italia-germania

10

4th of July, 2006: One of the greatest games in World Cup history.

Italy defeats Germany by scoring two goals in extra time.

The win meant Italy would progress onto the final, which they would eventually win.

Generazione Y. E’ ciò che siamo. Siamo la successione della generazione X, siamo nati tra la nascita dell’AIDS e l’11 Settembre. Siamo stati la prima generazione a nascere senza la preoccupazione di una guerra. Siamo caratterizzati da Media, masse digitali. Alcuni ci chiamano MTVGeneration. La generazione del millennio è stata plasmata dai leader, siamo nati nell’epoca di internet, degli SMS. Un epoca dove non vediamo l’ora di postare su Facebook che stiamo mangiano un panino per farlo sapere al mondo intero. Siamo cresciuti guardando i film della Disney. Siamo la generazione che è stata penalizzata economicamente dal crollo finanziario del 2007, e per conseguenti cause sociali, sembra che la disoccupazione giovanile continui a crescere in paesi sviluppati nonostante i governi di Regno Unito, Italia, Spagna, Grecia, Germania, USA e così via stiano cercando di invertire la tendenza.
Siamo la generazione che è cresciuta con il timore del mondo esterno, quella che è stata schiacciata dai nuovi modelli antropologici. La generazione che preferisce voltarsi invece che ascoltare scomode verità. Ci chiamano generazione globale. Certe persone attribuiscono questo nome al fatto che non riusciamo più a vivere senza far sapere a chi ci circonda quello che stiamo facendo, o cosa stiamo pensando. Siamo la generazione dell’indifferenza, un’indifferenza alla sofferenza.
—  Adatto da American Horror Story: Coven.
Italy - Germany: the AUF WIEDERSEHEN DEUTSCHLAND edition

I know that I usually write it in English to make all my followers understand BUT YESTERDAY NIGHT WAS A GREAT NIGHT FOR ALL ITALIAN PEOPLE so I will write it in Italian (also because there will be some things that Germans won’t be glad to understand LOL). 

  • C'è una frase che dice LA STORIA SIAMO NOI e ieri sera penso che siamo riusciti a confermarlo e a dimostrarlo a pieno titolo. NON C'E’ STATA STORIA.
  • Solitamente dico che l'altra squadra ha giocato bene perchè fino ad adesso quasi tutte si sono battute con dignità, ma la Germania era peggio dell'Inghilterra a momenti E CE NE VUOLE! 
  • Non si spiega ancora per quale legge fisica l'Italia sia stata PERFETTA ieri con un avversario “potente” e abbia avuto difficoltà con l'Irlanda. Ma noi CE NE FREGHIAMO e gridiamo POOOOOOPOROPOPOPOPOPOOOOOPOOOOOOOO
  • Ieri sera tutti gli occhi erano puntati sulla partita perchè quando gioca l'Italia contro la Germania E’ UNA GUERRA NON E’ CALCIO. I tedeschi ci hanno deriso e continuano a deriderci per anni, dicono che sono i miglior, che noi siamo SPAGHETTI E MANDOLINO ma puntualmente, ad ogni incontro da SESSANT'ANNI A QUESTA PARTE prendono tante di quelle BASTONATE dall'Italia e fanno delle figure di MERDA colossali che farebbero bene a stare zitti ogni tanto.
  • Io voglio sapere dove sono i giornali tedeschi che martedì scorso scrivevano “CI VEDIAMO IN FINALE” “SIAMO GIA’ QUALIFICATI” “FINALE GERMANIA SPAGNA" 
  • GIGI BUFFON si è finalmente svegliato e ieri sera era ON FIRE!!
  • Non parliamo di MARIO BALOTELLI che ci ha trascinato come un carrarmato alla finalissima. QUEI DUE GOAL SONO STATI L'ORGOGLIO DI TUTTI NOI che per un momento abbiamo dimenticato in che paese viviamo e ci siamo sentiti tutti Italiani. Chissà se BENITO sarebbe mai riuscito ad immaginare gli Italiani alzarsi in piedi applaudire e urlare fino a perdere il fiato per un ragazzo di colore che tocca lo scudo dell'Italia e sorride dopo DUE GOAL che uniscono il paese che si dimentica troppo spesso di essere unito. E chissà se ADOLFO si immaginava che la sua Germania di alti biondi e occhi azzurri venisse ASFALTATA proprio da SuperMario. 
  • Mi è piaciuta la posa finale del secondo goal di Mario che si è piazzato in mezzo al campo e per un dieci secondi HA DOMINATO IL MONDO. E noi con lui.
  • La Germania è troppo forte, la Germania è giovane, l'Italia non può vincere.
  • Gli abbiamo fatti a PRANDELLI come si diceva ieri in Twitter 
  • E come dice Ligabue, IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE. 
  • E poi dai, non si poteva vedere una finale con gli Spagnoli e gente che gira con le ciabatte e i calzini da Dicembre ad Agosto. MA ANCHE NO. 
  • E’ stata una NOTTE MAGICA grazie a tutti: Mario, Fantantonio, Prandelli, tutti i ragazzi, NESSUNO ESCLUSO. Forse è per emozioni del genere che AMO INCONDIZIONATAMENTE il calcio e questi incontri internazionali. 
  • Domenica dunque sarà la volta di Kiev e dei megaschermi nelle piazze, delle bandiere disegnate sulle guance, delle maglie azzurre e della bandiera sulle spalle. Occhi al cielo, preghiere, urla, "VAAAI VAAAAI TIRAAAAA” oppure “OCCHIIIIOOO!! GIGIIIIIII” oppure “MARIOOOO MARIOOOOOO DAJE MARIOOOO” - sembrerà di tornare indietro nel tempo, a Berlino 2006 quando il cielo si è tinto di azzurro in una notte proprio come quella del 1 Luglio. 
  • Io AMO la Spagna e tutto ciò che la riguarda, sono la prima sostenitrice della ROJA durante le partite, seguo il calcio spagnolo e tifo Real Madrid ma domenica….. DOMENICA E’ UN'ALTRA STORIA.
  • Un saluto particolare a ANGELA MERKEL e ai tifosi tedeschi che ieri hanno iniziato a piangere già al 45esimo del primo tempo. E anche a Low che faceva finta di niente mangiandosi le unghie mentre noi facevamo storia e asfaltavamo i vari Khedira, Ozil, Podolski, Lahmm e compagnia cantante. 
  • NEUER, NON SAPEVO CHE ERI COSì BRAVO A PERDERE LE SEMIFINALI. AVRESTI DOVUTO ASCOLTARE IL CONSIGLIO DI SERGIO RAMOS QUELLA VOLTA E FARE MENO LO SBRUFFONE. Ieri i due goal di Mario l'hanno PARALIZZATO. E poi parla degli altri. 
  • E infine…. 
  • Siamo un paese trasandato, malato, povero, in crisi, con lo spread alle stelle e lavoro per nessuno, MA NON ABBIAMO PAURA. Siamo uniti per l'Italia, questa squadra è l'UNICA che riesce ad azzerare i problemi del Paese e farci venire i brividi all'unisono. FORZA AZZURRI, FORZA PRANDELLI, FORZA ITALIA. Tingiamo anche il cielo di Kiev di BLU e saliamo sul tetto d'Europa. 

