iocredoinme

Mi hanno sempre detto che “volere è potere”. Se tu vuoi fare una determinata cosa, allora puoi farla. Io ho sempre pensato che non vale con le persone. Anche se le vuoi, la maggior parte delle volte non puoi. Come quelli che se ne escono con “ti voglio”, a me verrebbe solamente da rispondere “ma non puoi”. Una persona non puoi volerla, puoi soltanto viverla. Una persona non é come una caramella, come quando da piccola tiravi la manica della mamma e dicevi “voglio quella” e la mamma dopo dieci no, rispondeva si. Una persona dopo dieci no, ancora non la puoi avere. Tutti penseranno che “ti voglio” è sempre stato un modo per dire “diventa la mia persona” oppure semplicemente “sei mia” . Beh, io penso che “ti vivo” sia molto meglio. Vivere é potere. Ma anche se viviamo ogni giorno una persona, sappiamo tutti che due quarti di noi mentre leggeranno questo, sta notte se ne andranno a letto senza di lei.
Mi guardavi e riuscivo a vedere un velo di tristezza nei tuoi occhi. Quel piccolo strato opaco, quasi impercettibile che ci copre la pupilla e che se ne va via solo quando non c'è più nulla che lo alimenta. Lo vedevo anche sui miei. A distanza di tempo c'è ancora in tutti e due, anche mentre ci sorridiamo. Sorrisi tristi di persone distanti.
—  Sorrisi tristi di persone distanti, Marta.