linea e

Fino a qualche anno fa aspettavo trepidante l'arrivo della primavera perché tutto si colorava, tutto profumava e tutto risplendeva. Ora alterno momenti in cui la amo a momenti in cui la odio perché ho cose che mi frenano dall'uscire e godermi il mare luminoso e calmo primaverile. Rifiuto ogni tipo di contatto con gli altri e non mi va di uscire dalla mia bolla di sapone che mi sono costruita nel corso di questo inverno. Ho una corazza indistruttibile agli occhi degli altri, ma fragile come cristallo ai miei. Credo di star diventando una persona orribile perché ammetto di essere semplicemente invidiosa della felicità o serenità degli altri e non riesco ad accettare che delle menti mediocri e infime assaporino attimi felici e io no. So perfettamente che le menti mediocri sono per antonomasia le più serene perché incapaci di pensare, ma non riesco a capire perché loro sì e io no. Sono invidiosa delle mie vere amiche, in linea generale serene e soddisfatte, con delle menti non mediocri e non infime che hanno trovato la loro felicità. Non voglio ridurmi ad avercela con il mondo intero solo perché io stessa non sono felice, non voglio rovinarmi con le mie stesse mani. Ho bisogno di una motivazione costante ed efficace e di sentirmi tollerante (e tollerata).

Elodie - Una Strada Infinita

C'è chi ama senza avere in cambio niente
There is who loves without getting nothing back

E niente chiede
and who asks for nothing

C'è chi dice che la vita è solo un viaggio verticale
there is who says that life is just a vertical trip

Ma si perde l'orizzonte
the horizon gets lost

E la linea che divide il nostro mondo d’altri mille
and so does the line that divides our world from another thousand

C'è chi vuole esser grande
there is who wants to be great

Se hai coraggio sei un gigante
if you’re brave you’re a giant

C'è chi pensa di rischiare tutto senza farsi male
there is who thinks of risking it all without getting hurt

Chiudi gli occhi per vedere
close your eyes to see

Tu sai tutto del mio cuore
you know everything about my heart

Ma non il suo confine
but not its limit

Quello che sei lo salverò
I will save what you are

Sono anche tue le forze che ho
the strength I have is yours, too

Contro ogni male, un deserto di sale
against any evil, a salt desert 

Non è possibile stare a guardare
it’s not possible to stand there and watch

Non vale niente
it’s worthless

Se è soltanto un momento che resta poesia
if it’s just a moment that stays poetry

Per sempre
forever

Perché l'amore è una prova infinita
because love is a neverending trial

Più della vita
more than life is

C'è chi semina nel vento le sue idee e il suo tormento
there is who sows their ideas in the wind, and their torment too

Perché vadano lontano
so that they may go far 

Perché servano a qualcuno
so that they may be useful to someone

A chi cerca d’insegnare
to who tries to teach

A suo figlio a camminare
their child how to walk

E conta i sogni per dormire
while counting their dreams trying to sleep

Non vale niente
it’s worthless

Se è soltanto un momento che resta poesia
if it’s just a moment that stays poetry

Per sempre
forever

Perché l'amore è una prova infinita
because love is a neverending trial

Più della vita
more than life is

sono nel corridoio principale dell'università a leggere un articolo bellissimo, ben scritto e ricco di storie struggenti, sul fine vita (oggi si dovrebbe discutere per l'approvazione del testamento biologico qui in italia). piango un sacco - mannaggia, mi era pure venuta dritta la linea dell'eyeliner, e invece a meno di mezz'ora dalla lezione ho gli occhi gonfissimi e la testa altrove. però va bene così, è giusto così; come si fa a vivere senza commuoversi ogni tanto, senza riflettere su quelle cose che pensi non ti sfiorino e invece ti danno da pensare.

“I vostri figli non sono i vostri.
Sono i figli e le figlie del desiderio che la vita ha di se stessa
essi vengono attraverso di voi, ma non da voi.
E benché vivano con voi, ciò non di meno, non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non i vostri pensieri.
Perché essi hanno i loro pensieri.
Potete custodire i loro corpi, ma non i loro anime.
Perché le loro anime abitano nella casa del futuro, che
neppure in sogno potete visitare.
Potete cercare di essere simili a loro,
ma non potete farli simili a voi.
Perché la vita procede e non si attarda mai sopra il passato.
Voi siete gli archi da cui i figli come frecce sono scoccati avanti.
L'arciere vede il bersaglio sulla linea dell'infinito, e con
la forza vi tende perché le frecce vadano rapide e lontane.
E che il vostro tendervi nella mano dell'Arciere avvenga nella gioia: perché come ama le frecce che volano,
così ama l'arco che sta fermo.”

