le cor

How to use written accents in Spanish

People who are studying Spanish struggle a lot with written accents, and some even learn them by heart. But that’s not necessary if you know the rules, which are quite simple! Back when I was 8 and learnt them in school, I discovered that I could write anything without making spelling mistakes (then I forgot the rules and know I just know when to write an accent because I read a lot)

What are accents used for?

In Spanish, accents tell you when you should put more emphasis on a syllable. Also the absence of accents shows you which is the stressed syllable. This is super handy when reading a text with words you don’t know, because you’ll know how to pronounce them. When I had a quite basic English level, guessing how to pronounce something was a nightmare.

The syllable where you put more emphasis is called sílaba tónica, and I will be using that term from now on.

Based on the position of la sílaba tónica, Spanish words can be classified in 4 groups: 

  • AGUDAS
  • LLANAS
  • ESDRÚJULAS
  • SOBREESDRÚJULAS (not that common)

AGUDAS

Agudas have the sílaba tónica AT THE END OF THE WORD (1st position). This word can have as many syllables as you want, but the stress must be on the last one. Always.

Example: CA-, CRIS-TAL*. – As you can see, the emphasis is on the last syllable of the word. 

When do we write an accent on the AGUDAS?

The rules are quite simple. You’ll write an accent if:

- the word ends in a vowel: (ca-fé, a-llá, be-bé, en-con-tra-rá )

- the word ends in -n: (sar-tén, a-le-mán, a-cor-de-ón, co-a-li-ción)

-the word ends in -s: (bur-gués, ho-lan-dés, vi-vi-rás)

NOTE: the words that are agudas and end in consonant + S do not have an accent (ex: robots)

NOTE: The words that are agudas and end in “y” do not have an accent (virrey, convoy, and NOT virréy, convóy)

* CRIS-TAL does not have an accent because it ends with -l, so it is telling you that the emphasis is on the last syllable.

TIPS & TRICKS:

It’s cool knowing the rules, but sometimes is faster to know some tricks

  • Words that end in -ión have an accent (coalición, religión, contaminación, destrucción…)
  • A verb in the future simple will carry an accent in every version of the verb, except for the 1 person plural (compraré, comprarás, comprará, compraremos, compraréis, comprarán). As you can see, they all end in a vowel, in -n or -s, and “compraremos” doesn’t have an accent because la sílaba tónica is not the last one.
  • Words that are agudas and end in -ía always have an accent (geología, filosofía, biología, astronomía, gastronomía, tranvía)
  • The infinitives of the verbs are agudas and DO NOT have an accent because they end in -r (dormir, comprar, destrozar, aniquilar, cocer)

LLANAS

Llanas have the sílaba tónica on the penultimate (=next to the last) syllable (2nd position). This word can have as many syllables as you want, but the stress will be on the penultimate one. Always. So, when you pronounce it, you’ll make emphasis on the penultimate syllable.

Example: ÁR-BOL, IN-VE-RO--MIL, CO-CHE. - As you can see, the emphasis is on the penultimate syllable of the word. 

When do we write an accent on the LLANAS?

The rules are quite simple. You’ll write an accent if:

-llanas that end in ANY consonant, except for N OR S: (-piz, -cil, án-gel)

-when the llanas end in two consonants, even if it they are consonant+n // consonant+s (-ceps, fór-ceps)

-when the llanas end in -y, they have an accent (-ney)

ESDRÚJULAS AND SOBREESDRÚJULAS

  • ESDRÚJULAS

Esdrújulas have the sílaba tónica in the antepenultimate (=third to last) syllable (3th position).

Example: ES-DRÚ-JU-LA, Ó-PE-RA, CA-Ó-TI-CO.

When do we write an accent on the ESDRÚJULAS?

The rule is THE EASIEST. You’ll write an accent if:

ALWAYS. ALWAYS. ALWAYS.

