larderello

Larderello, o valle do Diabo, e a exploração de energia geotérmica

#Larderello, o valle do Diabo, e a exploração de energia geotérmica

External image

Conheça uma das curiosidades de uma cidade próxima a Volterra, Larderello o vilarejo que primeiro explorou a energia geotérmica no mundo e do Vale do Diabo. Larderello é um pequeno vilarejo que pertence a cidade de Pomarance, na província de Pisa, situado nas colinas metalíferas a 390 metros acima do nível do mar e possui 850 habitantes.  O território é parcialmente propriedade da Enel (companhia…

View On WordPress

Made with WordPress

Un nuovo appuntamento dedicato al #ViaggioVapore si terrà domenica 28 settembre nella “Valle del Diavolo” sul confine tra le province di #Pisa e #Grosseto. Il team di @igerstoscana in collaborazione con Enel Green Power @EnelSharing e il festival internazionale di fotografia Cortona On The Move @CortonaOTM, vi accompagnerà in un viaggio fotografico alla scoperta del mondo della geotermia tra la suggestive località di Sasso Pisano, Monterotondo e Larderello.
Questo #Instawalk non sarà solo una nuova visita nei luoghi dove nasce e regna il vapore ma anche una ottima occasione per tenere un workshop operativo di apprendimento e formazione con i principali Instagramers toscani che per l’occasione saranno presenti e si renderanno disponibili a tutti per raccontare le loro tecniche di fotografia e gestione dei propri profili Instagram.
Appuntamento quindi domenica 28 settembre alle ore 10.30 a Sasso Pisano da dove partiremo con gli ingegneri Enel che ci ospiteranno e guideranno sui loro impianti. Pranzo al sacco o picnic a piacere nel “Parco naturalistico delle Biancane” e visita finale con una visita finale al Museo della Geotermia di #Larderello. L’Instawalk è GRATUITO ed è aperto a tutti gli associati dell’Associazione @Igersitalia e non, durante l’evento sarà possibile per chi volesse fare la tessera annuale dell’associazione.
Per partecipare REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA su Eventbrite a questo link: viaggiovapore2.eventbrite.it

Made with Instagram

External image
di Alessandro Marinai

Firenze. Sapori, arte, cultura e meravigliosi scorci di natura nascosti negli anfratti davanti al mare. E’ la Val di Cecina, una zona ancora non molto conosciuta da tanti turisti che invece si riversano a flotte verso la Maremma e la Versilia.

Una zona davvero particolare ed incredibile, che si estende lungo il corso del fiume Cecina, nella parte meridionale della provincia di Pisa. Una terra fatta di colline e fiumi, aperta al mare ad ovest, dove i segni della millenaria storia dell’attività umana si mescolano sapientemente con stupende risorse naturali e paesaggistiche. Numerose sono infatti le testimonianze di epoca etrusca, romana e medievale, che vanno a creare un mix quasi surreale col paesaggio agricolo di Volterra – cittadina sempre più apprezzata da tedeschi, belgi ed olandesi – caratterizzato dai suoi calanchi, dalle balze e dalle dolce colline, da vasti complessi forestali delle Riserve Naturali di Berignone, Montenero e Montefurfoli, dalle impervie Colline Metallifere per finire poi alla vastissima pianura alluvionale del fiume Cecina.

Ma di indubbio interesse è anche il suo paesaggio geologico, ben evidente nel campo geotermico di Larderello, dove si trovano le fumarole e alcune sorgenti termali; o ancora ci sono le pendici argillose con calanchi e biancane (particolari rilievi a forma di cupola e dal colore chiaro) nella zona di Volterra; per finire ai vasti affioramenti di rocce verdi caratterizzati da varie mineralizzazioni, soprattutto di rame. 

Tutto questo è la Val di Cecina: un territorio che ha diverse facce, centinaia di sfumature e mille modi diversi col quale può essere visitato. Ogni sentiero è intriso di storia, cultura, natura; percorrerlo significa comprendere la storia dell’uomo e soprattutto il suo rapporto con la natura che lo circonda.