Kahlil Gibran

Come dimagrire la pancia (senza esercizi):
  1. Bevi almeno due litri d’acqua al giorno: quando me l’hanno detto anche io pensavo “impossibile”, ma basta tenere una bottiglia vicino e neanche te ne accorgerai. 
  2. Non bere bibite gassate, alcoliche e zuccherate: piuttosto fatti dei detox (acqua aromatizzata alla frutta) o centrifugati di frutta, ma NO ALL’INDUSTRIALE, sono pieni di conservanti e zuccheri in eccesso. Se volete ricette di detox per bruciare zone precise, chiedetemi e vi darò ricette per ogni punto del corpo.
  3. Usate una crema idratante ogni sera e fatevi dei massaggi alla pancia, è rilassante e favorisce la riduzione del grasso, oltre che prevenire le smagliature. Bastano piccoli movimenti circolari con le mani dopo la doccia. 
  4. Bevete tisane. Io personalmente consiglio “giusta regola”, “linea” e “pancia piatta”. Io ODIO il sapore delle tisane, ma odio più la mia pancia, quindi una tazza ne vale la pena.
  5. Evitate cibi grassi e fritti, quelli lievitati come pane e pizza e LIMITATE i carboidrati, per carità di Dio! Vanno tutti sulla pancia. Inoltre, evitate legumi e patate se potete, o comunque assumeteli in quantità basse.
  6. Mangiate carne bianca, verdure e favorite ananas e pompelmo, che drenano e bruciano grassi, in più sono buonissimi!
  7. NON FATE DIETE LAMPO, ne ho fatte e giuro che ho ripreso tutti i kg, con gli interessi. 
  8. Sostituite zucchero e sale con Stevia e Novosal. Li trovate entrambi al supermercato, se volete la Stevia sottoforma di zucchero la trovate in erboristeria invece. 
  9. Se avete tempo, qualche addominale al giorno fa sempre bene. 
  10. Buona fortuna!
2

Record stagionale sul Giro del Lago. Però, per onestà, devo ammettere che ho approfittato di parecchie buone trenate, sfruttando la scia di altri ciclisti più in forma di me. Be’, temo che questo mio record non sia omologabile. Linea a Pancani e Martinello!

Lineas. Medellin. Colombia. 2016

Scrivere è avanzare parola dopo parola su un filo di bellezza, il filo di una poesia, di un'opera, di una storia adagiata su carta di seta. scrivere è avanzare passo dopo passo, pagina dopo pagina, sul cammino del libro. Il difficile non è elevarsi dal suolo e mantenersi in equilibrio sul filo del linguaggio, aiutato dal bilanciere della penna. Non è neppure andar dritto su una linea continua e talvolta interrotta da vertigini effimere quanto la cascata di una virgola o l'ostacolo di un punto. No, il difficile, per il poeta, è rimanere costantemente su quel filo che è la scrittura, vivere ogni ora della vita all'altezza del proprio sogno, non scendere mai, neppure per qualche istante, dalla corda dell'immaginazione.

Maxence Fermine

Se qualcuno mi domandasse: Che cos'è per te l'amore?? Risponderei semplicemente..

L'amore è lui.
L'amore è lui quando  vede che sto male cerca sempre di farmi sorridere in qualche modo.
L'amore è lui che mi dimostra che in qualche modo c'è, esiste anche lontano ma c'è ed è sempre con me.
L'amore è lui quando si arrabbia quando gli dico: “Amore sono triste”, perchè non mi può abbracciare.
L'amore è lui quando non gli prende la linea e si arrabbia perchè non mi può sentire.
L'amore è lui quando va in pausa e la prima cosa che fa e chiamarmi per sentire la mia voce.
L'amore è lui quando litighiamo non riusciamo a chiamarci per nome, ma per nomigliolo e non ci rendiamo conto.
L'amore è lui quando  appena sveglio, prima di andare a lavorare, mi scrive il buongiorno e vuole essere il primo della giornata che lo fa.
L'amore è lui che mi chiama anche alle cinque di mattina per sentirmi e per fargli compagnia prima di andare a lavoro.
L'amore siamo noi che progettiamo il nostro futuro e lottiamo per il nostro amore.
L'amore siamo noi che ci raccontiamo la nostra giornata che abbiamo passato ed incominciamo a ridere come dei cretini quando ci succede qualcosa di strano.
Io e te siamo complici su tutto e ci conosciamo perfettamente.
Conosco ogni cosa tua, conosco cosa mi potrai rispondere quando ti faccio una domanda. Conosco ogni tuoi disagi, le tue paure, le tue insicurezze, cosa pensi, i tuoi valori, i tuoi principi. Io amo ogni cosa tua, amo anche quei difetti che a volte ti ammazzerei ma poi non c'è la farei mai perchè senza di te non riesco a stare.