  • SOBREESDRÚJULAS

Sobreesdrújulas are really weird, and they are normally verbs with pronouns added to them. Sobreesdrújulas have the sílaba tónica in the syllable before the antepenultimate syllable (4th position)

Example: Á-BRE-ME-LO, -JEN-SE-LA

When do we write an accent on the SOBREESDRÚJULAS?

The rule is THE EASIEST. You’ll write an accent if:

ALWAYS. ALWAYS. ALWAYS.


THIS SUMS UP EVERYTHING:

If you have any questions, let me know! I know this can be difficult to grasp at first, but once you master it it is a really simple system.

anonymous asked:

Umm where did the bed sheets come from, like did i miss something or are Touka and/or Kaneki just imagining them?

I think they were just your average Convenient White Sheets™ lying around the abandoned building they were in. Reminds me of the white cloth spread over furniture or construction machinery to keep the dust off.

The Language of Silver Millennium

When watching Sailor Moon Crystal, have you ever seen the alien letters resembling that of an Ancient Language spoken in the Moon Kingdom? Usually one can see them on the screens of the computers used by Luna and Artemis, but by far the most noticeable example would be the following scene of the Sword of the Silver Crystal:

I looked everywhere online for answers… Is this even an actual language? Perhaps these letters are a simple cipher for the Latin alphabet or Japanese kana as with the Hylian languages of the Zeldaverse? My eventual conclusion, however, is that these are simply random symbols with no true meaning or correlation to any alphabet. In the picture above, for example, there is an insufficient number of symbols to represent a language with as deep a meaning as the supposed translation. They are made to appeal aesthetically to the idea of an ancient moon language, but the creators put no effort into making it an actual language to much of my dismay. And even if it was a simple cipher of an existing alphabet, I would still be very disappointed at the lack of effort and creativity on the matter.

So, as a result, I took it upon myself to experiment with the given symbols and create an Ancient Moon Language to be spoken in Silver Millennium. I thought the symbols looked as thought they would be a syllabary of some sort (although, the letter-to-word ratio in the picture makes it look as though it were a simple alphabet of some sort, unless the ‘words’ are actually entire sentences and they lack spaces and punctuation, which is also possible), and so I transformed it into a complex featural-syllabic script. The grammar I created is primarily Subject-Object-Verb and uses postpositions, and the language is topographically a fusional language. I based much of the vocabulary on Latin and Ancient Greek so far, as I figured some of the humans on Earth at the time would’ve spoken Latin and Ancient Greek and would be influenced by this language, especially since the Prince’s name is Endymion, which is a Greek name. I also thought that the names of the Sailor Senshi would influence the name of the Roman Gods and Goddesses through contact with the Moon Kingdom, hence their names being of Ancient Moon language origins (which in the language I created would be Giupitéra, Mársia, Mercuría, Venúsia).

Here’s an example I translated; it’s the quote from when Sailor Moon pulls the Sword of the Silver Crystal and the text appearing on the sword is read aloud:

I geládun ilumá cerún elá, Thási ípula irá térmia cristía íli cor-désu le vupá. Perféctu térmiu árgientu cristíu hávae, ne Lúni manílle furtúne empérae. Lúni divíne turúne alá oratíe dárae, ne pásia thasúne alá le tiverá.

(When this sword shines, the legendary crystal within the Queen will work as she wishes. Hold the complete Legendary Silver Crystal and awaken the great power of the Moon. Offer a prayer to the divine tower of the Moon, and peace shall return to the kingdom.)

And then here’s an example of the script as it would be correctly written; it says “Endymion” or literally “Endímiun” (En-dí-mi-un):

So what do you guys think? Should I continue to create this language, maybe even make lessons for others to learn it? Would you be interested in learning such a language?