ho messo un annuncio su Blablacar, per trovare due passeggeri per il mio fine settimana in Germania, e per ora la maggior parte delle prenotazioni pendenti sono di richiedenti asilo che cercano un passaggio al di la del confine.

mi dovrei stupire?

no. 

siamo nel 2016 e internet è alla portata di tutti o quasi. così come lo sono le informazioni.

i rifugiati che mi hanno contattato scrivono in italiano, inglese o tedesco e mi chiedono se è possibile salire in auto anche senza i documenti oppure con solo i fogli rilasciati dalle questure italiane. se no chiedono di essere lasciati appena prima del Brennero, sperando di attraversarlo poi in altro modo.


io ora mi pongo i miei dovuti quesiti etici e morali, oltre che legali, se accettare o meno questi passeggeri.

ma intanto mi chiedo anche perché Felix, che sale a Monaco di Baviera e se ne va a Berlino, è tanto diverso da tutti gli altri.

la libertà di movimento dipende sempre da dove parti.

“Guardate dove siete, perché non ve lo dimenticherete mai! Guardate con chi siete, perché non ve lo dimenticherete mai! E sarà l'abbraccio più lungo che una manifestazione sportiva vi abbia mai regalato, forse uno dei più lunghi della vostra vita! Abbracciatevi forte… Abbracciatevi forte…”

                                                                                      9 luglio 2006

A distanza di ben 9 anni dal 9 luglio 2006 i brividi che sento guardando quelle immagini, sentendo quelle voci emozionate stroncate dalla gioia di un popolo che si unisce senza distinzione di squadre di appartenenza, di legami, di rapporti, di colori, mi ricordano ancora quella sera. Quanti brividi quella sera. Di paura, poi di ansia, ancora di paura, la paura ah. 120 minuti in cui sarebbe potuto succedere di tutto, ma che finirono nel migliore dei modi. 

Poi i brividi di gioia, i più belli, quelli che ricordi ancora perché la pelle d’oca non ti abbandona ancora adesso, a distanza di 9 anni, quando guardando la telecronaca ti emozioni ancora come quella volta. 

E’ questo che il calcio ha sempre riuscito a fare: unire. 

Come quella sera, quella notte che abbiamo passato tutti insieme, sì tutti insieme. Al bar sotto casa, in piazza, a casa nostra, o da qualsiasi altra parte. Insieme. E poco importava se accanto accanto a noi c’era il vicino stronzo che non abbiamo mai sopportato, o quello con cui hai tamponato pochi giorni prima. Tutti insieme. L’importante era quello. 

E questo non ce lo toglierà mai nessuno. 

nazionalecalcio mattiadsciglio

                                                                             9 Luglio 2015

vine

ladies and gentlemen.. ENJOY the running man challenge by Zaza during the match Germany-Italy, Euro2016. 

youtube

Da domenica non fanno altro che dire:

- la Germania non ci ha battuti mai
- la Germania non perde da 15 partite di fila
- ogni sei anni l'Italia arriva in Finale 

E tutto ciò porta una sfiga inaudita. Non è che può andarci sempre di culo…