraffa che allunga il collo per mangiare e a forza di allungarlo ci rimane. Ma potrebbe essere anche, restando nella sfera darwiniana, un adattamento al cambiamento ambientale o, forse anche, una combinazione delle due cose.

Quindi, occhio a come vi comportate la fuori, le prossime generazioni dipendono anche da voi. Ed è per questo che non ce la faremo mai!

Aspettando Anna (o La genetica dell’amore vero)

Sono nella sala d’attesa del Policlinico Umberto I di Roma.
Ho caldissimo, questo posto non è climatizzato e c’è gente che dorme seduta, gente che aspetta, infermieri, madri e padri, medici, universitari nel mezzo del loro tirocinio. Gli universitari li riconosci perché sorridono con una mezza aria di sufficienza e quando camminano camminano sulla stessa linea e con lo stesso ritmo. A meno che non siano da soli: un universitario da solo non sorride, ma si sposta col suo passo deciso per raggiungere altri componenti del branco. 

Accanto a me è seduto un uomo. Gli do trentadue anni portati malissimo. Ha una canottiera e dei pantaloni bianchi che sembra non cambiare da molto tempo. Sta guardando qualcosa al cellulare con aria stanchissima. Poi guarda me e mi chiede se ho visto Anna da qualche parte. 

- Anna? - gli faccio. 

- ‘A mi’ fidanzata, Anna. Stava qua e ora non ce sta.

Io, che non ho la minima idea di cosa dire o di come uscire da quella situazione, lo guardo con l’espressione di qualcuno che mi dispiace, non so dove sia Anna, non so chi sia né che forma abbia, non è che puoi chiedermi se ho visto Anna e non dirmi chi è e com’è fatta. Lo guardo così e lui sembra leggermi la mente: prende una foto dalla tasca e me la fa vedere.

- È fatta così Anna. Che l’hai vista per caso? 

Ma era una foto di Cameron Diaz negli anni Novanta. Sembrava essere stata ritagliata da qualche parte (un quotidiano, un TV Sorrisi e Canzoni, ma che ne sapete voi) moltissimo tempo fa. È sporca e ha gli angoli strappati e irregolari. Non so se fargli presente questo chiaro buco nella trama, ma deve aver di nuovo letto qualcosa nella mia espressione. 

- Non è lei Anna - incalza - che pensi che so stupido? Ma je somiglia, gliel’ho sempre detto. E lei me fa magari. Magari, me dice. 

No, non ho mai visto Anna, gli faccio, e lui rimane delusissimo. Si alza ed esce borbottando qualcosa tra sé e sé. Incrocio lo sguardo di un’infermiera che si è divertita ad osservare tutta la scena, questa breve ma intensissima ricerca di una testimonianza su Anna. 

- Non c’è tanto con la testa - mi dice lei - sta qui da dieci giorni chiedendo della sua fidanzata.

Io annuisco e accenno un sorriso. Altre persone ridono, guardandoci. 

Guardo l’ora. Sono le 20:38, il cielo si sta facendo buio e qualcuno è ancora nel cuore di una ricerca intima e personale. Chiunque o qualsiasi cosa sia Anna, che sia veramente la sua fidanzata, o sua madre, o sua figlia, o un ricordo o una speranza; qualsiasi cosa sia, e a qualsiasi cosa somigli, e ovunque abiti, e che abiti veramente su questo pianeta o soltanto tra le sue vene, lui la sta cercando. Perché stava qua e ora non ce sta

E io penso che si fottano le infermiere. Le infermiere e gli universitari con le loro scarpette verdi da ospedale. Si fottano le madri e i padri che aspettano e intanto ridono, e i dirigenti e le voci dagli altoparlanti. 
L’uomo di forse trentadue anni è ora lontano, la schiena poggiata a una colonna. Parla con qualcuno, prende la foto, gliela mostra. Riesco a leggere nei movimenti dei suoi muscoli la luce di speranza immortale con cui affronta di nuovo questo momento. 

Chiudo gli occhi per un tempo infinito e continuo a fare cose che non mi va di fare.

LET'S WORKOUT!!

ESERCIZI PER L'ADDOME:

1. Addominali frontali
Sono gli addominali più facili ma anche i più efficaci. Sdraiati a terra flette le gambe appoggiando i piedi a terra in modo che si formi un angolo di circa 45°. La schiena è appoggiata a terra e non ci sono spazi tra la schiena e il pavimento. Mani dietro la nuca, sollevate il busto di circa 15-20 centimetri da terra. Ripetete l’esercizio 10 volte consecutive: dopo una settimana aumentate di una serie fino ad arrivare a 5 serie.

