io sono un fiore

“Eppure ci riescono tutti così bene a farmi crollare.Sembra che io sia un piccolo fiore che tenta di crescere,ma sono nata in un'autostrada ed ogni giorno molte macchine mi calpestano togliendomi giorno dopo giorno la voglia di regire.”

Io sono una donna selvaggia.
Corro con i lupi, somiglio alla leonessa. Ululo alla luna.
Mi lascio guidare dai miei antenati.
Ascolto la dea e nessun altro.
Io sono una donna selvaggia.
In contatto con il mio sé superiore e nell'armonia dell'animale umano che ospita questo corpo.
Io sono una donna selvaggia.
Possiedo il mio corpo. Possiedo il mio spirito.
Possiedo le mie scelte. Possiedo la mia mente.
Il mio spirito è mio. Faccio quello che mi pare.
Io sono una donna selvaggia.
La mia volontà è in linea con il divino.
Io sono una donna. Sono stata una vittima.
Io sono una guerriera. Sono stata picchiata.
Mi hanno creduta Morta. Ho vissuto.
Io sono un sopravvissuta. Io sono prospera.
Io sono una regina perché io governo.
Io sono una guaritrice.
Io sono una donna di medicina.
Credo nell'amore. Credo nella giustizia.
Credo nel sangue. Credo nella legge naturale.
Credo che verrà un tempo in cui riconoscerete il mio potere.
Io riconosco il mio potere.
Io sono una donna selvaggia.
Semino preghiere nella terra.
Evoco la magia con le mie mani.
Io guarisco con le mie parole.
Distruggo con la mia rabbia.
Non mi dite di obbedire.
Non mi dite di sorridere.
Non mi dite di star calma.
Non ditemi che sono troppo aggressiva, troppo violenta, troppo forte, troppo grande, troppo nera, troppo estrema, troppo piccola, troppo agguerrita.
O che io non sono abbastanza.
Non ditemi come agisce una signora, o come essere come una donna, o che cosa pensate che dovrei fare.
Io cammino con gli elefanti. Volo con i falchi.
Nuoto con polpo. Caccio con le tigri.
Io sono una donna selvaggia. Una donna senza legge.
Un fiore selvatico. Una leonessa di montagna.
Una scimmia magica. Un cacciatore.
Una strega. Un guerriero. Un’ amante. Una madre.
Una sacerdotessa. Una donna di medicina.
Io sono fatta di buio e luce.
Io sono l'equilibrio.
Invoco la dea della distruzione e la dea della nascita.
Io sono una selvaggia.
Io sono libera. Io appartengo a me.
Io credo nella cura e nel machete.
Credo nel piantare fiori e nel sollevare i bambini.
Credo nella protezione e nella morbidezza.
Credo nell'arte e credo nel sacrificio.
So che a volte devi prendere l'arma così gli altri depongano le loro.
Io sono una donna selvaggia e faccio quello che mi pare.
E non voglio scusarmi per nessuna parte di me.
—  da “Donne che corrono coi lupi”
Mi sento come uno di quei fiori che nascono sul ciglio dell’autostrada, dove meno te l’aspetteresti.
Tutti passano di lì, magari guardano e dicono “Ehi, hai visto quel fiorellino tutto solo nell’asfalto?”. Magari pensano che sia un fiore coraggioso e forte, che è cresciuto nel bel mezzo del nulla per i fatti suoi.
Ma nessuno se ne preoccupa. Nessuno lo innaffia, nessuno se ne prende cura, nessuno lo coglie per regalarlo alla persona amata.
Perché per i fiori belli, quelli che compri e porti a casa per metterli in bella vista nel giardino, per quelli ci sono le serre.
E io non sono un fiore abbastanza bello per stare in una serra insieme a tutti gli altri. Rimarrò un fiorellino tutto solo e insignificante sul ciglio della strada.
—  lezionidivoloperprincipianti