jacopo torriti

Jacopo Torriti (metà del XIII secolo – inizio del XIV secolo)

Croce e busto di Cristo, Vergine e Santi col donatore

1291, (ma con restauri ottocenteschi), Roma, S. Giovanni in Laterano

mosaico

-

Partimo subbito cor dì che qui ciavemo a che fà coll’arte der medioevo, che sarebbe er periodo tra ‘a fine diimpero romano (476 dopo de Cristo) e 'a scoperta d’Aamerica (1492), anche se però ner campo artistico diciamo pure prima. Che poi dì medioevo pare ‘n po’ brutto, che è come dì che sta ‘n mezzo tra l’antico e er moderno, e che ‘nvece da daje ‘n nome pure a lui, dici solo che è quer periodo che sta a metà tra antri due, come che 'n cià na personalità sua, come 'n intervallo ar cinema che vai a piscià o a comprà er poppecorne perché ‘n ce sta gnente de bello da vedè. E nun è così, na vorta se pensava che era così, che er medioevo era ‘n periodo de degrado, ma oggi se pensa che ‘nvece era solo diverso. Ma spesse vorte na cosa solo perché è diversa e uno naa conosce bene o 'a guarda chii preggiudizzi uno dice “è brutta” o “nun vale ‘n cazzo” e ‘nvece no, cià er suo perché.

Peresempio, rispetto ar Rinascimento che viè dopo, qua nun ce sta 'a prospettiva, e 'e cose nun sò viste come naa reartà vera, ma sò come simboli, cioè te vojono dì quarche antra cosa ortre quello che vedi.

Anfatti vedi che per esempio daa base daa croce escheno quattro fiumicelli, che vonno dì li quattro vangeli, ndo sta scritta 'a storia de Gesù; e li cervi e 'e pecore che beveno sò li cristiani che se beveno 'a parola der vangelo, come uno se beve l’acqua che sinnò more de sete. E in cima, sopra, ce sta er faccione de Gesù.

Poi vedi che ce stanno dee persone, e che ste persone nun sò tutte daa stessa artezza, ma arcune sò più grosse e antre sò più piccole. E ce sta ‘n motivo. Vedemo chi sò. A sinistra ce stanno 'a Madonna, San Pietro e San Paolo, che sò li santi patroni de Roma, che se festeggeno er ventinove Giugno e se fanno 'e luminare e 'e bancarelle a San Paolo. A destra ce stanno San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista, che sò li santi a cui è dedicata 'a chiesa, che se chiama San Giovanni 'n Laterano ma nun è n’antro santo Giovanni de nome Laterano de cognome, è er nome daa zona. E aa fine ce sta Sant’Andrea, che era er fratello de San Pietro e pe me ce l’hanno messo pe fà pari tre de qua tre de là.

Poi, ce stanno du santi più nanetti, vestiti de marone, e sò San Francesco e Sant’Antonio, che San Francesco c’è venuto popo a sta chiesa qui pe parlà cor papa, e sò più piccoli dell’antri perché ereno santi più recenti e nun saa sentivano de falli grandi come a San Pietro o aa Madonna; quinni nun è perchè San Francesco era ‘n tappo e 'a Madonna era gigante, anzi probbabbile che 'a Madonna era pure più bassetta de San Francesco; ma 'a Madonna l'artista ha fatta più granne perché è più ‘mportante.

E ‘nfine, si vedi, ‘nginocchio vicino a Maria, ce sta uno vestito de rosso. Quello è er papa Niccolò quarto, che sarebbe quello che ha sganciato li sordi pe fà sto mosaico. E quinni j’ha detto aartista “aho me riccomanno mettemece pure a me, magari all'angoletto”. E aartista ce l’ha messo, però l’ha fatto più piccolo de tutti l’antri. Perché er papa è ‘mportante sì, ma mai come li santi, mai come 'a Madonna, e mai come a Gesù.

«Che cosa vuoi dire? Non sei più all'UNESCO?»
«Grazie a Dio, no! Ho scelto la libertà, anch'io! Ero stanco. La diplomazia non è il mio forte. A me piace soltanto la storia dell'arte. Anzi, mi piace soltanto Jacopo Torriti e Piero Cavallini!»
Su questi due pittori romani del Duecento, che egli era venuto a studiare in Italia ancor prima della guerra, aveva scritto delle monografie mai pubblicate.
—  Mario Soldati, Le lettere da Capri