—   Jessica Diliberto
Game of thrones 6x06
  • Ritroviamo Meera che trascina ancora il materassino con Bran inseguita dagli scheletri. Giustamente a un certo punto non ce la fa più e si ferma e piange. Meera, non ti sentire in colpa, io avrei abbandonato senza indugi lo storpio e il gigante e mi sarei arrampicato su un albero come uno scoiattolo dei parchi inglesi come quando la gente va con lo zaino seven a Londra e deve per forza farsi la foto e metterla su facebook Guardate uno scoiattolo e tutti noi D U H!
  • Arriva un misterioso sconosciuto con un cavallo ma soprattutto con una PALLA DI FERRO E FUOCO molto utile e uccide degli scheletri, ma questo non basta perché i morti sono morti (eh?) e quindi prende Bran come un sacco di noci durante la prima puntata autunnale di Linea Verde e Meera e scappano via
  • Chi è il misterioso uomo del mistero? È zio Benji! Zio Benji che cosa ti è successo, pensavo fossi morto, puozz’ jettà o sang’. Zio Benji scuoia un orsacchiotto di peluche con dentro del succo di lamponi e intanto spiega che era quasi morto e ora è quasi vivo e i folletti e i ghiaccini. Bran e Meera lo guardano come se fosse la pazza dei cotton fioc. Dice a Bran che ora lui è Nonna Salice e Bran dice Ma come? che è quello che dice da tre stagioni. Ah intanto Bran vede tutto quello che è successo nelle cinque stagioni precedenti. Sì, pure lo sfortunato taglio di capelli della moglie di Oberyn
  • Siccome è bene focalizzarsi sulle cose che contano, abbiamo 15 scene dedicate a Sam Cicciottini e la buzzicona. Arrivano a casa dei suoi che è una casona e la mamma e la sorella sono contentissime e invece il padre preferirebbe strozzarsi con la cannuccia dell’estathè. Le rughe d’espressione della madre mi hanno fatto un po’ una cosa. Mamma, devo per caso imprestarti il mio contorno occhi all’avocado Kiehl’s? È mi-ra-co-lo-so. Il padre gli fa una partaccia e dice a lei che è una buzzicona e che può lavorare nelle cucine. EXCUSE MAY? Se avesse detto a me una cosa del genere lo avrei subito schiaffeggiato con la manica a sbuffo e poi avrei avvelenato i suoi pasti un po’ al giorno con un sorriso sulla faccia come usava all’epoca. Sam non ci sta e decide di fuggire nella notte prendendo la spada magica, perché il padre ha una spada magica che si chiama La Queefa che ha quel materiale che può sconfiggere i ghiaccini
  • Tommen va a trovare la Margi e il Capo delle sentinelle. Tommen, che è adorabile, ma ha la spina dorsale di una pera, si fa un po’ infinocchiare da tutti. Però rimane un cucciolino quando i cucciolini sbadigliano dopo che hanno giocato tanto!
  • Arya va ad assistere di nuovo allo spettacolo e poi va dietro le quinte per avvelenare la bevanda dell’attrice, ma alla fine ha un moto di pietà e le impedisce di bere e tutti la guardano come la pazza dei cotton fioc e lei la mette in guardia contro l’attrice giovane. Intanto però la stronza col caschetto è dietro una tenda che spia tutto perché non ha una vita ed è una di quelle persone che dicono Stasera non esco, ma non sono uscite nemmeno la sera prima e quella prima ancora e le settimane prima e dicono Io preferisco essere single, ma in realtà è perché non si sa relazionare. Insomma, una di noi
  • Subito dopo c’è “Scena di rocce spostate e recupero di spadino”. Arya, che non è scema, va a prendere Spadino perché sa che ora la stronza la vuole uccidere perché ha fallito la sua prova. Io sono contento perché da 18 stagioni Arya era ferma in questa cosa della scuola delle facce e io ero stanco, ma non quella stanchezza che pigli il Supradyn, proprio quella stanchezza che sei seduto sulla panchina coi picconi che ti camminano sulla faccia e tu pensi ancora un minutino
  • Intanto arrivano le guardie per liberare la Margi che sta per fare il walk of shame e quindi vogliono fare una lotta e si portano pure Nonna Sassy perché cosa c’è di meglio di una vecchia tra i coglioni quando devi fare la guerra. Tutta i poveracci del popolo sono molto sorpresi Che costa sta succedendo? Chi sono questi? Perché siamo tutti vestiti di marrone? Ma a sorpresa dalla chiesa esce Tommi che quindi fa capire di essere pro sentinelle e tutto il popolo dice yeee domani moriremo di fame e tifo però intanto yeee. Io sono convinto che sia tutta una strategia della Margi
  • Andiamo nel castello misero di Gazza. Gazza dice delle cose e portano una persona legata, ma chi è? Perché ci fanno vedere queste cose? Jon Snow si nasconde sotto uno di questi tavoli? 
  • Khaleesi e i khal drogi stanno facendo una passeggiata per il deserto e a un certo punto Khaleesi va dietro una roccia. Dove sei andata, scemina? E poi esce fuori con uno dei draghi per fare il discorsone e per stimolare i guerrieri. Ecco, io avrei preferito un avanzamento nella storyline di Khaleesi dopo SEI ANNI, ma invece posso tranquillamente rinchiudermi nell’armadio e nutrirmi di cotone delle magliette e aspettare ancora, per l’eternità. Venitemi a portare un Fior di fragola ad Agosto, per piacere