Forse perchè della fatal quïete
Tu sei l’immago a me sì cara, vieni,
O Sera! E quando ti corteggian liete
Le nubi estive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquiete
Tenebre, e lunghe, all’universo meni,
Sempre scendi invocata, e le secrete
Vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
Che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
Questo reo tempo, e van con lui le torme

Delle cure, onde meco egli si strugge;
E mentre io guardo la tua pace, dorme
Quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.
—  Ugo Foscolo, Alla sera

CREEPY STORIES
- L’unico per te

Ero un ragazzo normale, come tutti gli altri. Uscivo con i miei amici, spesso dovevo stare a casa a badare ai miei fratelli, ma non mi dispiaceva aiutare la famiglia. Andavo a scuola fino un paio di anni fa, voti nella media, non mi è mai importato troppo. Come tutti i miei coetanei, la cosa che preferivo fare era uscire e non fare assolutamente niente di costruttivo. Le mie giornate si dividevano tra studio, videogiochi, uscite con gli amici… Davvero, ero normale, possiamo dire quasi banale. Poi, accadde. Ricordo che mi ero collegato a Facebook per chiedere una cosa a un mio amico, ma non lo trovai in linea. Così, per passare il tempo, frugai un po’ nei profili dei miei compagni. E fu in una delle loro foto che la vidi.

La creatura più bella del mondo. Non so cosa mi prese, era solo una foto, ma mi sembrò che il tempo e il mio cuore si fossero fermati osservandola. Non trovai alcun nome tra le tag. Anzi, sfortunato come mio solito, il suo volto era l'unico senza nome. Compariva in poche altre foto e io non riuscivo a smettere di guardarle. Non so ancora come spiegarlo, ma decisi che dovevo scoprire chi fosse. Se solo si fosse collegato l'amico a cui appartenevano le foto, avrei potuto domandarglielo. In campo di conquiste, ero abbastanza sfacciato. Ma qualcosa in me mi diceva di non aspettare, di provare in tutti i modi a scoprirne l'identità. Così, cliccai sui nomi delle persone raffigurate in quelle foto e cominciai a cercare instancabilmente tra i loro contatti qualcuna che somigliasse a lei. I primi tentativi andarono a vuoto, poiché alcuni avevano la lista amici privata. Arrivato all'ultimo nome, ero alquanto scoraggiato. Nessuna traccia di lei. Forse nemmeno aveva un contatto Facebook, il che avrebbe spiegato perché il suo nome non comparisse nella foto.

Poi, aprendo l'ultimo profilo disponibile, vidi l'immagine di due ragazze abbracciate e sorridenti. Quella di sinistra era la proprietaria del profilo. L'altra, era lei. E sembrava ancora più bella che nelle foto precedenti. Ma, purtroppo, ancora nessun nome. Aprii l'album a cui apparteneva quella fotografia e presi a sfogliarlo. Lei compariva quasi ovunque, sempre più perfetta. Notai che sullo sfondo di quasi tutte le immagini si leggeva l'insegna di un famoso locale del centro, mentre le altre parevano essere scattate proprio all'interno del pub. Probabilmente ne era un'assidua frequentatrice. Mi sentii sollevato; non sapevo il suo nome, ma sapevo che avrei potuto incontrarla lì. No, non pensai nemmeno per un secondo che tutto ciò fosse assurdo. Sono sicuro anche adesso che ciò che ho provato la prima volta che l'ho vista fosse amore. Pazzesco, no? Se me lo avessero raccontato, anche solo due giorni prima, mai l'avrei creduto. Comunque, decisi che mi sarei recato ogni sera in quel locale. Dovevo scoprire più cose possibili su di lei, la ragazza perfetta, prima di potermi avvicinare e parlarle. Il desiderio di vederla dal vivo si faceva sempre più insistente. Ormai avevo stampato e osservato tutte le foto in cui compariva almeno un migliaio di volte.

