io ti adoro

Tu sei la luce della notte la chiave delle porte, il sangue sulle nocche nelle giornate storte. tu sei la mia sorte la vena sopra al collo quando mi scopro forte le volte che non mollo
—  Mezzosangue, Musica Cicatrene (via ilragazzodalcuoredighiaccio)

Sono innamorata di te. Ok, probabilmente sarà la millesima volta che te lo dico, ma stavolta voglio provare a spiegartelo davvero. Non ho mai avuto la possibilità di dirti bene cosa intendo quando ti dico “ti amo”, quindi lo farò adesso, almeno ci proverò.


Quando ti dico “sono innamorata di te”, intendo dire che quando vedo i tuoi occhi mi sento potente, sento come di avere in mano tutto l'universo, come se nulla mi potesse fermare.


Quando ti dico “ti amo”, intendo dire che quando mi parli il mio stomaco fa le giravolte, qualunque cosa tu dica. Intendo dire che la tua voce è la cosa più bella che le mie orecchie possano sentire.


Quando ti dico che “sei la cosa più bella che la vita mi abbia donato”, non scherzo. Credo che la mia vita sia davvero diventata qualcosa di meraviglioso. Tu sei qualcosa di meraviglioso e forse questo aggettivo non è abbastanza per descriverti.


Quando ti dico che “senza di te morirei”, intendo proprio che per me sarebbe la fine. Adoro i tuoi occhi su di me e il tuo sguardo che mi scruta, facendomi arrossire. Adoro le tue battute da pervertito che tanto ti divertono. Adoro i tuoi sorrisi, adoro ogni cosa che ti appartenga.


Potrei continuare all'infinito, ma il punto è sempre lo stesso: mi sono innamorata di te, ti amo dalla prima volta in cui mi parlasti. E forse inizialmente provai a nasconderlo a me stessa, cercai di non farci caso più di tanto. E fui tanto stupida a farlo perché amarti è la cosa più bella che mi potesse capitare.


E ci sarai sempre, ovunque, comunque. E ci sarò sempre, per qualsiasi cosa, ovunque tu voglia. Ci sarò anche quando saranno passati mesi da noi, mi troverai sempre ad aspettarti. Perché sappilo, non smetterò mai di aspettarti, non smetterò mai di sognarti la notte, né di continuare ad amarti.


Non so se effettivamente ti ho fatto capire quanto io ti ami, forse non ci sono riuscita neanche un po’. Ma sono felice di aver scritto tutto ciò. Tu rappresenti tutto ciò che mi fa innamorare ogni volta un po’ di più.


-Alice Indaco

«Ti ho cercata un sacco sai?»
«E come hai fatto a trovarmi?»
«Prima ho seguito il sentiero di mollichine di pane.»
«E poi?»
«Il bat-segnale.»
«E poi?»
«La stella cometa.»
«E poi?»
«Le tracce dei tuoi piedi nella sabbia.»
«E poi mi hai trovata?»
«Sì.»
«Raccontami come è andata.»
«Eri bella.»
«Ero simpatica?»
«Eri sorridente.»
«Ero contenta.»
«Ero impacciato.»
«Però mi hai baciata.»
«Come fosse l’ultima cosa che facevo prima di partire
per la guerra.»
«Poi abbiamo fatto una passeggiata?»
«Sì, mi hai chiesto se mi piaceva il tuo vestito.»
«Avevo un bel vestito?»
«Blu.»
«E rosso.»
«Sì, blu e rosso corto, molto bello, un sacco primave-
rile.»
«C’era il sole?»
«C’eravamo tu, io e il sole.»
«Hai fatto bene a cercarmi.»
«Sei stata brava a farti trovare.»
—  Guido Catalano, D’amore si muore ma io no

anonymous asked:

Ma io ti adoro. ;^; Le tue fanart Katsudeku sono magnifiche. Aaaah. Mi illuminano la giornata! ♡

Grazie mi fa troppo piacere! Specie in questi giorni che ho un picco di disprezzo verso il mio stile… :c <3