External image
External image
External image
External image
External image
External image
Living Tuscany: la Val di Cecina di Alessandro Marinai Firenze. Sapori, arte, cultura e meravigliosi scorci di natura nascosti negli anfratti davanti al mare.
Made with WordPress
flickr

Tra Pomarance e Larderello by Mirko Chessari
Via Flickr:
Un altro bellissimo angolo tra le colline, con sullo sfondo una delle tanti torri di raffreddamento che sfruttano l'incredibile quantità di attività geotermica presente in questa zona. 

mirkochessari.com | Twitter | 500px | Instagram

CTT Compagnia Trasporti Toscana ha indetto un bando di concorso per autisti di bus nelle zone di Pisa, Lucca, Massa Carrara, Livorno ed Isola d’Elba.

Andiamo a vedere quali sono i requisiti richiesti per partecipare alla selezione, le modalità per fare domanda e i comuni sede di lavoro.

Unità produttive sede di concorso

Prima di fare domanda l’aspirante candidato autista dovrà indicare a CTT quale sia l’unità produttiva alla quale desidera essere assegnato tra:

External image

Unità produttiva Lucca

Lucca, Fornoli, Brancoli, Altopascio, Pescia, Valdottavo, Pascoso, Pieve di Fosciana, Piazza al Serchio, Mologno, Fabbriche di Vallico, Coreglia, Tereglio, Viareggio, Camaiore, Forte dei Marmi, Pietrasanta, Arni, S. Marcello Pistoiese.

Unità produttiva Pisa

Pisa, Volterra, Larderello, Pomarance, Montecatini Val di Cecina, La Sassa, Pontedera, Lari, Perignano, San Miniato, Casciana Terme, Fabbrica, Montefoscoli, Terricciola.

Unità produttiva Massa Carrara

Massa, Fosdinovo, Fivizzano, Mulazzo, Aulla, Pontremoli, Zeri.

Unità produttiva Livorno

Livorno, Collesalvetti, Castelnuovo della Misericordia, Rosignano, Cecina, Castellina Marittima.

Unità produttiva Isola d’Elba

Portoferraio, Rio Elba, Porto Azzurro, Marina di Campo.

Requisiti autista Compagnia Trasporti Toscana

Per potere essere reclutati occorre possedere le seguenti caratteristiche:

  • Possesso della patente di guida di categoria DE
  • Possesso della Carta di Qualificazione del Conducente (CQC) per trasporto persone in corso di validità per l’esercizio della professione
  • Pieno godimento dei diritti civili e politici
  • Essere esenti da condanne penali
  • Non avere carichi penali pendenti.

Chi ha già lavorato per CTT Nord può fare domanda di concorso anche se non ha la patente DE, purché sia in possesso della patente cat. D con obbligo di conseguimento della DE entro il 31/12/2016 pena esclusione dalla graduatoria.

Prove d’esame

Per potere lavorare come autisti di bus in CTT bisognerà superare i seguenti step, che contribuiranno a formare la graduatoria:

Prova preselettiva

Domande con risposta sintetica a scelta multipla sulle seguenti materie: codice della strada, comprensione della lingua inglese, test psicoattitudinali ad esempio di tipo verbale/spaziale/logico/matematico.

Prova pratica

Guida su bus aziendali su un percorso delineato.

Come fare domanda di concorso

Per potere partecipare al concorso come autisti di bus dovete andare sul sito internet di Compagnia Toscana Trasporti (raggiungibile seguendo il link) cliccando su lavora con noi, accedendo alle selezioni in corso e seguendo la procedura online che vi indicherà l’azienda.

L’articolo Concorso Autisti Compagnia Trasporti Toscana sembra essere il primo su YesLavoro.


Visualizza originale
Author: yeslavoro.com

Concorso Autisti Compagnia Trasporti Toscana CTT Compagnia Trasporti Toscana ha indetto un bando di concorso per autisti di bus nelle zone di Pisa, Lucca, Massa Carrara, Livorno ed Isola d’Elba.

Made with WordPress
Bonificare il territorio? Non è impossibile, basta volerlo davvero

Bonificare il territorio? Non è impossibile, basta volerlo davvero

External image

L’esempio di Larderello, paese sulle colline pisane, dove Enel, associazioni e Comune, hanno dato un nuovo volto al territorio  “Nessuna cementificazione. Bonificheremo le terre e il mare: stiamo procedendo alla più grande opera di recupero ambientale della storia italiana. Elimineremo il più grande scandalo ambientale, bonificando 230 ettari e rimuovendo due milioni di metri cubi di rifiuti…

View On WordPress

Made with WordPress