la bambina filosofica

“La bambina dimostra una precocissima attitudine alla pratica del brontolio e si applica con impegno in varie forme di violenza verbale e di intolleranza nei confronti del mondo esterno, con eccellenti risultati. Occupa gran parte del suo tempo con esercizi di rimuginamento, idee ossessive e pensieri contorti, atti ad aumentare il suo potenziale disturbante. Il suo rendimento scolastico è altalenante, e non c'è da stupirsi; le sue asserzioni sono troppo radicali e trasgressive per essere assecondate pubblicamente da qualsiasi insegnante elementare. Tutto questo la rende un elemento molto interessante da trattare e di conseguenza un ottimo paziente. Sconsiglio vivamente di distrarla dalle sue nevrosi con corsi ginnici, musicali, arti applicate e via discorrendo; anzi, prescrivo che la sua vocazione ai paradosso e alle formule micidiali sia alimentata da letture altamente deleterie tipiche di certa letteratura e filosofia occidentale. Questo per far sì che il suo pensiero dalla natura sulfurea e corrosiva si sviluppi comodamente e arrivi alla più completa maturazione. La bambina dimostra anche un'insolenza innata che va riconosciuta come forma artistica e come tale sostenuta. A questo proposito, prescrivo esercizi reiterati di trivialità libere e parolacce in serie, in modo da facilitarne l'uso quotidiano.” Dott. Prof. M. Miao
— 
External image