Poche sere dopo, dunque, mi decisi ed uscii, disposto a cercarla anche per tutta la notte. L'avrei riconosciuta dal vivo? Spesso si appare diversi nelle foto. Magari mi sarebbe passata davanti e non avrei capito che fosse proprio lei. Comunque, la prima sera fui subito fortunato. La vidi non appena entrai. Era seduta al bancone, su di uno sgabello e sorseggiava un cocktail colorato. Parlava con il barista e rideva. Io mi bloccai in mezzo alla stanza, quasi senza rendermi conto delle persone che mi superavano o osservavano. Mi sedetti ad un tavolo non troppo lontano da dove si trovava lei, ordinai da bere e, fingendo di scrivere sul telefono, non le staccai gli occhi di dosso per tutta la sera. Quando il locale cominciò a svuotarsi, poi, riuscii anche a sentire il suono della sua voce; dolce, melodioso, sembrava completare l'immagine perfetta di lei.
Ci tornai ogni sera per circa una settimana, accontentandomi di sedermi e osservarla. Memorizzavo i suoi vestiti, la immaginavo abbinarli in modo diverso, la vedevo indecisa su come pettinarsi e cosa indossare e, per un po’, mi bastava così. Ma, presto, le cose cambiarono. Non era più sufficiente guardarla per poche ore dopo cena, senza poterle parlare. Volevo sapere tutto di lei, volevo tutto, volevo averla solo per me. Ero ossessionato da lei, da quello che immaginavo fosse il suo profumo, dal suo sorriso, dalla sua risata così dolce. Non provavo più interesse per quelle attività che fino poco tempo prima erano la mia routine. Non mi attraevano più le altre. In ogni ragazza che incontravo, cercavo un particolare che mi ricordasse lei, la mia lei. Ero sicuro che sarebbe stata mia. Era ovvio, doveva essere mia. C'era un solo dettaglio: lei non aveva idea del fatto che io la amassi. La prima mossa spettava a me.

Quella sera decisi che l'avrei avvicinata, era giunta l'ora. Mi agghindai per bene, non volevo sfigurare nei suoi confronti. Passai diverse ore in bagno e davanti allo specchio, finché non ritenni di essere abbastanza presentabile per lei. Fuori dal pub, di fronte a quella porta di legno, sentivo il cuore battermi in gola. Non ero mai stato così emozionato, prima d'ora. Aprii la porta con le mani tremanti ed entrai. Lei era seduta al solito posto, circondata da un gruppo di persone. Amici, supposi; riconobbi la ragazza che era nella foto insieme a lei. Non sarei riuscito ad avvicinarla con tutta quella gente attorno. Mi misi in disparte e attesi. L'avevo osservata così a lungo nelle settimane precedenti che sapevo che si sarebbe allontanata da loro da sola, per andare in bagno o uscire a fumare. Dovevo solo aspettare. L'emozione faceva si che il tempo sembrasse scorrere al rallentatore. Credevo fosse passata un'ora, invece erano poco più di dieci minuti e io mi stavo agitando troppo. Finalmente la vidi alzarsi e dirigersi verso la porta. Presi un respiro profondo e mi avvicinai.
-Ciao, posso parlarti?- le domandai, sfiorandole un braccio. Lei si voltò, con un'espressione incuriosita sul viso.
-Scusa, ci conosciamo?- fu la risposta.
-In effetti, no…- le dissi io. -Ma io ti trovo bellissima e mi chiedevo… Mi chiedevo se volessi bere qualcosa insieme a me, stasera.- Ecco, l'avevo fatto.
-Ah. Temo non sia possibile. Vedi, io sono già impegnata.- con un cenno della mano, indicò il barista.
-Quindi, beh… Scusa.- e se ne andò.

Io tornai a casa in una specie di stato di trance. Non era previsto che mi rifiutasse. Non doveva farlo. Mi sentii crollare il mondo addosso. Tutto ciò che avevo progettato in quelle settimane si era sfaldato con una sola frase. Quel “sono già impegnata” mi riecheggiava nelle orecchie in continuazione, in un loop infinito. La immaginavo lì, seduta al bancone, intenta a ridere e scherzare con il suo fidanzato. Li visualizzavo insieme. Li vedevo baciarsi, accarezzarsi, fare tutto ciò che avrei voluto fare io con lei. Ero ormai giunto nella mia stanza e questi flash affollavano la mia mente. Scoppiai in lacrime, fissando una delle tante foto che avevo accuratamente attaccato ala parete. Io la amavo. No, non era giusto che lei non stesse con me! Cominciai a prendere a pugni il muro, ferendomi le nocche. Così facendo, riuscii a calmarmi. Forse non mi sono posto nel modo giusto. Devo tornare da lei e dirle esattamente cosa provo. Allora sì che non potrà non essere mia. Accarezzai dolcemente una delle foto sulla parete e sussurrai:
-Sì, sarai felice con me.