2. Addominali a bicicletta
Sdraiati a terra, mani dietro la nuca, alzate il busto di circa 10 centimetri da terra e con il gomito del braccio sinistra andate verso il ginocchio della gamba destra che avrete alzato formando un angolo di circa 90 ° con le ginocchia. Questo esercizio vi permetterà di rafforzare gli addominali obliqui: il segreto per far lavorare bene i muscoli è dare una buona torsione del busto. Non basta infatti che il gomito tenda verso il ginocchio, ma lo deve fare solo grazie allo sforzo degli addominali per raggiungere la posizione e la rotazione. Alternare un l’esercizio facendo tra una gamba e un’altra, che avranno quindi il movimento simile a quello che si fa per pedalare con la bicicletta. Ripetete l’esercizio 20 volte (ossia avrete fatto in totale 10 volte l’esercizio per la parte sinistra e dieci per quella destra, alternandole) per completare una serie. Come per l’esercizio precedente aumentate il numero di serie per avere risultati ottimali e per intensificare l’esercizio aumentate la velocità. Utilissima anche per il potenziamento degli addominali bassi!

3. Addominali isometrici
Gli addominali isometrici consistono nell’allenare il muscolo senza fare movimenti, ma non illudetevi che sia meno faticoso! Sdraiati a terra, gambe leggermente divaricate, alzate il busto poggiando i gomiti a terra e facendo leva sulle punte dei piedi sollevate il corpo: il sedere dovrà essere parallelo alle spalle e dovrete mantenere alta la testa. Mantenete la posizione senza far scendere il bacino o incurvare la schiena: continuate a respirare nonostante lo sforzo. Mantenete la posizione per almeno 10 secondi e incrementare ogni settimana di altri 5 secondi

ESERCIZI PER LE BRACCIA:

1.Sedetevi su una panca o su una sedia: piedi a terra e ginocchia piegate. Nelle mani stringete i pesi (o le bottiglie) e portate il braccio destro fino al petto e poi indietro. Alternate con il braccio sinistro. Fate due serie da 10 ripetizioni ognuna riposandovi tra una serie e l’altra.

2.In piedi, gambe leggermente divaricate e flesse. Mantenete la schiena dritta e non muovetela. Con un peso in mano, alzate il braccio sopra la testa, piegate il gomito facendo andare il peso verso la schiena finché il gomito non formerà un angolo di 90 gradi. Ripetete questo esercizio per 10 volte a braccio per due volte.

3.Per tonificare le braccia mettetevi alla fine di una scalinata in casa: sedetevi in modo che le gambe siano distese. Appoggiate le mani sullo scalino e poi alzatevi utilizzando esclusivamente la forza delle braccia e sollevando tutta la gamba. Ripetete l’esercizio 20 volte al giorno!

ESERCIZI PER LE GAMBE:

1.Gli affondi sono uno degli esercizi migliori da fare per rassodare e tonificare le gambe. Fate quelli frontali, laterali, in avanzamento, inversi, con il bilanciere e con i manubri.

2.Mettetevi con la schiena contro il muro e i piedi divaricati. Piegate le gambe fino a formare un angolo di novanta gradi tra il polpaccio e la coscia, come se vi steste sedendo su una sedia invisibile. Rimanete così per 6 secondi e poi tornate alla posizione di partenza. Fatene 2 serie da 10 movimenti, riposandovi tra una e l’altra.

3.Sdraiatevi sul fianco destro, piegate il braccio destro e mettetelo sotto la testa. Il braccio sinistro, invece, sarà a terra davanti alla pancia. Mantenendo l’equilibrio, stringete i glutei e sollevate la gamba tesa con il piede flesso e non a punta. Non andate troppo su con la gamba, ma solo fino a quando sentirete che state sforzando il muscolo. Andate su e giù, senza però toccare l’altra gamba, con un ritmo sostenuto. Fatene 3 serie da 10 movimenti, prendendo un po’ di fiato tra l’una e l’altra e alternando fianco e gamba in lavoro.

4. Un esercizio che fa lavorare le gambe senza sforzare la schiena. In posizione eretta con i piedi in linea delle spalle e le braccia lungo i fianchi, alzate il piede fino a portarlo all’altezza del bacino. La gamba deve essere tesa, così come i muscoli dei glutei. Rimanete nella posizione per 5 secondi e poi rimettete il piede a terra. Alternando le gambe, fate 2 serie di questi esercizi da 10 movimenti.

ESERCIZI PER I GLUTEI:

1.Prendete una sedia e mettete il piede destro sulla seduta. Il piede sinistro invece è a terra allineato con il fianco sinistro. Ora, salite sulla sedia spingendo sulla gamba destra e portando su quella sinistra fino a piegare il ginocchio. E poi tornate giù. Ripetete l’esercizio per 15 volte e poi cambiate gamba.

