innocenzo x

Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 – Roma 1680)

La Verità

1646-52, Roma,Galleria Borghese

Marmo di Carrara, h 280 cm, base cm 17

-

L’artisti all’epoca de Bernini nun è che se svejaveno ‘a matina e decideveno “vabbè va oggi dipingo n’Annunciazione” bensì lavoraveno pe un cliente che je chiedeva de fà na robba specifica. Qui però ciavemo l’eccezzione che conferma ‘a regola. Anfatti sta statua Bernini se l’è fatta pe sé, tanto che aa morte sua je fu trovata appunto drento casa.

Dovete sapè che Bernini a meno de cinquant’anni aveva già avuto na cariera brillante e lavorava pe er fior fiore daa società, incluso er papa Urbano VIII Barberini che fin da giovane l’aveva impiegato in mille progetti prestigiosi e ovviamente ben pagati; e Bernini che a ste cose ce teneva se n’annava tutto fiero e impettito pee strade daa città, che saa sentiva popo calla.

Senonchè a na certa er papa more, e ar sojo de Pietro viè eletto Innocenzo X daa famija Pamphili coll’acca, e ‘a famija Pamphili coll’acca e quella Barberini senza ereno acerime nemiche. E quinni ecchetela tiè che Bermini cade in disgrazia: er papa nun ‘o chiama più e preferisce dà lavoro a Boromini, che era rivale de Bernini. Voo immaginate Bernini quanto ce sformava; e ve immaginate puro tutti l’antri artisti de Roma che faceveno ‘a fame perché Bernini qua Bernini là tutto Bernini pareva che si nun era Bernini gnente se poteva scorpì o costruì, tipo quanno ‘n attore diventa famoso e pare che si nun ce sta lui nun se pò fà un firm, insomma tutti l’antri finarmente fanno “Ooooooh!” e tireno un sospiro de sollievo e se fregheno ‘e mano che finarmente, scomparso Bernini daa scena, vedi te che nun ponno pure loro beccà quarcosa. E come sempre accade, pure quanno ad esempio un gran personaggio finisce male, tutti a dì “eeeh l’avevo sempre detto io, che nun me convinceva”, puro quelli che fino ar giorno prima staveno lì a leccaje er culo.

Insomma tutti a parlà male de Bernini, che nun era bono, che er papa l’aveva smammato perché aa basilica de San Pietro aveva combinato chissà quali casini, e così via.

Bernini cioo sapeva che questi parlaveno solo p’invidia: e quinni cominciò a scorpì sta Verità svelata dar Tempo, che ve dovete immagginà er Tempo come un vecchio coll’ali che da dietro arza quer velo e appunto svela ‘a nuda verità, ossia che Bernini è un genio: che sarebbe a dì che cor tempo ‘a verità viè sempre a galla, e ’e menzogne de chi parlava male se riveleranno pe quello che sò.

Ma sta statua Bernini manco fece in tempo a finilla che er papa nemico ridiventò amico quanno Bernini je scorpì ‘a Fontana dii Quattro Fiumi che sta a Piazza Navona; che però è n’antra storia e magari taa recconto n’antra vorta.

Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 – Roma 1680)

Fontana dei quattro fiumi

1648-51, Roma, Piazza Navona

Statue in marmo bianco, struttura in travertino, obelisco romano in granito; h totale 30 m

-

A vorte ritorneno. E anfatti ecchime quane. Avevo detto che me pijiavo na pausa e così è stato, e così è, che nun ce vojo avè più ‘a scadenza de un post a settimana, come che dovessi da timbrà er cartellino (che c’è chi dovrebbe e nu ‘o fa, mannaggia a loro, ma io sto qua pe divertimme mica pe lavorà).

E dunque, siccome che v’aavevo promessa, ecco ‘a fontana dii quattro fiumi de Bernini. Si ve ricordate, Bernini era caduto in disgrazia cor papa Innocenzo X Pamphili coll’acca, pe via che era stato l’artista preferito der papa Urbano VIII Barberini coll’api, che ste du famije nun se poteveno vedè.

Senonchè, er papa Innocenzo eccetera eccetera, ciaveva na particolare ideuzza de abbellì Piazza Navona, pe er motivo non indifferente che er palazzo de famija suo affacciava appunto su ‘a suddetta piazza. E fece na gara pubblica, che tutti l’artisti de Roma poteveno presentà l’idea loro pe na bella fontana da piazzà ar centro, e ‘a mejo averebbe vinto. Tutti, tranne Bernini, che pe espressa volontà der papa era stato escluso d’aappalto, che sto Bernini ar papa je stava popo sui cojoni.

Ma Bernini, che come ar solito ce annava in puzza, ciaveva na bella idea paa fontanella, e che fece? Fece un modellino in argento e ‘o regalò aa cognata der papa, Olimpia. Quanno che er papa vide er modellino esclamò: “Anvedi, bello! Me piace! Vojo questo aho! Chi t’haa dato? Chi ‘ha fatto? Che ‘a firma nun ce sta”. E Olimpia “Eh, veramente ‘ha fatto er sor Bernini…” “Li mortè!” sbottò er papa (e subito pensò “mortacci tua Bernì, mo me devo puro annà a confessà”), “Te giuro je vorebbe menà a Bernini, però me possino cecamme sto modello è er mejo. Oramai l’ho detto e tocca che mantengo ‘a parola”. E diede a Bernini ‘a commissione daa fontana.

Mo nun se sa si è vero o leggenda, ma io v’ho detta comunque. E poi ce stanno mille antri significati nascosti e mille aneddoti, ma ve ne dico solo arcuni sinnò quii pochi che sò rimasti se ne vanno.

In pratica ‘e quattro statue sò i quattro fiumi che rappresenteno i quattro continenti (l’Australia l’aveveno pe puzza appena avvistata e ancora nu ‘a carcolaveno): er Danubio pe l’Europa, er Gange pe l’Asia, Er Nilo pe l’Africa e er Rio daa Plata p’Aamerica. E poi ce stanno vari simboli pe ‘e varie parti der monno, tipo cavallo pe l’Europa, leone pe l’Africa, e na specie de misto tra un coccordillo, n’armadillo e Paperino p’Aamerica. E in cima, tanto pe strafà, Bernini cià piazzato ‘n obelisco, come cilieggina su ‘a torta, in bilico su i quattro bracci de sta specie de grotta, come a dì “sò bravo o nun sò bravo?”

E infine se dice che mentre Bernini stava a fà ‘a fontana, Boromini, er rivale suo, stava a costruì ‘a chiesa de fronte, Sant’Agnese; e se dice che pe sto motivo er Rio daa Plata arza er braccio come a dì “Bada che cade!”, mentre er Nilo addirittura se copre ’a faccia co un cencio pe nun vedella da quant’era brutta. Ma nun è vero, de questo semo sicuri. E in reartà ‘a testa der Nilo è velata perché ‘e sorgenti der Nilo ancora nun se conosceveno, che ce provareno poi in tanti a trovalle compreso er dottor Livingstone suppongo e infine pare l’abbieno scoperte i tedeschi ma ‘a questione è ancora dibattuta quinni vedete che c’è ancora tanto da studià ar monno.

E ve rilascio, ma no pe sempre. E soprattutto restate in campana e nun m’abbandonate, che potrebbero essece presto dee belle novità, e nun ve dico gnent’antro pe nun rovinà ‘a saspens.