inverno

En la depre

El normal

“- En tiempos difíciles, la comida es tu mejor amiga.”

aries, tauro, géminis, capricornio

Originally posted by onceuponalesbi

El emo

“- … Actualmente el insomnio no me deja descansar, pues sé que si no lo hago, corro el riesgo de soñar con cosas imposibles e inútiles.”

cáncer, libra, sagitario, piscis

Originally posted by stupid-depressive-confused


El histérico

“- No, todo bien, todo bien.” 

virgo, leo, escorpio, acuario

Originally posted by realitytvgifs

vestigio-de-estrellas

Ho le mani fredde.
E tu non ci sei a riscardarle.
Sì, perché stai riscaldando le sue.
—  Sfoghi notturni 21:37| Desideravaunabbraccio
A noi che non amiamo l'estate, sembra che il tempo di agosto duri circa otto mesi. Ci piace andare al mare - il primo giorno, un po’ anche il secondo. Poi basta. Perché in fondo, quando vai al mare, anche quando è un mare bellissimo come in molte coste italiane, più che altro puoi farti il bagno. E poi? […]
Tutto il resto del tempo? Puoi fare soltanto altri bagni…
In estate, poi, devi essere tu, ma nella versione migliore : più simpatico, più disponibile, più spensierato, più folle. Qualsiasi stupidaggine si faccia, ti guardano negli occhi e ti dicono : vabbe’, dai siamo in vacanza…
Per quanto mi riguarda, passo l'estate a sorridere a tutti per mostrare soddisfazione, perché gli altri sono felici se tu sei felice, in vacanza.
Però nel mio intimo, sogno che venga buio presto, ripasso nella mente tutta la varietà di bellissimi maglioni che posseggo, mi viene l'acquolina in bocca ripensando alle minestre, ai tortellini in brodo. Cerco di ritrovare con l'autoipnosi quella sensazione di stare con la fronte appoggiata alla finestra mentre fuori c'è il diluvio, o immagino il gesto di chiudersi il cappotto appena oltrepassato il portone di casa.
Passo tutta l'estate ad aspettare che arrivi l'inverno.
—  Francesco Piccolo - Momenti di trascurabile infelicità (pagg. 40/41, estratto)
Sinto sua falta, falta dos teus lábios nos meus, do calor emanando de nossos corpos numa fria noite de inverno, nossa respiração ofegante, teu coração batendo descompassadamente a centímetros do meu. Depois que você se foi, todos os meus instintos clamam por você.
—  P. Noetzold.