2.Mettetevi in piedi con le gambe leggermente divaricate e le ginocchia lievemente piegate. Prendete un po’ di slancio con le braccia e fate un salto più in alto possibile. Nel momento dell’atterraggio, ricordatevi di piegare le gambe per attutire il colpo. Fatene tre serie da 12 salti ciascuna.

3.Mettetevi distese prone su un tappetino da ginnastica. Allungate gambe e braccia e alzatele senza sollevare il bacino da terra. Ripetete l’esercizio per 10 volte. Per variare, potete anche sollevare gambe e braccia alternate. L’importante è sentire la contrazione del gluteo e fare un movimento composto, mantenendo ferma la posizione e non alzando il tronco o il bacino del corpo.

4.Sul tappetino sdraiatevi supine. Piegate le ginocchia e tenetele unite. A questo punto, contraete i glutei e salite con il bacino fino a formare un triangolo con le gambe e il pavimento. Rimanete in questa posizione per 5 secondi e poi riportate il bacino a terra. Fatelo per 15 volte. Per le più brave, una volta che avrete raggiunto la posizione a triangolo, tirate su una gamba per volta e mantenete la posizione.

Il bullismo è una malattia. Il pregiudizio è una malattia. La violenza è una malattia.
E’ dall'inquisizione in poi che abbiamo affrontato problemi a livello individuale.
E sapete cosa? Non funziona.
Alexander Solzenicyn dice che la linea tra bene e male taglia a metà il cuore di ogni essere umano. Vuol dire che la linea non è là fuori.
E’ una decisione che ognuno deve prendere.

P. Zimbardo, L’effetto Lucifero

mentre tracciavo la riga nera di eyeliner sopra l'occhio destro pensavo: oh che bella mi sta venendo proprio bene

mentre tracciavo la riga nera di eyeliner sopra l'occhio sinistro pensavo: oh che palle mi sta venendo una schifezza, ma perché non ci hanno fatto con un occhio solo al centro della fronte come polifemo, così bastava riuscire a fare decentemente una linea sola e basta???

molto fiera di questo ragionamento brillante, ho proseguito con la mia routine quotidiana, sono uscita di casa, ho preso l'autobus. tutto procedeva a meraviglia, finché non mi ha sorpreso un pensiero trascendentale di quelli imprescindibili, amletici, terribili, di cui ora non riesco a liberarmi: sì ma se fossimo tutti ciclopi con l'unico occhio al centro della fronte, la coda della riga dell'eyeliner da che parte la faremmo???

A te la spiego facile, così ti faccio risparmiare energie per capire meglio come il mondo non gira attorno al tuo fulcro di cazzate.

Le navi delle ONG arrivano sul posto perché chiamate direttamente dai profughi attraverso quelle mirabolanti invenzioni nate dalla logica (di cui mi sembri di scarseggiare) sommata all’elettricità e applicate al movimento, dette anche telefoni cellulari.
I numeri di telefono questi malcapitati galleggianti li trovano su internet, glieli passano i volontari/funzionari/addetti e no, mi spiace per te  i tuoi amici livorosi, non glieli dà la Boldrini.

Quando pubblico una cosa, leggila, approfondiscila, chiediti il perché delle cose seguendo la linea più breve e non quella più tortuosa per farle toccare tutti i tuoi deliri pacatamente razzisti e democraticamente faziosi, in modo da sottolineare le tue teorie cospirative olezzanti di marrone.

Non ti mando quindi dove meriteresti (no, non affanculo, -io sono un Signore- bensì su uno scafo marcio in mezzo al Mediterraneo con un gsm di ottava mano con poco credito, una sola tacca di ricezione  e un numero solo, che non è quello della guardia costiera e manco quello della Boldrini) ma a pescarti le notizie invece che qui da qualche altra parte a te più affine, cosicché con i tuoi amici possiate ammirarvi  l’ombellico continuando a credere che quello sia il fulcro del mondo.

Ora era nuda. La pelle più bianca sul seno e ai fianchi quasi non si distingueva, perché tutta la sua persona mandava quel chiarore azzurrino, di medusa. Nuotava su di un fianco, con movimento pigro, la testa appena fuor dall’acqua, e a volte la curva di una spalla e la linea morbida del braccio disteso. L’altro braccio, a movimenti carezzevoli, copriva e scopriva il seno alto, teso ai vertici. Le gambe battevano appena l’acqua, sostenendo il ventre liscio, segnato dall’ombelico come da un’impronta leggera sulla sabbia, e la stella come d’un frutto marino. I raggi del sole riverberato sott’acqua la sfioravano, un po’ facendole da veste, un po’ spogliandola da capo.
—  Italo Calvino, Avventura di un poeta