lima che

A tutto questo s'aggiunga l'ostinata nera orrenda barbara malinconia che mi lima e mi divora, e collo studio s'alimenta e senza studio s'accresce […] ma ora non la provo più, quella dolce malinconia che partorisce belle cose, più dolce dell'allegria, la quale, se m'è permesso dir così, è come il crepuscolo, dove questa è notte fittissima e orribile […]

Epistolario di Giacomo Leopardi - 1817