la velata

Le fotografie sono belle. Tutti in posa, ordinati, eleganti.
Ma la vita non è una fotografia. È un disegno.
Prende forma poco a poco. Con schizzi e cancellature.
E solo alla fine, quando lo guardiamo tutto insieme, capiamo che ogni tratto, anche quello più doloroso, ha dato forma alla nostra felicità.
—  La Dama Velata
vimeo

This show took my heart and put it in a blender, so I simply had to make an edit. Enjoy one of the best italian tv period dramas of the latest years. 

“A lady dressed in black, her dark hair pulled back, her face hidden behind a veil, observes a gentleman weeping before his wife’s tomb. She has never seen anyone cry so desperately. Yet, is this really a heartfelt demonstration of despair? Did he truly love his wife or was he deceiving in his ways? Does he cry tears of regret or contrition? “

 RaphaelLa donna velata (c. 1516) (“The woman with the veil”), is one of the most famous portraits by the Italian Renaissancepainter Raphael.[citation needed]The subject of the painting appears in another portrait, La Fornarina, and is traditionally identified as the fornarina (bakeress)Margherita Luti, Raphael’s Roman mistress.One of Raphael’s distinctions is his attention to the clothing of the subjects of his portraits, this one depicting opulence.

«Dopo!» La parola, la voce, il modo.
Non avevo mai sentito nessuno salutare così. Il suo Dopo! suonava duro, secco e sbrigativo, pronunciato con la velata indifferenza di chi non si preoccupa più di tanto se ti rivedrà o
risentirà.
È la prima cosa che mi ricordo di lui, lo sento ancora oggi.
Dopo!
—  Chiamami col tuo nome

Un giorno non vedrai più le foglie danzare.
Ne sentirai più gli uccellini cantare.
Non darai più forma alle nuvole, non farai caso al cielo.
Non ti incanterai davanti alle ali di una farfalla o ad un giardino pieno di fiori.
Ignorerai i prati e gli orizzonti, ed inizierai a perdere i tramonti.
Smetterai di fotografare il mare.
Non permetterai più al vento di scompigliarti i capelli.
Ti coprirai dalle gocce di pioggia e vedrai la neve solo come un problema, privandola della sua magia e del suo incanto.
Un giorno non ti piacerà più passare ore a scrivere, non avrai più tempo per leggere, perderai la passione per l'arte.
Un giorno, ti svuoterai di tutti i tuoi hobby per riempirti solo di impegni e appuntamenti.
Un giorno smetterai di fare tutto con il cuore, con l'ansia, con la paura di sbagliare, perché l'hai già fatto molte altre volte, e non proverai più l'emozione di un tempo, perché inizierai ad abituarti, e la dimenticherai finché non la perderai.
Non ti sdraierai più su un prato, lasciando che il sole ti baci la pelle.
Non ascolterai più la musica.
Arriverai ad un punto che non vedrai neanche più le stelle brillare,
E, con un sussulto,
Capirai di essere diventato un adulto.

Ricordati che esistono bambini di ogni età: dal primo istante di vita al 100 compleanno.
Non perdere la visione velata dai sogni, dallo stupore e dalla novità, e fai in modo che il tuo cuore non muti mai; fai in modo che rimanga il tenero e dolce cuore ingenuo e affamato di bimbo, sempre pronto a perdonare ed ad amare tutti, a meravigliarsi ogni giorno della sua vita, a provare emozioni e sentimenti nuovi, come se fosse sempre la prima volta, di tutto.
E l'unico modo sarà vivere ogni giorno come se fosse non il primo e neanche l'ultimo, ma l'unico.
Solo allora, sarai davvero felice.
Solo allora, sarai l'adulto che hai sempre sognato di diventare, perché sarai un adulto con il sorriso.

-Alessia Alpi (Volevoimparareavolare)

—  Scritto da me

Raphael (1483-1520)
“La velata” (1516)
Oil on canvas
High Renaissance
Located in the Palatine Gallery, Palazzo Pitti, Florence, Italy

The subject of the painting appears in another portrait by Raphael, “La Fornarina.” Margherita Luti is traditionally identified as the La Fornarina (the baker’s daughter), she was Raphael’s Roman mistress.