la-notte

E tu sei diversa.
Tu parli con gli occhi.
Hai due occhi che fanno invidia.
Tu ami davvero.
Tu hai una grande forza.
Anche se hai la fragilità di uno specchio sottilissimo.
Tu stai sempre bene.
Anche quando piangi e vorresti star sola.
Tu non hai mai bisogno.
Anche quando vorresti un abbraccio o semplicemente delle parole di conforto.
Tu sei una ragazza di ghiaccio.
Anche quando la sera scrivi frasi che scioglierebbero un cuore fermo da tempo e ormai gelido.
Tu stai bene sola.
Anche quando la notte il letto è sempre troppo grande e freddo per una sola persona.
Tu sei tanto e niente.
—  bubbbu
Per qualche motivo che ignoro, mi piaci moltissimo.
Molto, niente di irragionevole, direi quel poco che basta a far si che di notte, da solo,
mi svegli e, non riuscendo a riaddormentarmi, inizi a sognarti.
—  Franz Kafka, Lettere a Milena ( via creatura-ostinata )
È orribile quando qualcuno mi fa credere di essere speciale, ma poi mi abbandona e devo far finta che non me ne fotte un cazzo anche se la notte piango.