italian trains

Ecco il mio segreto
  • Ecco il mio segreto
  • Anto feat. The Little Prince
Play

“Buongiorno…“
"Buongiorno!”
“Sono qui. Sotto al melo.”
“Chi sei? Sei molto carino…”
“Sono una volpe.”
“Vieni a giocare con me. Sono cosí triste…”
“Non posso giocare con te. Non sono addomesticata.”
“Ah! scusa. Che cosa vuol dire addomesticare?”
“Non sei di queste parti, tu. Che cosa cerchi?”
“Cerco gli uomini. Che cosa vuol dire addomesticare?”
“Gli uomini hanno dei fucili e cacciano. É molto noioso! Allevano anche delle galline. É il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline?”
“No. Cerco degli amici. Che cosa vuol dire addomesticare?”
“É una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami.”
“Creare dei legami?”
“Certo. Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io saró per te unica al mondo. La mia vita é monotona. Io dó la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perció. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sará illuminata. Conosceró un rumore di passi che sará diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo, mi fará uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiú in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me é inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo é triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sará meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che é dorato, mi fará pensare a te. E ameró il rumore del vento nel grano… Per favore… addomesticami!”

*

“Piangeró…” 
"La colpa é tua. io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi…”
“É vero.”
"Ma piangerai!”
“É certo.”
“Ma allora che ci guadagni?”
“Ci guadagno… il colore del grano. Va’ a rivedere le rose. Capirai che la tua é unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regaleró un segreto.”

*

"Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente. Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora é per me unica al mondo. Voi siete belle, ma siete vuote. Non si puó morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, é piú importante di tutte voi, perché é lei che ho innaffiata. Perché é lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché é lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché é lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché é la mia rosa.”

*

"Ecco il mio segreto… É molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale é invisibile agli occhi.” 
"L'essenziale é invisibile agli occhi…”
“É il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa cosí importante.” 
"É il tempo che ho perduto per la mia rosa…”
“Gli uomini hanno dimenticato questa veritá. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa.”
“Io sono responsabile della mia rosa…”

( to my family, with love )

4

Santa Maria Novella Station (in Italian Stazione di Santa Maria Novella, Florence, Italy
Photos by Caleb Racicot

My best friend and his husband are in Italy, where he and I have previously traveled on several occasions. He asked me what things I’d like him to bring home for me and among my requests was pictures of Italian Art Deco and/or Modernist and/or Fascist architect.

Since I knew they were going to Florence, I asked for at least a couple pictures of the station, which I recall as being amazing. I love the design of the central hall as well as the shopping arcades and those windows are spectacular.

The station as it is now dates to the 1930s when a mid 19th century station was remodeled. Here is background from Wikipedia on the design, which is a mix of several design schools:

In 1932 through a number of newspaper editorials, published in La Nazione, Florence’s main daily, Romano Romanelli a reputed and influential Florentine sculptor, criticized the original project by the Architect Mazzoni for the new Firenze Santa Maria Novella railway station.[2] A constructive debate resulted in the final choice of the project sponsored by the Architect Marcello Piacentini and designed by Gruppo Toscano.

The station was designed in 1932 by a group of architects known as the Gruppo Toscano (Tuscan Group) of which Giovanni Michelucci and Italo Gamberini, Berardi, Baroni, Lusanna were among the members; the building was constructed between 1932 and 1934. The plan of the building, as seen from above, looks as if it were based on the fascio littorio, the symbol of Benito Mussolini’s National Fascist Party, many documents give this explanation, but, that shape was forced by the pre-existing station. The “blade” represented by the first two passenger tracks and the postal ones were in fact the extension of the 1861 alignment which included the tracks of the line from Livorno.

The building is a prime example of Italian modernism, but has little to do with the Italian Rationalism movement, being more strongly influenced by the Viennese architecture of Loos and Hoffman, with perhaps a nod to Wright; but it is the building’s complete originality that makes it outstanding. The competition to design the station was controversial but the approval by Mussolini of the Gruppo Toscano project was hailed as an official acceptance of modernity. The station was designed to replace the aging Maria Antonia Station, one of the few example of architecture by I. K. Brunel in Italy, and to serve as a gateway to the city centre.

The Gruppo Toscano was only responsible for the main frontal building of the station. The heating plant, platforms, other facilities and details such as benches were all designed in a contrasting style by the official Ministry of Communications architect, Angiolo Mazzoni. The benches and baggage shelves illustrated on this page were not part of the Gruppo Toscano project. Outside and adjacent to the station is also Michelucci’s white marble Palazzina Reale di Santa Maria Novella, built to host the Royal family on visits to Florence.

While it is of a ‘modern’ design, the use of pietra forte for the station’s stone frontage was intended to respond to and contrast with the nearby Gothic architecture of the church of Santa Maria Novella. The interior of the station features a dramatic metal and glass roof with large skylights over the main passenger concourse, which is aligned perpendicular to the tracks and acts as a pedestrian street connecting one side of the city with the other. The skylights span the passenger concourse without any supporting columns, giving a feeling of openness and vast space and reinforcing the convergence of all the public functions of the station on the passenger concourse.

Percy’s accent is probably all over the place omg

I cannot begin to explain how frustrated I am with the organisers of the marathon I’m trying to enter. That frustration explains why the pace of this is too fast - I had to burn off the anger somehow.

The Italians are a people famed for giving us the phrase ‘la dolce vita’ and for a having a healthy disregard for rules when they don’t suit them.

But when it comes to race entries they are the most officious bunch of people I’ve ever encountered. It’s almost as if they don’t want people to enter the race!

Aaaarrrrgggghhhh!

(Rant over).

Il diario d’un arcobaleno

Oggi parlo un po’ in italiano !

Sono andata alla biblioteca università (BU) questa matina, mentre il mio fidanzato era in lezione. È la BU di scienze, matematica, fisica et informatica, ma ho trovato una scaffale di libri per studiare le lingue straniere, e ci sono qualche libri d’italiano. Ho preso un di grammaticà et un di vocabulario, ma ho avuto solo tempo di studiare la grammaticà, mio fidanzato aveva due ore di lezione.

La prossima volta prenderò di nuovo questi libri e farò liste di vocabulario e flashcards, e se sono buone e belle, le posterò su Tumblr !

Questo weekend, ci sarà una (convention ?) di manga, otaku, e arte vicino à Moulins (città francese), dove andrò ! Lavoro sabato pomeriggio e domenica matina, ma voglio tanto andare qui !! Dunque andrò dopo lavoro, per domenica pomeriggio, dopo un’ora e mezza di macchina. Voglio vedere artisti che ho incontrato l’anno scorso, comprare loro disegni e parlare con loro. L’anno scorso, vedergli mi ha fatto molto bene, e ho ritrovato l’isperazione per scrivere e disegnare !!

E difficile di scrivere in italiano haha, ho bisogno di studiare più. Dimmi se ho fatto errore ~ (e che cosa è l’italiano per “convention” ?)

Zorume ~ fritalianblr