Questo è quel che è successo nei giorni scorsi. Ed è per lei che mi ritrovo qui, fuori dal solito pub, da solo, in attesa che lei esca. Stavolta la coglierò di sorpresa. Sto qui, nascosto in una svolta del vicolo, osservando la porticina laterale. Durante le sere passate, ho capito che i clienti normali escono dal portone principale, mentre i baristi, le cameriere e la mia donna preferiscono usare un'uscita secondaria. Sento la porta aprirsi molte volte, ma non è mai lei. Sono fiducioso, so che prima o poi uscirà per fumare. Lo ha fatto ogni sera. Sento lo scricchiolio della porta per l'ennesima volta e, con immensa gioia, è lei, ed è sola! Mi avvicino velocemente a lei, dal suo sguardo capisco che mi ha riconosciuto, ma non proferisce parola.
-Sei perdonata.
-Come, scusa?
-Ti perdono per ieri sera, non sapevi cosa facevi quando mi hai detto di no! Sono qui per darti un'altra occasione, amore mio.
-Non credo di capire…
-Non capisci? Io ti amo! Io sono quello giusto per te! Non lui, no. Lui è feccia, è spazzatura. Tu sei nata per essere solo mia, non capisci? Io ti bramo, ti desidero troppo per vederti in mano altrui, amore mio!
Lei mi guarda come se fossi pazzo. È così bella…
-Io sono quello giusto! Io sono quello che dev'essere il tuo unico amore, io e solo io! E quando te ne accorgerai, capirai di voler essere esclusivamente mia, vorrai essere solo di mia proprietà. Schiferai ogni ammorbante tocco altrui. Basterò io per far girare il tuo mondo! E quando ciò si avvererà, vivremo finalmente una lunga vita felice, per sempre e quando da vecchi moriremo, i nostri corpi si uniranno e le nostre anime si crogioleranno ancor di più nel loro amore puro, saremo assieme anche da morti. Ti amo!- le sfioro una guancia e faccio per avvicinarmi, ma lei mi allontana con uno spintone. Sento salire lentamente la rabbia. Come può rifiutarmi ancora?
-Senti, ti ho già detto che sono fidanzata e…- in quel momento, la porticina si apre ed esce il barista.
-Amore, dove eri sparita?- le domanda. La abbraccia e le da un bacio sulla testa, proprio davanti a me.
-E lui chi è?- domanda, indicandomi.
Lei fa una faccia strana e risponde:
-Nessuno, rientriamo.

Nessuno… Io non sono nessuno, io sono il tuo unico amore! Tiro fuori dalla tasca dei jeans il mio coltellino, quello che porto sempre dietro per sicurezza e lo pianto nella schiena di lui. Una volta, due, poi lo giro e lo conficco nello stomaco. Lo estraggo, lasciando il ragazzo agonizzante in terra, e mi getto su di lei. La attacco al muro e le sfioro il corpo con il coltello, fino ad arrivare al volto. Le taglio per sbaglio una guancia, niente di troppo profondo. Mi avvicino e le bacio via il sangue. Lei sembra svegliarsi da una specie di torpore e mi da uno spintone, facendomi cadere il coltello a terra e prova a rientrare nel locale per chiedere aiuto. La afferro da dietro e riesco a stordirla con un colpo in testa.
-N-no, cos'ho fatto? Amore mio, scusami!- provo a rianimarla con dei colpetti sul viso, la voce mi trema.
No, non posso permetterle di chiamare qualcuno, non posso lasciarla qui, finirei in galera! Decido quindi di trascinarla fino alla mia macchina e di portarla a casa mia, nella mia stanza.