Mi piacerebbe che qualcuno ti insegnasse a inseguire le emozioni come gli aquiloni fanno con le brezze impreviste e spudorate; tutte, anche quelle che sanno di dolore.

Mi piacerebbe che ti dicessero che la vita comprende la morte.

Perché il dolore non è solo vuota perdita ma affettività, acquisizione oltre che sottrazione.

Mi piacerebbe che qualcuno ti insegnasse a stare da sola, ti salverebbe la vita.

Non dovrai rincorrere la mediocrità per riempire vuoti, né pietire uno sguardo o un’ora d’amore.
Impara a creare la vita dentro la tua vita e a riempirla di fantasia.

Adora la tua inquietudine finché avrai forze e sorrisi, cerca di usarla per contaminare gli altri, soprattutto i più pavidi e vulnerabili.

Dona loro il tuo vento intrepido, ascolta il loro silenzio con curiosità, rispetta anche la loro paura eccessiva.

Mi piacerebbe che la persona che più ti amerà possa amare il tuo congedo come un marinaio che vede la sua vecchia barca allontanarsi e galleggiare sapiente lungo la linea dell’orizzonte.

E tu allora porterai quell’amore sempre con te, nascosto nella tua tasca più intima.

P. Crepet

In verità, il poeta, il vero poeta, possiede l'arte del funambolo.
Scrivere è avanzare parola dopo parola su un filo di bellezza, il filo di una poesia, di un'opera, di una storia adagiata su carta.
Scrivere è avanzare passo dopo passo, pagina dopo pagina, sul cammino del libro.
Il difficile non è elevarsi dal suolo e mantenersi in equilibrio sul filo del linguaggio, aiutato dal bilanciere della penna. Tantomeno andar dritto su una linea continua e talvolta interrotta da vertigini effimere quanto la cascata di una virgola o l'ostacolo di un punto.
No, il difficile per il poeta, è rimanere costantemente su quel filo che è la scrittura, vivere ogni ora della vita all'altezza del proprio sogno, non scendere mai, neppure per qualche istante, dalla corda dell'immaginazione.
In verità, il difficile è diventare funambolo della parola.

So che non è facile stare con me . So che una come me ispira più schiaffi che carezze . Ti faccio arrabbiare , ti faccio innervosire e non ho freni . So che a volte sono insopportabile e che non sempre si ha voglia di litigare per le sciocchezze ,cosa che io pur non di proposito faccio spesso . Sono un disastro su tutta la linea. Ma ti amo e tu sei la sola persona capace di gestirmi , capace di tenermi testa , capace di farmi incazzare e subito dopo sorridere . Quindi tienimi così , anche se sono un danno . Perché tu sei l'unica persona che non voglio perdere .
¿Qué es más importante la mente o el corazón? Yo estoy absolutamente segura que es la mente. Es ella la que dirige los sentimientos.
Son los recuerdos con las personas los que nos hacen amarlas u odiarlas. El futuro consiste sólo en recuerdos a la espera de ser creados.
La mente es lo más sensacional que tenemos. Nos permite comprender el mundo, elegir, opinar, creer, sentir. Nadie podría amar sin pensar qué ama.
Y me rompo un poco al pensar en aquellas personas que viven sin recuerdos o que no tienen el nivel suficiente de consciencia para crear algunos… Discapacidades mentales, amnesia, Alzheimer y tantos otros motivos. ¡Que cruel es la vida con quienes la parte más maravillosa del ser humano no funciona como debería! ¡Qué triste! Y aún más triste es que no sea triste porque casi nadie se toma el tiempo de pensar que afortunados somos de poder pensar.
Y ahora dejaré de escribir éstas lineas e iré a crear nuevos nuevos recuerdos, después de todo es esa posibilidad una de las grandes fortunas que tenemos en la vida
—  Recuerdos - Alma de Colibrí