lightness

In love he had assumed many responsibilities. In love and responsibility, as everyone must, he had acquired his griefs and losses, guilts and sorrows. Sometimes, under the burden of these, he sought the freedom of solitude in the woods. He might be gone for two or three days or more, living off the land and whatever leftovers of biscuits or cornbread he might be carrying in his pockets, sleeping in barns or in the open by the side of a fire. If the dogs became baffled and gave up or went home, he went on, walking slowly hour after hour along the steep rims of the valleys where the trees were old. When he returned, he would be smiling, at ease and quiet, as if his mind just fit within his body.
—  Wendell Berry, Fidelity
flickr

y o n o t e n g o s o l e d a d por gabriela rosell
Via Flickr:
www.facebook.com/gabrielarosellfotos/

세상에 나와 같은 사람이 없는 것처럼 내 마음과 같은 사람도 없다. 한결이란 단어는 사람에게 쓰지 않는 금지어인가보다. 27년간 보고 느낀건 세상은 빠르게 변화하고 사람 또한 거기에 맞춰 변화하고 변한다는 것이다.

“Viaggiare sentendosi sempre, nello stesso momento, nell'ignoto e a casa, ma sapendo di non avere, di non possedere una casa. Chi viaggia è sempre un randagio, uno straniero, un ospite; dorme in stanze che prima e dopo di lui albergano sconosciuti, non possiede il guanciale su cui posa il capo né il tetto che lo ripara. E così comprende che non si può mai veramente possedere una casa, uno spazio ritagliato nell'infinito dell'universo, ma solo sostarvi, per una notte o per tutta la vita, con rispetto e gratitudine.”

Claudio Magris, L’Infinito viaggiare, 2005.