Una volta arrivati, la sistemo su una sedia e le lego mani e piedi, per non farla fuggire. L'ho portata nella mia camera, così vedrà quanto la amo. Ci sono sue foto ovunque, ingrandite e non, su alcune ho anche scritto “Ti amo”. Non potrà di certo avere dei dubbi, adesso che non è più fidanzata con nessuno! Oh, ma si sta svegliando. Le accarezzo i capelli, sono morbidi come avevo immaginato.
-Ben svegliata, amore mio.
-Cosa… Dove sono…?
-Sei a casa mia, non vedi? Qui tutto parla di te! Guarda!- le indico le pareti e le ante dell'armadio, riempite di foto e frasi su di lei. Tuttavia, la reazione di lei mi stupisce: si mette a piangere.
-Tu… Tu lo hai ucciso!-
Mi avvicino a lei e mi inginocchio, così da avere i volti alla stessa altezza.
-Ma lui non era nessuno, non capisci? Io sono l'unico per te. Vedrai, sarai felice!
La bacio. Finalmente, il bacio che tanto avevo bramato, ma lei non ricambia, anzi, mi morde. Automaticamente le tiro uno schiaffo molto forte.
-Come osi? Chi credi di essere?
Lei piange più forte e io noto il segno della mia mano sulla sua guancia.
-No… No… Io ti amo… Che cosa ho fatto? Mi dispiace! Ti prego, scusami!- non riesco a fermare le lacrime. Io la amo, eppure le ho fatto tanto male.
-Ti prego, lasciami andare…- mi implora, singhiozzando. Come sembra fragile… Piango insieme a lei, accarezzandole i capelli. La amo. Dio, quanto la amo. Per questo… Per questo non posso permettere che se ne vada! Smetto di piangere di colpo e le stringo i capelli, tirandoli.
-Non puoi andartene! Sarai mia, per sempre! Te l'ho detto prima, no? Shh, basta piangere. Saremo felici. Ma ora è tardi, dormiamo, vuoi?
La imbavaglio e me ne vado a letto, ma prima trascino la sedia più vicina.
-Buonanotte, amore mio.

Mi sono appena svegliato. Lei è ancora lì, sulla sedia, la testa accasciata. Respira lentamente, sta ancora dormendo e ha dei segni sui polsi. Probabilmente ha lottato a lungo per provare a liberarsi. Salgo di sopra e preparo la colazione. Mentre il caffè viene su, spremo delle arance e cuocio dei pancakes. Sono sicuro che lei è tipa da pancake, ne ha proprio l'aspetto. Porto giù il vassoio e la trovo sveglia, di nuovo in lacrime.
-Buongiorno amore, ti ho preparato le frittelle, puoi anche da scegliere se metterci sopra il burro fuso o il cioccolato liquido.
Le tolgo il bavaglio. Lei rimane in silenzio. Provo a imboccarla, ma non collabora.
-Non fare la sciocca, mangia, vuoi morire di fame?
Le apro la bocca con la forza e le faccio mangiare il pezzo di pancake. Lei si arrende e continua a masticare tra le lacrime.
-Brava la mia ragazza. Ora, cosa vuoi fare oggi? Decidiamo subito, così poi non ci troviamo impreparati! Purtroppo non possiamo uscire. Sai, dovrei liberarti e quant'altro e…
Frugo sulla mia scrivania.
-Ecco! Possiamo guardarci un film. Che ne dici di questo? È il mio preferito!

