infedel

Rant 101

I have seen our media industry grow and struggle, I have seen my mentors working days and nights to live their dreams, and they were not about exotic cars, huge castles and infinite wealth, it was about making a difference, it was about their passion, how…

View Post

Fuck You God

I flash back through my memories, and marvel at the 40 years of coincidence that took place to bring me here to this moment in MY life.  I can look back with no uncertainty at know you were not there. I’m truely geateful for the good and the bad moments that have come together to make me who I am today.  Especially so I can say ‘FUCK YOU GOD’. 

Can You Please Pass The Pepper.

Fuck you. Fuck you for everything. Fuck you for all of it.

Fuck you for walking into my world and fucking everything up again and again and again. Fuck you for knocking my legs out from under me when I was learning to stand. Fuck you for stripping me down and leaving me there.
Fuck you for kissing her. Fuck her for kissing you. Fuck you for waiting two years to even tell me. Fuck you for not being able to look me in the eye and tell me like a fucking adult. Fuck you for not even taking responsibility for your own fucking actions. Fuck you for the blanks my friends filled in later. Fuck you for the guilt you gave me that I did not earn.
Fuck you for holding me down. Fuck you for holding me back. Fuck you for my stammer. Fuck you for not letting me be myself. Fuck you for asking me to stay. Fuck you for not letting me go. Fuck you for not accepting my growing up and branching out and moving on.
Fuck you. Fuck you. Fuck you.
Fuck you for making me think ‘Fuck you’ so many times that it doesn’t even fucking mean anything anymore.
Fuck you for making me believe that I was good enough, fuck you for making me believe that I’m not, fuck you for not holding my hand when I needed you after all the times I held yours when you needed me.
Fuck you for not understanding my mind, fuck you for not even pretending like you tried. Fuck you for making me think I’m insane. Fuck you for making me feel like I don’t deserve to breath oxygen or take up space or speak without being spoken to.
Fuck you for your fair-weather bullshit. Fuck you for being a fuckwit when your friends are nearby.
Fuck you.
Fuck you to high hell for thinking I’m a possession to be kept on a shelf. Fuck you for breaking my heart. Fuck you for not even breaking my heart properly. Fuck you for thinking that you my heart was yours to break.
Fuck you for not laughing at my favourite jokes. Fuck you for always being late and leaving me waiting. Fuck you for only talking to me when you’ve got nothing better to do, or your friends aren’t around, or at two in the morning, or when you’re drunk, or when you’re high, or when you want my body.
Fuck you. Fuck. You.
Fuck you for making me feel like I’m the world’s biggest asshole when I stand up for myself. Fuck you for making me the punch line but not explaining why everyone’s laughing.
Fuck you.
Fuck you for never making an effort when I’m waiting for you to show up. Fuck you for your continuous stream of lies. Fuck you for thinking I’m not smart enough to know you’re lying before you’ve even taken a breath to let the words fly. Fuck you for never taking my side.
Fuck you for the isolation. Fuck you for the loneliness. Fuck you for cutting me off from my own friends. Fuck you for talking straight over me when I’m in the middle of a sentence. Fuck you for thinking I’m at your beck and call. Fuck you for thinking my life revolves around you.
Fuck you for making me think I’ll never get out of this sinkhole fucking town, or away from these dropkick fucking people, or be able to straighten my fucking spine. Fuck you for thinking I’m always going to be here. Fuck you for all these things and more. Fuck you. Fuck you. Fuck you. 

Could you please pass me the pepper?

È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito.

È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttare via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto.

Ci sarà sempre un'altra opportunità, un'altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c'è un nuovo inizio.

—  Il piccolo principe
E’ una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. E’ una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttare via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto. Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza.
Per ogni fine c’è un nuovo inizio.
—  Il Piccolo Principe

E’ una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto,
abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato,
rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito.
E’ una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito,
non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele,
buttare via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto.
Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza.
Per ogni fine c’è un nuovo inizio.”
— Il piccolo principe

Chi cerca una bocca infedele 
che sappia di fragola e miele 
in lei la troverà 
Barbara 
in lei la bacerà 
Barbara. 

Lei sa che ogni letto di sposa 
è fatto di ortiche e mimosa 
per questo ad un'alta età 
Barbara 
l'amore vero rimanderà 
Barbara. 

E intanto lei gioca all'amore 
scherzando con gli occhi ed il cuore 
di chi forse la odierà 
Barbara 
ma poi la perdonerà 
Barbara. 

—  De andrè
È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito. È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttate via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto. Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c’è un nuovo inizio.
—  Antoine de Saint-Exupéry , Il piccolo Principe
3

Non ho più scritto e mi sento un po’ a disagio a tornare qui dopo tempo perché mi sento molto infedele, però ho messo la mia canzone da scrittura e ho delle foto significative quindi racconterò qualcosa. Oggi è piovuto un po’ però il cielo non era tanto credibile perché dietro il nuvolone nero a sud si vedeva un cielo limpido con qualche pennellata di bianco. Questo scenario mi ricorda tantissimo di quando ero piccola ed era la fine dell'estate e non faceva ancora freddo però neanche tutto questo caldo, era piovuto ma ormai c'era il crepuscolo e il sole filtrava attraverso le nuvole creando un'atmosfera molto calda e arancione e l'asfalto era bagnato e rifletteva la luce. Avevamo le pistole ad acqua e le bottiglione e i palloncini e ci inseguivamo per bagnarci a vicenda e aleggiava un aria sottile di malinconia per il ritorno a scuola ma allo stesso tempo un po’ avevo voglia che arrivasse l'inverno. Mamma stava preparando il minestrone e la casa odorava di verdure e sembrava tutto surreale immerso nei toni caldi del tramonto e nell'umidità dell'aria. Il mio dolore sta andando via, e io non voglio in nessun modo che questo succeda. Non riesco più a soffrire come vorrei, non riesco a esserne condizionata come prima e a parlare per sua bocca e agire per sua mano. Non sono più il mio dolore. E questo mi ferisce perché se non è più intenso come prima forse lo sto rinnegando? Lo sto forse sminuendo? Sento di essere una persona molto più povera senza quel fardello, non sento più di avere qualcosa da dire di me, non sento di esistere senza la sua presenza. Rendeva il mio essere concreto e gli dava forma e consistenza, era per me certezza e verità. Invece adesso mi sento indefinita e spoglia, come se stessi aspettando che qualcosa venga di nuovo a plasmarmi e darmi un interrogativo e un perché. Ma io non voglio altro! Io non voglio nuovi motori, voglio indietro il mio dolore con la stessa intensità. Sempre lì sulla mia spalla, a osservarmi. Pronto a scivolare tra le mie dita e farsi accarezzare, pronto a mordermi e a graffiarmi. Invece forse questo non è possibile. Anna dice che anche questo è soffrire, e forse è vero. Anna dice anche che a volte smettere di soffrire fa più paura della sofferenza stessa e forse è la paura che mi rende codarda e mi spinge ad aggrapparmi a ogni goccia che resiste prima di cadere a terra, ma sono stanca