Inserisco il DVD di “Dracula” nel lettore e mi posiziono vicino a lei. La abbraccio e faccio in modo che la sua testa tocchi la mia spalla. Sono felice. La stringo a me, lei inizialmente è tesa e oppone resistenza, prova anche a dimenarsi ma, dopo un po’, la sento rilassarsi. Mi volto verso di lei e vedo che ricambia il mio sguardo. Che occhi stupendi! Questo è il momento adatto. Lei accenna una specie di sorriso, io mi avvicino e chiudo gli occhi, schiudo le labbra e faccio per baciarla, quando lei mi colpisce proprio allo stomaco con un pugno. Merda, si è liberata! Rimango così sorpreso che lei riesce a colpirmi lì dove fa più male e mi accascio a terra senza fiato. La sento staccare gli altri pezzi di nastro adesivo, alzarsi e correre al piano di sopra.
-No!- non posso permettere che scappi! Lei è mia!
Mi alzo noncurante del dolore e la raggiungo prima che lei trovi la porta principale di casa. La afferro per i capelli e la trascino indietro. Lei si dimena con tutte le sue forze. Mi arrivano calci e pugni a raffica, accompagnati da grida e insulti. Maledetta, perché non riesce ad amarmi, semplicemente?
-Smettila di picchiarmi e di urlare, porca…-
Ma lei non smette, inizia anche a graffiarmi. Non ci vedo più dalla rabbia, afferro un soprammobile e glielo rompo proprio sul cranio. Lei cade a terra di peso, sbattendo forte la testa sullo spigolo del tavolino. Le due botte devono esserle state fatali, perché ora è a terra. Gli occhi aperti che fissano il nulla e una macchia di sangue che si allarga, sporcandole i capelli.
-Tsk. Ben ti sta. Non dovevi scappare da me, il tuo unico amore… Amore… Oddio, cos'ho fatto?- osservo il cadavere della mia ragazza.
-No, no, no, no!- La sollevo delicatamente, ma ormai non respira più.
-Andrà tutto bene. Siamo insieme. Saremo felici, te l'ho detto, no? Io sono l'unico per te.-

La porto in bagno e pulisco il sangue dai capelli e dal viso. La lavo e la rivesto. Prendo un coltellino e lavoro sul volto. “Non le permetterò più di distogliere lo sguardo da me” penso, mentre le taglio via le palpebre. “E non potrà negarmi più un sorriso, mai più.” incido la carne agli angoli della bocca, tracciando un sorriso grottesco che cucio il prima possibile con estrema cura, fermando le sue labbra su quella smorfia adorabile. Ecco. Ora lei mi guarda sempre e mi sorride. Ora mi ama e potrà stare con me per sempre. La porto in camera, la posiziono sulla sedia e premo “play”.

-Ecco, amore, questa è la scena migliore del film, guarda!
La abbraccio e lei si accascia su di me, di sua spontanea volontà. Sorrido.
-Ti avevo detto che saremmo stati felici, insieme.

Roland Furieux, par L’Arioste.(1474-1533).
Poème héroïque.
Librairie Hachette et Cie, 1879.
Traduit par A.-J. du Pays.
Illustré par Gustave Doré.(1832-1883).

” En conséquence on prépare dans une galerie une autre table et des mets nouveaux. Les Harpies d’accourir suivant leur vieille habitude. Astolphe reprend aussitôt son cor. Les oiseaux, dont les oreilles ne sont pas bouchées, en entendant le son, ne peuvent résister à l’épreuve ; mais ils se mettent à fuir pleins de frayeur et ne se soucient plus des mets ni d’autre chose.”

(Chant XXXIII, stance 125)

Volete le storie tristi cor cazzo che ve le do
Sentiteve i vostri artisti che tanto compiangete no?!
Che non fanno musica con passione
Ma la fanno per creare in chi ascolta compassione.
—  Gemitaiz. Faccio questo, QCVCV1
Herman Hertzberger's Sketchbooks

The fantastic sketchbooks of the Architect Herman Hertzberger…not you average notepad

“Le Corbusier taught us always to have a notebook handy, and once you get into the habit of it, you cannot do without it. In the end it becomes an extra memory. Each notebook comes to be associated with a particular period and however impersonal they are when you buy them, they demand to be covered and stuck all over with signs and jottings which will always identify them with that period.” - Herman Hertzberger

We recommend carrying one as well…especially if they look like these

Thanks for the tip Tony